Annunci

Puzza a Villa Spada? Saranno mica scorreggine?

31 Ago

Si è costituito perfino un comitato di residenti, nel tentativo di trovare una soluzione al tanfo che da qualche mese è peggiorato al punto tale da impedire di aprire le finestre . Da un articolo su Repubblica si è venuto a scoprire che la Procura indaga da tempo sulla questione, che sono stati fatti almeno quattro esposti. Tutti ad oggetto impianto Ama di Via salaria 981. Qui si trasporta la spazzatura e la si tratta per farla diventare combustibile da cui ricavare energia.

 

Costruzione e messa in funzione, in verità, sono avvenute nel silenzio generale, anzi, finchè non si sono cominciate a diffondere tutta una gamma di fragranze più o meno putrescenti e la popolazione limitrofa non ha manifestato disturbi respiratori e di lacrimazione, i più ignoravano perfino l’esistenza di un simile impianto, mentre tutti conoscono bene il depuratore che si trova dietro l’aeroporto dell’Urbe da una trentina d’anni, che quando il vento tira in direzione Colle Salario fa sentire, anche se in maniera discreta, la propria presenza.

 

Il gruppo facebook “Quelli che abitano a Villa Spada” ha ottenuto anche una risposta da parte della polizia municipale :

“Salve, abbiamo ricevuto la Sua segnalazione, La informiamo che dal 2010 è in corso un procedimento penale che riguarda l’attività di compostaggio dei rifiuti trattati dallo stabilimento AMA di Via Salaria n. 981, per il quale sono state eseguite attività di indagine da parte di questo Comando.
Si rende noto che a partire dal mese di luglio di quest’anno, sono pervenute ex-novo numerose segnalazioni riguardanti il disagio provocato dalle esalazioni e che questo Comando ha richiesto, con nota n. 55601 dell’08/08/2011, sia alla ASL RM/A SISP che all’ARPA LAZIO, gli opportuni interventi di competenza.
In data 09/08 c.a., l’ARPA LAZIO comunicava a questa U.O., di aver inoltrato gli esposti alla Regione Lazio e di aver presenziato nel mese di luglio alle attività di prelievo del biofiltro dell’impianto del quale è in attesa di riscontro. Tutte le segnalazioni, ivi compresa la nota dell’ARPA LAZIO, sono state altresì inoltrate alla Procura della Repubblica in attesa di ulteriori disposizioni.  F.P. CURZI Daniela”. La polizia di Roma Capitale, insomma,  ha preso la questione molto sul serio.
 

Dalla presidenza del Municipio ieri è stato diramato un comunicato del seguente tenore “Alle 13 circa di oggi 30 agosto, il Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli si è recato presso la struttura dell AMA di via Salaria 981 per verificare di persona se l’odore “putrescente misto
tra il chimico e l’organico” piu volte segnalato dai residenti dei quartieri limitrofi provenga da quella struttura. Bonelli: “ Dal sopralluogo che è durato circa un ora durante il quale ho visitato la struttura ed ho parlato con alcuni operatori ho riscontrato che i forti cattivi odori non provengono da quest’area, ho chiesto ad alcuni responsabili dell’Ama di poter ripetere il sopralluogo insieme ad alcuni rappresentanti di cittadini che ormai da tempo segnalano forti disagi. Mettiamo a disposizione dei residenti il numero della mia presidenza per poter ricevere segnalazioni piu precise in merito alla zona di provenienza ed in tempi utili a poter effettuare tempestivamente sopralluoghi nelle zone segnalate.”

 

Però i residenti denunciano il peggioramento delle condizioni soprattutto alla sera tardi e alla mattina presto, non all’ora di pranzo, come facilmente si può rilevare facendo un giro su facebook, sulle pagine che trattano del caso o mettendo mano alle numerose segnalazioni inviate. Peccato che il maldestro comunicato dica soltanto che il Presidente ha riscontrato che i cattivi odori non provengono da quell’area, offrendo il fianco a ben più di un appunto. Se non si sprigionano da via salaria 981, le esalazioni da dove arrivano? Perchè nessun accenno all’impegno a trovare la causa delle esalazioni? Se a lume di naso si è esclusa la paternità dello stabilimento Ama, lo stesso rilevatore poteva ben essere impiegato per seguire l’olezzo fino alla fonte di provenienza.  Intanto, le reazioni indispettite di centinaia di residenti alla dichiarazione bonelliana si possono leggere su facebook, sparse un pò ovunque, sulle pagine di giornalisti e tv locali, sui gruppi che cercano di contrastare la puzza.

 

Inevitabile e prevedibile   la risposta al comunicato della presidenza, ad opera del vicepresidente del consiglio municipale, Riccardo Corbucci, Pd, molto attivo in zona, che replica: “Le parole del Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli farebbero morire dal ridere, se non fosse che l’aria irrespirabile su via Salaria, all’altezza di Villa Spada, fa lacrimare gli occhi e crea problemi quotidiani di respirazione per i cittadini ormai da diversi mesi” lo dichiara in una nota Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio. “Bonelli oggi sarebbe andato alle 13 in visita alla struttura Ama di via Salaria riscontrando che i forti cattivi odori non provengono da quell’area. Di fronte a queste parole ci si sarebbe aspettati che il Presidente indicasse, quindi, la ragione del cattivo odore. Bonelli invece liquida il problema chiedendo ai cittadini di inviare al fax della presidenza segnalazioni più precise” spiega Corbucci “oltre al danno anche la beffa. Non solo Bonelli fa finta di non sapere delle notizie sugli esposti e sull’inchiesta avviata sull’impianto dell’Ama, ma addirittura prende per i fondelli i cittadini che coabitano con il problema, chiedendo segnalazioni più precise”. “Davvero Bonelli pensa di poter prendere in giro i cittadini glissando sulle responsabilità della sua amministrazione che ha reso la zona della Salaria, alle porte della città, più sporca, insicura e invivibile. Oltre agli odori e all’aria irrespirabile, il fenomeno della prostituzione é raddoppiato, l’amministrazione ha portato in una struttura inadeguata centinaia di nomadi, senza promuovere alcuna integrazione. Per non parlare dell’abusivismo edilizio del notorio Salaria Sport Village a Settebagni. Ci vuole il coraggio di Bonelli per dichiarare certe cose” conclude Corbucci che rilancia “promuoveremo un sopralluogo a sorpresa con i cittadini per dare ulteriori prove al municipio”.

 

Le chiacchiere se le porta il vento, come la puzza. E come la puzza si spandono intorno. Attualmente, la brezza di fine estate porta che l’impianto ha dei problemi al sistema dei filtri che nonostante gli interventi non si riesce a risolvere..

 

Annunci

Una Risposta to “Puzza a Villa Spada? Saranno mica scorreggine?”

  1. Ginetto della Decima 31 agosto 2011 a 22:28 #

    Ah non guardate me solo perché apprezzo la pasta e fagiuoli, io non c’entro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: