Tag Archives: Colleferro
Immagine

Adolescente pestato in centro a Colleferro, due in carcere- la vittima in prognosi riservata | di Alessandro Pino

18 Apr

[COLLEFERRO- RM] La Polizia ha fermato e portato in carcere due adolescenti ritenuti responsabili del brutale pestaggio di un diciassettenne avvenuto in pieno centro a Colleferro nel pomeriggio del 17 aprile.

Secondo la ricostruzione eseguita dagli investigatori del commissariato Colleferro, erano da poco passate le cinque del pomeriggio quando un gruppetto di adolescenti residenti a Segni è stato avvicinato dai due ragazzi colleferrini di 19 e 18 anni all’angolo tra corso Turati e piazza della Repubblica.
Ne è scaturita una lite per motivi ancora da chiarire che ha portato all’aggressione nei confronti del diciassettenne, preso a pugni in faccia e che è caduto a terra battendo la testa.

Anche una volta a terra, uno dei due aggressori lo avrebbe colpito con un calcio, subito dopo gli aggressori sono fuggiti. La vittima è stata portata all’ospedale cittadino con lesioni gravissime: varie fratture alla mandibola, al naso e una lacerazione del labbro, al momento la prognosi è riservata.

Gli aggressori sono stati individuati poco dopo e sono state eseguite perquisizioni domiciliari trovando uno di loro che stava lavando una maglia in lavatrice. L’aggressione ha particolarmente turbato la sensibilità di una cittadinanza ancora segnata dalla morte del giovane Willy Monteiro, avvenuta mesi fa sempre a Colleferro per le conseguenze di un pestaggio.
Alessandro Pino

I

Immagine

Valmontone: cagnolone meticcio ucciso a colpi di arma da fuoco, due arresti | di Alessandro Pino

10 Apr

[VALMONTONE- RM] Avevano sparato al cane di una coppia in una abitazione di campagna a Valmontone, uccidendolo, danneggiando poi con la stessa arma un furgone parcheggiato nella proprietà.

Per questo due uomini di Cave di 27 e 39 anni, entrambi con precedenti sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Colleferro seguendo le direttive della Procura della Repubblica di Velletri. Le accuse in concorso sono di uccisione di animali, danneggiamento aggravato e detenzione e porto abusivo di arma da fuoco clandestina.

I fatti accaddero ad agosto dello scorso anno. Le indagini condotte dai militari della Stazione di Valmontone hanno
accertato che il calibro dei colpi utilizzati per uccidere il meticcio era lo stesso dei colpi esplosi sul furgone. Analizzando le immagini della videosorveglianza e i tabulati del satellitare è stato individuato il
veicolo noleggiato dai malviventi localizzandolo a Valmontone in occasione dei fatti.
Alessandro Pino

Immagine

Colleferro: si rifiuta di servire da bere dopo le 18 e gli incendiano il bar | di Alessandro Pino

8 Apr

[COLLEFERRO- RM] Si è rifiutato di servire da bere dopo le canoniche ore 18- come previsto dalle norme anti Covid attualmente vigenti- a due uomini del luogo entrambi con precedenti e gli è stato incendiato il locale la notte successiva.

È accaduto tra il 7 e 8 aprile al proprietario di un bar nel centro di Colleferro. Le fiamme, divampate sulla parte anteriore del bar nel cuore della notte, sono state spente dai Vigili del Fuoco dopo che erano intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Colleferro. I militari hanno condotto una rapida indagine che ha portato all’arresto dei due per incendio, aggravato dai futili motivi: dalle verifiche è emerso che i due individui durante la notte erano stati trovati nel centro cittadino senza validi motivi e per questo erano stati sanzionati per violazione del coprifuoco.


A quel punto i due sono stati rintracciati a casa di un loro conoscente, ancora con i vestiti impregnati di benzina. Anche le immagini della videosorveglianza del bar hanno ripreso uno dei due mentre cospargeva il pavimento di benzina mentre quelle di un distributore di carburante a Colleferro hanno mostrato il complice che riempiva due bottiglie di combustibile.
I due sono stati arrestati e verranno portati in carcere.

Alessandro Pino

Immagine

Artena: imprenditore nasconde ricavi per oltre quattro milioni, la Gdf sequestra beni per più di un milione | di Alessandro Pino

31 Mar

[ARTENA- RM] Un laboratorio per la lavorazione di farinacei e due immobili del valore di oltre un milione e duecentomila euro sono stati sequestrati dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma dopo indagini a carico di un panettiere di Artena, accusato di aver nascosto al Fisco circa 4,4 milioni di euro ed evaso l’Iva per quasi 350.000 euro dal 2015 al 2019. Il valore dei beni sequestrati corrisponde all’ammontare delle imposte evase dall’imprenditore.


Il provvedimento è stato emesso
su disposizione del Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Velletri, su richiesta della Procura della Repubblica veliterna, dopo le indagini svolte dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Colleferro.
L’uomo è stato denunciato per i reati di occultamento delle scritture contabili, dichiarazione infedele e omessa presentazione delle dichiarazioni dei redditi e dell’Iva.

Alessandro Pino.

(Foto di repertorio)

Immagine

Colleferro: la zona rossa non ferma lo spaccio | di Alessandro Pino

6 Mar

[COLLEFERRO- RM] L’istituzione della zona rossa non ha fermato lo spaccio e il consumo di droga nella zona di Colleferro: due persone sono infatti state arrestate dai Carabinieri.

A casa di un trentunenne del luogo con precedenti per reati contro la persona e il patrimonio, trovato mentre camminava con cinque grammi di hashish con sé, è stata scoperta una serra artigianale con dodici piante di marijuana. L’uomo è finito ai domiciliari in attesa di giudizio definitivo.


I militari della Stazione di Valmontone hanno arrestato un quarantanovenne del luogo che in auto aveva dieci grammi di cocaina divisa in dosi e altri due grammi a casa. L’uomo ha patteggiato una pena di otto mesi con una multa di 700 euro.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Segni: la compagna lo lascia e lui inizia a perseguitarla pretendendo anche duemila euro | di Alessandro Pino

12 Feb

[SEGNI- RM] Un quarantenne di Colleferro è stato arrestato dalla Polizia per i reati di estorsione e atti persecutori nel pomeriggio dell’undici febbraio a Segni. L’uomo dopo le festività natalizie aveva iniziato a molestare la ex compagna che aveva deciso di interrompere la relazione con lui: in particolare la tormentava con telefonate e messaggi minacciosi a ogni ora, aspettandola in strada o nei luoghi da lei frequentati, giungendo ad aggredirla spintonandola a terra in più occasioni.
Tutto questo aveva causato alla vittima un grave stato di ansia al punto che, terrorizzata dalle possibili ritorsione da parte dell’uomo, non si era mai rivolta ai sanitari né alla polizia.
Le minacce sono culminate con la pretesa di circa duemila euro che lei avrebbe dovuto consegnare al suo persecutore, il quale l’aveva minacciata di spezzarle le gambe se non le avesse fatto. Finalmente la donna ha denunciato i fatti alla Polizia: gli investigatori del commissariato di Colleferro hanno organizzato un incontro protetto con il suo aguzzino nel parcheggio di un supermercato in via Milana a Segni per la consegna dei soldi.
I poliziotti dopo aver fotocopiato le banconote sul lato seriale, hanno munito la vittima di un registratore e appostato una squadra in borghese per proteggerla.
Il persecutore si è presentato all’appuntamento e appena ha preso la busta col denaro è stato arrestato dai poliziotti. L’Autorità Giudiziaria di Velletri lo ha messo ai domiciliari.
Alessandro Pino

Immagine

Monte Porzio Catone: preso al casello con la droga | di Alessandro Pino

10 Gen

[MONTE PORZIO CATONE- RM] È stato bloccato dalla Polizia al casello autostradale di Monte Porzio Catone un pusher quarantasettenne. L’uomo era di rientro da Roma dove si era rifornito di alcuni grammi di cocaina. Sulle sue tracce si erano messi da giorni gli investigatori del Commissariato di Colleferro.
Alessandro Pino

Immagine

Valmontone: cagnolino incastrato in un pozzo, lo salvano i Vigili del Fuoco – di Alessandro Pino

14 Dic

[VALMONTONE- RM] Se l’è vista brutta un cagnolino rimasto incastrato in un pozzo artesiano a quindici metri di profondità a Valmontone, in località Colle San Giudico. È successo nella mattina del 14 dicembre: in soccorso del cucciolo di bastardino sono arrivati i Vigili del Fuoco di Colleferro che lo hanno estratto con una manovra di tipo Speleo Alpino Fluviale. Il cagnolino è stato riconsegnato al padrone in buone condizioni di salute.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Vigili del Fuoco Roma)

Immagine

Spaccio ai Castelli: sei arresti, ci sono anche due indagati per l’omicidio di Willy – di Alessandro Pino

9 Dic

[ROMA] Sei persone ritenute responsabili a vario titolo di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e tentata estorsione stanno venendo raggiunte in queste ore da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita dai Carabinieri ed emessa emessa dal GIP presso il Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica.
Tra queste ci sono anche due fratelli, attualmente detenuti in carcere poiché indagati per l’omicidio del giovane Willy Duarte Montero, avvenuto a Colleferro lo scorso 6 settembre. Le indagini hanno portato alla luce l’esistenza di un sodalizio dedito allo spaccio di stupefacenti nell’area di Velletri, Lariano, Artena e nei comuni limitrofi, che ricorreva abitualmente ad azioni violente e minacce per intimorire i drogati indebitatisi e obbligarli a pagare la droga acquistata.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Droga a Colleferro: chiuso per trenta giorni un bar – di Alessandro Pino

29 Nov

[COLLEFERRO] Un bar del centro è stato chiuso per trenta giorni dai Carabinieri in quanto abituale ritrovo di avventori con precedenti penali per droga. Il provvedimento nasce da
segnalazioni arrivate al 112 e da controlli svolti dai militari delle Stazioni di Gavignano e Colleferro. Tra l’altro il titolare è stato arrestato per spaccio dopo che otto dosi di cocaina sono state trovate nel registratore di cassa.
Alessandro Pino

Immagine

Colleferro: spacciatore insospettabile in manette – di Alessandro Pino

28 Nov

[COLLEFERRO- RM] Un insospettabile operaio cinquantanovenne italiano senza precedenti è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Colleferro, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari durante un controllo notturno avevano notato un uomo già conosciuto alle forze dell’ordine che usciva da una casa in una frazione di Colleferro. Alla vista dei Carabinieri ha cercato di nascondersi ma è stato raggiunto e trovato in possesso di un grammo di cocaina. Entrati nell’abitazione dell’operaio da cui il tossicodipendente era uscito, i militari hanno trovato più tipi di droga: 50 grammi di cocaina e hashish, dieci di marijuana, un etto di sostanza da taglio, due bilancini di precisione e ai libri contabili dove venivano registrate le vendite.

Lo spacciatore è stato messo agli arresti mentre il cliente è stato segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntore di sostanze stupefacenti.
Alessandro Pino

Immagine

Revenge porn con estorsione a Colleferro, un arresto – di Alessandro Pino

27 Nov

[COLLEFERRO- RM] Aveva conosciuto da un paio di settimane via social network un personaggio che usando un falso cognome le raccontava di essere un attore di film pornografici. Persuasa dal figuro, gli aveva inviato alcune sue foto in cui appariva nuda. Così è iniziato l’incubo per l’ingenua trentaduenne che è stata ricattata dal losco individuo: l’uomo pretendeva di fare sesso con lei e se non avesse accettato lui avrebbe inviato le immagini al marito. Disperata, la donna si è rivolta al commissariato di Polizia di Colleferro denunciando quanto le stava accadendo. Dopo i primi accertamenti sul numero telefonico fornito dalla vittima si è risaliti alla vera identità del ricattatore, un trentottenne della provincia di Frosinone. D’accordo con i poliziotti, la donna nel pomeriggio del 26 novembre ha fissato un appuntamento con lui presso un parcheggio a Colleferro dove si erano appostati e nascosti gli agenti. Lei aveva addosso un registratore su cui è rimasta impressa la conversazione con il ricattatore: da essa è emersa chiaramente l’intenzione dell’uomo di cancellare le foto solo dopo aver consumato il rapporto sessuale. A quel punto l’uomo, che addosso aveva anche dell’hashish, è stato arrestato con le accuse di estorsione, sostituzione di persona, violenza sessuale e “revenge pornography”.
Alessandro Pino

Immagine

Colleferro: litiga in strada con la ex, si scopre che era in attesa di estradizione- di Alessandro Pino

6 Nov

[COLLEFERRO- RM] Un nigeriano ventiseienne è stato arrestato dalla Polizia a Colleferro nel pomeriggio del 5 novembre. L’uomo stava discutendo animatamente con la sua ex in via Antonio Gramsci, perché non si era rassegnato alla fine della loro relazione. Sul posto sono arrivati gli agenti del Commissariato di Velletri per controllare la situazione. Da accertamenti è risultato che a carico del giovane c’era una richiesta di arresto provvisorio a scopo di estradizione  da parte della Svizzera  per i reati di truffa e riciclaggio. Arrestato è stato portato nel carcere di Rebibbia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

Immagine

Artena: ventidue indagati per illeciti al Comune, arrestati il sindaco e un assessore- di Alessandro Pino

30 Ott

[ARTENA- RM] Sono finiti agli arresti domiciliari il Sindaco, l’assessore ai Lavori Pubblici e l’ex responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Artena, nonché per il presidente di una cooperativa urbanistica a cui lo stesso Comune aveva affidato l’istruttoria dei condoni edilizi comunali.
Le ordinanze emesse dal Gip del Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura sono state eseguite dai Carabinieri. Con il medesimo provvedimento è stata anche disposta la sospensione temporanea dai pubblici uffici nei confronti della segretaria comunale, del vice comandante della Polizia Locale e della responsabile dell’ufficio personale dello stesso Comune. Le indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno fatto emergere una pluralità di condotte delittuose comprendenti i reati di concussione, tentata concussione, falsità ideologica, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e plurimi abusi d’ufficio. È emersa inoltre la consumazione da parte del Sindaco in concorso con altro soggetto (all’epoca dei fatti consigliere di minoranza nel Consiglio comunale di Artena) del reato di corruzione per l’esercizio della funzione nonché, da parte dell’Assessore ai Lavori Pubblici in concorso con un imprenditore, del reato di corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio.
L’indagine ha inoltre portato alla luce altre condotte delittuose come l’annullamento di multe per violazioni al Codice della Strada a determinati soggetti nonché, in riferimento al presidente di una cooperativa urbanistica a cui lo stesso Comune aveva affidato l’istruttoria dei condoni edilizi comunali, di più ipotesi di tentata concussione.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Narcotraffico e spaccio tra Artena e Carpineto: quattro arresti- di Alessandro Pino

26 Ott

[COLLEFERRO- RM] Quattro persone- due di Artena e due di Carpineto Romano- sono state arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Colleferro con l’accusa di spaccio di stupefacenti in concorso. Si è interrotto in tal modo un traffico di droga tra Artena e Carpineto Romano che non si era fermato nemmeno durante il lockdown primaverile. Le indagini hanno mostrato come due degli arrestati (padre e figlio di Carpineto) spacciavano cocaina e hashish ad assuntori di ogni età, provenienti anche da Montelanico, Colleferro e della provincia di Latina, rifornendosi da due fratelli di Artena. Tre degli indagati sono finiti ai domiciliari mentre uno è stato portato in carcere.

Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Segni: spaccio in casa, due arresti – di Alessandro Pino

20 Set

[ROMA] Una coppia di Segni (lei di 55 e Iui di 60 anni, entrambi con precedenti di polizia per reati inerenti gli stupefacenti) è stata arrestata lo scorso venerdì dai poliziotti del commissariato di Colleferro per spaccio all’interno della propria abitazione. Gli investigatori dopo accertamenti si sono presentati a casa dei due: durante la perquisizione è stato sequestrato un tagliere con sopra un frammento di hashish mentre quaranta grammi della stessa sostanza sono stati rinvenuti all’interno dell’appartamento assieme a quattro grammi di marijuana. In un vaso è stato poi trovato quasi un chilo hashish suddiviso in nove panetti e circa due etti e mezzo di marijuana. Trovati anche 1360 euro in banconote di piccolo taglio.
Alessandro Pino

Immagine

Aveva festeggiato sui social la morte di Willy con un falso profilo: denunciato il sedicente “Manlio Germano” – di Alessandro Pino

18 Set

[ROMA] Subito dopo il brutale pestaggio di Colleferro che ha causato la morte del giovane Willy Monteiro D’arte aveva pubblicato via social frasi sconcertanti tramite un profilo falso in cui offendeva la memoria della vittima definendolo uno “scimpanzé” e esaltava gli arrestati definendoli “eroi”. Si tratta di uno studente universitario di informatica ventitreenne residente a Treviso. Il giovane
aveva dato al suo falso profilo il nome di Manlio Germano e si connetteva ai social attraverso provider esteri usando tecniche di anonimizzazione in grado di mascherare le tracce informatiche della navigazione in modo da rendere impossibile rintracciarlo. Nonostante questo la Polizia Postale è riuscita a ricostruire il traffico telematico risalendo all’autore che è stato rintracciato in un albergo a Firenze e denunciato.
Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

Immagine

Omicidio Willy: duello a distanza Ferragni- Filini- Saraceni | di Alessandro Pino

11 Set

[ROMA] Ha suscitato reazioni di portata nazionale la risposta data a Chiara Ferragni sui tragici fatti di Colleferro da Francesco Filini -dirigente romano di Fratelli d’Italia- con un articolo uscito su La Voce del Patriota, sito di informazione e opinione di area FdI. La famosa influencer, consorte del rapper Fedez, aveva preso posizione via social sulla violenta morte del giovane Willy Monteiro commentando favorevolmente (“well said”, tradotto “ben detto”) e rilanciando il post di una pagina di politica che attribuiva quanto accaduto a una non meglio precisata “cultura fascista”. Filini nel suo articolo, in forma di lettera aperta alla Ferragni, aveva contestato fermamente tale lettura dei fatti: “Nei profili social delle iene di Artena in verità non ho trovato proprio alcun riferimento culturale, e francamente dubito che gli energumeni abbiano mai letto un libro” aveva scritto Filini, intendendosi qui chiaramente la parola “cultura” nel senso antropologico di “concezione del mondo”. Non era mancata nell’articolo di Filini una ironica e amara stoccata alla Ferragni e al mondo dei cosiddetti influencer e affini, cui a suo parere erano chiaramente ispirati i profili social degli arrestati: un mondo dominato e permeato da “…selfie in pose plastiche, abiti firmati, corpo scolpito e tatuato fino al collo, orologi e patacconi, foto pacchiane in località esclusive”. Una vacua cultura dell’immagine senza alcuna solida base intellettuale. L’articolo di Filini, tra le tante reazioni a sinistra, ha innescato quella del giurista e docente universitario Guido Saraceni, che ha risposto a distanza al politico romano sul proprio sito e via Facebook, definendo il suo “un bel tentativo” ma che “non raggiunge la sufficienza”. A stretto giro di social è arrivata la replica di Filini a Saraceni con un altro testo pubblicato su La Voce del Patriota in cui smonta le osservazioni del giurista. E mentre le indagini sul brutale pestaggio costato la vita a Willy Monteiro proseguono, di pari passo continua il dibattito.
Alessandro Pino

Immagine

Artena: minaccia di fare esplodere casa con il gas- di Alessandro Pino

18 Ago

[ARTENA- RM] Tragedia sfiorata ad Artena dove un trentacinquenne del posto dopo una lite con la madre assieme a cui vive e contro la quale aveva attuato una escalation di aggressioni verbali, minacce e insulti ha minacciato di fare saltare in aria la casa con una bombola di gas. Alla richiesta di aiuto della madre sono intervenuti i Carabinieri della locale Stazione con il supporto di quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di Colleferro. I militari hanno evacuato il piazzale antistante la casa e sono riusciti a entrare distraendo il figlio, mettendo così in sicurezza la bombola di gas. Il figlio, sotto l’effetto di alcool e droghe, si è scagliato contro i militari ma è stato immobilizzato. Sono poi arrivati i Vigili del Fuoco di Colleferro che hanno certificato l’agibilità. Il figlio, risultato con precedenti, è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale e portato a Rebibbia.
Alessandro Pino

Immagine

Colleferro: accoltellato alla stazione dopo una lite- di Alessandro Pino

17 Ago

[COLLEFERRO- RM] Tentato omicidio alla stazione ferroviaria di Colleferro. Lo scorso 13 agosto un egiziano è stato arrestato dalla Polfer dopo aver colpito con un coltello un marocchino, tutto questo in seguito a una lite avvenuta per futili motivi nel bar della stazione. Dopo aver inferto la coltellata, l’aggressore ha cercato di fuggire. La vittima fortunatamente ha riportato solo una lieve ferita.
Alessandro Pino

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: