Annunci
Tag Archives: Tufello

Via Sarandì: sequestrati sessanta panetti di hashish – di Alessandro Pino

17 Lug

Ancora un sequestro di droga pronta per essere smerciata nella piazza di spaccio tra i quartieri del Tufello e di Val Melaina, Terzo Municipio:
gli investigatori del Commissariato Fidene –Serpentara, insospettiti da un’auto parcheggiata in via Sarandì, si erano appostati per sorprendere chi fosse arrivato a prelevare il carico, ma alla fine hanno deciso di verificare  

image

aprendo la macchina senza attendere oltre. I loro sospetti hanno trovato conferma: dentro un borsone c’erano 60 panetti di hashish per un peso complessivo di 32 chili.
Le indagini continuano per risalire ai  destinatari del  carico di droga.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Annunci

Trovato con un quintale di droga al Tufello: in manette – di Alessandro Pino

16 Giu

Aveva riempito il bagagliaio della sua automobile con centotrenta chili di hashish avvolti in involucri di cellophane: un romano trentanovenne è stato arrestato il pomeriggio del 15 giugno in una traversa di via Delle Isole Curzolane dagli agenti del Commissariato di Polizia Fidene Serpentara. 

image

Fermato dai poliziotti per un controllo dopo che era stato visto chiaccherare con altre due persone già note alla Giustizia, ha dato segni di nervosismo ed è stato perquisito. Addosso gli è stata trovata la chiave di un’auto parcheggiata nei pressi dentro cui è stato trovato il carico di droga. L’uomo è finito a Regina Coeli mentre gli stupefacenti sono stati sequestrati assieme all’auto su cui si trovavano.
Alessandro Pino

Nuovo colpo della Polizia contro lo spaccio al Tufello: otto in manette – di Alessandro Pino

7 Giu

Otto persone in manette, una sottoposta a divieto di dimora nel Comune di Roma e una all’obbligo di firma: è l’esito di una operazione contro lo spaccio di droga al Tufello conclusa questa mattina ad opera degli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Fidene Serpentara e della Squadra Mobile della Questura. Le indagini 

image

erano durate quasi un anno e avevano portato alla scoperta di un agguerrito gruppo malavitoso in grado di muovere quantitativi ingenti di cocaina destinata allo spaccio nella zona. Inutile per il gruppo criminale l’uso di un gergo difficilmente decifrabile come contromisura alle intercettazioni.
Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

Notte di furti in strada al Tufello: arrestati – di Alessandro Pino

2 Mag

Avevano tentato o consumato una raffica di furti  in pochi minuti nelle ore tra il primo e il due maggio,  prendendo di mira box privati, automobili e motoveicoli, nell’area tra via Monte Meta e piazza Monte Gennaro al Tufello. La notte di imprese criminose si è però conclusa in manette per due malviventi romani, di 23 e 30 anni, 

image

senza occupazione e già noti alle forze dell’ordine: sono stati sorpresi in flagranza e arrestati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma. Non solo: anche l’automobile su cui si spostavano e avevano caricato la refurtiva è risultata rubata. Per loro sono state formulate le accuse di furto in concorso, tentato furto aggravato in concorso e ricettazione.
Alessandro Pino

Ennesimo arresto di spacciatori al Tufello – di Alessandro Pino

28 Mar

Gli agenti del Commissariato Fidene Serpentara assieme agli equipaggi di due Volanti hanno arrestato tre spacciatori di droga al Tufello. I pusher (un romano e due romeni di cui uno minorenne) nascondevano gli stupefacenti sotto un’auto parcheggiata, per poi venderli in un giardino nei pressi.  

image

I loro movimenti non sono sfuggiti ai poliziotti appostati e i tre sono stati trovati in possesso complessivamente di 39  dosi di cocaina. Dovranno rispondere del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
Alessandro Pino

(Foto: Questura di Roma)

Spacciatore nascondeva droga seppellendola sotto terra al Tufello: arrestato – di Alessandro Pino

20 Dic

image

Non si fermano le operazioni della Polizia di Stato contro lo spaccio di droga al Tufello (Terzo Municipio della Capitale).Dopo gli arresti delle scorse settimane, è finito in manete nella notte tra gli scorsi sabato e domenica  un pusher che nascondeva la merce seppellendola in un terreno incolto. L’uomo, romano ventiduenne ritenuto vicino agli spacciatori del posto, era stato fermato in auto per un controllo. Sebbene al momento fosse “pulito”, i poliziotti erano rimasti insospettiti dalla presenza nel bagagliaio della macchina di alcuni attrezzi da giardinaggio. Per questo, subito dopo averlo lasciato andare, hanno iniziato un appostamento presso un’area verde nei dintorni. Il fiuto degli investigatori non si sbagliava: dopo una decina di ore lo hanno visto arrivare e mettersi a scavare sotto una siepe disseppellendo due involucri. Lo spacciatore è stato bloccato e da sotto la pianta sono sbucate altre dosi per un totale di settecento grammi.
Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Due automobili a fuoco al Tufello (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

1 Dic

image

Due autovetture parcheggiate a bordo strada sono andate a fuoco a quanto sembra probabilmente nella notte tra il 30 novembre e il primo dicembre in via Capraia al Tufello, Terzo Municipio della Capitale. Facile pensare a un’ origine dolosa delle fiamme. La foto, pubblicata in rete da Manuel Bartolomeo, presidente del Comitato di Quartiere Talenti, ripropone – ovemai ce ne fosse il bisogno – il tema della sicurezza sulle strade di una città sempre più in preda alla delinquenza.
Alessandro Pino

Chiusa per uno smottamento via Villa di Faonte (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

29 Set

image

Dalla sera del 27 settembre è stata chiusa al traffico via Villa di Faonte (Terzo Municipio della Capitale) dopo lo smottamento di uno dei marciapiedi. La strada che collega la zona della Bufalotta con il Tufello è stata aperta solo da pochi anni contestualmente a una serie di nuove edifiicazioni. Al momento non si hanno notizie sul ripristino della circolazione.
Alessandro Pino

Galleria

Un giro a piedi al Tufello dopo la sparatoria – III Municipio di Roma Capitale

18 Lug

13775813_10210045377961206_1054747376906562877_nA qualche mese dall’agguato a colpi di arma da fuoco in cui fu ferito un ragazzo nei pressi del mercato di piazza degli Euganei, la mattina del 16 luglio sono tornate a cantare le pistole nelle strade del Tufello: a dare per primo su fb la notizia di una sparatoria, l’ex consigliere municipale Manuel Bartolomeo, presente all’alba in zona per lavoro. Arriviamo sul posto dopo un po’, quando gli equipaggi della Polizia stanno smobilitando, con i nastri tesi a delimitare la zona del fattaccio ancora al loro posto anche se i rilevamenti sono finiti da un pezzo. Gli agenti non sono autorizzati a rilasciare dichiarazioni e invitano a prendere contatti con l’Ufficio Stampa della Questura. Gli automobilisti in arrivo da via delle Isole Curzolane non sanno che fare, una volta giunti davanti al nastro che ancora chiude l’accesso alla strada teatro della sparatoria. Li osserviamo invertire la marcia senza dire una parola né fare una smorfia, quasi rassegnati. Il comunicato arriverà dopo qualche ora, quando le maggiori agenzie di stampa hanno già dato la notizia, riferendo dell’intervento di due pattuglie per la segnalazione di una lite in strada, con i poliziotti che arrivano mentre un uomo esplode due colpi di pistola in direzione di un’altra persona – riuscita a fuggire – e lo sparatore, risultato successivamente pregiudicato, che punta l’arma anche contro gli agenti per poi tentare la fuga, inutile perché viene raggiunto e disarmato di una semiautomatica con matricola abrasa che gli si era inceppata.

13709808_10210045402601822_9143079581936387365_nDecidiamo di fare un giretto per i palazzi costruiti negli anni 60 del secolo scorso, apparentemente ordinati e tutti uguali, dalle vie parallele e silenziose. O almeno così sembrano. In terra, qui e anche nei giardini di piazza degli Euganei, bottiglie, bottiglie di plastica scolorite, cartacce e foglie secche danno l’impressione di un quartiere abbandonato un po’ al suo destino. Pochi metri prima della piazza, un divano consumato dall’uso aspetta che qualcuno abbia pietà di lui e lo carichi portandolo a discarica. Due residenti ci riferiscono di aver avuto le macchine danneggiate dai colpi di pistola, raccontano di un portone sfondato a mazzate, di un suv Bmw finito di traverso sul marciapiede come se fosse stato speronato o il conducente avesse perso il controllo.. A terra, i frammenti di un finestrino a testimoniare l’accaduto. Davanti all’ingresso di uno dei cortili alcuni ragazzi si aggirano innervositi, le facce non sono esattamente di quelle con cui andresti volentieri a prendere un caffè ma non ci dicono nulla. Due chiacchere con delle anziane signore sedute su una panchina davanti al mercato di piazza degli Euganei, non prima di esserci identificati come giornalisti locali, confermano l’impressione che nella zona ultimamente tira un’aria più inquieta del solito. Conoscono perfettamente le zone dove è meglio non girare con il buio – dove se cerchi qualcosa di fuori legge la puoi trovare senza problemi – e se ne tengono alla larga, serenamente. Non hanno paura le vecchine, quando dicono che occorrerebbe solo un maggior controllo del territorio, con le macchine delle forze dell’ordine che si fanno vedere ad intervalli regolari, ché non si tratta di gente estranea ma degli stessi figli del quartiere. “E voi della stampa, scrivetelo: qui fanno tutti un po’ come je pare: pure a pulì, lascieno le macchine accese così consumano benzina e possono di d’avè fatto ‘r giro, invece stanno fori dar mezzo, le mezz’ore a fumà”.

Mentre ce ne andiamo a riprendere la macchina, lungo la via Tofano avvertiamo chiaramente la sensazione di essere osservati attentamente, da lontano, senza parole o cenni strani, solo sguardi protetti da occhiali da sole, dai ragazzi agli angoli dell’incrocio e ad alcune finestre. Uno accenna un sorriso che si riflette nello specchietto retrovisore. Non c’è bisogno di parole.

Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Stira e ammira (si fa per dire): Terzo Municipio della Capitale – di Alessandro Pino

20 Gen

image

No, non hanno aperto una stireria all’aperto in via Monte Massico (tra il Tufello e Val Melaina, Terzo Municipio della Capitale). È solo che – come ormai diffuso malcostume – qualcuno invece di portare l’asse da stiro rovinata alle Isole Ecologiche dell’Ama l’ha abbandonata di fianco ai cassonetti.
Alessandro Pino

(foto A. P.)