Archivio | magazzino RSS feed for this section
Immagine

Coronavirus, “segnala gli assembramenti”: il Comune di Roma invita alla delazione?

27 Mar

di Alessandro Pino e Luciana Miocchi

[ROMA] Lascia a dir poco perplessi un’iniziativa lanciata nelle scorse ore dal Comune di Roma sulla pagina Facebook ufficiale: i cittadini sono vengono invitati a segnalare per via telematica tramite il sistema unico di segnalazione (Sus) del portale istituzionale di Roma Capitale eventuali assembramenti di persone che si ritiene non stiano rispettando le misure di distanziamento interpersonale e di restrizione alla circolazione legate all’emergenza Coronavirus. Se pure qualcuno ha mostrato di apprezzare, numerosi sono stati i commenti di dissenso – se non di aperta e feroce critica – da parte di cittadini che non hanno gradito, interpretandolo come un pericoloso invito alla delazione dagli esiti imprevedibili: non è mancato infatti chi ha evocato nefasti precedenti storici come la manzoniana caccia all’untore o le delazioni ai danni degli ebrei durante la vigenza delle leggi raziali. Saranno denunciati solo capannelli di persone (ma da quante persone si può cominciare a parlare di capannello? Tre? Quattro? E se sono tutte alla distanza di sicurezza raccomandata?) o anche chi va due volte in un giorno a fare la spesa – come spesso denunciato sui gruppi social anche con toni assurdamente inquisitori, stante il fatto che nessuno dei socialdenuncianti si ferma a chiedere le motivazioni; chi esce dal supermercato solo con un sacchetto di mele o all’opposto prende due carrelli perché magari fa la spesa pure per chi non si può muovere? O semplicemente il vicino di casa che ci sta antipatico? In effetti, bisogna avere una preparazione specifica, per fare i controlli e giudicare – conseguentemente sanzionare – i comportamenti scorretti e a questo compito già assolvono egregiamente gli agenti che vigilano sul territorio, siano essi carabinieri, poliziotti o appartenenti alla polizia locale. E finora nessuno, dai vertici militari o civili ha lanciato un appello simile, vista la delicatezza della materia, con tutte le insidie che si porta dietro. Tenendo anche conto che in assenza di decretazione apposita, gli unici autorizzati a fare indagini e rilievi sono sempre gli agenti deputati e contestare qualcosa su segnalazione di relato espone a tutta una serie di ricorsi di cui nessuno, nella macchina pubblica già provata dall’emergenza covid sente il bisogno.

L’iniziativa del Comune di Roma sarà un successo o un flop? Troppo presto per dirlo ma il fatto che per fare la segnalazione bisogna accreditarsi con le credenziali di identità digitale o con quelle fornite dal comune per il proprio sito fa riflettere sul fatto che non saranno segnalazioni anonime, sia pure che le generalità rimarranno coperte dal segreto d’ufficio e che,  probabilmente, il Comune si tutelerà in qualche modo, in caso di delazioni palesemente fasulle. Quindi è facile cedere alla tentazione di pronosticare una scarsa partecipazione dei romani. Ma allora perchè lanciare una simile campagna? Azzardare un’ipotesi di operazione “cosmetica” per dare l’impressione di avere il controllo della situazione e di perseguire con ogni mezzo gli impenitenti evasori dell’obbligo di stare a casa sarebbe facile ma la domanda è: perchè, i vigili non sono sufficienti a pattugliare le strade?

Secondo il Messaggero in edicola venerdì 27, gli agenti di polizia locale tra permessi, messa in ferie da parte degli stessi uffici per smaltire quelle pregresse e malattie, sono ridotti alla metà, quasi tutti in servizio per le strade di una Roma mai così vasta.

Non sarebbe stato meglio puntare su una campagna di empatia? Siamo tutti in difficoltà, aiutaci anche tu ad aiutarti: fai la tua parte, resta in casa se puoi, esci solo se devi. Se ognuno pensasse a quel che può fare da solo per tutti, forse ne usciremmo prima, ne usciremmo meglio, ne usciremmo migliorati.

 

Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Immagine

Ritrovati cagnolini smarriti a corso Francia- di Alessandro Pino (guarda il video)

27 Mar

[ROMA] È finita bene- ma rischiava di andare malissimo- per Trilly e Cookie, due cagnolini smarriti qualche giorno fa nella zona di corso Francia. La loro padrona si era presentata in lacrime al commissariato Villa Glori della Polizia di Stato chiedendo aiuto. Gli agenti hanno iniziato a cercare i due cani e transitando sul ponte Flaminio li hanno avvistati mentre correvano impauriti in mezzo alla carreggiata rischiando di farsi investire dalle auto. La pattuglia ha bloccato il traffico ed è riuscita ad avvicinare le due bestiole e a farle salire in macchina, riportandoli tutti scodinzolanti dalla padrona come vedete nel video.
Alessandro Pino

(immagini Questura di Roma)

Immagine

Materiale sanitario sequestrato in alcune farmacie consegnato alla Protezione Civile- di Alessandro Pino

26 Mar

[ROMA] Un ingente quantitativo di prodotti sanitari sequestrati dalla Polizia nei giorni scorsi presso farmacie della Capitale con l’ipotesi di manovre speculative su merci,
è stato ceduto alla Protezione Civile. Si tratta di detergente per le mani, dispositivi di protezione individuale e guanti.
Il materiale sequestrato, che servirà alle necessità immediate delle strutture sanitarie e dei cittadini nell’emergenza Coronavirus, è stato consegnato da agenti della Questura di Roma agli operatori della Protezione Civile che ne cureranno la distribuzione sul territorio regionale.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

In auto con paletta finta, manganello e taser: guardia giurata denunciata- di Alessandro Pino

21 Mar

[ROMA] Teneva in macchina una paletta di segnalazione simile a quelle delle forze dell’ordine ma con la dicitura “Guardie Giurate – Pronto Intervento” e uno storditore elettrico (il cosiddetto “taser”) e addosso portava un manganello telescopico. Per questo una guardia giurata di 55 anni è stata denunciata dalla Polizia per possesso di segni distintivi contraffatti e porto di armi o oggetti atti ad offendere.
Gli investigatori del commissariato Colombo avevano notato in una macchina ferma il manico della paletta che spuntava dal portaoggetti e si sono appostati in attesa che tornasse il proprietario. Poco dopo è arrivato il cinquantacinquenne con divisa e cinturone che è entrato in auto ed è partito, venendo fermato immediatamente. Dagli accertamenti è risultato essere una guardia giurata che oltre all’arma di servizio portava un manganello telescopico di circa 50 cm, mentre all’interno dell’auto sono stati trovati la paletta e uno zainetto contenente il taser elettrico. Dopo gli accertamenti l’uomo è stato denunciato in stato di libertà e il materiale gli è stato sequestrato.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Coronavirus: preghiera di gruppo al “Grande Fratello”- di Alessandro Pino

16 Mar

[ROMA] La preoccupazione per l’emergenza Coronavirus è crescente anche tra i partecipanti al “Grande Fratello Vip” che nonostante l’isolamento mediatico in entrata vengono tenuti informati di quanto sta accadendo fuori la Casa. Per questo la mattina del 16 marzo hanno recitato insieme alcune preghiere: riunitisi in cerchio nel giardino, guidati dall’attore Fabio Testi (il più anziano del gruppo) con mani levate al cielo hanno detto l’ “Ave Maria” e il “Padre Nostro” finendo poi con un ideale applauso al personale sanitario impegnato negli ospedali. Un bel messaggio di solidarietà e speranza che viene dalla trasmissione Mediaset.

Alessandro Pino

Immagine

Emergenza Covid19 e Terzo Municipio di Roma Capitale: la misericordia porterà i farmaci a casa degli ultra sessantacinquenni e di chi non può uscire – di Luciana Miocchi

16 Mar

Da oggi, 16 marzo, su richiesta del Municipio, nell’ambito del progetto http://www.terzomunicipiomaisoli.it la Misericordia di Castel Giubileo inizia la consegna a domicilio dei medicinali. Può accedere al servizio chiunque abbia più di sessantacinque anni o sia impossibilitato comunque ad uscire di casa. Il servizio telefonico dedicato, al numero 3386596258 è attivo dalle 9:00 alle 11:30 e dalle 14:30 alle 17:30. Luciana Miocchi

Immagine

Tufello/ Val Melaina: in manette per droga- di Alessandro Pino

1 Mar

[ROMA] Ennesimo arresto per droga tra Tufello e Val Melaina dove un cinquantenne è stato messo ai domiciliari con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo era stato visto dai Carabinieri ieri sera in via Monte Favino, insospettendo i militari che lo hanno fermato per un controllo. Addosso gli è stato trovato un panetto da un etto di hashish ed è finito in manette.
È stata anche perquisita la casa dove è stata trovata altra droga e il materiale per il taglio e il confezionamento. L’arrestato è stato messo ai domiciliari in attesa del rito direttissimo.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Nomentano: pusher rapina un negozio e ferisce un agente a bottigliate- di Alessandro Pino

20 Feb

[ROMA] Aveva rapinato un esercizio commerciale in Circonvallazione Nomentana armato di una bottiglia rotta, aggredendo anche i poliziotti intervenuti. Per questo un algerino ventottenne è finito in manette. Gli agenti che avevano ricevuto la segnalazione di una persona in escandescenze, giunti sul posto hanno trovato l’algerino che agitava il coccio tagliente contro un commesso e per disarmarlo uno di loro è rimasto ferito a una mano.
Durante gli accertamenti il malvivente è stato trovsto in possesso di cocaina, eroina e marijuana. Per questo è stato fermato con le accuse di rapina aggravata, lesioni aggravate a Pubblico Ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Christian Raimo a gamba tesa contro Veltroni sulla morte di Ramelli

19 Feb

di Alessandro Pino e Luciana Miocchi

[ROMA] Christian Raimo torna a far parlare di sé per alcune sue dichiarazioni a gamba tesa che analogamente al passato non hanno mancato di suscitare polemiche. Il discusso intellettuale di sinistra, assessore alla Cultura del Terzo Municipio nonché docente in una scuola superiore nello stesso territorio, è infatti intervenuto polemicamente su Twitter, a proposito di un recentissimo articolo di Walter Veltroni sul Corriere della Sera che ricordava Sergio Ramelli, studente diciottenne, attivista di destra morto nel 1975 a Milano dopo oltre un mese di agonia in ospedale causata da una brutale aggressione a colpi di chiave inglese per mano di militanti di estrema sinistra.
L’articolo di Veltroni è stato definito da Raimo “agiografico” mentre lo scomparso Ramelli “icona del peggiore neofascismo”. Insomma, benzina sul fuoco anziché avallare il tentativo veltroniano – persona non certo sospettabile di nostalgie del Ventennio – di contribuire alla ricomposizione di fratture dalle quali il corso del tempo porta sempre più lontani e che andrebbero sempre più stemperate. L’assessore ha poi pubblicato anche diversi post su fb, dove sembra aggiustare leggermente il tiro, richiamando il fatto che il Ramelli “sia stato preso a simbolo dai peggiori neofascisti”, che è cosa ben diversa dall’essere definito icona tout court. Anche Il Che è stato per alcuni versi “espropriato” da Cp e forse il Comandante argentino non ne sarebbe stato proprio contento, così come è facile pensare che Ramelli avrebbe preferito di gran lunga invecchiare mediamente bene o male, piuttosto che ritrovarsi assurto a simbolo, ucciso per aver espresso delle idee in un tema scolastico, cosi come le altre giovani vittime di quegli anni scellerati. Mentre anche un altro giornalista di sinistra come Giovanni Fasanella pur senza nominarlo ha preso le distanze dall’atteggiamento di Raimo, a livello politico locale è apparsa in Rete una dichiarazione congiunta di Francesco Filini e Giordana Petrella (rispettivamente dirigente romano e capogruppo in Terzo Municipio di Fratelli d’Italia) con cui chiedono al presidente del Terzo Municipio Giovanni Caudo di ritirare le deleghe conferite a Raimo.

Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Immagine

Una persona precipitata da un palazzo e un incidente sul lavoro. Mattina funesta a Vigne Nuove – di Luciana Miocchi

18 Feb

Non era ancora orario d’ufficio quando al complesso delle case ater di via delle vigne nuove è stato ritrovato in terra il corpo di un uomo sulla cinquantina, conosciuto nel quartiere come un solitario e amante dei gatti liberi, cui prestava quotidianamente cure. Si suppone un gesto volontario, in quanto alcuni residenti hanno riferito che avrebbe perso la madre, centro del suo mondo, da pochi mesi, anche se le indagini sono ovviamente aperte a trecento sessanta gradi.

Poco dopo e poco distante, nel cortile dello stesso blocco di abitazioni, un dipendente di una ditta che fa lavori di manutenzione per l’ater è precipitato a terra mentre era intento a lavori di potatura ad un alnero d’alto fusto. Si ignorano al momento le condizioni dell’operaio.

Luciana Miocchi

Immagine

Villa Spada: cadavere in decomposizione trovato vicino al Tevere- di Alessandro Pino

15 Feb

[ROMA] Un cadavere in avanzato stato di decomposizione- a quanto sembra di un trans- è stato trovato sulle sponde del Tevere nelle adiacenze di via Castiglion Fiorentino (zona Villa Spada- Fidene). Il raccapricciante ritrovamento è stato compiuto dalla Polizia Locale di Roma Capitale durante un servizio di ricerca di eventuali accampamenti nella zona. A quanto è emerso il corpo si trovava sotto un cumulo di rifiuti all’interno di un manufatto. Sono in corso le indagini per stabilire identità della salma e la causa del decesso. Seguiranno aggiornamenti.
Alessandro Pino

Immagine

Quale sará il destino dell’area gioco del parco dei Frutti? – di Luciana Miocchi

9 Feb

L’ultimo atto vandalico di cui è stato fatto oggetto il parco dei Frutti a Settebagni risale alla notte di Capodanno. Vetri rotti, spazzatura, resti di botti è il gioco per i piccoli danneggiato. Il comitato di quartiere, anche in quell’occasione ha provveduto a segnalare prontamente presso gli uffici competenti quanto accaduto. Nei giorni seguenti l’area verde è stata ripulita ma rimaneva il problema dello spazio gioco, di competenza dipartimentale. La risposta del dipartimento, dopo un sopralluogo il 28 gennaio, di cui non era stato messo al corrente il Municipio è sostanzialmente che il gioco non è riparabile e verrà asportato. Nessun accenno alla sostituzione, purtroppo. Francesco Pieroni, assessore municipale ai lavori pubblici si era dimostrato disponibile a ripristinare il gioco visto il trascorrere dei giorni senza che dal dipartimento giungesse risposta. Due visioni quindi, diametralmente opposte.

Queste le parole dell’assessore Pieroni: “Si tratta di una scelta che avrebbe il sapore di una vera e propria beffa, assunta in modo frettoloso. Dopo aver inutilmente sollecitato per settimane il Dipartimento Ambiente perché provvedesse, il Municipio sta per effettuare la riparazione di tutte le strutture danneggiate dagli atti vandalici nell’ambito di un appalto di riqualificazione del Parco dei Frutti. Ho già comunicato all’assessora Fiorini che se il Dipartimento vuole rimuovere quel gioco, dovrà contestualmente sostituirlo con uno nuovo”.

Luciana Miocchi

Immagine

Dopo la bonifica il fuoco: a poca distanza dallo sgombero mani ignote danno fuoco alla catasta dei rifiuti – di Raffaella Paolessi

8 Feb

Reazione immediata dei senza fissa dimora e intervento dei Vigili del Fuoco, i materiali dovranno essere smaltiti come rifiuti speciali

 

Stamattina, a poche ore dallo sgombero degli insediamenti abusivi nel Parco delle Valli, in zona Sacco Pastore, i Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire di nuovo per l’incendio dei rifiuti della bonifica, accatastati nell’attesa di essere rimossi.

Se c’è qualcuno che conosce bene il parco, questi è Carmine Verticchio, proprietario de ‘Il Ranch’, circolo ippico e scuola di equitazione di viale Tirreno: da trent’anni si impegna per il decoro e la vivibilità di esso e ne batte i sentieri palmo a palmo per restituire ai cittadini un’oasi verde.

Stamattina, a proposito del blitz, si diceva molto soddisfatto per il decespugliamento e la pulizia dalla vegetazione intrusiva delle sponde del fiume e per la prossima riqualificazione delle aree sa dal Terzo Municipio. Qualche ora più tardi, con i Vigili al lavoro per spegnere l’incendio, commentava: «Ce lo aspettavamo, ma non era mai accaduto che la reazione fosse tanto immediata e diurna. Sanno che l’incendio causa un danno doppio: agli abitanti di zona, che così vengono puniti per le segnalazioni fatte, e a livello ambientale ed economico, perché i materiali a questo punto dovranno essere smaltiti come ‘rifiuto speciale’».

Ciononostante, la riqualificazione dell’area è ormai avviata e sarà sempre meno agevole trovare spazi utili e abbastanza nascosti per nuovi insediamenti.

Raffaella Paolessi

Immagine

Monte Sacro: presa a calci e pugni in un bar dal compagno- di Alessandro Pino

6 Feb

[ROMA] Ha aggredito la compagna a calci e pugni, tentando di strangolarla e minacciandola con un coltello puntato alla gola in un bar di Monte Sacro Alto dove la vittima lavora. Per questo un romano cinquantunenne già noto alle Forze dell’ordine è stato arrestato dai Carabinieri. I militari sono intervenuti grazie alla segnalazione di un passante che ha sentito le urla della vittima provenire dal locale e ha chiamato il 112. La donna è finita al pronto soccorso con un trauma cranico-facciale, escoriazioni ed ematomi multipli guaribili in due settimane. Il bruto si trova a Regina Coeli.
Alessandro Pino

Immagine

Rapine alle vecchiette tra il Terzo e Secondo Municipio: un arresto- di Alessandro Pino

18 Gen

[ROMA] È stato arrestato dalla Polizia ieri pomeriggio un venticinquenne italiano di origini brasiliane, pluripregiudicato e tossicodipendente che viene ritenuto dagli investigatori l’autore di numerose violente rapine ai danni di anziani e furti che hanno seminato il terrore negli scorsi mesi fra i quartieri del Terzo e Secondo Municipio.
Il malvivente rapinava le vittime specialmente di catenine d’oro quando si trovavano da sole anche scaraventandole a terra, lasciandole terrorizzate e sotto shock. In un’occasione il delinquente era riuscito a fuggire saltando i tornelli della stazione Libia della metropolitana B1 e salendo su un treno al volo mentre gli agenti lo inseguivano, come vedete nel fotogramma della Questura di Roma. Nemmeno chiese e oratori venivano risparmiati dalle incursioni del criminale che dopo aver forzato le porte d’ingresso devastava i locali anche solo per derubare l’incasso e i prodotti dei distributori di merendine dopo averli letteralmente distrutti. In tutto questo aveva lasciato numerose tracce rilevate dalla Polizia Scientifica. Il giovinastro si trova attualmente a Regina Coeli.
Alessandro Pino

Immagine

Furti in sequenza tra Conca d’Oro e Monte Sacro: un arresto- di Alessandro Pino

10 Gen

[ROMA] È stato arrestato a Monte Sacro nelle scorse ore dalla Polizia un romano di 42 anni che dopo aver rubato in un esercizio commerciale di via Valsesia (zona Conca d’Oro) si era spostato in via Monte Bianco dove stava cercando di scassinare un ristorante. Il malvivente, riconosciuto dal piumino rosso che indossava descritto nella segnalazione ricevuta dal 112, è stato bloccato grazie alle indicazioni di un cittadino che lo aveva visto mentre armeggiava con un piede di porco sull’entrata del ristorante . A suo carico sono emersi precedenti di polizia ed è risultato essere già destinatario di un avviso orale.
Alessandro Pino

Immagine

Disservizi nelle mense scolastiche di Roma: comunicato della senatrice Annamaria Parente (Italia Viva)

8 Gen

riceviamo e pubblichiamo:

Mense scolastiche a Roma. Dichiarazioni assessore Mammì incuranti della salute dei bambini

Anche un solo bambino che mangia cibo non buono in una mensa scolastica è meritevole di attenzione da parte delle istituzioni comunali.

In questi giorni ci sono state segnalazioni di genitori, commissioni mense e insegnanti da molteplici municipi per

bambini tenuti a digiuno fino a tarda ora,

bambini allergici con diete speciali che hanno mangiato 3 biscotti . Bambini che si sono sentiti male a scuola o a casa.

Numerosissime scuole d’infanzia e primarie hanno segnalato che ai bambini sono stati somministrati panini e tramezzini

affatto biologici

preparati in altre Regioni,

confezionati con agenti chimici di conservazione e trattati con alcol e casi di muffa nel cibo.

Le dichiarazioni dell’assessore Mammì hanno derubricato queste segnalazioni come “ casi di disservizio”.

I nostri figli non hanno bisogno di parole così burocratiche, incuranti della loro salute.

Chiediamo all’amministrazione romana di provvedere a controlli e verifiche proprio in questi giorni di cambio di appalto delle mense scolastiche dell’intera città di Roma.

La salute dei nostri bambini è sacra! Saremo al fianco delle associazioni dei genitori che stanno giustamente protestando per questo.

Annamaria Parente senatrice di Italia Viva

Immagine

Disservizi nelle mense scolastiche di Roma : il comunicato di GENIMA

8 Gen

Riceviamo e pubblichiamo

CS Genima genitori nidi e materne di Roma. Comunicazione alle istituzioni comunali

Gentilissima Assessore Mammì e gentilissima Sindaca Raggi

vi scriviamo a seguito dei gravissimi disservizi accaduti ieri nelle mense di numerose scuole di diversi municipi di Roma.

Abbiamo ricevuto decine e decine di segnalazioni di genitori, commissioni mense e insegnanti da molteplici municipi per

bambini tenuti a digiuno fino alle 15:30,

bambini allergici con diete speciali che hanno mangiato 3 biscotti e chi neanche quelli. Bambini che si sono sentiti male a scuola o a casa.

genitori chiamati a portare il pasto e a vigilarne l’assunzione.

numerosissime scuole d’infanzia e primarie dove invece che il pasto di rientro, come da bando e capitolato, sono stati somministrati panini e tramezzini

affatto biologici

preparati in altre Regioni,

confezionati con agenti chimici di conservazione e trattati con alcol,

in cui sono stati trovati in molti casi prosciutto e formaggio maleodorante e muffa.

Pane secco e vecchio che si sgretolava. Vi inviamo in allegato una prima sintesi delle segnalazioni arrivate e alcune foto a testimonianza di quanto scritto.

Ci rincresce non poco leggere il  comunicato stampa dell’assessorato, ci piacerebbe che dei 150 mila utenti tra bambini dei nidi e alunni delle scuole che citate, vi preoccupaste concretamente. Sarebbero state gradite promesse di verifiche concrete sull’accaduto e scuse per quanto accaduto e non una cieca difesa senza riscontro nella realtà.

Troviamo la dichiarazione dell’Assessore “Ritengo quanto mai grave utilizzare isolati casi di disservizio di ieri per disseminare dichiarazioni ingiustificatamente allarmistiche sull’intero cambio appalto” non solo offensiva per tutti quei genitori e quei bimbi che hanno subito quanto accaduto ieri, ma non corrispondente alla realtà e di un approccio falsamente difensivo che non  meritiamo. Se quanto accaduto sono secondo lei sono “solo casi isolati di disservizio” siamo seriamente preoccupati per il futuro.

L’Assessora sa meglio di noi, perché ce lo avete confermato dal vivo, che la sua rassicurazione alle famiglie “sull’attivazione di verifiche specifiche, nell’ambito del monitoraggio già programmato su tutta la città” è una promessa non realizzabile: non ci sono dietiste a sufficienza e non ci sono aziende che fanno i controlli microbiologici in quanto sono 2 anni che non fate i bandi di appalto. Infatti, ieri e oggi, giornate delicate per il cambio appalto, non c’era nessuno a controllare.

Abbiamo segnalato, collaborato, incontrato per dirvi in ogni modo che questo cambio appalto in questi tempi avrebbe creato notevoli disservizi. Dopo il cambio di Assessore avete chiuso i tavoli di collaborazione e non ci avete voluto ascoltare veramente.

Come anticipato controlleremo e useremo gli strumenti a noi legalmente disponibili per assicurare che ai nostri figli venga garantito quanto previsto.

Vi chiediamo inoltre notizie in merito al nuovo bando 2020 – 2025, che dovrebbe essere pubblicato a gennaio e assegnato entro agosto, perché le dietiste dei municipi ci dicono che sanno già che verrà prorogato quello appena assegnato. Ma andrebbe contro i vostri intenti, visto che nel CS citato affermate di “aver messo fine alle proroghe sine die”.

Stefania Lattanzi Presidente

Immagine

Due appuntamenti in musica in Terzo Municipio il 22 dicembre- di Alessandro Pino

22 Dic

[ROMA] L’atmosfera natalizia in Terzo Municipio entra veramente nel vivo domenica 22 dicembre con due pregevoli appuntamenti musicali che si terranno praticamente in contemporanea: alle 19 e 30 presso la parrocchia di San Giovanni Crisostomo in via Emilio De Marchi (zona Talenti) si svolgerà la rassegna corale “Note di Natale” con la partecipazione del coro di voci bianche “I piccoli di Talenti”, i cori polifonici “Aperta- Mente” e “New Melody” e il coro giovanile “Voci di Talenti”. Alle 19 e 45 nella chiesa di Santa Maria della Speranza in via Cocco Ortu al Nuovo Salario si terrà il Concerto di Natale dell’Orchestra Giovanile degli Ostinati diretta da Robert Andorka con il coro polifonico “Concentus Vocalis”. In entrambi gli appuntamenti l’ingresso è libero.

Alessandro Pino

Immagine

Il “Palo della Morte” di “Un sacco bello” a Vigne Nuove verrà ricordato ufficialmente dal Terzo Municipio – di Alessandro Pino

21 Dic

[ROMA] Una scena cinematografica entrata ormai a far parte dell’immaginario collettivo italiano e romano in particolare, quella del cosiddetto “Palo della Morte” nel film “Un sacco bello” di e con Carlo Verdone, presto lo sarà anche ufficialmente. Per i più giovani che magari non hanno ben presente di cosa si tratti, è il traliccio dell’alta tensione presso cui uno dei personaggi interpretati da Verdone nel film del 1980 dá appuntamento a un amico il giorno di Ferragosto per partire insieme a bordo di una Fiat Dino Spider in direzione della Polonia- all’epoca oltre la Cortina di Ferro- sperando di fare strage di cuori al prezzo di qualche penna biro e qualche calza di nylon. La scena fu girata in via Giovanni Conti (zona Vigne Nuove) e pur essendo i luoghi molto cambiati da allora- a partire proprio dal traliccio della corrente, rimosso da tempo- sono ben riconoscibili i caratteristici edifici popolari con i cilindri di cemento, tanto è che ogni 15 agosto numerosi fan della pellicola si riuniscono nel punto in cui fu girata la scena per celebrare il film e il suo protagonista e regista. Ebbene, è stata infatti votata dal Consiglio del Terzo Municipio (quello in cui si trova la strada) una mozione con cui si impegnano il Presidente e la Giunta municipali ad attivarsi per installare una targa celebrativa nel luogo in cui sorgeva il “Palo della Morte”, allo stesso modo in cui ad alcune centinaia di metri di distanza è stata ricordata la location di “Ladri di biciclette” di Vittorio De Sica, girato in zona Val Melaina. La mozione ha avuto come primo proponente Fabrizio Bevilacqua del gruppo Lega Salvini ma è stata comunque firmata da esponenti di maggioranza e opposizione.

Alessandro Pino

(nel fotomontaggio la location nella pellicola del 1980 e oggi)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: