Archivio | II Municipio di Roma RSS feed for this section
Immagine

Parioli: ubriachi vicino ai giochi nel parco Rabin, rimosso accampamento | di Alessandro Pino

20 Apr

[ROMA] Un accampamento abusivo occupato da due persone senza fissa dimora nel parco Rabin in via Panama è stato rimosso con un intervento congiunto dei Carabinieri, della Polizia Locale di Roma Capitale e dell’Ama. I residenti avevano segnalato la situazione dopo aver trovato ripetutamente i due in stato di ubriachezza vicino ai giochi per bambini

Sono stati rimossi cinque metri cubi di rifiuti tra cui numerose bottiglie di alcolici consumate dai due occupanti: uno di loro, un romeno trentaquattrenne, è stato multato per illecito abbandono di rifiuti in luogo pubblico. L’uomo è stato poi affidato al Nucleo Assistenza Emarginati della Polizia Locale.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma e Polizia Locale Roma Capitale)

Immagine

Parioli: scoperta festa notturna di studenti | di Alessandro Pino

12 Apr

[ROMA] Un party clandestino di studenti organizzato in barba alla vigenti disposizioni anti Covid è stato scoperto e interrotto ai Parioli dai Carabinieri la notte del 12 aprile. I militari della Stazione Roma Parioli e quelli della Stazione Roma Viale Eritrea con i colleghi del Nucleo Radiomobile di Roma sono intervenuti presso un’abitazione in un condominio di via Ruggero Fauro dove alcuni residenti avevano segnalato al 112 la presenza di schiamazzi e musica nel corso di una festa privata.

Quando i Carabinieri sono arrivati hanno constatato la presenza nella casa di otto ragazzi, tutti studenti universitari di età compresa tra i 20 e i 25 anni, che stavano festeggiando in violazione alle norme vigenti, venendo identificati e sanzionati per un totale di oltre duemila euro.
Alessandro Pino

Immagine

Galoppatoio: buffet e musica con assembramento, trovati a mangiare e bere | di Alessandro Pino

3 Apr

[ROMA] La sera del 2 aprile nel corso di un servizio mirato alla verifica del rispetto delle vigenti norme anti Covid, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Parioli, unitamente ai colleghi del NAS Roma, sono intervenuti nel centro ippico di viale del Galoppatoio trovando un assembramento di oltre trenta persone, alcune prive di documentazione attestante l’appartenenza alla struttura.

Sono state accertate anche altre violazioni tra cui la mancata sospensione dei servizi di ristorazione, anche in modalità buffet, permettendo ai presenti di continuare a consumare bevande alcoliche e prodotti oltre l’orario consentito; la presenza di avventori assembrati in tavoli composti anche da 7/8 persone, senza distanziamento sociale, che consumavano alcool e cibo intrattenuti con musica filodiffusa e riproduzione di video musicali su schermi; la mancata applicazione delle procedure di autocontrollo previste dalle norme Haccp.

In totale, i militari hanno contestato sanzioni amministrative per 12.672 euro e hanno applicato la sanzione accessoria della chiusura per 5 giorni dell’area ristorazione del centro.
Alessandro Pino

Immagine

Via di Ponte Salario: un arresto per droga | di Alessandro Pino

3 Apr

[ROMA]I Carabinieri hanno arrestato nelle scorse ore un cinquantenne romano in via di Ponte Salario dopo essere stato trovato con otto grammi di cocaina in una tasca dei pantaloni. Successivamente i militari della Stazione Roma viale Libia hanno perquisito la sua macchina parcheggiata nella stessa strada, trovando altre quattro dosi dalla stessa sostanza.
Alessandro Pino

Immagine

Quartiere Trieste: rifiuti speciali nei cassonetti della differenziata, quattro denunciati | di Alessandro Pino

2 Apr

[ROMA] Stavano scaricando da un Fiorino una stampante, i toner e scatoloni di medicinali scaduti in un cassonetto per la raccolta differenziata della carta nel quartiere Trieste ma sono stati colti sul fatto da una pattuglia della Polizia Locale: per questo due svuota cantine italiani sessantenni sono stati portati in ufficio e denunciati per il trasporto e lo sversamento illegale di rifiuti pericolosi mentre il furgone è stato sequestrato.

Inoltre dagli accertamenti si è riusciti a risalire allo studio medico che si era rivolto agli svuota cantine abusivi, incaricandoli di gettare irregolarmente i rifiuti che invece avrebbero dovuto essere smaltiti da una ditta adibita al trattamento di materiale sanitario: un medico di base e la sua segretaria sono stati quindi denunciati all’Autorità Giudiziaria.
Alessandro Pino

(Foto Polizia di Roma Capitale)

Immagine

Arrestati rapinatori di Rolex in trasferta da Napoli ai Parioli | di Alessandro Pino

26 Mar

[ROMA] Tre rapinatori napoletani, specializzati in rapine di orologi di pregio che operavano in trasferta a Roma particolarmente nei quartieri Salario, Parioli, Monteverde e Aurelio sono stati arrestati dalla Polizia. I tre sono ritenuti autori di alcuni colpi avvenuti a febbraio, ottobre e novembre 2020.

Attraverso complesse indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma e condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Roma in collaborazione con i colleghi di Napoli analizzando il traffico telefonico e tramite riconoscimenti fotografici da parte delle vittime, è stato possibile ricostruire l’esatta dinamica di tre rapine aggravate – delle quali due tentate –contestate a due distinti gruppi di trasfertisti.

A febbraio dello scorso anno due criminali rapinarono un Rolex da trentamila euro usando la tecnica dello specchietto: uno dei malviventi urtava pretestuosamente il retrovisore delle autovetture delle vittime ferme al semaforo o in procinto di parcheggiare e non appena il malcapitato abbassava il finestrino allungando il braccio per sistemarlo, il complice gli strappava via con violenza l’orologio che aveva al polso.

Nei due tentativi di rapina avvenuti invece a ottobre e novembre, un altro bandito insieme a dei complici, una volta individuata la vittima in auto l’aveva seguita lungo il tragitto e appena scesa dalla macchina l’aveva aggredita alle spalle cercando di portare via l’orologio indossato.

Tutti e tre gli arrestati sono finiti nel carcere di Poggioreale a Napoli mentre sono in corso ulteriori indagini per individuare i complici al momento rimasti ignoti.
Alessandro Pino

Immagine

Colpi di pistola in aria a piazza Fiume: una denuncia | di Alessandro Pino

25 Mar

[ROMA] Dopo accurate indagini è stato identificato e denunciato dalla Polizia il ragazzo che lo scorso 14 marzo a piazza Fiume aveva impugnato un’arma sparando alcuni colpi in aria davanti ad alcune decine di giovani che avevano improvvisato un raduno alla vigilia della Zona Rossa.

La scena era stata anche filmata e messa in rete dai passanti: il video, subito diventato virale, ritraeva un ragazzo col braccio alzato e una pistola in mano con cui esplodeva quattro colpi in aria.

Gli investigatori del II Distretto Salario Parioli, dopo aver analizzato vari filmati e screenshot della scena, hanno notato che in uno di essi era stato taggato un account di Tik Tok , corrispondente a un ragazzo di 22 anni.

In particolare, dal materiale pubblicato dal ragazzo (foto e video musicali) noto sui social come cantante rapper, i poliziotti hanno verificato che la giacca della tuta indossata in due recenti pubblicazioni era identica a quella indossata dall’autore degli spari nei pressi di piazza Fiume.

Attraverso ulteriori accertamenti si è risaliti alla residenza del giovane: essendo irreperibile all’anagrafe sono iniziati vari appostamenti per ricercare l’effettiva abitazione dello stesso. Alla fine gli agenti sono riusciti a trovarlo e a farsi consegnare la pistola, risultata una scacciacani priva del tappo rosso regolamentare e che è stata sequestrata.

Il giovane è stato denunciato alla Procura presso il Tribunale di Roma e rischia fino a due anni di carcere avendo portato in luogo pubblico un’arma che, seppur non considerata arma propria, era stata manomessa e per le esplosioni che hanno generato allarme tra i presenti.
Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

Immagine

Nomentano: scoperta festa notturna di studenti | di Alessandro Pino

22 Mar

[ROMA] Una festa clandestina di studenti è stata scoperta la notte del 22 marzo dai Carabinieri al quartiere Nomentano. I militari della Compagnia Roma Parioli, insieme ai colleghi della Stazione Roma Viale Libia e del Nucleo Radiomobile di Roma sono intervenuti alle tre del mattino in un’abitazione in via Costantino Maes dove era stata segnalata una festa privata con musica e schiamazzi.


Giunti sul posto, i Carabinieri hanno trovato dieci giovani- il figlio della proprietaria e nove amici di varie nazionalità, tutti universitari della Sapienza- che festeggiavano in spregio alle norme anti Covid. La festa è stata interrotta e i giovani sono stati identificati e sanzionati.
Alessandro Pino

Immagine

Nemorense: presi mentre rubano in un cantiere | di Alessandro Pino

16 Mar

[ROMA] Due romeni di 20 e 25 anni già noti alle forze dell’ordine sono stati arrestati la scorsa notte dai Carabinieri dopo essere stati sorpresi a rubare in un cantiere stradale in via Lariana.

I due ladri avevano forzato la recinzione del cantiere caricando su carrelli di fortuna serramenti in alluminio e cercando di portare via anche grossi utensili da lavoro ma sono stati bloccati da una pattuglia della Stazione Roma Viale Libia che passava in quel momento.

I materiali sono stati restituiti ai titolari della ditta che sta eseguendo i lavori mentre i due arrestati sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

Alessandro Pino

Immagine

Piazza Bologna: bloccate due borseggiatrici, avevano derubato un’anziana  |   di Alessandro Pino

16 Mar

[ROMA] Due borseggiatrici romene di venticinque e ventitré anni già note alle Forze dell’ordine sono state arrestate dai Carabinieri nei pressi della fermata Bologna della metropolitana B subito dopo aver derubato una anziana signora in via Lorenzo il Magnifico.

I militari della stazione San Lorenzo in Lucina le avevano notate aggirarsi con fare sospetto nella stazione Spagna sulla linea A e le hanno pedinate. Le due malviventi dopo aver cambiato linea, sulla metro B avevano preso di mira una signora di 77 anni, rubandole il portafogli una volta uscite.
A quel  punto i Carabinieri sono intervenuti e le hanno bloccate recuperando il portafogli con oltre quattrocento euro e i documenti.

Le due arrestate sono state portate al loro domicilo in attesa del processo per direttissima.
Alessandro Pino

Immagine

Piazza Bologna e piazza Fiume: sciolti assembramenti, sanzioni per la Zona Rossa | di Alessandro Pino

15 Mar

[ROMA] Con il coprifuoco e appena scattata la mezzanotte del 15 marzo e con essa la zona rossa del Lazio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito una serie di controlli nelle piazze maggiormente frequentate della Capitale per far rispettare le misure anti Covid.

Le prime sanzioni sono scattate nei pressi di piazza Fiume e piazza Bologna, dove i Carabinieri della Compagnia Roma Parioli hanno sanzionato e chiuso per cinque giorni due bar in cui si vendevano bibite alcoliche oltre l’orario consentito a nove persone, tutte identificate e sanzionate.

Al contempo i militari hanno sanzionato due comitive di giovani assembrati in via Michele di Lando e in via Viterbo all’angolo di via Salaria, sciogliendo gli assembramenti.

Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Donna scomparsa ritrovata a piazza Annibaliano | di Alessandro Pino

11 Mar

[ROMA] Un caso veramente da “Chi l’ha visto?” quello accaduto lunedì scorso quando una donna in preda al panico e alla disperazione ha chiamato il 112 denunciando la scomparsa della figlia trentenne. A quel punto la sala operativa della Questura di Roma ha attivato il piano di rintraccio delle persone scomparse diramando alle pattuglie le note di ricerca con una descrizione dettagliata della ragazza

I poliziotti hanno suggerito alla madre della giovane di effettuarle una videochiamata: anche se la figlia non rispondeva alle domande, gli investigatori sono riusciti a decifrare alcuni dettagli, restringendo l’area di ricerca ai dintorni delle fermate della metro B di piazza Bologna, viale Libia e piazza Annibaliano. Proprio una pattuglia del commissariato Vescovio ha intercettato la donna nei pressi della stazione metropolitana Annibaliano; gli agenti si sono avvicinati con cautela e dopo un lungo colloquio la giovane si è convinta a seguirli  presso il Distretto San Paolo dove c’era la madre ad aspettarla.

Alessandro Pino

Immagine

Quartiere Africano: scippa una borsa in un bar, arrestato | di Alessandro Pino

10 Mar

[ROMA] Un cileno trentacinquenne già sottoposto a obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria è stato arrestato dalla Polizia per furto aggravato al quartiere Africano. L’uomo dopo aver scippato la borsa a una donna in un bar era stato inseguito lungo via Amatrice da un gruppo di persone presenti. L’inseguimento è stato visto da un agente della Scientifica fuori servizio che passeggiava con la famiglia che è intervenuto bloccando il fuggitivo nel giardino di una abitazione.
Il ladro è stato portato al commissariato Vescovio e arrestato. La borsa sottratta è stata restituita alla donna scippata.
Alessandro Pino

Immagine

Scarica vicino allo stadio Flaminio mobili, pc e documenti provenienti da una scuola: lo rintracciano analizzando gli hard disk | di Alessandro Pino

4 Mar

[ROMA] Aveva scaricato illegalmente arredi scolastici, materiale cartaceo e due computer in un’area verde nei pressi dello stadio Flaminio. La Polizia Locale di Roma Capitale però è riuscita a risalire fino all’autore, un quarantatreenne romano, che è stato multato e obbligato a bonificare a sue spese la zona per mezzo di una ditta autorizzata.
Gli agenti del reparto Polizia Giudiziaria del II Gruppo Parioli hanno esaminato il materiale sversato: tramite l’analisi degli hard disk e dei documenti cartacei sono risaliti alla scuola da cui provenivano e da lì all’autore.
Alessandro Pino

(Foto Polizia Locale Roma Capitale)

Immagine

Largo Ravenna: ruba abiti in un negozio, arrestato | di Alessandro Pino

27 Feb

[ROMA] Un trentacinquenne originario della Libia con precedenti è stato arrestato dalla Polizia a largo Ravenna per furto aggravato nel primo pomeriggio del 26 febbraio.

L’uomo mentre si trovava in un negozio di abbigliamento aveva tolto la placca antifurto da alcuni abiti nascondendoli in uno zaino. Gli agenti del Commissariato Porta Pia lo hanno portato in ufficio per la redazione degli atti e poi su disposizione dell’Autorità Giudiziaria nelle camere di sicurezza della Questura in attesa del processo per direttissima.
Alessandro Pino

Immagine

Piazza Ruggero di Sicilia: vuole soldi e la afferra per un braccio per toglierle la mascherina | di Alessandro Pino

25 Feb

[ROMA] Un dominicano trentacinquenne con precedenti è stato arrestato dalla Polizia in piazza Ruggero di Sicilia per violenza privata e resistenza a pubblico ufficiale nel primo pomeriggio del 24 febbraio.

Erano circa le tredici quando l’uomo dopo aver seguito la vittima presa di mira, prima le ha chiesto dei soldi e poi l’ha afferrata per un braccio cercando di toglierle la mascherina. A quel punto intimorita ha chiamato le forze dell’ordine: gli agenti delle Volanti arrivati sul posto sono riusciti a bloccare l’aggressore nonostante la sua resistenza e a portarlo in ufficio.
Alessandro Pino

Immagine

Campi Sportivi: durante il coprifuoco lo trovano con arnesi da scasso | di Alessandro Pino

19 Feb

[ROMA] È stato fermato in auto dai Carabinieri in via dei Campi Sportivi a notte fonda, venendo trovato con decine di chiavi alterate e arnesi da scasso di vario tipo, nascosti in uno zaino. Per questo un cinquantatreenne romano residente a Ladispoli è stato denunciato con l’accusa di possesso ingiustificato di chiavi o grimaldelli.

I militari della Stazione Roma Parioli lo avevano fermato nelle ore di coprifuoco e lo hanno perquisito. Dopo il sequestro del materiale l’uomo, già con precedenti, è stato anche multato per inosservanza delle disposizioni anti Covid.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Giro di prostituzione in centri massaggi orientali a Monte Sacro e al quartiere Africano | di Alessandro Pino

12 Feb

[ROMA] È stata messa la parola fine dai Carabinieri su richiesta della Procura della Repubblica a un giro di prostituzione all’interno di tre centri massaggi orientali- tra cui uno in viale Tirreno a Monte Sacro e uno in via Fezzan al quartiere Africano, il terzo era a via Ziani, zona Medaglie d’Oro- frequentati per lo più da italiani. Sei persone di cui cinque donne cinesi e un italiano convivente con una cinese, ritenute responsabili a vario titolo e in concorso tra loro dei reati di istigazione, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, sono finite ai domiciliari. Per l’accusa le donne si occupavano della gestione dei centri mentre l’italiano si occupava essenzialmente della loro pubblicizzazione su internet: su siti specializzati l’attività era reclamizzata con annunci ritraenti giovani donne dai tratti asiatici in pose provocanti e abbigliamento succinto. Spesso le ragazze da impiegare nell’attività venivano reclutate direttamente in Cina. La media mensile dei tre centri era di circa seicento clienti per un volume d’affari complessivo registrato pari a circa ventimila euro mensili. I destinatari dei provvedimenti saranno sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le loro abitazioni site in Roma e, contestualmente, sarà nuovamente sottoposto a sequestro preventivo il centro massaggi di via Ziani.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Parioli: frana un costone di roccia | di Alessandro Pino

5 Feb

[ROMA] Un costone di roccia alto venti metri è franato nel pomeriggio del 5 febbraio in viale Maresciallo Pilsudski ai Parioli. Sono intervenuti i Vigili del Fuoco per valutare lo smottamento e mettere in sicurezza la zona. La circolazione su un tratto di via Archimede è stata interdetta.
Non risultano persone e abitazioni coinvolte dal crollo.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Vigili del Fuoco Roma)

Immagine

Viale Libia: dramma della solitudine, donna trovata in casa quasi mummificata | di Alessandro Pino

1 Feb

[ROMA] Dramma della solitudine al quartiere Africano, dove una donna sessantottenne è stata trovata quasi in stato di mummificazione nella sua casa di Viale Libia. Secondo quanto riporta Il Messaggero, la morte della donna sarebbe dovuta a cause naturali e risalente a una o due settimane fa ma sarà necessaria l’autopsia.

La scoperta del cadavere è stata fatta dalla Polizia chiamata dai familiari, a loro volta allertati dai vicini a causa del cattivo odore proveniente dall’appartamento: gli agenti sono entrati dopo che i Vigili del Fuoco hanno aperto la porta di ingresso.

Alessandro Pino

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: