Annunci
Immagine

Delitto di Arce: svolta nelle indagini sull’omicidio di Serena Mollicone – di Alessandro Pino

30 Lug

[Frosinone] Svolta nelle indagini sulla morte di Serena Mollicone, la diciottenne di Arce (provincia di Frosinone) uccisa nel giugno del 2001 e il cui cadavere fu ritrovato in un bosco legato mani e piedi con il fil di ferro e con del nastro adesivo ad avvolgere la testa. La Procura della Repubblica di Cassino ha depositato oggi la richiesta di rinvio a giudizio per il maresciallo dei Carabinieri Franco Mottola, la moglie Anna Maria, il figlio Marco e il maresciallo Vincenzo Quatrale, per il reato di concorso nell’omicidio della giovane; per il solo maresciallo Quatrale è stato chiesto il rinvio a giudizio per il reato di istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi e per l’appuntato Suprano la richiesta è stata per il reato di favoreggiamento.
In base ai nuovi accertamenti e indagini (anche con la riesumazione del cadavere) svolti anche dai Ris dei Carabinieri di Roma e nelle quali sono stati sentiti oltre cento testi, la Procura ritiene che Serena Mollicone sia stata uccisa nella caserma dei Carabinieri di Arce con una spinta contro una porta. Tale ipotesi trova riscontro nella compatibilità perfetta tra frammenti di legno trovati sul nastro adesivo che avvolgeva il capo della vittima e il materiale di una porta danneggiata collocata nella caserma, così come con il coperchio di una caldaia della caserma stessa.
In tal modo hanno trovato riscontro oggettivo le dichiarazioni del brigadiere Tuzi, in servizio ad Arce nel 2001, che affermò di aver visto Serena Mollicone entrare nella caserma la mattina del 1 giugno di quell’anno e di non averla più vista uscire. Il brigadiere Tuzi poi morì suicida nel 2008 sparandosi nella sua auto e le indagini hanno evidenziato che la sua morte sarebbe in relazione con le sue dichiarazioni sull’omicidio della ragazza. È stata trascritta una conversazione ambientale nella quale il maresciallo Quatrale lo invitava esplicitamente a ritrattare le precedenti dichiarazioni.

Alessandro Pino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: