Annunci
Tag Archives: Carabinieri

Ladro di appartamenti arrestato a Talenti – di Alessandro Pino

17 Giu

image

Arrestato a Talenti (Terzo Municipio della Capitale) un ladro di appartamenti romeno dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma. L’uomo, ventisettenne, è stato sorpreso a rubare in un appartamento al secondo piano di uno stabile in via Ada Negri dopo aver forzato una portafinestra. Per fortuna un condomino civile e responsabile ha chiamato il 112, allarmato dai rumori. Giunti rapidamente i Carabinieri hanno bloccato il ladro ancora all’interno dell’appartamento recuperando la refurtiva e sequestrando gli arnesi usati per scassinare la porta. Il romeno è stato portato in caserma in attesa di essere processato per direttissima.
Alessandro Pino

Annunci

La solenne Processione chiude la festa di Sant’Antonio a Settebagni – di Alessandro Pino

14 Giu

Con la solenne processione lungo le strade del quartiere, tenutasi la sera del 13 giugno, si sono conclusi a Settebagni i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio di Padova. La statua 

image

lignea del Santo – scolpita negli anni Trenta da artigiani di Bolzano – è stata portata inizialmente a braccia per essere poi montata sul cassone di un fuoristrada all’uscita del vecchio sottopasso. Il lungo corteo di fedeli, aperto dalla banda musicale Giuseppe
image

Verdi e guidato dal parroco Padre Ruben si è inerpicato su via delle Lucarie nella parte collinare dell’ex borgata, transitando davanti a improvvisati altarini preparati da devoti residenti davanti le loro abitazioni per poi tornare al sagrato della Chiesa
image

percorrendo la Salaria. Due successive sequenze di fuochi artificiali hanno concluso definitivamente la festa. Da notare l’assenza (o almeno così è parso) di rappresentanti della politica locale e delle istituzioni – eccezion fatta per i Carabinieri della locale Stazione anche con la presenza del Comandante, Luogotenente Fiumarella – e persino della Polizia Locale, con il traffico che è stato regolato dai membri di una associazione di protezione civile, la “Guardia Nazionale Ambientale”.
Alessandro Pino

image

image

image

image

image

image

image

image

A diciassette anni si prostituisce sulla Salaria con documenti falsi – di Alessandro Pino

8 Mag

Una ragazza minorenne romena che si prostituiva sulla Salaria nei pressi di Settebagni è stata denunciata dai Carabinieri della Compagnia Cassia perché durante un controllo del ha mostrato un documento che falsamente ne attestava la maggiore età.
image

Lei in realtá era diciassettenne ma il documento falso romeno con la sua foto ma riportava le generalità di un’altra persona maggiorenne. I militari, dopo aver esaminato il documento e accertandone la falsità tramite il registro pubblico dei documenti d’identità dell’Unione Europea, hanno proseguito gli accertamenti sulla prostituta che si rifiutava di collaborare facendola sottoporre a visita medica antropometrica da cui è risultata avere un’età presunta compresa tra i 16 ed i 18 anni. Ormai scoperta, la minore ha fornito i suoi veri dati anagrafici, dichiarandosi diciassettenne e confermando il responso degli esami medici. La ragazza ha però negato di essere sfruttata, rifiutandosi di dichiarare come sia  arrivata in Italia e poi sul marciapiede a prostituirsi. È stata
denunciata per il possesso del documento falso e accompagnata presso un centro di accoglienza protetto, per avviare un percorso di recupero insieme agli assistenti  sociali.

Alessandro Pino

Notte di furti in strada al Tufello: arrestati – di Alessandro Pino

2 Mag

Avevano tentato o consumato una raffica di furti  in pochi minuti nelle ore tra il primo e il due maggio,  prendendo di mira box privati, automobili e motoveicoli, nell’area tra via Monte Meta e piazza Monte Gennaro al Tufello. La notte di imprese criminose si è però conclusa in manette per due malviventi romani, di 23 e 30 anni, 

image

senza occupazione e già noti alle forze dell’ordine: sono stati sorpresi in flagranza e arrestati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma. Non solo: anche l’automobile su cui si spostavano e avevano caricato la refurtiva è risultata rubata. Per loro sono state formulate le accuse di furto in concorso, tentato furto aggravato in concorso e ricettazione.
Alessandro Pino

Rapina la farmacia a via Dina Galli per venti euro: arrestato – di Alessandro Pino

22 Mar

Arrestato dai Carabinieri un rapinatore improvvisato dopo un misero colpo presso  presso la farmacia di via Dina Galli, zona Vigne Nuove. L’uomo si era appostato all’esterno  attendendo l’orario di chiusura. Usciti gli ultimi clienti ha fatto irruzione a viso coperto minacciando il personale con un taglierino e chiedendo la cifra di  20 euro per saldare un 

image

debito. Subito dopo si è dato alla  fuga  a piedi ma nel giro di brevissimo tempo
è stato individuato e bloccato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro a poca distanza dalla farmacia, in via Antonio De Curtis all’angolo con via Delle Vigne Nuove. In tasca aveva ancora il taglierino, gli occhiali e lo scaldacollo con cui si era coperto. Risultato fino a quel momento incensurato, cinquantaduenne romano, è finito ai domiciliari.
Alessandro Pino

I consigli dei Carabinieri per difendersi dalle truffe agli anziani – di Alessandro Pino e Luciana Miocchi

17 Mar

Le cronache riportano quotidianamente episodi di truffe perpetrate in vario modo ai danni di persone anziane. Sono reati particolarmente odiosi perché colpiscono persone apprensive e vulnerabili, magari non più lucidissime, minando il senso di appartenenza a una comunità. Il fenomeno non sembra calare nonostante sia stata introdotta recentemente una aggravante specifica nel Codice Penale. Per questo motivo il CdQ Settebagni ha organizzato lo scorso 13 marzo una conferenza con il Comandante della locale stazione Carabinieri, luogotenente Fiumarella, che ha illustrato le più diffuse modalità adoperate dai delinquenti. «Come Carabinieri ci teniamo a mettere in guardia le persone» ha detto il luogotenente, specificando che nei casi più frequenti i truffatori hanno un aspetto insospettabile, si avvicinano  alle vittime in giacca e cravatta.

Primo caso: alla vittima viene comunicato che il figlio ha comprato qualcosa da loro (per esempio un computer o un telefono) e ha detto che avrebbero anticipato i genitori il pagamento. Non di rado in qualche modo conoscono anche il nome del figlio. La vittima si fida e consegna il denaro.                                           Il consiglio dei Carabinieri: non va mai pagato nulla. Dire che prima si vuole chiedere conferma al proprio congiunto e se loro propongono di chiamarlo – ovviamente telefonerebbero a un loro complice – rifiutare. Se insistono dire che si va da un amico o un vicino di casa per chiamare il figlio.  

image

Secondo caso: le potenziali vittime vengono seguite fino a casa dall’ufficio postale o dalla banca dove i delinquenti erano appostati in attesa che qualcuno prelevasse del contante.  I truffatori si presentano quindi come impiegati o funzionari dello stesso ufficio, incaricati di controllare le banconote prelevate per qualche motivo. Una volta ricevuto in mano il denaro sono abilissimi a sostituirlo con altro contraffatto senza che il malcapitato se ne accorga.                                                                                                                           Il consiglio: non aprire mai, da dietro la porta dire che si chiamerà prima in banca o alla posta per controllare.

Terzo caso: suonano alla porta dicendo che sono delle Forze dell’ordine oppure operai del gas o della luce. Mentre la persona è distratta da uno l’altro fa razzia in casa.                                                                                                             Il consiglio: anche qui non aprire specie se si hanno cancelli comandati a distanza. Telefonare per controllo, ovviamente NON a numeri forniti dai personaggi in questione.

Quarto caso: nel parcheggio del supermercato mentre si carica la spesa spesso si appoggia la borsa su un sedile. Passa una persona e avvisa che sono cascate le chiavi. Mentre la vittima è distratta guardando aa terra un complice porta via la borsa.

Quinto caso:  i truffatori si presentano come incaricati di un notaio annunciando alla vittima di aver ereditato una forte somma. Ovviamente scatta la richiesta di un anticipo per poter procedere con la pratica.

Tra le raccomandazioni del luogotenente Fiumarella anche quella di superare imbarazzi e timori  presentando sempre la denuncia completa del codice Imei (si trova sulla confezione) anche per il furto del cellulare e fare attenzione alle telefonate in cui vengono proposti contratti per le utenze domestiche: nel dubbio chiamare i propri gestori del servizio, ovviamente al numero vero e non a quello fornito da chi propone qualcosa.
Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Truffe agli anziani: assemblea il 13 marzo per imparare a difendersi – di Alessandro Pino

11 Mar

image

Le cronache riportano ormai quotidianamente episodi di truffe perpetrate in vario modo ai danni di persone anziane. Si tratta di reati particolarmente odiosi perchè vanno a colpire chi è più debole, minando per giunta il senso di appartenenza a una comunità.
Per questo motivo il Comitato di Quartiere Settebagni ha organizzato una assemblea pubblica di sensibilizzazione – rivolta a tutte le fasce di età – che si terrà lunedì 13 marzo alle 19:30 presso il campo sportivo Angelucci di via Salaria. È prevista la partecipazione del Comandante della locale stazione Carabinieri che illustrerà le modalità adoperate dai delinquenti per compiere tali reati.
Alessandro Pino

Flash: arrestati gli aggressori del Parco delle Valli – di Alessandro Pino

22 Nov

image

Sono stati arrestati dai Carabinieri quattro giovani romeni senza fissa dimora, ritenuti gli autori di due violente aggressioni a scopo di rapina avvenute ieri tra viale Somalia e via Val D’Ala (nei pressi del Parco delle Valli). Nel pomeriggio del 21 novembre il quartetto dopo aver rapinato del cellulare una ragazza peruviana in viale Somalia si era spostato in zona Conca d’Oro, aggredendo a calci e pugni un sessantacinquenne che si teneva in forma facendo footing e rapinandolo del marsupio con telefono e portafogli, per poi salire subito dopo su un autobus. La scena non è sfuggita a un ispettore di Polizia fuori servizio che soccorsa la vittima si è poi messo in contatto telefonico con i Carabinieri, seguendo intanto il mezzo pubblico a bordo del suo scooter e fornendo indicazioni man mano. L’autobus è stato intercettato in piazza Sempione da una vettura del Nucleo Radiomobile (intervenuto assieme alle Compagnie Parioli e Monte Sacro) che si è messa di traverso sbarrando la strada. Saliti a bordo i militari hanno riconosciuto tra i passeggeri  i quattro che corrispondevano alla descrizione, arrestandoli e portandoli in carcere.
La refurtiva è stata restituita alle vittime.
Alessandro Pino

Anziano massacrato di botte in strada a Vigne Nuove – di Alessandro Pino

23 Ott

Scendere un momento sotto casa per fare due passi, forse per gettare la spazzatura, finendo invece all’ospedale in fin di vita, pestati di botte senza alcun motivo apparente da un energumeno di passaggio. È quanto accaduto in via

image

Gino Cervi – zona Vigne Nuove, nel Terzo Municipio della Capitale – ad un settantenne la notte tra il 21 e il 22 ottobre. Tale è stata la violenza dei colpi subìti dall’anziano da lasciarlo non solo privo di sensi a terra ma soprattutto irriconoscibile con il volto tumefatto. Questo, oltre alla circostanza che non avesse con sè i documenti, ne ha reso difficoltosa l’identificazione ma alla fine i Carabinieri della Compagnia Monte Sacro comandati dal Capitano Nico Blanco sono riusciti a dare un nome alla vittima ma soprattutto al suo aggressore: un ventiquattrenne della zona, pugile dilettante, già noto alle Forze dell’Ordine. L’autore del bestiale pestaggio, che da quanto si è appreso era in preda ai fumi dell’alcol, è finito in carcere mentre l’anziano si trova ricoverato in gravissime condizioni.
Alessandro Pino

A Talenti i funerali del carabiniere morto nel terremoto – di Alessandro Pino

30 Ago

image

Si sono svolti il 30 agosto presso la chiesa di San Giovanni Crisostomo a Talenti i funerali del maresciallo dei Carabinieri Giampaolo Pace, morto ad Accumoli nel terremoto che ha devastato interi paesi del Centro Italia. Il maresciallo Pace aveva 43 anni e aveva servizio a L’Aquila proprio dopo il terremoto in Abruzzo del 2009. A porgergli l’ultimo saluto, colleghi di ogni grado in servizio e in congedo. Tra questi il Comandante Generale dell’Arma Tullio del Sette e il generale Ilio Ciceri, già Capo di Stato Maggiore del Comando Generale dell’Arma. Presente anche il luogotenente
in congedo Salvatore Veltri, per decenni al comando della Stazione Talenti. Tra le autorità presenti, il presidente del Consiglio del Terzo Municipio Mario Novelli e l’assessore municipale alla Sicurezza, Giovanna Tadonio.
Alessandro Pino

Settebagni ha paura: in una settimana segnalati uno scippo e una rapina (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

11 Ago

image

Nel giro di pochi giorni sono stati segnalati in rete due episodi criminosi avvenuti nelle strade di Settebagni (Terzo Municipio della Capitale). A quanto si è letto, la mattina del cinque agosto una residente sarebbe stata rapinata del contenuto della borsa da due sconosciuti entrati con lei nell’androne della palazzina sulla Salaria in cui abita. L’undici agosto invece una donna sarebbe stata scippata dentro il cancello della sua abitazione in via delle Lucarie da un malvivente avvicinatosi con una scusa. Mentre fioccano le polemiche sulla sicurezza in un quartiere in cui non manca il presidio delle Forze dell’Ordine (trovandosi una Stazione dei Carabinieri e una caserma della Polizia Stradale) l’invito è di denunciare sempre l’accaduto in modo che rimanga ufficialmente una traccia documentale di quanto accade, senza lasciarsi scoraggiare ritenendo che sia inutile.
Alessandro Pino

Quando rubano tutto a una anziana, anche la fiducia – di Alessandro Pino e Luciana Miocchi

3 Ago
image

Giordana, Niccolò e Michele

 

 

 

Ci sono reati particolarmente odiosi, di quelli che – pur senza che ci sia stato spargimento di sangue – ti fanno pensare che ormai non c’è più rispetto per niente e per nessuno e che fanno prudere le mani. Come quelli contro bambini e vecchi indifesi. Per esempio, quando ci si approfitta delle malferme condizioni fisiche  e psichiche di una donna anziana per derubarla di ogni suo avere, privandola anche della possibilità di vivere in casa propria. L’ultimo esempio in ordine di tempo arriva in questi giorni da Fonte Nuova, cittadina a nord est della Capitale, dove i Carabinieri hanno tratto in arresto una donna accusata di aver approfittato di una vicina di casa, facendosi nominare procuratrice generale, vendendo tre immobili della donna settantasettenne e intascandone il ricavato, per di più allontanandola di casa e dai suoi affetti, chiudendola in un ospizio o casa di riposo, come si preferisce chiamarlo ora, cercando di ammorbidirne il significato senza cambiare la sostanza. La vittima, Giordana Canti,  con un passato brillante da giornalista e molto nota nella zona, presidente dell’associazione Nuovo Risorgimento, di cui si occupava coadiuvata dal vice presidente Niccolò Carosi, era così caduta nella trappola perfetta costruita da chi si era finta amica disinteressata. Per sua fortuna però, ci hanno pensato alcuni giovani amici di Giordana, che ne avevano improvvisamente perso il contatto giornaliero,  a mandare all’aria il piano criminoso: il regista Michele Vitiello e lo stesso Niccolò Carosi – il primo, presidente e il secondo, vice presidente dell’associazione Roma Restyle, di cui l’anziana è socia onoraria. I due ragazzi hanno capito che qualcosa non andava e si sono mossi allertando anche la trasmissione televisiva “Le Iene” che aveva portato all’attenzione del pubblico la situazione, trasmettendo un servizio nell’aprile scorso, seguito da tantissime segnalazioni. I Carabinieri di Mentana, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Roma,  hanno cominciato ad indagare. Indagini che hanno portato all’arresto ai domiciliari della vicina di casa e anche al sequestro dei beni liquidi sottratti con l’inganno, di cui si era appropriata illeggitimamente . Ora rimane da restituire il maltolto e la serenità a Giordana. Il peggio sembra essere passato.
Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Galleria

Roma: ultimi trasferimenti dal centro accoglienza nomadi di via Salaria. Chiuderà per sempre?

1 Ago

PROTESTAMUNICIPIOVIASALARIA1

Di buon ora, stamattina, la via salaria davanti a quello che era diventato il centro di prima accoglienza nomadi, in origine centro di prima accoglienza emergenze abitative, è stata invasa da una moltitudine di macchine di carabinieri e polizia municipale di Roma Capitale. Davanti l’ingresso, come sempre, macchine e furgoni con targhe straniere ma comunitarie e una trentina di persone, molte con bambini nei passeggini. Si sta concludendo l’ultima tranche di trasferimenti degli ospiti rimasti nella struttura, iniziati sotto l’amministrazione prefettizia di Tronca. Alcune persone non hanno accettato le sistemazioni alternative proposte dalla sala sociale, non gradendo la soluzione, dichiarata provvisoria, che vedrebbe separati gli uomini dalle donne e mescolate varie etnie d’origine. Questo, come spiegato già in altre occasioni, può portare alla fuoriuscita del programma di assistenza e inclusione di Roma Capitale. Maggiori dettagli nelle prossime ore. (foto di repertorio lucianamiocchi.com)

Luciana Miocchi

Flash: rapina con sparatoria in una farmacia a Fidene (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

13 Giu

image

Rapina con sparatoria la mattina del 13 giugno in una farmacia di via Radicofani a Fidene, Terzo Municipio della Capitale. Un bandito, sorpreso sul fatto da una pattuglia dei Carabnieri, ha ingaggiato un conflitto a fuoco. Il image

bandito e un militare dell’Arma sono rimasti feriti. Ci sarebbe anche un terzo ferito, un cliente della farmacia. Sul posto grande spiegamento di Forze dell’Ordine e una folla di curiosi.
Alessandro Pino

Settebagni: furto con spaccata in pieno giorno (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

19 Mag

image

Una macchina parcheggiata sulla Salaria a Settebagni (Terzo Municipio della Capitale) con una borsa dentro, nei pressi di uno dei bar più frequentati del quartiere e a pochi passi dalla Stazione dei Carabinieri. Il finestrino che va in frantumi in pieno pomeriggio e la borsa sparisce con il suo contenuto: è quanto accaduto – così si legge in un post riportato su un gruppo Facebook di zona con tanto di foto – a una residente il 18 maggio. La cosa fa scalpore perchè accaduta alla luce del giorno, in un quartiere certo più tranquillo di parecchi altri e in un luogo di passaggio continuo (anche di personale delle forze dell’ordine): tutto questo non è bastato a far desistere una delinquenza spudorata.
Alessandro Pino

Flash: tre arresti nelle ultime ore a Monte Sacro – di Alessandro Pino

27 Gen

image

I Carabinieri della Compagnia Roma Montesacro – agli ordini del capitano Nico Blanco – hanno eseguito alcuni arresti nelle scorse ore durante i quotidiani servizi di controllo del territoio. In manette sono finiti prima due quattordicenni di etnia rom sorpresi dal Nucleo Operativo della Compagnia dopo aver rubato una Fiat Bravo a bordo della quale avevano cercato di fuggire per le vie del quartiere provocando molti danni alla vettura, poi restituita al proprietario.
Poco distante, i militari della Stazione Città Giardino hanno colto sul fatto un albanese che stava svaligiando un appartamento in via Renato Fucini.  Nell’operazione, favorita dalla chiamata al 112 dei vicini allarmati dai rumori, sono stati sequestrati numerosi arnesi da scasso.
Alessandro Pino

Galleria

201 candeline per i Carabinieri – di Alessandro Pino (FOTOGALLERY)

7 Giu

Car9(Copertina)

L’Arma dei Carabinieri ha festeggiato il cinque giugno i duecento e uno anni dalla propria fondazione con una cerimonia tenutasi presso la caserma “Salvo d’Acquisto” di Roma, in forma più dimessa rispetto all’anniversario “importante” del 2014 ma sempre di grande effetto, soprattutto per le evoluzioni dei reparti a cavallo con lo storico Carosello e la Carica che evoca quella vittoriosa a Pastrengo nel 1848. Sulle tribune, i ministri della Difesa Roberta Pinotti, della Giustizia Angelino Alfano e dei Beni Culturali Dario Franceschini. Per una volta di parole ne usiamo poche lasciando spazio all’ampia galleria di immagini, porgendo un sentito ringraziamento al Luogotenente in congedo Salvatore Veltri che ha voluto fossimo presenti anche noi tra gli inviati delle testate più importanti.

Alessandro Pino

Car20

Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti

Car5

Dimostrazione di ubbidienza simulando il riparo di cavallo e cavaliere in battaglia

Car19

Il palco con il pubblico e le autorità

Car1Car2Car3car4car6Car7 (2)Car8car10Car11CarACarBcar18Car17Car16car15car12

 

Bufalotta, III Municipio di Roma capitale: salta per aria il circolo di Mirko Coratti

5 Gen

(pubblicato su http://www.di-roma.com)

Bottocoratti (21)

Questo slideshow richiede JavaScript.

I locali del circolo Pd di Mirko Coratti – ex presidente del consiglio di Roma Capitale,Roma Capitale, dimessosi a dicembre a seguito del ricevimento di un avviso di garanzia per le indagini sulla “mafia capitolina” – sito in via della Bufalotta, nella notte tra il tre e il quattro gennaio sono stati fatti oggetto di un attentato dinamitardo.

La forte esplosione, verificatasi intorno alle 3,30 del mattino, ha divelto la serranda e fatto esplodere i vetri della sede. Si ipotizza che possa essere stato impiegato un esplosivo da cava. Il conseguente incendio è stato prontamente domato dai vigili del fuoco intervenuti sul posto. Danni sono stati riportati anche da un’autovettura regolarmente parcheggiata davanti al marciapiede antistante il circolo. Le indagini sono affidate ai carabinieri della vicina Stazione Talenti, nonché alla Sezione rilievi e artificieri di Roma dell’Arma.

Luciana Miocchi

(foto A. Pino, tutti i diritti riservati)

Settebagni – III Municipio di Roma Capitale: abbandonata in un sacco di plastica la carcassa di un cane – di Alessandro Pino

14 Ott

PINOfontanadiscaricaUno spettacolo triste e degradante quello a cui si è asssitito nel tardo pomeriggio di domenica a Settebagni, nei pressi della fontanella posta di fianco all’edicola sacra. Allertati dai residenti, allarmati per la puzza sospetta, i carabinieri hanno rinvenuto all’interno di un sacco della spazzatura la carcassa di un grosso cane ormai in stato di decomposizione. Il fetore nauseabondo ha reso impraticabili per diverso tempo i dintori della fontanella di acqua pubblica, già solitamente deturpati dall’inciviltà di troppi utenti che lasciano rifiuti di ogni sorta.

(foto di A. Pino – repertorio)

Alessandro Pino

Chiedono asilo ma non pagano il biglietto e resistono ai Carabinieri: denunciati quattro nigeriani a Settebagni – di Alessandro Pino

20 Mag

PINOsenzabigliettocarabinieriMACCHIN(pubblicato su http://www.di-roma.com) Che troppi utenti del trasporto pubblico salgano a bordo sprovvisti del titolo di viaggio è cosa nota, ma solitamente chi viene pizzicato dai controllori abbozza senza proteste, fornendo le proprie generalità per l’invio della contravvenzione. Quando il personale di verifica capisce che difficilmente la multa verrà pagata – come nel caso di clochard o zingari – si limita spesso a far scendere la persona in difetto. Capita però che qualcuno rifiuti con arroganza di esibire un documento come di lasciare la vettura: è il caso di quattro giovani nigeriani (tra cui una donna) che lo scorso 17 maggio si trovavano su una corriera del Cotral proveniente da Rieti e diretta a Roma lungo la Salaria. All’altezza di Settebagni hanno iniziato un alterco con i controllori che li avevano scoperti. In aiuto del personale Cotral si è avvicinato un maresciallo dei Carabinieri fuori servizio, ma neanche dopo che questi si è qualificato i quattro hanno voluto saperne di collaborare, mentre il pullman rimaneva fermo a bordo strada accumulando un forte ritardo. Sono dovute così intervenire due pattuglie dell’Arma che a fatica hanno portato i nigeriani nella caserma di Settebagni per identificarli e denunciarli; risultati ospiti di un centro di accoglienza in attesa dell’eventuale riconoscimento come rifugiati, sono tornati a piede libero proprio mentre l’opinione pubblica è ancora scossa per i ripetuti e sanguinosi episodi di violenza e aggressività (culminati con i tre omicidi di Milano) che hanno avuto come protagonisti individui provenienti dall’Africa.

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: