Annunci
Tag Archives: Pd
Immagine

Vandalizzato il circolo Pd di via Verga con svastiche e croci celtiche – di Luciana Miocchi

27 Mag

Nella prima serata del 27 maggio mani ignote hanno imbrattato la sede del circolo del Perito democratico di via Giovanni Verga, a Talenti. Insulti, svastiche, croci celtiche e fasci stilizzato, una scritta Dux e una firma “i camerati”. Intorno a una delle croci celtiche, la sigla T N , che potrebbe forse leggersi come “Talenti Nera”, già apparsa in altri luoghi del territorio ma al momento nulla sembra riconducibile all’appartenenza a qualche gruppo organizzato .

Dalla direzione del Pd, il coordinatore della segreteria cittadina Riccardo Corbucci, nell’esprimere solidarietà al circolo colpito, in una nota all’Ansa così dichiara: “Queste intimidazioni non ci spaventano ed anzi moltiplicano i nostri sforzi per dare al territorio l’amministrazione che merita”.

Luciana Miocchi

Annunci
Immagine

La rete non perdona mai. Un post, un comunicato, un giornale web ed è subito scivolone social – di Luciana Miocchi

27 Apr
caudouncutted

prima versione del post apparsa su fb

La rete non perdona, mai. C’è sempre qualcuno pronto a cogliere un pensiero, un annuncio postato senza aver fatto l’ultimo controllo, quello che potrebbe evitare malumori, fraintendimenti, scatenare “guerre totali” all’ultimo tweet.

Ne sa qualcosa Trump, cui per un certo periodo fu anche interdetto l’utilizzo dei social, avendo esternato un po’ troppo nei confronti di avversari politici un poco irascibili. Ma anche ai comuni mortali non va meglio. Sfiorare il tasto invio sovrappensiero a volte ha scatenato ripicche amorose inimmaginabili.

Anche la campagna elettorale per le primarie di coalizione del centro destra nel III Municipio non è andata indenne da qualche inciampo, per fortuna nulla di catastrofico per le sorti del mondo, soltanto un po’ imbarazzante per i coinvolti e se, vogliamo, anche divertente per chi invece se ne deve occupare per cronaca o ha il gusto del gossip.

Che a Roma, come a livello nazionale, sia in atto un poderoso regolamento di conti all’interno del Pd non è una novità: anche il lettore più distratto ormai è a conoscenza delle divergenze tra le correnti Renziane e quelle Zingarettiane e ciò a Montesacro ha portato alcuni ex consiglieri municipali (nonchè comunali, regionali e qualche ex nazionale) e anche l’ex presidente Paolo Marchionne a non riconoscere Paola Ilari, già segretaria del partito locale, quale sfidante ufficiale del Pd alle primarie di coalizione, quelle che il 28 aprile porteranno a eleggere il candidato unitario della sinistra al parlamentino di piazza Sempione e ad appoggiare Giovanni Caudo, professore universitario di Urbanistica, già assessore con la Giunta Marino, sostenuto da Possibile, Leu e altre realtà che si sono ritrovate nel comitato CaudoAlTerzo. Cose normalissime, insomma.

Fin da subito, sia il reggente Martina che il segretario del Pd Roma Casu si sono visti regolarmente agli incontri della Ilari, per sottolineare il sostegno del partito alla Ilari nella corsa alle primarie. Altrettanto normale, che le gerarchie superiori supportino quelle locali.

Per cui, l’apparire di un post sul profilo di Giovanni Caudo, nel quale si ricordava che la sua candidatura godeva dell’appoggio del Pd Municipale ha scatenato l’immediato rilascio di un comunicato nel quale il Partito democratico del III ribadiva il sostegno a Paola Ilari.

caudo1

versione corretta dello stesso post (anche quando si corregge, l’orario di inoltro non cambia)

Sarebbe finita qui, anche mestamente inosservata, per quanto ormai l’opinione pubblica è stanca delle polemiche, la scaramuccia politica tra concorrenti alla stessa carica se un noto giornale on line non avesse ripreso il post di Caudo, nel frattempo corretto – non appena qualcuno dello Staff si è reso conto della gaffe – e non l’avesse messo a confronto con il comunicato Pd,  facendo notare che l’ex assessore non aveva frainteso alcunchè, non nominando altri che “alcuni importanti esponenti del Pd municipale e comunale”.

Peccato che, come scritto in apertura, il web non perdona, mai. C’è sempre qualcuno pronto a mandare in allegato gli screen shot in tempo reale, senza lasciare il tempo a correzioni tempestive, si tratti di sistemare sviste o refusi. Perchè l’errore è sempre in agguato e nessuno ne sarà indenne per sempre. Per fortuna, tra poche ore si conoscerà il nome di chi correrà alle elezioni municipali per la coalizione di centro sinistra e tutto sarà dimenticato, più o meno sinceramente.  Vinca chi può.

Luciana Miocchi

 

Immagine

Ilari, Caudo e Comito alle primarie di coalizione di centro sinistra per il III Municipio del 28 aprile

18 Apr

Sono da poco spirati i termini per presentare le candidature alle primarie di coalizione di centro sinistra per scegliere il candidato presidente del III Municipio. A contendersi l’investitura saranno in tre: la  segretaria del Pd municipale e candidata ufficiale del Pd, Paola Ilari, l’ex assessore capitolino Giovanni Caudo del Laboratorio Civico e Antonio Comito, ex assessore municipale dei Verdi. Per presentare la propria candidatura ognuno di loro ha dovuto raccogliere un minimo di 150 firme a proprio favore.

Partecipano alle primarie di coalizione, oltre al Pd che ne è promotore, i Verdi, Laboratorio Civico, i radicali italiani, i socialisti e la Lista Civica Lorenzin.

LeU, non avendo trovato un accordo unitario al proprio interno, non parteciperà alla tenzone, come scelto anche per l’VIII Municipio, però non farà mancare l’appoggio a Caudo. In ogni caso, alcune riserve verranno sciolte nelle prossime ore.

Luciana Miocchi

Immagine

Giovanni Caudo. Candidato presidente del III che vorrebbe essere acclamato da tutta la sinistra. Dissidenti del Pd lo vorrebbero al posto della candidata ufficiale del partito alle primarie

16 Apr

30849127_10215911759497078_843100189_oDomenica 15, ore 11,30 fermata Metro Conca d’Oro. In una mattinata piovigginosa e con il sole latitante, Giovanni Caudo ha esposto, sul piazzale antistante l’entrata principale, il suo manifesto politico di candidato alla presidenza del III Municipio, che andrà a elezioni il 10 giugno. L’invito è circolato su fb e rilanciato da Leu, Possibile e diversi esponenti del Pd, tra cui alcuni di quelli che non sono andati all’assemblea del Pd municipale che ha deciso la candidatura ufficiale del Pd di Paola Ilari alle primarie di coalizione.

L’ex Assessore della Giunta Marino, finita abbattuta dalle dimissioni davanti al Notaio ad opera degli stessi consiglieri comunali del Pd, ha fatto un discorso i cui punti erano fissati in un fascio di fogli che portava stretti a sè, davanti un gruppo di persone che hanno raccolto la chiamata festiva. Un intervento di pochi minuti, aperto con i ringraziamenti agli amici che lo hanno voluto nominare come possibile candidato alla presidenza di un territorio vasto 97 km quadrati con una popolazione di 200.000 abitanti, molto più di una grande città e a Ignazio Marino, che lo aveva voluto Assessore all’Urbanistica. Racconta del sogno di una coalizione che si sta costruendo, uno “spazio Aperto”, un percorso nuovo che parta dal Municipio. Cita per prima la metro che corre qualche decina di metri più sotto, che ha treni che partono all’incirca ogni 11 minuti, mentre alla Tiburtina ci sono treni che partono ogni 7 minuti e la Fm1 che non ha collegamenti rapidi con i bus, vuole aumentare l’interconnessione il prof. Caudo, però non tocca assolutamente il tema di come farlo avvenire, visto che Atac non aumenta km percorsi se non taglia prima da qualche altra parte e che la B1 è una derivazione, ha parte dei binari in comune con la B e quindi aumentarne la frequenza è un qualcosa che fu escluso già in fase di inaugurazione, ai tempi di Alemanno.

In effetti, il suo discorso ha un respiro ampio, sembra più orientato verso una visione cittadina, da professore qual è di urbanistica, che da amministratore localissimo quale può essere un presidente di Municipio con scarsi poteri effettivi, come al momento risulta essere un minisindaco di Roma Capitale: cita il passo di un discorso di Valter Tocci “bisogna mobilitare le energie e selezionare una nuova classe dirigente” che come dice «si guarda al municipio, ricostruire il contatto con la città e dare una proposta politica nuova alla città. Partire dal Municipio non è una diminutio ma è l’unica strada seria che la politica oggi ha. Nei prossimi giorni, nelle prossime ore, se si costituirà un’assemblea costituita da tutte le persone, i partiti e le associazioni che vogliono partecipare a questo percorso politico, questo atto politico che oggi è portato in piazza prenderà la sua concretezza. Se qualcuno pensa che questa cosa non si debba fare, continua a presidiare le macerie della sinistra, che è l’unica chance di questa città, prenderemo la nostra decisione in quel momento, noi vogliamo fare insieme un percorso inclusivo, per chi viene da sinistra, per chi è andato altrove, per chi è qua è per chi vuole venire a sinistra». Ha le idee chiare anche sulla politica e sulla destra e la sinistra: « non è vero che la sinistra e la destra non esistono più. la sinistra è un luogo centrale; è questa piazza. Non esiste la buona politica ma esiste la politica». Su una eventuale candidatura a Sindaco risponde: «almeno per il momento non è per il Sindaco ma è propedeutico» (in effetti, a giugno si eleggono soltanto i presidenti ed il consiglio dei Municipi VIII e III, ndr).

30232698_10215911755816986_765516036_oCaudo non lo nomina mai apertamente, ma auspicando che tutte le associazioni e i partiti convergano sulla sua figura fa implicitamente riferimento anche al Pd, che però ha già nominato ufficialmente, con l’assemblea municipale del partito, Paola Ilari, il proprio candidato che andrà alle primarie di coalizione il 28 aprile, aperte a chiunque voglia presentarsi, depositando almeno duecentocinquanta firme a sostegno. Vorrebbe probabilmente cercare di tenersi fuori da quella che invece si sta configurando come una resa dei conti interna al Pd, la stessa che si è consumata a livello nazionale, tra le varie correnti e infatti, tra la gente venuta ad ascoltarlo ci sono, riconoscibili a colpo d’occhio, molti esponenti zingarettiani venuti a portare sostegno al suo progetto, che però, se ritenessero legittime e valide le decisioni prese dall’organo del proprio partito, non dovrebbero nemmeno essere qui, in quanto il nome del professore di Roma Tre non è stato portato tra quelli possibili per la scelta della candidatura ufficiale in seno all’assise minicipale. Ad un certo momento è partita anche la raccolta delle firme necessarie per presentare la candidatura alle primarie di coalizione, tanto che lo stesso Caudo, dopo aver appreso la notizia è salito di nuovo sul palchetto improvvisato e megafono alla mano ha dichiarato che la raccolta non si stava tenendo con il suo benestare. Risulta però difficile credere che possa davvero pensare che il Pd faccia un passo indietro davanti la sua figura, almeno se non vuol perdere la faccia, dopo aver reso di dominio pubblico il nome del proprio candidato ufficiale e fatto uscire diversi comunicati di dirigenti che ribadiscono il sostegno alla Ilari, già segretaria municipale del partito.

Caudo ha poi sciolto gli indugi a scendere nell’agone politica nello stesso pomeriggio, con un post pubblicato sul suo profilo facebook, tenendosi però sempre sul vago riguardo la possibilità di partecipare alle primarie di coalizione.

Ma quanto mondo politico era effettivamente presente? Chi scrive ha potuto riconoscere – scusandosi fin da ora per ogni possibile involontaria omissione – confusi tra i presenti, tra gli altri,  Alfredo D’Antimi,  ex consigliere Pd di alcune consiliature fa, poi passato per varie compagini politiche; Francesco Pieroni, segretario municipale dei democratici nel 2009; Mario Ciarla, ex vice-presidente del consiglio della regione Lazio, coordinatore della Mozione Orlando e attualmente vice capo di Gabinetto di Nicola Zingaretti; Francesca Burri, una dei quattro consiglieri dissidenti del M5S che ha contribuito a sfiduciare Roberta Capoccioni, ex presidente del Municipio, ricandidata alla stessa carica per le elezioni di giugno 2018; Paolo Marchionne, ex presidente Pd del Municipio e capogruppo nell’ultima consiliatura, Yuri Bugli e Federica Rampini, consiglieri Pd uscenti. Poi esponenti di Leu e di Possibile, come David Tozzo, delegato nazionale.

Per ascoltare il discorso di Giovanni Caudo: dalla pagina di Possibile  https://www.facebook.com/dirittopossibile/videos/204126009

Luciana Miocchi

Immagine

Le elezioni a Montesacro: le tante sinistre e i tanti pensieri, le eterne lotte delle correnti – di Luciana Miocchi

13 Apr

Partito_Democratico_8d648_450x450Ci risiamo, il Pd, sia esso espressione nazionale o territoriale, non riesce a far a meno di autolesionarsi, comportandosi come Tafazzi ad ogni occasione possibile.

Il partito annuncia di aver scelto come candidato ufficiale alla presidenza del III Municipio Paola Ilari ma di dar luogo comunque alle primarie di coalizione per raggiungere un accordo ampio con tutte le altre forze di sinistra e quasi subito alcuni autorevoli politicilocali di lungo corso, quindi niente affatto sprovveduti o inesperti, appoggiano ufficialmente un candidato esterno.

Almeno a destra, certi meccanismi prettamente di partito, di peso politico delle varie correnti, se le risolvono in casa. E se anche nessun addetto ai lavori crede più da tempo immemore che non volino i coltelli ad altezza schiena, gli elettori che si sentono rappresentati da questo o quel partito, non hanno l’onere di doversi domandare perché votare qualcuno che non ha il controllo della propria dirigenza, figuriamoci come potrebbe fare con i meccanismi del territorio che eventualmente si andrebbe ad amministrare. E infatti, da quelle parti, bocche cucite fino all’ultimo, anche se poi qualche chiacchiera sfugge sempre, pubblicabile però solo come “sensazione” o “voce di corridoio”. Chi proprio non digerisce le scelte, corre da solo.

A sinistra, al momento, gli unici certi di presentare un proprio candidato indipendente, sono quelli di “potere al popolo”, ovvero gli ultimi, irriducibili, romantici rivoluzionari di sinistra, che sanno benissimo che non vedranno mai un Presidente con la loro bandiera ma ci provano comunque, magari un consigliere riescono a farlo eleggere.

Per il resto, il Pd continua con l’idea nobile delle primarie. Nessuno li obbligherebbe, anche perché dall’ assemblea municipale è emersa con chiarezza la candidatura di Paola Ilari, già a capo della Segreteria municipale e coordinatrice nell’ ultimo anno dell’opposizione Pd in consiglio, sostenuta dal voto dei due terzi degli aventi diritto ma per scelta, nell’ottica di raggiungere un candidato condiviso con la parte più ampia possibile di coalizione delle forze di sinistra, si decide, come nell’ ottavo Municipio -anche qui si va al voto a giugno – di istituire le primarie per il 28 aprile, anche in assenza di altri candidati.

LeU non si era ancora sbilanciata, né nel fare il nome di un proprio candidato né sull’eventualità di farlo partecipare alle primarie di coalizione ma il 12 aprile, un comunicato firmato dai coordinatori del Terzo Municipio, Gianluca Colletta, Rita Lazzari e David Tozzo ha annunciato il beneplacito alla candidatura di Giovanni Caudo, ex assessore all’Urbanistica nella Giunta Marino ma ancora non era ben chiaro se lo stesso avrebbe partecipato alle primarie oppure no. Mossa alquanto tattica, per tastare il polso della volontà dei propri elettori, quindi correttissima.

I guai cominciano quando appare un articolo su Fanpage in cui si racconta come la Candidatura di Caudo – anche qui non viene esplicitata la volontà o meno di partecipare alle primarie di coalizione – sia sostenuta da MdP, Possibile, Sinistra Italiana (tutte formazioni terze) e anche da Paolo Marchionne, ex Presidente del III, candidato a presidente nella passata tornata elettorale, quando fu sconfitto da Roberta Capoccioni del M5S e capogruppo Pd all’ultimo consiglio municipale.

Questo ultimo endorsement ha un suo peso politico specifico diverso da quello degli altri, che sono organismi esterni al Pd, come anche le altre firme di prestigio citate a sostegno di Caudo, molti dei quali mai iscritti al partito o fuoriusciti con le ultime scissioni. Marchionne infatti è sempre nel Pd, nella corrente attualmente di minoranza – quella Zingarettiana – che però è tornata a farsi sentire e a rivendicare posizioni in seguito alla riconferma di Zingaretti alla guida della regione Lazio.

Nel pomeriggio Paolo Marchionne, Yuri Bugli e Federica Rampini, ovvero tre dei quattro consiglieri eletti nella passata consiliatura, emettono un cominicato, raccolto dall’agenzia di stampa Omniroma, con il quale chiariscono la propria posizione sulla candidatura di Caudo. I tre, nel rivendicare di aver contribuito a far cadere la presidenza Capoccioni, scrivono che non vogliono riconsegnare il Municipio III ad una maggioranza M5S e accolgono quindi con grande favore l’appello rivolto da illustri personalità della città e del territorio a Giovanni Caudo affinché possa essere il candidato alle prossime elezioni municipali del III in capo a una coalizione politica e sociale di rilancio di politiche alternative per la città. Scrivono i tre: «È la proposta più convincente, nei contenuti e per l’autorevolezza di Giovanni Caudo, che sentiamo in questi giorni. È la stessa ragione per la quale ognuno di noi ha ritenuto necessario fare un passo indietro per metterci al servizio di un progetto più ampio. Per non far vincere nuovamente il M5S è assolutamente necessario uscire da logiche interne che non capisce nessuno ed entusiasmare il nostro elettorato con un progetto nuovo, dando alla prossima consultazione elettorale del 10 giugno una visione e un respiro che solo attraverso un nuovo patto territoriale tra forze politiche e sociali può nascere, scegliendo una personalità indipendente, autorevole e appassionata, ma anche radicata nel nostro territorio come Giovanni Caudo». Come dire che non ritengono affatto la scelta di Paola Ilari una soluzione vincente, andando contro le decisioni dell’assise municipale del Pd.

Il comunicato è quindi un modo per dissociarsi, per dire “ve l’avevamo detto” in caso di sconfitta? A che pro, se il partito è unito – o dovrebbe esserlo – e ha passato il tempo intercorso dalle dimissioni dal notaio all’epoca di Marino ad oggi a cercare di ricostruire una immagine di unità e armonia? Tutta facciata? Che siano partiti i regolamenti dei conti, dei quali agli elettori del Pd, quelli rimasti, non importa nulla?

Un atteggiamento rischioso, in elezioni tanto territoriali. Più di dieci anni fa ormai, l’imposizione di Alessandro Cardente come candidato – successivamente eletto – con una decisione dall’alto, ignorando la base sul territorio, portò a gravi disivioni interne, tanto che quell’episodio è stato poi portato per anni a cattivo esempio di decisioni politiche imposte dai vertici.

Luciana Miocchi

Immagine

Flash – È Paola Ilari la candidata ufficiale del Pd per il III Municipio alle primarie del 28 aprile – di Luciana Miocchi

10 Apr

Anche il terzo Municipio di Roma Capitale, come l’ottavo, vedrà le forze di sinistra scegliere il candidato Presidente con le primarie, fissate per il 28 aprile. Candidata ufficiale del Pd, sostenuta anche da altre liste civiche, Paola Ilari, attualmente segretaria del Pd municipale. Le altre candidature alle primarie, al momento non sono state ancora definite.

Luciana Miocchi

Immagine

Manca una sola firma alla Sfiducia alla Presidente del III Municipio: Cristiano Bonelli salverà i cinque stelle o metterà la parola fine all’avventura pentastellata? – di Luciana Miocchi

26 Gen

cristiano bonelliA pochi giorni dal controverso comunicato  di FdI con cui è stata data la notizia della sottoscrizione della mozione di sfiducia alla Presidente Capoccioni, preparata dall’opposizione tutta ma alla quale mancavano ancora alcune firme, giunge oggi l’annuncio che anche Riccardo Evangelista della LM ha apposto la sua.

Segno che l’irritazione per il gesto interpretato come una forzatura volta ad intestarsi l’operazione tra le compagini di centro destra è rientrata, in qualche modo. E forte sarebbe stato il rischio di vedersi imputare il fallimento di un’operazione politica ad alto tasso di pericolosità: non ci vuole molto per immaginare che la sbandierata mozione di sfiducia, se non dovesse essere protocollata porterebbe a sotto zero il tasso di credibilità dei consiglieri e dei partiti che l’hanno sposata. A maggior ragione con le elezioni di marzo alle porte.

Le regionali, in particolare, dove corre come candidata Presidente la pentastellata Roberta Lombardi, mentore della presidente del III Municipio, potrebbero essere il motivo per cui la stessa Capoccioni non ha dato le dimissioni, dopo essere rimasta con soli 11 consiglieri su 15, divenendo così il primo caso di maggioranza trasformata minoranza relativa, tentando di resistere almeno fin dopo il 4 marzo.

Ad ora, le sorti di Piazza Sempione sono nelle mani dell’ultimo consigliere di opposizione che manca all’appello, quel Cristiano Bonelli, già presidente del Municipio per il Pdl, poi passato all’NCD al momento della scissione del Pdl, uscitone quando Alfano decise di appoggiare i governi targati Pd, di lunghissima militanza nelle file della destra più ortodossa e passato dalla LM al gruppo misto per dissidi sulla gestione politica della stessa lista. Con una presenza ininterrotta in Municipio da diverse consiliature è il politico più anziano dell’intero consiglio. Questa probabilmente sarà la sua ultima presenza in aula: estremamente severo nei giudizi su Fdi e di ciò che rimane della destra romana, non ha più un partito in cui riconoscersi e si sente perciò, un battitore libero, “soprattutto dagli ordini di scuderia” e con la possibilità di seguire soltanto il suo, di pensiero.  Ed infatti, come dichiarato anche al Messaggero, ha iniziato una sorta di sondaggio tra i suoi storici elettori – in effetti ha sempre tenuto un rapporto stretto con loro, rispondendo personalmente anche ai tempi della presidenza –  per capire la loro volontà e comportarsi di conseguenza. Questo atteggiamento però pare criticato soprattutto dal mondo di simpatizzanti che si riconosce nel centro destra, che vorrebbero azzerare tutto per tornare appena possibile a nuove elezioni. Grande il pressing nei post su facebook di Roberto Borgheresi, Fi, già presidente del consiglio proprio con Bonelli e non riconfermato come consigliere dopo la debacle alle municipali di Forza Italia, che richiamava l’ex presidente alla volontà di uno dei suoi grandi elettori, ovvero Borgheresi stesso, in quanto referente di Forza Italia, partito politico sostenente quella Lista Marchini con la quale era stato eletto poco meno di due anni fa. Per Bonelli però, nonostante riconosca che l’avventura di Roberta Capoccioni sia ormai arrivata al capolinea, i tempi non sarebbero ancora maturi, la mozione un passo azzardato compiuto da FdI e dalla corrente renziana del PD, che cercherebbero di giocarsi la carta della sfiducia alla Capoccioni per tentare di piegare a proprio favore i risultati delle regionali. Quindi l’ex presidente del Municipio, obbedendo a un suo senso di responsabilità, si troverebbe a scegliere tra rimanere e dare un contributo tecnico alla maggioranza – ma a quel punto i 5 stelle diventerebbero ancora meno credibili, costretti a rimangiarsi la propria posizione di mai con nessuno che non sia cinque stelle, stando a quanto dichiarato spesso in aula, quando alcuni atti non sarebbero stati votati perché “presentati dalle opposizioni” – o prendersi l’onere di mandare tutti a casa ancora prima del 4 marzo. Un risultato comunque, lo ha ottenuto: se dovesse firmare, la sua sarebbe la 13ma firma, la più importante, senza la quale l’atto non si sarebbe mai potuto protocollare. E in politica, si sa, tutto ha un peso. Anche essere l’ultimo, se non si è potuto essere il primo.

Luciana Miocchi

Immagine

La presidenza Capoccioni ha i giorni contati? FdI esce con un comunicato che anticipa i tempi

23 Gen

Con comunicato inviato a Omniroma e poi rigirato su Fb, il gruppo consiliare di FdI ha dato notizia di aver firmato compatto la mozione di sfiducia preparata dall’opposizione tutta. Mancherebbero solo alcune firme ma la loro apposizione sarebbe questione di ore. In un primo momento era stata pubblicata anche la mozione parzialmente firmata ma le foto sono sparite quasi subito da fb, forse per una questione di correttezza nei confronti dei rappresentanti tutte le forze politiche partecipanti.  O forse perché il gesto avrebbe potuto irritare i forzati alleati, Pd, lista Marchini e gruppo misto nel quale sono confluiti i fuoriusciti del M5S,  in questa operazione delicatissima, che a questo punto deve andare in porto per forza, pena una débâcle politica senza precedenti.

Solo quando tutti e tredici i consiglieri avranno apposto la propria firma, la mozione potrà essere protocollata e messa in calendario con un minimo di dieci giorni a far data dal deposito a un massimo di trenta . A quel punto, verrà discussa in consiglio, con voto palese.

Qui di seguito il testo inviato all’agenzia stampa Omniroma e diffuso su fb:

MUNICIPIO III, FDI: FIRMATA MOZIONE DI SFIDUCIA PER CAPOCCIONI (Omniroma) Roma, 23 GEN – “Insieme alle altre forze politiche e agli altri consiglieri che si riconoscono nell’opposizione alla (ex) maggioranza grillina, il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia in III Municipio ha firmato oggi la mozione di sfiducia alla Presidente Roberta Capoccioni. E’ stato un anno e mezzo tragico per il territorio di Montesacro, che ha dovuto pagare il duro prezzo la litigiosità interna al Movimento 5 Stelle che ha tenuto sotto scacco l’intera consiliatura. I problemi del territorio sono stati colpevolmente trascurati e ad oggi abbiamo accumulato un ritardo pesantissimo. Roberta Capoccioni ha dimostrato di non essere in grado di tenere una maggioranza, l’elezione di un Presidente del Consiglio dell’opposizione, di Fratelli d’Italia, è stato l’ultimo atto che ha scritto l’epitaffio sulla disastrosa esperienza grillina in Municipio III. Abbiamo motivo di credere che la mozione di sfiducia sarà firmata presto da tutti i consiglieri di opposizione e che successivamente verrà calendarizzato il Consiglio per discutere la sfiducia e liberare Montesacro dalla sciagurata disamministrazione pentastellata”. Lo comunicano in una nota i consiglieri di Fdi in III Municipio Emiliano Bono, Vincenzo Di Giamberardino, Donatella Geretto​ e Giordana Petrella​.

Luciana Miocchi

Immagine

Paolo Emilio Marchionne rassegna le dimissioni da capogruppo Pd dal consiglio municipale di Montesacro

2 Nov

marchionnepaolo1Con un post sul suo profilo di Facebook Paolo Emilio Marchionne, già presidente del Municipio  e attuale consigliere Pd al parlamentino di Montesacro ha reso pubblica, specificando le motivazioni del suo gesto, la sua decisione di dimettersi da capogruppo del partito democratico nei lavori consiliari. Scrive Marchionne: “Ho sempre ritenuto che non fosse la scelta giusta far fare a me il capogruppo. Speravo in una soluzione differente fin dal principio di questa consiliatura, così come ho provato dopo il congresso cittadino e municipale a rimettere questo incarico. Ero convinto che non fosse una scelta politica congrua ai tempi che stiamo affrontando. Per convinzione o per contrarietà mi è stato chiesto di portare pazienza e esercitare questo ruolo, svolto, non a caso, con fare dimesso rispetto ad un tempo e in ragione delle mie più profonde convinzioni. Dopo l’ultima seduta del Consiglio Municipale non è più possibile per me andare avanti. Credo che chi ha assistito alla seduta di giovedì scorso (più di qualcuno dell’esecutivo) può comprendere la mia costernazione. Ci si iscrive ad un partito per essere più liberi, per rafforzare i propri ideali, per organizzare le proprie azioni. Non per essere umiliati. Se la segreteria municipale del Pd intende usare i consiglieri come strumento per percorre una non meglio precisata “via maestra” è il caso che si scelga un Capogruppo adatto a questo compito. Penso però che nell’ultima settimana si sia verificato quanto di più dannoso potessimo produrre nel breve periodo: spaccare in modo manifesto un gruppo di quattro consiglieri Pd, grazie ad una azione forzata e compiaciuta del Partito Muncipale; esprimere una “via maestra” locale che mi risulta essere difforme dall’azione del Gruppo Consiliare Pd in Assemblea Capitolina; strattonare, con ingerenze di autorevoli dirigenti romani del Partito, l’equilibrio raggiunto con un anno di lavoro attorno ad un delicato e composito gruppo di opposizione che stava per far cadere la Giunta grillina di Montesacro (legata a doppio filo con la candidata alla Presidenza della Regione Lazio del M5S Roberta Lombardi, una bella notizia alla vigilia della campagna elettorale, no?), fino a distruggere ogni possibilità di far cadere il Municipio. Il M5S ha ritrovato i suoi numeri per governare, mentre nell’ultimo consiglio, di 10 consiglieri che contano tutte le forze di opposizione, erano rimasti in aula solo in 2. Sperando di trovare presto il modo e il tempo per ragionare su questi temi, il mio ruolo da capogruppo è terminato. “

Probabilmente nei prossimi giorni la situazione si farà più comprensibile anche per chi non è addentro ai meccanismi di partito, al momento Marchionne non fa nomi né indica circostanze ma gli unici comunicati reperibili su web di dirigenti romani del Pd, relativo al terzo Municipio, nell’ultima settimana sono quelli congiunti di  Andrea Casu e Paola Ilari, ovvero del segretario del Pd Roma e della segretaria del Pd del III Municipio e della Ilari e Riccardo Corbucci,  coordinatore della segreteria del Pd Roma, entrambi riguardanti il caso della piscina comunale di via del Gran Paradiso, sollevato dalla consigliera municipale Pd Francesca Leoncini, riaffidata alla stessa asd che la gestisce dal 1999 e sulla quale si è scatenata una battaglia politica con la maggioranza 5S.

LM

 

Immagine

La Palestra Agnini deve rimanere a disposizione dell’Ic Maria Montessori

20 Ott

Preoccupazione tra i genitori degli alunni dell’Ic, a seguito del rinvenimento di un carteggio della Regione Lazio in base al quale sarebbero in corso procedimenti che potrebbero portare l’affidamento della palestra ex Gil di viale Adriatico a privati che potrebbero decidere di disporne anche negli orari scolastici, in cui fino ad ora e da almeno venti anni in qua è stata utilizzata dagli utenti della Montessori. Un primo post apparso sul gruppo Fb IC Montessori ha portato all’attenzione delle famiglie di quanto potrebbe realizzarsi. La scuola è stata allertata soltanto a settembre da un genitore che ne era venuto a conoscenza in modo casuale, nessuna comunicazione sarebbe arrivata per vie istituzionali. 

Al fine di informare gli utenti il presidente dell’assemblea dei genitori ha convocato un’assemblea straordinaria per il 25 ottobre, alle ore 17,  in merito all’iter per ottenere riconosciuti i diritti di uso della palestra.

Il 19 ottobre, Marzia Maccaroni, responsabile politiche scolastiche e sportive del Pd del III Municipio e Sabrina Cavalcanti, delegata dell’assemblea romana, hanno emesso un comunicato stampa congiunto per ribadire che sulla palestra Agnini la scuola pubblica ha la priorità di utilizzo. Dice la nota: “La palestra agnini di viale Adriatico è un impianto sportivo pubblico fondamentale per il territorio ed un gioiello per i nostri giovani, sui quali la Regione Lazio di Nicola Zingaretti ha fortemente investito. Per questa ragione, siamo d’accordo che possa essere usata dall’associazionismo sportivo di base del territorio, a patto che l’uso dell’impianto venga garantito, come sempre è stato, anche alla scuola pubblica Montessori. La palestra Agnini è un bene pubblico ed è giusto che la sua vocazione naturale venga garantita. Siamo certi che la Regione Lazio saprà farlo, per il bene dei cittadini del III Municipio”

L’intero gruppo consiliare di Fratelli d’Italia del III Municipio ha depositato nella  giornata di ieri, la proposta di ordine del giorno, da discutere in Consiglio, avente ad oggetto l’uso della palestra Agnini da parte dell’Ic Montessori, mettendo in evidenza che la dirigenza scolastica aveva protocollato due note presso la regione Lazio perché venisse garantito l’uso della struttura durante l’orario scolastico e che gli uffici regionali rispondevano che erano presenti due richieste finalizzate ad accedere al canone ricognitorio ai sensi delle linee guida approvate con DGR n. 540/2016 e che si era provveduto in merito a istruire le relative pratiche. In conseguenza di ciò, a breve verrà reso noto l’assegnatario dei locali di viale Adriatico 136. Nessuna rassicurazione sul fatto che la scuola possa continuare ad utilizzare la struttura, anche se da oltre vent’anni la scuola, in accordo con la Regione, usufruisce della palestra, facendo parte la stessa del medesimo edificio che ospita i locali scolastici, separati soltanto da una porta d’accesso interna.

(clicca qui per leggere la proposta ordine del giorno per la palestra Agnini a favore dell’Ic Montessori presentata da Fdi)

Luciana Miocchi

 

 

 

 

Galleria

III Municipio di Roma Capitale: le interviste ai partecipanti al ballottaggio del 19 giugno: Marchionne – Capoccioni

15 Giu

13410905_1256306677713639_161027466_o

Qui di seguito riportiamo le due interviste ai candidati Presidente del III Municipio, Paolo Emilio Marchionne, Pd presidente uscente e Roberta Capoccioni, Movimento 5 Stelle. 

Il primo confronto ha visto in testa Marchionne per una percentuale di circa il 3% in più su Capoccioni

(pubblicato su La Voce del Municipio – edizione speciale elezioni)

* * *

Paolo Emilio Marchionne

(Roma torna Roma Giachetti Sindaco, Democratici e popolari più Roma Giachetti, Partito democratico Giachetti Sindaco, Radicali Federalisti laici ecologisti, Italia dei valori per Giachetti Sindaco, Insieme per Marchionne presidente)

Che effetto fa essere il presidente uscente di una consiliatura interrotta a metà? E’ una cosa avvincente perché ti dà la possibilità di rivendicare quanto sei riuscito a fare, ovviamente nella difficoltà di dover spiegare che sei stato in carica di fatto due anni e mezzo e quindi chiaramente tutto il progetto cui uno ha lavorato è stato interrotto anzitempo.

Impressioni del clima elettorale: Nel 2013 ci fu un forte astensionismo ed è un dato che sicuramente c’è anche questa volta. L’impegno nella campagna elettorale non è quindi a incartare il municipio di manifesti bensì a cercare di recuperare e discutere con le persone perché è importante andare a votare, che delle opzioni sono in campo ci sono delle possibilità, noi portiamo la nostra e chiediamo sostegno.

Quanto le opere incompiute possono portare danno alla sua rielezione? I ponti di Fidene li apriamo nei prossimi giorni. Il Municipio da solo si è accollato delle responsabilità non sue in questi mesi. Non ha funzionato il fatto che il Comune abbia dato l’idea che quell’opera fosse terminata, c’era invece un lavoro molto più approfondito da fare con i collaudi statici, prima l’illuminazione e quindi il Municipio, che non è titolare di quell’opera, una volta caduto il sindaco e sciolto il consiglio comunale, ha scoperto una a una tutte le carte in un percorso a ostacoli. Abbiamo trovato delle soluzioni e ora li apriremo. Tutta colpa di Marino? beh, l’idea che si dà quando si viene a dire “siamo venuti ad aprire un ponte”, ponte che evidentemente non era possibile ancora aprire…Ma lei non era presente? Si certo che c’ero, penso che se viene il Sindaco, se viene l’assessore ai lavori pubblici del Campidoglio, penso che si. Lei non sapeva come stavano le cose in realtà? No, io non sono un tecnico.

Sull’impianto Ama? Beh anche lì, sicuramente non avere più un sindaco che governa la città ha creato maggiori intoppi C’è stato un Prefetto, no? Chiaramente la gestione commissariale non ha dato l’impulso ad arrivare alla chiusura possibile in tempi brevi. Dall’altra parte la Regione sta riscrivendo il piano rifiuti in cui sicuramente l’impianto Ama non sarà più un impianto strategico che dovrà lavorare 750 tonnellate di rifiuti al giorno ma sarà un impianto che verrà riconvertito per fare altro. Sul fare altro è importante che il Municipio ci sia, che si possa dare continuità al lavoro che abbiamo fatto noi che abbiamo costruito in due anni e mezzo per arrivare a metter dei paletti sulla vicenda impianto, dati da poter dire cosa è un Tmb, spiegare che non serve alla città o perlomeno che per il bacino di utenza della città i Tmb sono troppi, che producono rifiuti da rifiuti non sono degli impianti virtuosi rispetto alle tecnologie che ci sono oggi e che noi vogliamo che quell’impianto chiuda e possa ospitare altri servizi di ama non impattanti per il circondario. Penso che sia tra l’altro il lavoro che abbiam fatto, le persone che hanno partecipato con noi ai tavoli insieme all’assessorato capitolino sulla vicenda dell’impianto ama, sono convinto che sapranno dare il giusto valore a quanto fatto perchè non era scontato che ci fossero quei tavoli, che il Municipio cambiasse di 180 gradi la linea e la prospettiva dell’impianto, che non serve più perché a Roma si aumenta la differenziata e la frazione di indifferenziata non necessita più di un Tmb.

Perché Lei non ha il simbolo del Pd sui volantini elettorali? Perché Marchionne è sostenuto da sei liste diverse che concorrono con lo stesso spirito alla mia candidatura. Come Giachetti ha un simbolo per la sua campagna io ne ho uno per la mia.

Avrebbe potuto metterli tutti e sei. E’ una scelta. Tra l’altro coerente perché nel 2013 non è che ho messo tutti i simboli dei partiti però su questo posso dire una cosa. Però è la stessa coerenza che avevo nel 2013 penso di essere già abbastanza riconducibile al Partito Democratico perché è il mio partito. Penso che invece in una campagna elettorale occorre non solo ovviamente persone di partito come sono io che sono un ragazzo cresciuto facendo politica perché mi piace ma ovviamente devo convincere tanti altri che la mia onesta la mia competenza prevarica

Il primo atto di una eventuale nuova consiliatura? Abbiamo degli spazi pubblici che dobbiamo ridare alla collettività. Il primo atto sarà un bando per ridare questi spazi ad attività giovanili ad attività socioculturali.

Emergenza Nomadi e centro accoglienza di Via Salaria: Sicuramente è una struttura che va gradualmente svuotata inzeppata fino allo stremo senza un progetto di fuoriuscita da quella struttura che così non serve. Tronca aveva iniziato ad allontanare alcune persone, questo lo aveva già iniziato a fare il dipartimento dell’assessore Danese, è un percorso che va continuato

Avete un progetto per sostituirne le funzioni? In quell’area no chiaramente ci sono dei numeri molto importanti. L’avevamo su via della Cesarina, chiusa e i trentaquattro nuclei familiari Rom in Italia da più di venti anni, dentro i servizi del Municipio e soprattutto dare con quelle stesse risorse a circa un centinaio di famiglie di altri residenti nel Municipio.

Luciana Miocchi

*_* _* _*

Roberta Capoccioni

(Movimento Cinque Stelle)

Trentanove anni, piccola imprenditrice: «Ho la mia società in Terzo Municipio per cui faccio casa e chiesa vivendoci dalla mattina alla sera. Quindi ho una buona conoscenza delle problematiche che ci assillano ogni giorno. Ho iniziato a fare attivismo nel M5S nel 2012, avevo già fatto attivismo sul territorio col comitato di Talenti perché è da lì che provengo. Il Movimento per me è stata una scoperta nel senso che ho iniziato veramente a pensare alle cose in una maniera differente e a reputare fondamentale che il cittadino per migliorare le cose abbia bisogno non solo di comprenderle ma anche di attivarsi direttamente per cercare di cambiarle. ».

Sul programma: «Il nostro programma nasce da tavoli di lavoro fatti con i cittadini, con esperti ovviamente ma non solo con i tecnici ma anche con le persone che vivono quel determinato problema. In assoluto la battaglia fondamentale del M5S è quella per la legalità per cui quello che ci proponiamo di fare prima di tutto è entrare nel Municipio e fare una battaglia di legalità e di trasparenza che poi vuol dire anche recupero di risorse. Un esempio per tutti: abbiamo iniziato una analisi di tutte le gare di appalto, io sono un’esperta di gare di appalto. Mi sono resa conto che vengono fatte gare d’appalto in formula negoziata senza bando pubblico, il che vuol dire che una amministrazione pubblica fa un bando non pubblico. È assurdo anche perché così il cittadino non soltanto per partecipare deve essere invitato direttamente dalla amministrazione e quindi non possono partecipare tutti ma a parte questo il cittadino normale non può leggere il bando dei lavori. Il bando deve essere pubblico, poi deve essere assolutamente seguita la fase di elaborazione del progetto e anche dei lavori. Sappiamo che spesso e volentieri i lavori non vengono controllati e non viene fatto un controllo sul cantiere, su come vengono eseguiti i lavori, cosa che invece se si legge il capitolato ci si rende conto che è d’obbligo, per cui assolutamente partiremo da questo per recuperare poi altre risorse economiche che in questi anni sono andate sprecate perché ovviamente se i lavori non vengono fatti bene noi ci troviamo dopo tre anni da capo a dodici e dopo vanno rifatti un’altra volta».

Primo atto in assoluto: «Credo che sia molto importante cercare di riportare i cittadini a vivere la politica, per questo abbiamo fatto la proposta di essere presenti ogni venerdi aprendo il consiglio ai cittadini con la presenza degli assessori, in maniera che seguendo un protocollo i cittadini possano venire e chiedere direttamente quella che è la loro problematica, proporla e far capire direttamente a noi che poi dobbiamo elaborare dei progetti, quindi questa in assoluto è la prima cosa che faremo. Altra cosa importante è portare il consiglio nel pomeriggio in modo che tutti possano partecipare, quindi la prima cosa che faremo in assoluto è portare tutti i cittadini all’interno del Municipio perché il Municipio è dei cittadini e non dei politici».

Su Tmb, Sicurezza, Manutenzione: «Per Il Tmb di Villa Spada ovviamente il Municipio non ha competenze dirette perché non è che può andare lì e chiuderlo, però sicuramente può dare tanto fastidio a Comune e Regione affinché facciano qualcosa. Va fatto qualcosa subito, però, le promesse del Pd che lo chiudeva al 31 dicembre 2015 la dimostrazione è che oggi è aperto».

«Per quanto riguarda la sicurezza il Municipio quello che può fare è avere un controllo del territorio molto stretto e una buonissima collaborazione con le Forze dell’Ordine, con i Vigili in maniera tale da spingerli a cercare un protocollo insieme perché il municipio venga monitorato nella maniera migliore possibile. Devo dire che alcune cose che sono state fatte in questi anni come ad esempio mettere le telecamere nelle scuole sono poco funzionali se poi non si elabora un progetto all’interno delle forze dell’ordine perché sappiamo ad esempio che le telecamere sono collegate al fax dei vigili che non serve assolutamente a niente quindi va rifatto tutto, bisogna sedersi al tavolo con le Forze dell’Ordine, con tutti quelli che possono fare qualcosa e cercare delle soluzioni insieme ai cittadini e a chi ha competenza per queste cose».

«La manutenzione del territorio, noi sappiamo che Roma Capitale dice sempre di non avere i soldi per gestire tutte queste bellissime aree verdi che da noi sono tantissime. Ricordiamoci anche che il verde è praticamente raddoppiato negli ultimi venti anni a causa di tutta l’edificazione che c’è stata perché se non edifichiamo rimangono zone che non vanno gestite, se edifichiamo le aree poi vanno gestite. Sappiamo che a breve dobbiamo recuperare Porta di Roma, un parco immenso che non potrà essere lasciato così. Il Comune vuole che tutte queste aree vengano gestite direttamente dai privati. Noi non siamo contrari a questo però bisogna aiutare i cittadini a farlo. Il Municipio potrebbe acquistare dei macchinari per metterli a disposizione di cittadini volenterosi ».

Alessandro Pino

 

III Municipio di Roma Capitale: Fabrizio Cascapera lascia la maggioranza ma non il Centro Democratico

6 Gen

(pubblicato su http://www.di-roma.com)

Cascapera 1

Ovvero, della politica ai tempi dei social network
•  •  •

Antefatto: dopo un’accesa riunione con i capigruppo municipali, Fabrizio Cascapera, consigliere municipale, alle ultime elezioni presentatosi come candidato presidente del Municipio con la Lista Marchini e abbandonata poi per il Centro Democratico, lista civica che fa parte della maggioranza sia in Aula Giulio Cesare che negli altri Municipi romani, decide di lasciare ufficialmente la coalizione che governa Montesacro…

L’evento non rimane di certo senza commenti, anzi. I comunicati stampa non tardano ad arrivare, soprattutto quelli emessi proprio dai consiglieri fino a poco prima “amici”, così come i commenti su facebook, canale ormai utilizzato quotidianamente dagli addetti ai lavori per reperire informazioni e stati d’animo. Durante le festività di fine e inizio anno è una notizia che non passa inosservata, trattandosi per altro della prima defezione nella compagine che amministra il III Municipio e anche se inizialmente un po’ a rilento, dato il periodo, il caso deflagra articolo dopo articolo, post dopo post.
Cascapera cerca di mantenere toni concilianti, seppur escludendo un ripensamento. Riccardo Corbucci, presidente del Consiglio municipale e Yuri Bugli, consigliere, entrambi del Pd, in due distinte note lanciano segnali distensivi, lasciando uno spiraglio aperto alla collaborazione. Al contrario, il presidente del Municipio, Paolo Emilio Marchionne e Mario Bureca, capogruppo Pd in consiglio, non perdono occasione, sia rilasciando interviste che su Fb, per rimarcare la differenza di vedute e le responsabilità del consigliere dissidente che continua a votare non secondo una logica di squadra ma seguendo un programma tutto suo. Nei post sui social network la reazione degli utenti è più spesso favorevole a Cascapera e i toni si fanno accesi, come spesso accade quando ci si infervora battendo i tasti di una tastiera.
Manca poco al primo Consiglio del nuovo anno, durante il quale presumibilmente ci saranno almeno alcuni siparietti sapidi. Anche perché l’opposizione municipale, da Bonelli, Ncd, a Filini, Fdi, non ha perso l’occasione per rimarcare una volta di più quanto la coalizione di centro sinistra sia “divisa” su argomenti che in campagna elettorale sembravano granitici, tipo il no al cambio di destinazione d’uso. Nell’ambiente municipale quasi tutti hanno parole di apprezzamento per il consigliere fuori dagli schemi, anche i Proietti e Moretti, i due M5S che siedono in consiglio e che condividono l’idea di votare un atto per i contenuti non per la provenienza.
Cascapera 3Raggiunto telefonicamente, Fabrizio Cascapera ha così parlato circa l’iniziativa che ha movimentato il panorama politico di Montesacro durante le feste: «Questa è una situazione che va avanti da tempo, poi c’è stata la classica goccia che fa traboccare il vaso. Era divenuta impossibile la convivenza, loro (la coalizione di maggioranza ndr) hanno priorità io ne ho altre. Loro la ciclabile, le feste o l’ integrazione io la sicurezza, i tombini che spariscono e mettono a rischio gli utenti delle strade, gli insediamenti sotto le case della gente, le prostitute a Prati Fiscali che esercitano davanti i portoni dei residenti. Legittimamente le priorità non collimano e perciò o chiudi o la cosa si incancrenisce, pure con persone di cui umanamente puoi anche avere stima ma poi, politicamente, i rapporti si logorano e allora meglio lasciare perdere. Il cambio di destinazione d’uso da commerciale ad abitativo di piazza Minucciano, la movida molesta a città giardino, i casali e i giardini della Villa di Faonte, gli insediamenti abusivi, sono solo gli ultimi argomenti su cui mi trovo ad avere visioni differenti.

Nell’ultima riunione dei capogruppo ho avuto un acceso scontro verbale con Bureca per vari motivi: all’ultimo consiglio ho votato contro l’apprezzamento di Bugli per l’operato di Marino sui registri delle unioni di fatto, perché sono contrario non al fatto in se stesso ma al modus operandi, perché non si possono prendere iniziative “cosmetiche” quando le leggi dello Stato sono altre. Bisogna battersi per cambiare quelle leggi in modo da dare effettivamente quei diritti. Anche la ciclabile sul viadotto dei presidenti, su 800.000 euro che dovrebbero venire impegnati e provenire dal piano casa, chissà quando, con un filone di indagini sulle piste ciclabili tutt’ora in essere, ho chiesto semplicemente di aspettare a decidere su quella delibera, di vedere prima tutte le carte e poi votarla, dopo le feste. Bureca si è offeso, ritenendo che con le mie azioni stessi dando dei ladri agli altri consiglieri di maggioranza. Io penso soltanto che ottocentomila euro, di questi tempi, vadano spesi su altri capitoli, con altre priorità. Tutto quà. Per altro non sono un pazzo solitario, sia Corbucci che la Maccaroni che i consiglieri di opposizione hanno chiesto di aspettare e di esaminare prima tutte la documentazione.
Non posso uniformarmi ciecamente, dire di si solo per fare gioco di squadra. Poi esce qualcosa di irregolare e io non ho fatto tutto il possibile per controllare, alla gente che mi ha votato che gli dico?
Ho telefonato alla direzione di Centro Democratico, prima di rendere la decisione pubblica, per non mettere in imbarazzo nessuno, ben sapendo che nel resto della città la lista civica è al governo. Ho ricevuto parole di stima per il mio operato e l’incoraggiamento a seguire la mia coerenza. Di volta in volta valuterò, se reputerò che si tratta un atto buono voterò a favore, se lo riterrò sbagliato, no. E vado avanti. Poi la gente giudicherà come abbiamo lavorato.
Faccio a loro tutti anche un imbocca al lupo per il futuro, perché per me conta il territorio, se la popolazione sta bene va tutto bene, saremo giudicati dagli elettori. Io sottolineo che non ho mai chiesto un posto in giunta a nessuno perché non è il mio modo di fare politica. Sottolineo che non mi ha cacciato nessuno, me ne sono andato io. Diciamo così, che è stata una separazione consensuale. Loro la volevano, da subito, poi l’ho voluta anche io.
Il fatto è che io non riconosco, non l’ho mai nascosto, lo schieramento netto. Non posso votare per forza un atto perché sono in maggioranza. Lo voto perché lo ritengo giusto. Anche ora che ne sono fuori, voterò atto per atto secondo la mia coscienza. Non ho preclusioni sulla provenienza delle proposte.
I sistemi attuali sono basate su ideologie ormai centenarie, ora viviamo un’ emergenza diversa. Io non vado dietro nessuna ideologia fissa perché non ne esistono più. Poi, io sono amministratore locale, i semafori spenti, le righe che non si vedono… non hanno ideologia, sono solo cose da fare. Avevo un programma ben definito e a quello mi atterrò. Sono stato votato per quello. Sul mio c’era no al cambio di destinazione d’uso. Anche su quello di Marchionne. Io ho continuato a votare contro, lui no».
È stato pubblicato che si sarebbe tenuta una riunione di maggioranza per decidere la “defenestrazione” del consigliere ribelle, durante la quale Riccardo Corbucci, uno dei primi a rilasciare un comunicato con il quale ha inteso lasciare uno spiraglio aperto di collaborazione, sembrerebbe non aver proferito una parola a difesa di Cascapera.

Corbucci 1Così il presidente del Consiglio municipale chiarisce la questione: «Non è vero che ci sia stata una riunione di maggioranza, aperta quindi alla coalizione, ma soltanto una riunione del gruppo del Pd, per altro da me richiesta, nella quale non si è parlato dell’uscita di Cascapera dalla maggioranza. La verità è che Cascapera ha un carattere sanguigno, alza subito la voce e Bureca si impressiona altrettanto facilmente».
A questo punto appare evidente che qualcosa delle dinamiche interne al Pd, l’opposizione di Fdi e Ncd abbia captato: anche perché a Monte Sacro i consiglieri utilizzano spesso facebook per esternare i loro pensieri, al contrario magari di quanto fanno in aula, quando stanno attenti a non far trapelare così apertamente i propri intendimenti.
Effettivamente, il Pd è un insieme di correnti che spesso marciano a velocità differenti, è un partito complicato, figuriamoci quanto possa esserlo una coalizione. Il caso Cascapera ne è un esempio chiaro: se da una parte Corbucci e Bugli, che hanno referenti diversi – il primo lo ha in Mario Ciarla, consigliere regionale, il secondo è con Marco Palumbo, ex consigliere montesacrino ora al Comune, ascrivibili però entrambi all’area progressista del partito, avevano lasciato la porta aperta al consigliere Cd, dall’altra il presidente Marchionne e il capogruppo Bureca, entrambi molto ortodossi, referenti del senatore Miccoli, già presidente del Pd romano, lo volevano fuori perché battitore libero, quindi inaffidabile per una logica di squadra. Questi ultimi però hanno ottenuto un effetto boomerang, perché in tal modo è emersa alla luce del sole una parte moderata e innovatrice che fino ad ora era restata più o meno in penombra, dando fiato alle trombe dell’opposizione e mostrando, inoltre, quanto negli altri municipi siano state fatte scelte differenti. Ad esempio, In IV, ex V, Sansalone, prima consigliere Pd, che è entrato nel Cd, ha ricevuto il sostegno del presidente Sciascia, il quale si è augurato che il neo fuoriuscito sostenga il Pd anche dalle fila di uno schieramento politico diverso.

Roma Anno Zero. The day after

4 Dic

(pubblicato su http://www.di-roma.com)

 

Trentanove tra arresti e arresti domiciliari, tra cui l’ex amministratore delegato dell’Ente Eur, Mancini, l’ex presidente di Ama, Panzironi, l’ex capo di gabinetto della giunta Veltroni e attuale direttore extradipartimentale di polizia e Protezione civile della Provincia di Roma, Odevine, e l’ex Nar ed esponente della banda della Magliana, il nuovo Re di Roma, Massimo Carminati, considerato a capo di tutto.

marcoaurelio

Quasi cento gli indagati, tra cui il presidente del Consiglio capitolino Mirco Coratti e l’assessore alla Casa, Daniele Ozzimo, che si sono dimessi volontariamente.

Perquisita l’abitazione dell’ex sindaco Gianni Alemanno che si autosospende da FdI e va in televisione a fare pubblica ammenda del fatto, che si dovessero dimostrare fondate le accuse ai suoi fedelissimi vorrebbe dire che lui, all’oscuro di tutto ciò che è avvenuto durante i cinque anni del suo mandato, è stato tradito nella fiducia che aveva riposto nei suoi amici.

Il terremoto giudiziario e politico che ha sconvolto la Città Eterna, ha radici lontane, sono infatti quattro anni che le indagini vanno avanti  con pazienza e, una volta tanto, nella massima discrezione. Un sistema definito non a caso “mafioso autoctono” capace di occuparsi di estorsioni come delle turbative di gara d’appalto, di stringere alleanze e riciclarsi in caso di vittoria politica di altra parte, parte avversa non esisteva, contavano soltanto i denari capaci di comprare coscienze e favori da restituire…

Politici e funzionari pubblici a libro paga, soldi per tutti mentre le buche e le erbacce prosperavano nell’urbe, le scuole cadevano in pezzi, gli autobus sparivano e i lampioni si spegnevano senza soldi per la manutenzione. I fondi per le emergenze e le gare d’appalto comunali utilizzati come un bancomat da cui era possibile prelevare in continuazione.

Una Città Eterna abituata da sempre a vedere di tutto, a sopportare di tutto con una secolare rassegnazione, che “Franza o Spagna basta che se magna”.

Una cooperativa, la 29 giugno, fondata per aiutare ex detenuti che invece aiuta soprattutto se stessa e le finanze del fondatore, Salvatore Buzzi, tradotto in carcere oggi, che intesse legami con cooperative di varia provenienza, sempre con lo stesso programma: ottimizzare il profitto a scapito della libera partecipazione. Ma questa volta qualcosa potrebbe essersi rotto. Perfino il più apatico dei romani ormai aveva notato che da troppo tempo le uniche spese in bilancio che venivano alzate mentre tutto il resto veniva falcidiato “a causa della crisi” erano le spese per l’assistenza a nomadi e rifugiati ma che le condizioni degli assistiti non miglioravano mai, anzi semmai peggioravano, senza controllo, come se ci fosse una regia occulta intenta a paventare scontri simili a quelli dei sans papier francesi di qualche anno fa, intenta a farli salire di numero soltanto per incrementare i propri affari.

Un senso di impunità e di immortalità che porta però gli attori principali a perdersi, certi di essere sopra il tetto del mondo, in telefonate esplicite, sms, libri mastri nemmeno crittografati in maniera elementare.

Arriva anche il commissariamento del Pd romano, nella serata del 3 dicembre, nel tentativo di salvare la faccia e il governo della città, anche se spirano venti di campagna elettorale. Non potrebbe essere altrimenti: ci sono intere file di piddini che scalpitano per prendere il posto degli ultimi esponenti di quel che fu ribattezzato il sistema Roma affondati da questa inchiesta, c’è il Movimento 5 Stelle che indice una conferenza stampa per proclamare la propria diversità – nessuno di noi è stato indagato è il loro slogan – e chiedere le dimissioni di Marino, che in realtà ha il grande pregio di essersi presentato in Procura con tutte le carte a sua disposizione e di aver collaborato con gli inquirenti, come fece ai tempi dello scandalo Atac.

Chi scrive non ha una particolare simpatia per il “marziano”, sindaco che in periferia ci è andato soltanto quando costretto, magari mal consigliato, con un’ossessione per il centro storico e la sua pedonalizzazione, con il pallino di tenere fuori i romani delle periferie, che dovrebbero accedere solo con autobus che non ci sono e non ci potranno essere per i noti fatti della municipalizzata dei trasporti e nel contempo li massacra con una tariffazione degli stalli che mangia un quarto di uno stipendio tipo. Almeno ultimamente ha confessato la necessità di far cassa, non l’intento pedagogico del provvedimento. Magra consolazione.

Però bisogna dare atto a questo “marziano” un po’ nerd un po’ gaffeur, di essere una persona fondamentalmente onesta, che magari a colpi di figure barbine non si è mostrato incline a partecipare alla “tavola” già apparecchiata in maniera talmente bipartisan che una delle intercettazioni rivela che se ai corrotti del Pdl versavano regolarmente stipendi pesanti, agli “amici” rossi pagavano le spese elettorali.

Il prefetto Pecoraro non esclude l’eventualità di sciogliere la giunta per arrivare a nuove elezioni. Perfino Marino potrebbe non esserne dispiaciuto: per lui diventa sempre più difficile capire di chi può fidarsi, chi ha taciuto o ha partecipato in maniera più o meno attiva. Probabilmente non si ricandiderebbe neppure, già mal sopportato da una dirigenza che non aveva gradito le sue esternazioni sullo scardinare il “sistema Roma” del Pd e consapevole di essersi giocato il consenso della popolazione sulle politiche di assistenzialismo ad oltranza a “caminanti” e “immigrati” mentre, nel contempo, la sua giunta aumentava tariffe e rette per i comuni romani portatori di isee.

Ma chiunque sarà, oggi o domani, alla guida del Campidoglio, dovrà prendere coscienza che tutto ciò è accaduto anche a causa dell’inadeguatezza morale e politica di alcuni dei funzionari e dei politici che hanno avuto la possibilità di governare la città senza esserne degni.

Roma, 4 dicembre 2014. Anno zero. Si ricomincia da qui.

III Municipio di Roma Capitale: La consigliera Anna Punzo e la commemorazione delle Foibe. Questa è la verità

19 Feb

Dopo la lotta a colpi di comunicati sulle Foibe e sull’intervento alla commemorazione del dieci febbraio parla Anna Punzo, la consigliera del Pd al centro della polemica tra opposizione e maggioranza.

 

protestafoibe(pubblicato su http://www.di-roma.com)

Forse quest anno in III Municipio qualche cittadino in più ha potuto conoscere una storia tragica del nostro passato grazie anche alla querelle che si è scatenata intorno alla questione della commemorazione delle vittime della pulizia etnica praticata nei territori ex italiani di Istria e Dalmazia dopo la fine della seconda guerra mondiale, a partire dal 1947.

Una legge di circa dieci anni fa ha reso il 10 febbraio “il Giorno del Ricordo”, così come era stato fatto con il 27 gennaio, Giornata della Memoria, per non dimenticare le vittime dell’olocausto. Con il passare del tempo però, in maniera del tutto contraria agli scopi per i quali si cerca di mantenere una memoria storica dei fatti, ovvero far si che non torni nessun sonno della ragione a giustificare simili crimini contro l’umanità, i due accadimenti sono stati diversamente fatti propri dalle correnti politiche, a seconda del proprio nervo scoperto in riferimento alla storia di quegli anni.

Così, quando nell’aula di piazza Sempione è stato proposto di solidarizzare con la comunità ebraica per le scritte antisemite apparse intorno al 27 gennaio, il centrodestra si è defilato e per la commemorazione delle foibe è stata la maggioranza a sorvolare, con uno scivolone alquanto ingenuo da parte di una consigliera di Sel, che in assenza della diretta streaming è stato riportato in maniera diversa a seconda delle fonti ma che ha finito per provocare una reazione abbastanza compatta nei consiglieri di governo che hanno fatto quadrato abbandonando l’aula.

In mezzo a tale disputa prettamente politica ha finito per trovarcisi la consigliera Pd Anna Punzo, che ha deciso di seguire la propria coscienza piuttosto che l’orientamento di coalizione. Il dieci febbraio, dopo essersi recata presso la lapide posta in via Fracchia ed aver portato il proprio omaggio, emanava questa nota insieme alla collega Francesca Leoncini«Nel Giorno del Ricordo ci uniamo alla commemorazione delle migliaia di italiani vittime dell’eccidio delle foibe e dell’esodo delle popolazioni della Venezia Giulia e della Dalmazia dalle loro terre . A dieci anni dalla legge che istituisce il Giorno del Ricordo riteniamo che le Istituzioni ad ogni livello ed il mondo della scuola debbano operare d’intesa per mantenere viva la memoria dei tragici fatti perpetrati dal 1943 al 1947 sul confine orientale ad opera dalle truppe di Tito, per oltre 60 anni dimenticati, affinché la radice dell’odio che ha generato quegli orrori sia estirpata una volta per sempre e questi non si ripetano mai più».

Sulla giornata del ricordo il Ncd emanava il seguente comunicato stampa, riportando alcuni virgolettati riferiti alla consigliera di maggioranza, innescando così una ulteriore polemica: «Oggi pomeriggio i Consiglieri municipali del III Municipio del NCD Bonelli, De Napoli,Petrella e Bartolomeo, insieme alla Consigliera de PD Anna Punzo hanno dimostrato cosa vuol dire ricordare, lontani da inutili divisioni, un periodo triste della storia italiana. “Oggi abbiamo voluto, lontano dai riflettori, portare il nostro Ricordo alle vittime dell’esodo giuliano e dalmata e ai martiri della tragedia delle foibe deponendo un fiore sotto alla targa apposta nel 2009 dalla Giunta di centrodestra, da me presieduta, nella sede del III Municipio di Via Fracchia a Talenti, insieme al Gruppo del Nuovo Centro Destra la Consigliera municipale Punzo del PD che ha accettato di condividere oltre gli schieramenti ; un gesto questo che azzittisce chi in questi giorni ha voluto polemizzare o addirittura negare” In una nota il Capogruppo del NCD del III Municipio Cristiano Bonelli La Consigliera Anna Punzo PD ha dichiarato: “I morti non hanno e non devono avere colori politici e difronte ad una tragedia come è stata quella delle Foibe mi è sembrato doveroso dare seguito con coerenza a quanto dimostrato in aula consiliare appena una settimana fa non votando un emendamento di SEL, che seppur indirettamente, voleva giustificare parte di ciò che è accaduto in quegli anni. Serve pacificazione null’altro, ecco perché ho partecipato” Un gesto doveroso pieno di significato, di coerenza e di coraggio che merita un plauso . “Abbiamo voluto dimostrare, con questo gesto simbolico, che gli opposti schieramenti possono, se uniti, lanciare messaggi importanti e che la “giornata del ricordo dei martiri delle foibe” non deve servire a dividere ma solo ad unire “. Hanno concluso i Consiglieri
municipali Jessica De Napoli e Giordana Petrella e Manuel Bartolomeo».

La consigliera Punzo non ha replicato alla velina e tutto sembrava dovesse finire lì ma dopo qualche tempo un comunicato congiunto di Pd-Sel-lista civica, intitolato “Solidarietà alle consigliere Milita e Punzo”  ritornava sulla questione in maniera molto decisa: «I gruppi di maggioranza del Municipio III, Pd, Lista Civica Marino e Sel, esprimono solidarietà alle consigliere Anna Punzo e Valeria Milita per la strumentalizzazione subita da parte dell’opposizione di centrodestra, in seguito alla discussione sugli atti in memoria delle Foibe”. Lo dichiarano i capigruppo del Pd, Mario Bureca, della Lista Civica Marino, Gianluca Colletta, e di Sel, Cesare Lucidi. “Non è accettabile quello che è accaduto in questi giorni. Scrivere, come ha fatto il capogruppo del Ncd ed ex presidente del municipio Cristiano Bonelli, un comunicato stampa con il virgolettato della consigliera Punzo, senza che questa abbia mai dato il proprio assenso per quei virgolettati pubblicati dalle agenzie, è un episodio gravissimo, che deve essere stigmatizzato fortemente. Questo è un episodio che si aggiunge alla bieca strumentalizzazione delle parole della consigliera di Sel Valeria Milita, che appena una settimana fa veniva apostrofata, dalle stesse persone che oggi millantano di poter parlare per voce di consiglieri del Pd, come revisionista. In quell’occasione, inoltre, alla collega Milita era stato persino strappato un foglio dalle mani nel tentativo di non farle concludere il proprio intervento in aula. Atteggiamenti che condanniamo duramente e che dimostrano come fin dall’inizio il centrodestra cercasse di utilizzare la memoria delle foibe soltanto per inscenare una vergognosa polemica politica».

Insomma, secondo la maggioranza sembrerebbe che Bonelli, ex presidente del Municipio e consigliere con un esperienza di diverse consiliature sulle spalle abbia commesso un madornale passo falso, parlando per consiglieri non facenti parte del proprio gruppo.

La replica come capogruppo Ncd di Cristiano Bonelli non si è fatta attendere: «Le bizzare dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa dai capigruppo di centro sinistra in merito ad un comunicato congiunto del NCD del III Municipio ed una Consigliera del PD non servono a nulla se non a fare i soliti resoconti interni all’interno dell’inaffidabile centrosinistra nostrano che ormai da anni trova piacere nel lacerarsi al suo interno, come se non bastasse il pessimo lavoro svolto come opposizione nei cinque anni della Giunta Bonelli e gli otto mesi passati al governo dell’ormai abbandonato Municipio. Non entro nella vicenda interne che ha obbligato la consigliera Punzo Pd a smentire ciò che ci ha confermato ,in vari modi anche certificabili, ciò che poi ha dimostrato durante la votazione (l’unica del centrosinistra)cioè non votare un emendamento di Sel negazionista e irrispettoso delle centinaia di morti delle Foibe . Solo una querela nei confronti del Capogruppo Bonelli ci convincerà a tirare fuori la conferma che la consigliera Punzo ha voluto dichiarare nel comunicato congiunto ciò che realmente è stato scritto con tanto di virgolette, in assenza di ciò non c’è la volontà di dichiarare altro».

La diretta interessata ha accettato di dire alcune parole per far chiarezza su una vicenda che ormai l’opinione pubblica percepisce come una tempesta in un bicchier d’acqua, una inutile bagarre su un argomento tragicamente serio, tanto che mail e messaggi di protesta sono arrivati un po’ ovunque.

Racconta Anna Punzo: «Il comunicato congiunto della maggioranza ? Non l’avevo letto prima, l’ho trovato molto pesante. La storia è questa: io sono andata in forma privata a commemorare le foibe, come avevo già fatto esprimendo il mio dissenso in aula,con il voto contrario all’emendamento di Sel, quindi la mia posizione sulle foibe all’interno del gruppo era ben nota. Anche per miei trascorsi sia di famiglia che di lavoro perché quella legge è stata fatta dieci anni fa e avevo avuto modo di vederla quando era in fase di preparazione, in quanto lavoravo con delle persone che la stavano elaborando. A a livello personale le Foibe le ho sempre commemorate. Lunedì sono uscita dal municipio e sono andata alla targa, dove ho incontrato Cristiano Bonelli che mi ha fatto una battuta;  mi ha detto che non era venuto nessuno e io ho risposto che non era a me che doveva dire quelle cose, visto che ero la. Questo dialogo però è diventato un comunicato stampa, sul quale diciamo che da parte mia c’è stata una presa di posizione ma non di diniego delle parole indicate perché io quelle parole a Bonelli le ho dette ma della “strumentalizzazione” che ne è stata fatta. Cristiano ha fatto il suo, nel senso che probabilmente, in una situazione al contrario qualcuno di noi avrebbe fatto la stessa cosa? Chi lo sa, ai posteri l’ardua sentenza però ciò non toglie che questo è, questo è quello che ho detto in aula anche mercoledì, nel senso che io avevo espresso un sentimento di condivisione della commemorazione rispetto anche al fatto che io privatamente – e ribadisco privatamente – ero andata a mettere un fiore alla lapide. Mi picca di Bonelli che è persona che stimo, con il quale non nego di avere buoni rapporti, per la strumentalizzazione che ne ha fatto però ripeto, probabilmente al contrario qualcuno di noi avrebbe fatto la stessa cosa. Ovvio che se possiamo troviamo il modo di mettere in difficoltà un avversario politico. Non ci sono andata come consigliera ma come persona privata, come Anna Punzo che commemora le foibe.

 

Piazza Belotti – III Municipio di Roma Capitale: il circolo Pd intitolato a Giovanna Marturano

2 Ott
(pubblicato su http://www.di-roma.com)

Il Circolo Pd di Piazza Belotti e’ ora intitolato a Giovanna Marturano, medaglia di bronzo al valore militare, partigiana e femminista

Guglielmo Epifani, segretario nazionale del Pd, ha inaugurato ufficialmente la nuova insegna del Circolo di Piazza Belotti 37, che è ora intitolato alla memoria di Giovanna Marturano, medaglia di bronzo al valor militare e Cavaliere dell’ordine della gran croce della Repubblica Italiana, morta lo scorso agosto all’età di 101 anni.

A fare gli onori di casa la coordinatrice del circolo Maria Teresa Ellul – che l’anno scorso aveva tesserato la Marturano alle soglie dei centanni. Epifani, prima di ricordare la figura della dirigente ed attivista ha colto l’occasione per parlare della delicata fase politica che sta vivendo il governo in questi giorni e dei prossimi probabili scenari.

INAUGURAZIONECIRCOLOmarturanoEmozionata e discreta la presenza della figlia della Marturano, la Signora Anna Grifone.

Moltissime le presenze della gente comune, tanto che buona parte degli intervenuti non ha trovato posto all’interno dei locali e tanti anche gli esponenti del partito democratico: tra gli altri, oltre al presidente del Municipio Paolo Marchionne e a Riccardo Corbucci, presidente del consiglio municipale, i consiglieri al completo e gli assessori Pietrosante, Sernaglia e Rampini, i deputati Campana e Miccoli, il consigliere regionale Mario Ciarla, il consigliere capitolino Marco Palumbo, Claudio Maria Ricozzi, presidente del partito municipale. 

Nata a Roma da famiglia sarda, Giovanna Marturano studiò al liceo classico Visconti  e alla facoltà di architettura ma dovette abbandonare gli studi perché la sua famiglia si trasferì a Milano, dove lei aderì al Pci ormai clandestino. Schedata dalla polizia, scontò un mese di carcere per propaganda antifascista, venendo poi inviata al confino a Ventotene, dove nel 1941 sposò Pietro Grifone, lungamente detenuto per antifascismo. Nel 1943 fu staffetta partigiana nelle Brigate Garibaldi. Dopo la fine della guerra continuò l’impegno politico, nonostante la nascita di due figli e il sostegno all’attività del marito divenuto parlamentare. Negli ultimi anni della sua lunga vita è stata costantemente impegnata come memoria storica della resistenza. Nel 2008 aveva pubblicato il libro autobiografico “Giovanna, memorie di una famiglia nell’Italia del novecento”, edito da Edizioni Libertà, presentato a maggio dell’anno scorso anche al circolo di piazza Belotti, durante uno degli incontri del sabato del Cafè Letterario.

Luciana Miocchi

III Municipio di Roma Capitale: Paolo Emilio Marchionne, il neo presidente di Montesacro

21 Giu

(pubblicato su http://www.di-roma.com)

Alcune domande al neo presidente del III Municipio – ex IV – di Roma Capitale, Paolo Emilio Marchionne, trentaduenne, consigliere municipale dalle elezioni del 2006, nell’ultima consiliatura capogruppo Pd, eletto tale dopo due predecessori decaduti per essere passati al gruppo misto.

 

Vita reale: Marchionne di cosa si occupa, oltre che di politica?

Ho lavorato all’Istat, all’Anci, in una società che si occupava di allestimenti e organizzazione di convegni per grandi società, per la federazione del Partito. Come spesso capita a quelli della mia generazione, sempre con contratti da precario, a partire dai primi Co.co.pro.

Elezioni appena svolte: se l’aspettava una vittoria cosi netta del mondo della sinistra, sia in Municipio che al Comune?

Ci speravo ma non era per nulla scontato. Penso che sia ampiamente meritata anche per via del lavoro che c’è stato per arrivare alle primarie sia sul presidente del Municipio sia per il Sindaco. Con tanti dei ragazzi che oggi sono stati eletti sono cresciuto politicamente, lavorando insieme fianco a fianco ormai nell’arco di più di dieci anni.

Quando ha cominciato a fare politica?

Nel 2001 mi sono iscritto ai democratici di sinistra.

marchionneProgetti per il Municipio:

– Nei primi cento giorni cosa vorrebbe realizzare?

Innanzitutto, va subito rimesso in piedi il piano regolatore sociale, quindi una ricostruzione larga di quelli che sono i bisogni di questo territorio e di conseguenza, una nuova elaborazione dei servizi. Contemporaneamente dobbiamo metterci subito al lavoro per l’inizio del nuovo anno scolastico per far si che quando riapriranno, le nostre scuole siano delle istituzioni vere. È complicato, non si può fare tutto in tre mesi però bisogna iniziare.

– E i soldi chi ve li dà?

Dobbiamo programmare, quello che non si è fatto in cinque anni, non inseguire le emergenze, che pure ci sono. Questa è la sfida di un governo che sa che davanti a se ha cinque anni, per questo dico che ripartiamo dalle scuole, dal sociale, in primis . ovviamente non ci sono solo questi due temi ma su questo vogliamo lavorare in maniera più immediata. Sapendo che per alcune cose gli investimenti sono più grandi bisogna trovare i soldi, chiedere le risorse, fare gli avvisi pubblici, avvisi di gara, quindi è necessaria la programmazione, perché bisogna dare delle certezze, non raccontare storie. Ci sono duecentomila euro per una scuola, poi non ci sono più, poi ritornano. Mi pare poco dignitoso per i cittadini, vogliamo essere un po’ più seri di chi ci ha preceduto.

– Come la pensa sul reperire fondi dai privati con le sponsorizzazioni?

Va bene, ci sono delle strutture che devono ricompensare la comunità locale per i lavori che fanno. L’unica cosa è che mi sembra che fino a qui i contributi dei privati siano andati per lo più su progetti mediatici – per esempio sul comitato olimpico – che non su quelli che hanno una ricaduta più immediata. Noi vorremmo che il privato sociale ci aiutasse a fare delle cose che durino nel tempo.

– E qui in Municipio?

Bisogna fare delle gare, anche per i privati che danno sponsorizzazioni.

– Anche chi fornisce dei servizi gratis?

Il privato che vuole dare dei servizi, lo può fare ma bisogna vedere quali. Sul sociale il volontariato non può sostituirsi all’assistenza, la può aiutare, può integrare ma un servizio è un servizio, servono i soldi pubblici. Sulla manutenzione del verde, alcune attrezzature scolastiche, su alcune cose si può lavorare sapendo però che sono interventi ragionati.

– Sulle somme che si possono assegnare senza bando?

Faremo solo bandi pubblici, per rientrare nella legalità. La somma urgenza deve essere somma urgenza. Non può essere una scusa per dare tutto in trattativa privata. Se ci fossero dei locali a disposizione? Su questa cosa qui abbiamo preso un impegno chiaro, ne facciamo una questione programmatica. Non è che se una scuola ha una stanza vuota si offre al primo che capita. Alla stessa maniera, i locali municipali vanno rimessi a sistema. Dobbiamo pensare ad un insieme di servizi che stanno in una programmazione di una idea. Prima si dice quello che serve poi si trovano le realtà che possono occuparsene. Bisogna utilizzare almeno un avviso pubblico, magari scegliere un concorso di idee.

– Politica municipale: la presidenza del consiglio la lascerete all’opposizione?

Si tratta di una figura di garanzia ma che credo che la maggioranza debba dire la sua. Lasceremo tutti gli spazi necessari alle varie anime dell’opposizione, questo assortimento è un elemento di novità, segno di vivacità istituzionale, che esce dalla logica un po’ sclerotica e monotona degli ultimi anni.

Marchionne 25 Aprile Porta San PaoloQuestioni dal territorio:

– La vicenda della scuola di Settebagni e i lavori che servono a mantenerla agibile, ancora non terminati. Cosa accade ora?

Saranno una priorità. Dobbiamo fare il punto, capire quale è la disponibilità attuale e eventualmente trovare i soldi che servono.

– L’asilo nido di Castel giubileo?

Va riaperto. Ristrutturato e riaperto, senz’altro.

– Lo sgombero della struttura di prima accoglienza di via Salaria. È rientrata l’emergenza sanitaria? Non si parla più di trasferimento dei nomadi presenti?

No, era un colpo di genio per speculare una volta in più sui nomadi e tra l’altro sarebbe costato una tombola, settemila euro al giorno perché andavano in una struttura privata dell’Arci Confraternita di S. Giovanni , 350 persone per venti euro al dì. Qui almeno non paghiamo l’affitto perché la struttura è pubblica. Non è un argomento di diretta competenza municipale ma vorremmo affrontare il discorso con la giunta capitolina in maniera nuova. Almeno con le persone che vogliono uscire da questo sistema qui vorremmo utilizzare delle risorse, invece che impegnarle in campagna elettorale. Stiamo parlando di circa settemila persone che vivono in campi autorizzati. Su circa tremilioni di persone credo che possiamo trovare una soluzione diversa.

– Senza dargli la casa, come paventa una parte dell’opinione pubblica?

Il tema della casa.. credo che invece di pagare 24000 euro al mese per la struttura della Cesarina si possono pensare dei progetti diversi, si possono creare delle aziende, delle attività lavorative che con gli stessi soldi anziché assistenza creano sviluppo.

– E gli altri romani che sono rimasti fuori dal sistema del lavoro?

Non si tratta di fare differenze tra romani e rom, il problema già esiste . Ora abbiamo un costo per l’assistenza secca. Alcuni sono qui da più di dieci anni. Spendiamo molti soldi per ospitarli in una struttura come Cesarina, dove l’acqua è razionata, la corrente pure, le roulotte sono fatiscenti. Penso che possiamo permetterci di invertire un po’ i ragionamenti. Non si tratta di dare le case ai rom, questi sono ragionamenti che nascono dall’idea di dover speculare molto. Naturalmente servono dei progetti veri di uscita dal campo.

– E chi non si volesse adeguare?

Continueremo magari con i più anziani nel sistema tradizionale. Ma nei campi ci sono più della metà di bambini e ragazzi con la voglia di cambiare. Vent’anni fa si è iniziato con la scolarizzazione, i campi attrezzati. Io vorrei proporre al sindaco di iniziare proprio con il nostro territorio, con la Cesarina in particolare, un percorso di uscita dai campi con chi è sempre stato qua, in modo da andare ad esaurimento degli assistiti.

Luciana Miocchi

III Municipio di Roma Capitale: prima intervista a Cristiano Bonelli, presidente uscente di Monte Sacro, dopo il risultato delle consultazioni municipali

12 Giu
Cristiano Bonelli (foto L. Miocchi)

Cristiano Bonelli (foto L. Miocchi)

(pubblicato su http://www.di-roma.com a poche ore dalla chiusura delle urne)

È questione solo di stabilire i decimali esatti ma è ormai acquisito che per Cristiano Bonelli non ci sarà un secondo mandato.

Fin dal primo turno le urne avevano dato in vantaggio Paolo Marchionne, Pd, per un 14% circa Paolo Marchionne, già vincitore delle primarie del centrosinistra: una rimonta appariva qualcosa di estremamente difficile. Il presidente uscente affronta le domande immediatamente, senza aspettare la dichiarazione ufficiale. Il distacco è troppo grande per sperare negli ultimi spogli e lui riconosce il risultato dell’avversario politico…

 

Come interpreta il risultato elettorale?

 

Come un risultato di un voto “ideologico”, nel senso che questa consultazione elettorale è un richiamo alle strutture di partito che da una parte hanno funzionato e dall’altra no. Con così pochi votanti rispetto agli aventi diritto, oltre il 53% non l’ha fatto, è facile dedurre che a votare sono andati, per la maggior parte anche se non tutti, solo i più affezionati alla struttura partitica. Il dato è oggettivamente questo, la grande disaffezione della gente e la domanda se la devono porre tutti quanti quelli che fanno politica. Facendo un riscontro delle schede elettorale nelle sezioni, si nota che a sinistra la grande maggioranza di persone ha fatto la croce sul simbolo di partito mentre i miei elettori hanno segnato in gran parte il nome del candidato. Significa che la gente non ha scelto la persona – tengo a dire che Paolo Marchionne secondo me è un bravo ragazzo che però in cinque anni di opposizione non ha spiccato per una qualche iniziativa particolare che lo abbia potuto mettere in evidenza ma di questo non gliene se ne può fare una colpa – al contrario di cinque anni fa, quando il sottoscritto fu scelto dopo aver fatto opposizione vera per 12 anni, dopo un presidente estraneo al territorio (Alessandro Cardente, ndr).

 

Quanta parte della sconfitta pensa che sia addebitabile alla gestione comunale?

 

Abbiamo perso in tutti i comuni, non soltanto a Roma. Evidentemente è un sentore diffuso in Italia, c’è un’aria che tira a sinistra e non a destra

 

Come cambia la sua vita da questa sera?

 

Io faccio politica di territorio da 25 anni, da ragazzino come militante fino a crescere, fino ad arrivare alla presidenza del Municipio. Non cambia nulla. Cambierà lo stile della giornata, certo. avrò meno stress e responsabilità, meno frenesia dell’impegno pressante. Ora sarò un po’ meno sotto pressione ma continuo a fare politica perché ho la fortuna di farlo per passione, non per mandato. Rappresento ancora tanta gente che crede in me e continuerò a rappresentare i cittadini come ho sempre fatto per il bene del nostro territorio che sicuramente in questi ultimi cinque anni è migliorato.

 

Luciana Miocchi

L’alba del Giorgio dopo. Napolitano è il XII Presidente della Repubblica italiana

22 Apr

(pubblicato su http://www.di-roma.com)

NAPOLITANOL’italia ha il suo nuovo, anzi vecchio, Presidente della Repubblica. Dopo cinque scrutini con fumata nera, il Presidente uscente ha ceduto alle pressioni congiunte di Pdl, Pd e Centro e, nonostante avesse più volte ribadito la propria intenzione a non ricandidarsi, ha accettato di cavar le castagne dal fuoco ad una politica sempre più incapace di prendere la minima decisione.  Per Scalfaro, nel 92, si arrivó alla diciottesima votazione in un clima pesantissimo,con all’orizzonte la fine della prima Repubblica sotto i colpi delle inchieste giudiziarie, Dc e Psi che non volevano arrendersi all’evidenza dei sintomi e lottavano per imporre i propri nomi al resto dei partiti che invece avevano ben chiaro che si era prossimial crollo verticale della polica fino ad allora conosciuta. Questa volta ci si  è fermati prima e dopo appena tre giorni si è scelto come salvatore della patria un fresco giovanotto di ottantotto anni – Napolitano li compirà a giugno – e, passi per Bersani ormai costretto a navigare a vista, passi per Monti che si è sempre aggrappato all’Istituzione, non si capisce l’appoggio di Berlusconi che aveva più volte nel corso degli anni tacciato il neoPresidente di essere di parte, comunista e dedito all’interferenza negli affari del governo. Infatti nelle Inquadrature dei tg, il più contento, con un sorriso a settantadue denti è proprio lui,  riuscito a rendere indispensabile il suo intervento, un vincitore.

Bersani non è l’unico ad uscire con le ossa rotte da queste elezioni, anche l’intera dirigenza si è dimessa, aprendo le porte ad un congresso straordinario dove verranno regolati parecchi conti e forse i rottamatori o i giovani turchi o come sceglieranno di farsi chiamare, rousciranno finalmente a mettere le mani su un corpo ormai agonizzante, capace di trasoemare una vittoria annunciata nella peggiore delle sconfitte. In realtà è l’intero sistema dei partiti di governo ad essere malato, incapaci di accettare un rinnovamento invocato dall’intera nazione preferiscono tirare a campare affidandosi alla credibilità di un uomo di Stato che se anche non è stato dei più amati sicuramente non ha mai messo in imbarazzo il paese difronte la comunità internazionale. L’usato sicuro, insomma, che consenta un governo del Presidente che possa realizzare quelle riforme, come la giustizia, il sistema elettorale e il conflitto di interessi, che in questi 21 anni di Seconda Repubblica nessuno ha mai voluto o potuto, varare. A voler malignare le ragioni di una scelta incomprensibile all’opinione pubblica sono due: tra i franchi tiratori che hanno bruciato prima Franco Marini e poi Romano Prodi ci devono essere degli aspiranti alla carica che premendo per una scelta necessariamente di breve termine sperano cinicamente che si presenti il momento propizio per eleggere se stessi oppure l’intento era quello di escludere, costi quel che costi, qualsivoglia candidato appoggiato da Grillo, senza nessun risentimento di carattere personale verso Stefano Rodotà, giurista ex garante della privacy e presidente dei Ds, uomo già conosciuto nel sistema quindi, ma con il peccato originale derivante dalla sua designazione esterna ai partiti tradizionali ad opera di un movimente che in questi due mesi dai risultati delle urne non ha voluto costruire un dialogo con nessuno e quindi potenzialmente destabilizzante.

L’impressione che l’opinione pubblica ne ha ricavato non è stata delle migliori. Senza voler tohliere nessun merito all’uomo di Stato, la scelta di un quasi novantenne restituisce l’immagine di una politica che si avvita su se stessa nel tentativo di salvare l’egemonia di pochi noti e chiede di fare la foglia di fico a termine ad un nonnino troppo ligio al dovere per inviarli a quel paese. Di solito è l’eletto che ringrazia, non gli elettori, come è avvenuto ieri, aspiranti gattopardi senza la forza di cambiare tutto perchè rimanga tutto uguale.
Sono tempi tristi questi, dove non sembrano esserci figure carismatiche  e competenti. Tutti aprono bocca e gli danno fiato senza pensare alle conseguenze, come Grillo che denuncia il colpo di stato – in diretta tv e secondo i regolamenti delle camere unite –  e invoca la rivolta delle piazze, salvo poi far marcia indietro e raccomandare la protesta pacifica. Che abbia ricevuto un’amorevole tirata d’orecchie dal ministro dell’Interno, annamaria Cancellieri, già Questore?
Chi in piazza ci è andato davvero racconta che le poche decine di attivisti grillini ripetevano “golpe” e “rivoluzione” come un mantra isterico, davanti alle forze dell’ordine schierate e preparate al peggio.
Da parte sua Quagliariello, uno dei “saggi” designati da Napolitano ci mette il carico da novanta, dicendo davanti ai microfoni “Non possiamo governare facendo quello che dicono le piazze, la politica è politica”. Chi legge tragga  le conseguenze.
Nichi Vendola, leader di Sel che aveva tenuto fede agli accordi presi, ha annunciato l’apertura di un nuovo cantiere per la rifondazione di una sinistra da iscrivere al partito socialista europeo.

A nemmeno un giorno dalla riconferma di Napolitano, intanto, già si rincorrono le voci su una possibile composizione del futuro governo, con papabili Enrico Letta e Giuliano Amato, nonchè Monti al ministero degli Esteri. Il vecchio che avanza e non arretra, a meno che non si voglia considerare una novità il già pensionato Amato, già primo ministro qualche lustro addietro e sempre presente sulla scena politica.
Intanto domani Giorgio Napolitano renderà note le motivazioni che l’hanno spinto a tornare sui suoi passi e chissà che non faccia delle rivelazioni “scioccanti”.
Luciana Miocchi

Totopresidente: la base mormorò non passa l’alpino!

19 Apr

(pubblicato su http://www.di-roma.com)

foto Di Roma

foto Di Roma

Per i primi tre scrutini sarà necessaria la maggioranza dei due terzi, cioè 672 voti, per strappare il passaporto per il Quirinale, due sono già andati con esito negativo.

Infatti il candidato designato nella riunione tra Bersani e Berlusconi, Franco Marini, ex sindacalista, ex Dc, ora Pd (ma il Cavaliere non chiedeva un Presidente non del Pd?) non ce l’ha fatta, colpito dal fuoco incrociato dei franchi tiratori, che hanno bruciato una maggioranza sulla carta di 766 consensi. Dalla quarta votazione sarà sufficiente la maggioranza assoluta, a quota 504.

 

Quell’accordo però, a molti non è andato giù. Nell’ambiente si vocifera che l’accordo fosse stato trovato in cambio di un governo dalla data di scadenza già decisa, nove mesi, a guida Enrico Letta. La reazione della base non si è fatta attendere ed è cominciata con i commenti al vetriolo sui social network. Nella riunione dell’altra notte il dissenso era stato manifestato apertamente e restringerlo ai soli “renziani” sarebbe riduttivo. I militanti dei circoli e i “giovani turchi” – cioè la nuova generazione della sinistra democratica – non hanno proprio gradito il patto con Berlusconi, sempre combattuto, almeno a parole, sul fronte dell’etica e del conflitto di interessi, ma poi preferito al dialogo con il Movimento Cinque Stelle, che sembra avere più punti di convergenza con il programma del Pd. La ribellione è andata in onda per le strade, nei circoli e sulla rete, mentre nelle stanze del potere le decisioni sembravano andare in direzione opposta. Lo si potrebbe definire uno scontro generazionale sul modo di intendere e conservare il potere . Durante la manifestazione organizzata in piazza del Parlamento con un tam tam via email e face book sono state perfino bruciate alcune tessere di partito.

 

Eppure Marini ancora ci crede, ignorando la tradizione che vuole che si entri in conclave da Papa e se ne esca cardinale. Alla seconda votazione ha raccolto tanti voti, 15, quanti ne ha racimolati Mussolini, vittima della vecchia tecnica che vede protagonisti nel segreto dell’urna, i franchi tiratori, che ha varie volte sovvertito risultati dati per acquisiti in riunioni lunghe e faticose, portando poi all’elezione di outsider tenaci e fino a quel momento nell’ombra ad aspettar pazienti il momento giusto. All’elezione di Scalfaro si arrivò cosi, come anche a quella di Pertini.

 

Nulla di nuovo sotto il sole quindi, se non le motivazioni. Allora furono le rivalità tra le correnti dei partiti, la resa dei conti tutta interna, mentre oggi il dissenso parte da chi è a contatto con gli elettori e la vita di tutti i giorni, da chi sa che ormai certe scelte vengono avvertite come gli ultimi colpi di coda di un mondo ormai estraneo a chi non ne fa parte, sempre uguale a se stesso, che agisce con l’unico scopo di preservare il proprio status.

 

Un voto, tra gli altri, anche per Rocco Siffredi e Valeria Marini, in aperta polemica con quanti davanti alle telecamere avevano dichiarato che all’Italia serve un presidente che viene dalla politica e non dalla società civile. Certo, anche stavolta i frequentatori del transatlantico hanno capito perfettamente gli umori del paese, proponendo un neottantenne, sindacalista e politico di lungo corso, poco avvezzo all’uso dell’inglese. Nulla di personale contro Marini piuttosto contro le modalità che hanno portato alla sua scelta.

 

Forse a questo punto sarebbe davvero auspicabile l’elezione di una personalità di grande levatura morale estranea ad un establishment ormai avvertito come alieno. La costituzione dichiara eleggibile qualsiasi cittadino che abbia compiuto cinquanta anni – con buona pace della portavoce M5S Lombardi, splendida gaffeuse laureata in giurisprudenza – ma non prescrive l’appartenenza alla classe politica.

 

Solo che diventa difficile trovare qualcuno di presentabile, intelligente e onesto disposto ad abbandonare la “missione” di una vita per consegnarsi mani in alto per sette anni ad un mondo di rappresentanza e diplomazia estraneo e forse pure un po’ ostile.

 

Infatti Gino Strada e Milena Gabanelli, scelti on line dalle “quirinarie” di Grillo, che la levatura morale ce l’avrebbero, si sono chiamati fuori facendo appello alla loro non preparazione per il ruolo istituzionale. Come dargli torto. Tra l’altro, in Parlamento nessuno si è disperato, dimostrando così di scarseggiare in acume: sarebbe stato un modo come un altro per disinnescare dei personaggi impossibili da imbavagliare in altro modo lecito. Ma tant’è.

 

È intervenuto nel tardo pomeriggio anche Walter Veltroni, padre fondatore del Pd, per dichiarare che dopo il risultato della prima votazione insistere sulla stessa strada sarebbe un errore. Puntuale, poco dopo è arrivata l’esternazione di Bersani: si cambia registro, ci sarà una nuova riunione per decidere il da farsi.

 

Pierferdinando Casini, nomen omen, ha parlato di “gran casino” e ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano cosa sarebbe accaduto nelle prossime votazioni con un bel “Chi vivrà vedrà”.

 

Il salvatore della Patria sembrerebbe essere l’ex garante della privacy, Stefano Rodotà, terzo nella lista delle Quirinarie e ben visto anche dalle liste civiche, da molti grandi elettori, da Sel e dai dissidenti del Pd. Non è che sia molto più giovane di Marini, o estraneo alla politica degli anni addietro – è stato anche ministro – ma non è stato proposto a Bersani dall’improbabile alleato di Arcore, se la cava meglio del vecio alpin con le public relation e con l’inglese, ha quell’aria triste da travet statale che potrebbe essere agevolmente scambiata come impersonificazione dello Stato stesso in questi tempi di crisi.
Per la serie non abbiamo di che stare allegri.

 

Previsioni serie, ormai è chiaro, non se ne possono fare. La rivolta della base del Pd ha segnato un passaggio epocale, una decisione che sembrava definitiva è stata rimessa in discussione, solo il tempo saprà dire se si è trattata dell’ennesima rinascita del Gattopardo o dell’inizio della fine di un’era.

 

Forse sarà Rodotà l’undicesimo Presidente della Repubblica Italiana e la sua elezione porterà alla nascita di un governo Pd-M5S, propiziato dalle basi, durevole pochi mesi di intense riforme o saldo fino a fine legislatura.

 

Forse invece i voti convergeranno su un nome terzo, magari appartenente ad un giovinotto di sessanta-settanta anni, poliglotta, charmant e dall’immagine non troppo inflazionata ma professionista del triplo salto mortale in modo da non dispiacere a nessuno. Che Casini ci stia facendo un pensierino?

 

Luciana Miocchi

IV Municipio di Roma Capitale: il capogruppo Idv Romeo Iurescia passa ufficialmente al Pd

15 Feb

Iurescia(pubblicato su http://www.di-roma.com)

Con comunicazione protocollata il giorno di S. Valentino, Romeo Iurescia, capogruppo fino a quel momento dell’Idv, ha ufficializzato il suo passaggio al partito democratico, salutato così dal comunicato di Umberto Marroni, capogruppo Pd al consiglio di Roma Capitale:

“Voglio dare il benvenuto nel Partito Democratico al consigliere municipale Romeo Iurescia, che in questi cinque anni ha sempre garantito un’opposizione ferma e costruttiva alle amministrazioni di centrodestra di Alemanno e Bonelli. Positivo l’ingresso di Iurescia, proveniente dall’esperienza della società civile. Un adesione al gruppo che conferma il buon lavoro del PD territoriale, che ha saputo costruire un’alternativa valida in IV Municipio in grado di battere le destre e proporre un modello sano di governo, collaborando con le altre forze al pd. Dare forza al PD oggi vuol dire, infatti, dare forza ad un’alternativa di governo credibile per voltare pagina dopo la fallimentare esperienza Alemanno”.

L’avvicinamento di Iurescia al Pd era evidente da mesi, si era palesato la prima volta quando partecipò all’incontro organizzato da Riccardo Corbucci alla sala Agnini con Dario Franceschini, unico politico di un altro partito presente all’evento e proseguito poi con l’assidua frequentazione dei gazebi e l’organizzazione di incontri elettorali a sostegno dei candidati alle varie tornate elettorali.

Cristiano Bonelli, presidente del IV Municipio, Pdl, così ha commentato l’evento:

«Assurdo ed unico il pd in IV, che ha dimostrato in questi anni inaffidabilita’ e pochezza politica, i litigi hanno dilaniato gli ex Ds con migrazioni costanti degli eletti nel Pd in altri partiti, riducendolo a 4 consiglieri . Davvero imbarazzante poi la vicenda che vede il consigliere Iurescia, messo alla gogna dal Pd e dai siti vicini, reo di aver chiesto ed ottenuto 23mila e di rimborsi chilometrici ed oggi nuovo consigliere del gruppo Pd accolto in pompa magna accanto al cons Corbucci nella campagna elettorale x un candidato regionale. Furono lo stesso Corbucci e la presidente della Commissione trasparenza Rampini ad attacarlo ma oggi e’ il benvenuto ?»

Luciana Miocchi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: