Annunci
Tag Archives: Monte Sacro

Domenica 3 dicembre di ramazza al parco vicino piazza Sempione – di Alessandro Pino

30 Nov

image

Per il prossimo 3 dicembre i volontari di Retake Roma Terzo Municipio hanno organizzato una giornata di pulizie e ripristino del decoro del parco di Monte Sacro adiacente via Maiella (zona piazza Sempione) intitolato a Caio Sicinio Belluto. All’iniziativa hanno aderito il Comitato Città Giardino e i Volontari Per il Verde. L’inizio delle attività è previsto per le nove di mattina; se si vuole partecipare è consigliato presentarsi muniti di guanti, scopa e indumenti comodi.
Alessandro Pino

Annunci

“La forza degli anni”: gli anziani visti da artisti disabili in una mostra a Monte Sacro – di Alessandro Pino

13 Ott

image

Si è svolta dall’otto al dodici ottobre presso il Caffè letterario LiberThè di viale Adriatico una mostra intitolata “La forza degli anni” organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio  a cui hanno partecipato artisti disabili – sia fisici che mentali – che frequentano i due laboratori d’arte che il sodalizio religioso tiene nei quartieri di Vigne Nuove e della Serpentara. Una trentina le opere esposte – alcune delle quali frutto di un lavoro collettivo – incentrate su una riflessione intorno alla condizione degli anziani. Interessante dunque sia la ricerca di vie di comunicazione e di espressione con i disabili (soprattutto quelli mentali) sia l’emergere dalle opere presentate di una critica alla istituzionalizzazione spersonalizzante. All’inaugurazione della mostra hanno presenziato autorità tra cui la presidente del Terzo Municipio, Roberta Capoccioni.
Alessandro Pino

Una baraccopoli nel cuore di Monte Sacro – di Alessandro Pino

9 Ago

image

Nel cuore di Monte Sacro, nell’area verde di via Monte Nevoso a ridosso della storica collina che dà il nome al quartiere e al municipio intero, si trova  una vera baraccopoli che sembra uscita da un film di Mad Max o un fumetto di Ranxerox. Le foto che ritraggono capanne e arredi costruiti letteralmente con rifiuti (si vedono dei frigoriferi utilizzati come armadi e persino poster alla pareti delle baracche) sono state pubblicate oggi da Emiliano Bono (Fdi – An,
image

vicepresidente del Consiglio del Terzo Municipio) che già un paio di giorni addietro aveva documentato una analoga situazione lungo il canalone che circonda il Parco delle Valli. La questione, va detto subito, esiste e viene documentata dalla stampa già da diversi anni, periodicamente vengono effettuati sgomberi e demolizioni ma dopo poco tutto torna come prima, con il relativo corollario di degrado e pericolo: perchè oltre alla questione gravissima degli incendi scoppiati in image

zona (originati presumibilmente anche da fornelli da campo sfuggiti al controllo e  mozziconi di sigarette gettati accesi) la domanda su come le persone (solitamente zingari e stranieri allo sbando) qui accampate si procurino da vivere è doveroso porsela…
Alessandro Pino

image

image

Rissa selvaggia in pieno giorno vicino piazza Sempione – di Alessandro Pino

8 Lug

Una rissa selvaggia con i contendenti che impugnano bastoni e bottiglie in pieno giorno nel giardino intitolato a Gaio Sicinio Belluto, a due passi da piazza Sempione. È il contenuto del video a dir poco agghiacciante  

image

pubblicato in rete la mattina dell’otto luglio da Manuel Bartolomeo, presidente del CdQ Talenti. Nel filmato si vedono alcuni personaggi che prima iniziano una sorta di incontro di pugilato, successivamente uno di loro impugna un bastone mentre una terza persona seduta su una sedia a rotelle impugna una bottiglia. Volano insulti e minacce a raffica mentre intorno altre persone osservano la scena, uno dei contendenti afferma di essere stato derubato di cinque euro. Fuori campo la image

voce – probabilmente di Bartolomeo – che cerca di calmare gli esagitati invitandoli a cessare il combattimento.
Il filmato rende appieno l’idea di quello che da tempo è diventata Roma: una pericolosa latrina dove anche in un parco pubblico il sabato mattina si rischia grosso.
Alessandro Pino

Il Terzo Municipio sempre nella morsa del fuoco e del fumo – di Alessandro Pino

6 Lug

image

Sembra non esserci fine alla catena di incendi che da settimane interessano il territorio del Terzo Municipio della Capitale: anche quando le aree coinvolte si trovano all’esterno di esso, ci pensa il vento a portare  fumo e cenere, come nel pomeriggio del 4 luglio quando ha preso fuoco un autodemolitore in zona Pietralata o il 6 luglio, con il rovinoso incendio scoppiato nel comune di Mentana e visibile a chilometri di distanza (vedi foto), con la fuliggine trasportata fino a Settebagni e pesanti ripercussioni sul traffico. Sempre nel pomeriggio del 6 luglio un altro focolaio si è sviluppato nell’area verde adiacente via Monte Nevoso, nel cuore di Monte Sacro.
Alessandro Pino

Calci, pugni e violenza sessuale: branco di minori terrorizza piazza Sempione – di Alessandro Pino

5 Lug

Una aggressione selvaggia e odiosa quella subìta da un gruppo di ragazzi da parte di un gruppo di quattro coetanei a piazza Sempione (nel cuore di Monte Sacro) la notte tra lunedì e martedì scorsi. Le vittime si trovavano tranquillamente per conto loro quando gli aggressori, in evidente stato di 

image

ubriachezza e a torso nudo, si sono avvocinati iniziando a insultarle e a lanciare bottiglie di vetro. A quel punto hanno provato a fuggire ma una ragazza del gruppo è rimasta indietro ed è stata raggiunta dagli assalitori: uno di loro ha provato a baciarla sulla bocca tenendola ferma contro un muro. Gli amici della ragazza allora sono tornati indietro per difenderla ma sono stati presi a calci e pugni. Alcuni adulti presenti fortunatamente sono intervenuti facendo fuggire i teppisti. Nel frattempo era stato chiamato il numero unico per le emergenze 112 e sono arrivate sul posto alcune autoradio della Polizia appositamente destinate al servizio di controllo sulla movida capitolina. Grazie alle descrizioni fornite i giovinastri sono stati rintracciati e portati in Commissariato dove sono stati convocati anche i loro genitori unitamente a quelli dei ragazzi aggrediti. Gli aggressori, accusati di violenza sessuale e percosse, sono stati portati nel centro di prima accoglienza in via Virginia Agnelli e i fatti sono stati segnalati al Tribunale dei Minori.
Alessandro Pino

Un altro rutto mentale dei teppisti sul ponte Nomentano a Monte Sacro – di Alessandro Pino

31 Mag

image

Sfregiato nuovamente l’antichissimo ponte Nomentano, nel cuore di Monte Sacro e del Terzo Municipio della Capitale: altre scritte senza senso e motivazione alcuna – se non la cretineria di chi le ha tracciate con lo spray – sono apparse il 30 maggio dopo quelle che circa un mese fa lo avevano deturpato e che ancora non sono state cancellate. “Sogni rimandati a domani” raglia l’ultimo teppista, ma l’unico sogno vero sarebbe veder infliggere una punizione esemplare agli autori di questi rutti mentali (se una mente la avessero, s’intende).
Alessandro Pino

Rispetto zero: imbrattato l’antichissimo ponte Nomentano – di Alessandro Pino

6 Mag

image

I soliti imbecilli muniti di bombolette spray hanno imbrattato di scarabocchi – presumibilmente la notte tra il 5 e il 6 maggio – l’antichissimo ponte Nomentano, nel cuore di Monte Sacro. Solo l’ennesimo sfregio in una città dove ormai i barbari dalla testa ripiena di letame hanno mano libera e inutile appare ogni sforzo di difesa della civiltà.
Alessandro Pino

Riaperto il parco Bolivar ma c’è ancora molto da fare – di Alessandro Pino

21 Apr

image

Dopo oltre un anno di chiusura e innumerevoli polemiche su un ipotizzato dissesto geologico – poi smentito – della zona, il 20 aprile ha riaperto il parco Simon Bolivar, nel cuore di Monte Sacro. La chiusura si era resa necessaria dopo il crollo di alcuni alberi: quelli pericolanti sono stati tagliati. Certo, rimane ancora molto da fare: la sera stessa della riapertura, nel giardino si trovava qua e là spazzatura sparsa a terra, segno che probabilmente durante i mesi di chiusura più di qualcuno si era comunque introdotto di straforo. Lo stesso busto di Simon Bolivar risulta vandalizzato – il naso del Libertador è stato spaccato – come anche uno dei pannnelli di vetro che ne illustrano la biografia ed è presente un armadietto elettrico competamente sfasciato,
image

quindi con l’interno accessibile. Ai cancelli manca la segnaletica con gli orari di apertura del giardino – ci sono solo dei tabelloni che riportano la dicitura “IV Municipio” quindi precedenti il riordino dei municipi della Capitale avvenuto nel 2013 – e nemmeno è stata riparata la recinzione abbattuta da uno degli alberi crollati (il varco creatosi è malamente chiuso con una rete). Il Comitato Città Giardino – presieduto da Simona Sortino – ha appunto annunciato che chiederà di intervenire agli uffici competenti ed anche la presidente del Terzo Municipio, Roberta Capoccioni, con un comunicato in rete ha dichiarato che “il lavoro del Municipio continua al fine di riportarlo ad essere un luogo curato e decoroso”.
Alessandro Pino

image

Piazza Menenio Agrippa: tolte per sicurezza le strisce pedonali – di Alessandro Pino

13 Apr

image

Sono state cancellate le strisce di attraversamento pedonale a piazza Menenio Agrippa – nel cuore di Monte Sacro nel Terzo Municipio della Capitale. La decisione era stata presa nella Commissione Municipale Lavori Pubblici presieduta dal consigliere pentaatellato Franco Rauccio –  alla presenza anche dell’assessore delegato Annalisa Contini – per motivi di sicurezza, essendosi verificati sulla zebratura nel corso del tempo numerosi investimenti di pedoni. Curiosamente, per un errore della ditta appaltatrice le strisce da rimuovere erano invece state rinfrescate. Una segnalazione in rete della presidente del Comitato Città Giardino, Simona Sortino, ha fatto sì che si ponesse rimedio alla svista. Ricapitolando:  non  è più consentito  attraversare a piedi piazza Menenio Agrippa, i pedoni possono usare le strisce presenti pochi metri prima in via Maiella o quelle pochi metri più avanti.
Alessandro Pino

(foto S. Sortino)

Impariamo a salvare i bambini dal soffocamento: il 4 aprile a Monte Sacro – di Alessandro Pino

29 Mar

I lettori ricorderanno forse il tragico episodio avvenuto qualche anno fa di un bambino morto soffocato a causa del boccone di un hot dog nel ristorante di un noto centro commerciale a Roma Nord perché non si trovò nessuno che intervenne rapidamente. In effetti i più piccoli sono  i soggetti  maggiormente a rischio di soffocamento a causa di cibo o oggetti  come monete, tappi di penne o parti di giocattoli e sarebbe opportuno che chiunque  sia a contatto con loro (genitori, insegnanti, baby sitter) 

image

sapesse come operare in questi casi. Per questo motivo è stata organizzata per il prossimo 4 aprile una lezione teorica e pratica GRATUITA di tecniche di disostruzione in età  pediatrica e prevenzione di incidenti che si terrà presso il ristorante Balian in via della Verna 8 (nei pressi di piazzale Adriatico a Monte Sacro) dalle 18 alle 20. La lezione – che prevede l’ ausilio di manichini – sarà tenuta dalla dottoressa ostetrica Emanuela Antonini  che è anche instructor trainer Blsd – Pblsd  (Pediatric Basic Life Support – Defibrillation) e Primo Soccorso Pediatrico. Sarà  rilasciato attestato di partecipazione.  I posti sono limitati per garantire un apprendimento efficace e per questo verranno accettate le prime sessanta adesioni, inserendo quelle in sovrannumero  in successivi appuntamenti. Per aderire inviare mail a  marcovitiroma@gmail.com  oppure mquercioli2000@yahoo.it  indicando nome cognome e telefono oppure chiamando i numeri  338 8322423 e 338 8631030.
Alessandro Pino

Un murales (autorizzato) a viale Jonio per ricordare un amico scomparso – di Alessandro Pino

20 Mar

Roberto era un ragazzo come tanti, con la passione della motocicletta, aveva anche gareggiato a un certo livello. Un brutto giorno di alcuni mesi fa però perde la vita in un incidente stradale, paradossalmente in automobile. Un gruppo di amici decide di ricordarlo con un murales in suo onore, da dipingere lungo viale Jonio, strada a grande flusso di traffico in zona Monte Sacro, nel Terzo Municipio della Capitale (lo stesso in cui Roberto viveva). I ragazzi ci tengono a fare tutto secondo le regole e presentano una domanda, solo che – forse anche per l’inesperienza nelle procedure burocratiche – la loro richiesta si arena senza che ne abbiano notizie. A quel punto chiedono consiglio alla consigliera municipale di opposizione Giordana Petrella che li indirizza alla sua collega della maggioranza pentastellata Francesca Burri, competente sulla materia in quanto presidente della Commissione

image

Ambiente – Urbanistica (che si occupa anche del decoro urbano). La 
consigliera Burri apprezzando l’intenzione di ricordare una persona scomparsa nel rispetto della legalità si attiva per le vie ufficiali e la domanda riprende l’iter previsto dalla normativa. Terminato il percorso burocratico, la sospirata autorizzazione arriva e i ragazzi possono rimettersi al lavoro: il disegno è stato terminato proprio nei giorni scorsi. Per chi volesse vederlo da vicino, si trova alla base del cavalcavia che sovrappassa il viale Jonio.
Alessandro Pino

(Si ringrazia per la foto Francesca Burri)

Saint Patrick’s Day tutti a pulire la pineta del Ponte Nomentano – di Alessandro Pino

18 Mar

Un giorno di San Patrizio dedicato alle grandi pulizie nella pinetina adiacente allo storico ponte Nomentano a Monte Sacro: la mattina di sabato 18 marzo si sono dati appuntamento i volontari delle realtà più attive nella cura e la valorizzazione del territorio per procedere a un 

image

intervento di pulizia e sistemazione del verde nei giardini pubblici, ultimamente finiti in cronaca per il ritrovamento del cadavere di un tossicodipendente. A organizzare l’iniziativa Retake Roma Terzo Municipio (vincitori del Premio Montesacro 2015) con la partecipazione di Nucleo Sicurezza 

image

Ambientale Roma Nord, Civici Pompieri, Quelli che il Parco, Thrux e il Green Team dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America con il patrocinio del Comune di Roma e la collaborazione dell’Ama. Presente sul posto l’assessore capitolino all’Ambiente, Pinuccia 

image

Montanari oltre alla presidente del Terzo Municipio Roberta Capoccioni –  impegnata anche lei a dare una mano – e l’assessore municipale all’Ambiente Mimmo D’Orazio.
Alessandro Pino

image

Ripresi i lavori a Parco Bolivar: dita incrociate per la riapertura – di Alessandro Pino

12 Mar

Sono ricominciati da un paio di giorni e proseguiranno anche lunedì 13 marzo i lavori per la messa in sicurezza delle alberature nel parco Simon Bolivar nel cuore della Città Giardino, dopo il lungo stop per una presunta instabilità geologica dello storico Monte Sacro su cui sorge il giardino pubblico. A dare l’annuncio della nuova partenza è stata la presidente del 

image

Terzo Municipio, Roberta Capoccioni. Le polemiche legate all’interruzione delle opere di manutenzione erano cessate soltanto dopo un sopralluogo nelle gallerie antiaeree presenti sotto la collina, risultate integre. Esprime ottimismo la presidente del Comitato Città Giardino, Simona Sortino: «Ci auguriamo che per l’inizio della primavera, dopo un lungo anno di attesa, si possa nuovamente tutti godere del parco».
Alessandro Pino

Parco Bolivar chiuso da un anno: cosa c’è “sotto” ? – di Alessandro Pino

19 Gen

A quasi un anno dalla chiusura – avvenuta a febbraio scorso per svolgere lavori di manutenzione in seguito al crollo di un pino sulla recinzione – rimane ancora interdetto al pubblico il parco intitolato a Simon Bolivar, sullo storico Monte Sacro, nel Terzo Municipio della Capitale. La riapertura era stata annunciata già ad aprile dall’allora presidente del Terzo Municipio, Paolo Marchionne, senza che vi fosse un seguito effettivo nemmeno con il subentro della giunta pentastellata di Roberta Capoccioni. Sulla vicenda esistono teorie contrastanti in seno alla stessa maggioranza municipale: soltanto qualche giorno fa la presidente del Municipio Roberta Capoccioni con un intervento in rete ha confermato la possibile presenza di uno stato di dissesto idrogeologico della collina. L’origine del paventato pericolo di smottamenti – con rischio anche per i mezzi impegnati nella manutenzione del verde – era stata attribuita in ipotesi a una rete di caverne usate come rifugio antiaereo, esistenti sotto la collina. La tesi del dissesto però viene confutata con forza dalla consigliera di maggioranza Francesca Burri, 

image

presidente della Commissione municipale Ambiente, che ha reperito in rete e reso nota a sua volta una perizia eseguita sull’area a dicembre con esito negativo. Sulla materia così si è espressa la presidente del Comitato Città Giardino, Simona Sortino: «Vorremmo avere dall’amministrazione un quadro chiaro che ci faccia comprendere la situazione attuale, anche dall’assessore (municipale all’Ambiente, ndr) Mimmo D’Orazio quale è la progettualità in vista della riapertura e chi intendono consultare affinché questa possa avvenire nel più breve tempo possibile». Per la prossima settimana si attende la presenza in Commissione Ambiente – dopo la seduta del 17 gennaio in cui si sono confrontati i consiglieri di maggioranza Francesca Burri, Francesca Liuzzi, Massimo Moretti, Mario Novelli e quelli di opposizione Federica Rampini, Francesca Leoncini, Vincenzo Di Giamberardino oltre a Simona Sortino e Manuel Bartolomeo presidente del CdQ Talenti – del dirigente dell’ufficio capitolino “gestione territoriale ambientale e del verde”; uno dei punti da sciogliere sarà capire quale sia l’ufficio competente ad agire nel caso particolare, per restituire all’utenza un luogo molto amato e frequentato.
Alessandro Pino

Sangue, bottiglie, siringhe e piscio: l’ingresso della scuola Don Bosco a Monte Sacro teatro della mala vida notturna

17 Mag

Disgusto, rabbia, schifo, sdegno: queste sono le parole che per prime vengono in mente davanti alle immagini – diffuse in rete negli ultimi giorni – del portico di ingresso alla scuola elementare Don Bosco di piazza Monte Baldo, nel cuore di Monte Sacro, Terzo Municipio della Capitale. Durante la notte l’area viene popolata da un’umanità varia

image

composta, a giudicare da quel che lasciano dietro di sè a testimonianza del proprio passaggio, da drogati, ubriachi e sbandati grazie alla mancanza di qualunque recinzione. Spesso, il mattino dopo in terra si ritrovano tracce di sangue, siringhe usate, bottiglie di birra in frantumi, deiezioni umane, che il personale scolastico deve ogni volta rimuovere prima dell’arrivo degli scolari. Il tutto a pochi metri dalla sede municipale di piazza Sempione, non esattamente un luogo periferico. Da tempo si parla della necessità di installare una cancellata che impedisca l’accesso nelle ore notturne,  ci vorrebbe davvero, a tutela degli studenti, anche se il problema, in una città sempre meno vigilata dalle forze dell’ordine a causa delle solite note “razionalizzazioni”, verrebbe spostato solo qualche metro più in là, al primo gradino libero, alla prima aiuola o panchina disponibile.
Luciana Miocchi e Alessandro Pino

Galleria

Monte Sacro a mano armata: i cittadini hanno paura (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

14 Mar

L’episodio più recente nell’escalation di violenza e criminalità nel territorio di Monte Sacro è accaduto il 12 marzo a piazza Sempione, nel cuore della Città Giardino, nelle adiacenze della sede municipale: un passante rapinato a calci e pugni da due individui. Fortuna ha voluto che passasse una pattuglia dei Carabinieri che dopo una colluttazione ha arrestato gli aggressori, ma intanto la vittima è finita al pronto soccorso. La paura comprensibilmente assale i cittadini, gli amministratori del territorio chiedono più sicurezza, ma il Prefetto e la Questura che assicurano non essersi mai abbassata la guardia. Intanto però l’elenco dei crimini compiuti nel Terzo Municipio si allunga: la rapina alle poste di via Val Pellice del 23 febbraio è stato solo uno degli avvenimenti che hanno messo in primo piano la questione sicurezza a Monte Sacro. All’alba del 28 febbraio in un bar di viale Tirreno due avventori di Tor Bella Monaca kannemozzeBNavevano cominciato a molestare pesantemente una coppia seduta a un tavolino; ne era nata una feroce aggressione terminata quando la vittima ha ferito gli assalitori con un coltello. Si dirà che non tutti girano con un coltello in tasca ma questa è la situazione. Sempre nei dintorni di piazza Sempione alcuni giorni prima si era svolto un inseguimento in auto tra bande di sudamericani, con tanto di speronamenti e pistolettate, mentre in una sala slot di piazza Monte Gennaro un cliente era stato pestato brutalmente a colpi di mazza da un romeno, finendo in ospedale con lesioni gravissime. A contorno, il consueto panorama di furti da parte dei soliti noti: vai a prendere la macchina e la trovi su quattro mattoni, rientri a casa e te l’hanno svaligiata, le mense degli asili proseguono a essere depredate la notte nonostante l’installazione di inferriate protettive. L’assessore municipale alla Scuola e alla Trasparenza, Riccardo Corbucci, aveva chiesto ufficialmente al commissario capitolino Tronca e al prefetto Gabrielli un aumento dei controlli delle Forze dell’Ordine sul territorio municipale, ma una nota diffusa dalla Questura aveva dichiarato che il controllo delle periferie era già la principale priorità operativa del piano di sicurezza per la Capitale. Sta di fatto che sempre più cittadini sono impauriti e scoraggiati al punto che in alcuni casi – come sembra sia accaduto recentemente ad una automobilista che sul ponte delle Valli ha subìto l’intrusione di un malintenzionato nella propria vettura nell’indifferenza generale – nemmeno presentano più la denuncia dell’accaduto.

Alessandro Pino

Dopo il crollo di un pino chiuso il parco Bolivar a Monte Sacro (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro…Pino

15 Feb

Il parco intitolato a Simon Bolivar – nel cuore di Monte Sacro, Terzo Municipio della Capitale– torna suo malgrado alla ribalta dopo gli episodi di persone rimaste chiuse all’interno di sera avvenuti

image

recentemente: nei giorni scorsi un grosso pino marittimo è crollato abbattendo un tratto della recinzione. Si è quindi deciso di procedere a un intervento di messa in sicurezza e valutazione dello stato degli alberi presenti, durante i quali però l’area verde rimarrà chiusa al pubblico.
Alessandro Pino

Un candelotto esplosivo e ti distruggono la macchina (Terzo Municipio di Roma Capitale) – di Alessandro Pino

3 Feb

image

Quella in foto è l’ultima frontiera della demenza, raggiunta la sera del 2 febbraio in via Antelao (nel cuore di Monte Sacro, Terzo Municipio della Capitale): un grosso petardo è stato incastrato nella maniglia di una vettura in sosta e poi fatto esplodere. La portiera dell’automobile è stata pesantemente danneggiata, con la maniglia distrutta e il finestrino disintegrato.
A quanto si è letto in rete, i teppisti avevano preso di mira anche un’altra macchina nei pressi ma ci si è accorti in tempo della presenza del candelotto di esplosivo.
Alessandro Pino

Flash: tre arresti nelle ultime ore a Monte Sacro – di Alessandro Pino

27 Gen

image

I Carabinieri della Compagnia Roma Montesacro – agli ordini del capitano Nico Blanco – hanno eseguito alcuni arresti nelle scorse ore durante i quotidiani servizi di controllo del territoio. In manette sono finiti prima due quattordicenni di etnia rom sorpresi dal Nucleo Operativo della Compagnia dopo aver rubato una Fiat Bravo a bordo della quale avevano cercato di fuggire per le vie del quartiere provocando molti danni alla vettura, poi restituita al proprietario.
Poco distante, i militari della Stazione Città Giardino hanno colto sul fatto un albanese che stava svaligiando un appartamento in via Renato Fucini.  Nell’operazione, favorita dalla chiamata al 112 dei vicini allarmati dai rumori, sono stati sequestrati numerosi arnesi da scasso.
Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: