Annunci
Tag Archives: Alessandro Pino

“NO all’impianto Ama Salario”: i cittadini lo dicono anche su Facebook – di Alessandro Pino

22 Gen

image

La annosa vicenda dell’ impianto di trattamento rifiuti dell’ Ama in via Salaria – i cui miasmi ammorbano i quartieri in mezzo ai quali è stato costruito – ha oltrepassato ormai ogni limite di decenza e sopportazione. Per dare un ennesimo segnale di protesta rivolto alle istituzioni anche sui social network è stato creato un motivo grafico da aggiungere alla foto del proprio profilo Facebook: c’è scritto semplicemente “No all’ impianto Ama Salario”. Sono già numerosi i frequentatori che hanno aderito, con le cui foto è stato creato il collage che vedete illustrato.
Alessandro Pino

Annunci

Arrestati al campo di via Salviati “Rambo” e altri due nomadi – di Alessandro Pino

21 Gen

image

Il noto campo nomadi di via Salviati a Tor Sapienza ha visto nella sola giornata di ieri ben tre arresti da parte dei Carabinieri. A finire in manette sono stati prima due fratelli di sedici e venticinque anni domiciliati nel campo: il più giovane in mattinata aveva rapinato dei telefoni cellulari due bambine che tornavano da scuola minacciandole con un grosso cacciavite. Bloccato dai militari della Compagnia Monte Sacro, è stato denunciato per rapina aggravata e la refurtiva riconsegnta alle piccole vittime. Poche ore prima nello stesso quartiere di Tor Sapienza era stato arrestato il fratello maggiore – noto per i numerosi precedenti, che passeggiava in strada nonostante fosse agli arresti domiciliari. In serata invece nello stesso campo di via Salviati 
i Carabinieri della Stazione Roma Tor Tre Teste hanno arrestato un bosniaco ventinovenne di nome Rambo che lì si nascondeva: l’uomo era destinatario di un mandato di arresto europeo emesso dal Tribunale di Sarajevo per una rapina a mano armata commessa in Bosnia nel 2009.
Alessandro Pino

Vescovio: finto agente segreto truffa aspiranti vigilantes – di Alessandro Pino

18 Gen

image

Denunciato dal personale del commissariato Vescovio un cinquantaduenne della Campania che spacciandosi per agente dei servizi segreti aveva truffato decine di aspiranti guardie particolari giurate. La truffa funzionava così: individuata la vittima, si presentava appunto come agente segreto incaricato da un importante politico di reclutare personale fidato da assumere in nuovi istituti di vigilanza privata. Per questo  si faceva versare subito una somma di denaro a titolo di disbrigo delle pratiche (bolli e visita medica d’idoneità) per l’assunzione come guardie giurate. Ovviamente era tutto un imbroglio: numerose denunce sono arrivate a carico  del sedicente 007 campano, rivelatosi un truffatore seriale con un cospicuo curriculum criminale. Nella perquisizione della sua abitazione i poliziotti hanno trovato diversi documenti comprovanti le illecite attività ma nonostante questo l’uomo ha tentato un ultimo tentativo per scagionarsi, riferendo agli investigatori che si limitava a custodire “quei fascicoli” per conto di un amico.
Tutto inutile: la denuncia per il reato di truffa e sostituzione di persona è scattata comunque. È in ogni caso emblematico dei tempi che corrono il fatto che decine di persone fossero disposte ad anticipare denaro pur di svolgere un lavoro – quello di guardia giurata – spesso pericoloso, disagevole e malpagato.
Alessandro Pino

Fine settimana di arresti per spaccio a Monterotondo – di Alessandro Pino

15 Gen

image

Cinque gli arresti per droga effettuati nell’ultimo fine settimana da parte dei Carabinieri della Compagnia di Monterotondo: a finire in manette sono stati una sessantunenne eretina con numerosi precedenti specifici fermata a Casali di Mentana con un involucro contenente quasi sessanta grammi di cocaina nascosto nel portaoggetti della macchina (che dovevano essere venduti in zona “la Fonte” a Monterotondo) e una madre e figlia di Monterotondo con una coppia di fidanzati di Sabaudia, sorpresi allo Scalo  mentre si scambiavano una borsa con venti panetti di hashish per un peso complessivo di due chili.
Alessandro Pino

(foto Compagnia Carabinieri Monterotondo)

Nuovi controlli antidroga dei Carabinieri a San Basilio – di Alessandro Pino

14 Gen

image

Nuovi controlli nel quartiere di San Basilio (Quarto Municipio della Capitale) da parte dei Carabinieri della Compagnia Roma Montesacro in collaborazione con quelli del Nucleo Radiomobile di Roma e della Compagnia Impiego Operativo dell’ 8° Reggimento Lazio hanno portato
all’arresto di due persone e al sequestro di dosi di droga nascoste anche nel vano contatore di un androne condominiale. Gli arrestati sono uno spacciatore ventiduenne sorpreso mentre vendeva dosi di cocaina ad un giovane e un quarantaseienne originario di Bari, portato a Rebibbia in esecuzione a un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Roma. Inoltre durante i posti di controllo effettuati dieci giovani sono stati trovati in possesso di dosi di droga e segnalati all’Ufficio Territoriale del Governo di Roma quali assuntori.
Alessandro Pino

Viale Libia com’ era: e tu, lo ricordi? – di Alessandro Pino

12 Gen

image

Quanto sono cambiati viale Libia e il quartiere Africano nel corso degli anni: nonostante la buriana del cantiere della metropolitana con il gigantesco cubo che aveva invaso piazza Palombara Sabina sia ormai alle spalle, tanti caratteristici esercizi commerciali mancano a chi ci abita o lo ha frequentato, rimanendo però ben vivi nei ricordi di tanti. Mi sono reso conto di non essere l’unico a rimpiangerli grazie ad alcuni gruppi dedicati sui social network, nei quali è ben viva la nostalgia per luoghi, le persone (come l’anziano parcheggiatore abusivo somigliante a Eduardo De Filippo che stazionava, berretto con visiera in testa, proprio nella piazza dove oggi c’è la stazione) e le situazioni di una strada che negli anni Settanta – Ottanta non aveva commercialmente nulla da invidiare ad altre più celebrate ed  era scelta come residenza da personaggi celebri (c’è ancora chi si ricorda Ubaldo Lay uscire di casa all’angolo con piazza Gondar). Una ideale passeggiata lungo le vetrine che furono potrebbe partire da piazza Sant’Emerenziana in direzione del ponte delle Valli non ancora ampliato: sulla destra all’angolo con via Tripoli si verrebbe attirati dagli aromi della rosticceria Capoccetti, due piani colmi di ogni leccornia da farsi ricoverare per indigestione, faceva dei supplì e dei crocchè di patate che così buoni non ne ho più assaggiati. Sulla piazza c’era il negozio di articoli sportivi Cavalletti che al pari dei suoi concorrenti Foffo Sport e King Sport di piazza Gondar organizzava gite sciistiche domenicali al Terminillo.  Più avanti sullo stesso marciapiede c’era (e c’è ancora fortunatamente) la pasticceria Marinari. Una tappa obbligatoria era per guardare gli orologi Casio nelle vetrine a corridoio del negozio di elettrodomestici De Angelis che poi diventò Eldo e poi ancora chiuse i battenti, non mancando di fare un salto di fronte anche dal concorrente Radionovelli (che oggi è tornato in zona dopo essersi trasferito per lunghi anni altrove). Qualche passo ancora e sulla destra in piazza Gimma ecco il mercato comunale prima della ristrutturazione che gli ha tolto il grande e caratteristico scalone centrale che portava alle balconate del piano superiore. All’angolo con il viale Libia c’era il negozio di bomboniere Loreti dove si fornivano le famiglie della buona borghesia per le occasioni importanti e più avanti ancora era d’obbligo una sosta dal grande giornalaio – libreria Pagine. I dischi e le musicassette (i compact che pure oggi sono considerati preistorici nemmeno esistevano) si compravano dalla discoteca Marcotti e i dolciumi dalla torrefazione Romoli.  Arriviamo avanti fino al ponte delle Valli per uno sguardo alla  vetrina del concessionario Ford dei fratelli Sala e poi attraversiamo: sul viale Somalia il negozio di arredamenti Home Studio (il titolare mi sembra si chiamasse Gasparetti) mentre sulla rampa del ponte c’era un antiquario, Antigua Espaňa. Tornando indietro verso Santa Emerenziana ma lungo il marciapiede opposto c’era il grande bar Motta (poi sostituito da una banca e oggi da una farmacia) mentre un bar più piccolo dove giocare la schedina del Totocalcio si trovava di fianco al civico 157: a testimoniare un periodo remoto della storia italiana, l’insegna luminosa che diceva “coloniali”. Fuori il suddetto civico 157 mi rimane impressa nel ricordo la targa di un medico che lì aveva lo studio: Dottor Leon Pompan, un nome quasi musicale. Nello stesso palazzo al penultimo piano (solo il balcone del soggiorno affacciava sul viale, le finestre delle altre stanze tutte sul cortile interno) abitavano i nonni di chi scrive e siccome anche al tempo di posti auto ce n’erano pochi, il geometra Enrico Pino lasciava la Opel Ascona  1.2 grigio pastello in uno dei garage interrati a tariffa mensile.  Di fianco a Motta c’era il negozio di giocattoli Girotondo che nel suo primo allestimento aveva una doppia vetrina in mezzo alla quale passare lasciandoci ettolitri di bava. Distrutto da un incendio, fu poi ricostruito ma senza più quel percorso dei desideri, dopodichè chiuse anche esso. Di Girotondo (o forse Girogirotondo) c’era anche un negozio che a ai bambini interessava molto meno, trattando infatti vestiario al pari de La Cicogna.  Negozi di vestiti ce n’erano a iosa: Maquas, Calòmania, un nome noto come Fiorucci, Alser, c’era anche una succursale della Coin ma solo per signore (se non erro si chiamava infatti “Lei di Coin”).  Le scarpe si compravano da Bisozio e la ferramenta da Cardarelli (che poi passò a trattare casalinghi e infine cessò l’attività). Oggi di tutto questo rimane solo il ricordo che queste righe sperano di contribuire prolungare ancora un poco.
Alessandro Pino

Teppisti danneggiano l’atrio della stazione Fs Settebagni – di Alessandro Pino

8 Gen

image

Teppisti in azione alla stazione ferroviaria di Settebagni, dove presumibilmente un paio di notti fa è stara danneggiata l’illuminazione nell’atrio della ex biglietteria e il distributore di biglietti risulta spento.
Il criminale danneggiamento ripropone per l’ennesima volta la questione della mancanza di sorveglianza degli scali ferroviari e dell’opportunità di ripristinare la presenza del personale.
Alessandro Pino

Quella volta che Imposimato parlò nell’aula di piazza Sempione – di Alessandro Pino

6 Gen

image

E’ scomparso pochi giorni fa Ferdinando Imposimato, magistrato e presidente onorario aggiunto alla Suprema Corte di Cassazione, già deputato e senatore oltre che volto noto al grande pubblico come arbitro nella trasmissione tv “Forum” e per essere stato indicato quale Presidente della Repubblica dal Movimento Cinque Stelle. Proprio su invito del Movimento, Imposimato nel settembre 2016 fu ospite dell’Aula Consiliare di piazza Sempione per esporre le ragioni del “No” al referendum costituzionale.  Affiancato dalla presidente del Municipio Roberta Capoccioni e dalla deputata – nonché residente in zona e oggi candidata alla presidenza della Regione Lazio – Roberta Lombardi, Imposimato con la consueta verve campana  aveva speso parole specialmente riguardo la riforma del Senato: «Viene stravolto, cioè non è più un Senato di 315 ma un Senato di cento senatori non scelti dai cittadini ma scelti dall’alto…il numero dei senatori sarà distribuito in proporzione alla popolazione. Tutte le regioni del Sud come la Lucania, la Puglia, l’Abruzzo, il Molise saranno completamente estromesse da tutte le riforme che il Senato delle Regioni vorrà fare…un Senato a favore delle grandi regioni del Nord». Imposimato fu poi incontenibile a proposito del contenimento dei costi che si sarebbero ottenuti con il nuovo Senato: «Quarantotto milioni di fronte a tutte le cose che non fa il Governo e che dovrebbero fare. Non fa la lotta alla corruzione sono settanta miliardi di euro all’anno, non fa la lotta all’evasione fiscale che sono centocinquanta miliardi di euro all’anno, ma di che stiamo parlando? Rubano a più non posso, glielo dico io che sono stato pure al Senato e alla Camera, sono dei ladroni!». Scrosciarono applausi a non finire nell’aula per Imposimato, anche se nei giorni precedenti non mancarono critiche sulla concessione della stessa per un’iniziativa unilaterale e senza confronto, diversamente  dal modello delle tribune politiche.
Alessandro Pino

Arrestato spacciatore del Tufello – di Alessandro Pino

5 Gen

image

Arrestato nel pomeriggio del 4 gennaio da agenti della Polizia di Stato del Commissariato Fidene – Serpentara uno spacciatore che da tempo era diventato un riferimento per i tossici del Tufello. Le indagini si erano indirizzate su un trentaquattenne italiano di professione guardia giurata, con un evidente tatuaggio sul collo tra i segni particolari; durante la perquisizione nella sua abitazione sono stati
trovati circa trecento grammi di cocaina, un bilancino elettronico di precisione ed alcuni fogli con la contabilità dell’attività di spaccio.
La pistola di servizio gli è stata sequestrata.
Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

Flash: trovato cadavere al Parco delle Valli – di Alessandro Pino

2 Gen

image

Il cadavere di una donna è stato ritrovato  nel Parco delle Valli, la grande area verde in zona Conca d’Oro. Il corpo – secondo quanto si legge sulla stampa – non presentava segni di violenza e aveva vicino la borsa con i documenti che avrebbero consentito di identificarlo per quello di una donna ucraina poco più che cinquantenne.
Alessandro Pino

Nevicata tra Talenti e la Bufalotta – di Alessandro Pino

2 Gen

image

Una leggera nevicata ha interessato  il Terzo Municipio tra le zone della Bufalotta e Talenti nelle prime ore del mattino del due gennaio. Le foto si riferiscono a via Niccodemi e le sue adiacenze.
Alessandro Pino

image

image

Auto ribaltata in via Di Casal Boccone – di Alessandro Pino

31 Dic

image

Fine anno col botto in via di Casal Boccone nei pressi dell’incrocio con la Nomentana dove nel primo pomeriggio del 31 dicembre una vettura si è ribaltata. Al momento non si conosce la dinamica dell’incidente e eventuali danni alle persone.
Alessandro Pino

(Foto M. Vitiello)

image

Sovrappasso Batteria Nomentana: voi ci andreste da soli? – di Alessandro Pino

30 Dic

image

Le immagini che vedete sono tratte da un filmato pubblicato in rete da Manuel Bartolomeo – presidente del CdQ Talenti – relativo al sovrappasso pedonale di Batteria Nomentana che scavalca la Tangenziale praticamente ai confini tra Secondo e Terzo Municipio della Capitale. Si commentano da sole: un campionario di immondizia e stracci abbandonati, tubazioni divelte, sporcizia vomitevole, giacigli di (s)fortuna e scarabocchi come purtroppo ce ne sono ovunque a Roma da anni. Che i sovra e sottopassi pedonali sparsi per la Capitale siano appunto una specie di girone dantesco normalmente nascosto agli sguardi di chi non si azzarda a percorrerli non è una novità: spesso vengono usati come alloggio e ricovero da sbandati di ogni genere, come luogo di squallidi accoppiamenti, sono la terra di nessuno dove può succedere di tutto a qualunque ora anche del giorno. Bene ha fatto quindi Manuel Bartolomeo a ricordare che di situazioni come questa nelle nostre città ce ne sono tante. Troppe.
Alessandro Pino

Diciassettenne aggredito per rapina da tre nordafricani vicino piazza Bologna – di Alessandro Pino

29 Dic

image

Bruttissima esperienza vissuta la scorsa notte da un diciassettenne romano, aggredito all’angolo tra la circonvallazione Nomentana e via Lorenzo il Magnifico (nei pressi di piazza Bologna, Secondo Municipio della Capitale) da tre nordafricani che volevano rapinarlo del portafogli. I tre malviventi non ci sono però riusciti allontanandosi a piedi. Nel frattempo la vittima aveva telefonato al 112 dando indicazioni per individuarli. Dopo una ricerca in zona i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno bloccato tre stranieri: si tratta di due egiziani di 18 e 25 anni e un tunisino di 37, tutti con precedenti e senza fissa dimora. Dopo essere stati portati in caserma e riconosciuti dalla vittima sono stati arrestati e trasferiti a Regina Coeli.
Alessandro Pino

Quel Babbo Natale di Alessandro Pino alla scuola materna di Porta di Roma

23 Dic

image

Babbo Natale è arrivato in anticipo alla scuola materna di via Adolfo Celi (zona Porta di Roma, Terzo Municipio della Capitale). I bambini e i loro genitori hanno infatti ricevuto la visita del ciccione rossovestito la mattina dello scorso 22 dicembre per l’usuale distribuzione di piccoli doni organizzata dalle maestre. A impersonarlo – come già accaduto in precedenti occasioni – è stato il nostro giornalista Alessandro Pino: 《Sono stato lieto di accettare l’invito delle maestre ed essere ancora Babbo Natale – spiega – l’unico inconveniente è stato rendermi conto che stavolta non mi serviva il cuscino per simulare la panza…》.
Penelope Giorgiani

Flash: Vincenzo Di Giamberardino è il nuovo presidente del Consiglio del Terzo Municipio – di Alessandro Pino

21 Dic

image

Vincenzo Di Giamberardino (Fratelli D’ Italia) è il nuovo presidente del Consiglio del Terzo Municipio. È stato eletto il 21 dicembre e succede al dimissionario Mario Novelli. Nella foto in basso lo vedete festeggiato dai suoi colleghi del gruppo consiliare FdI Emiliano Bono, Donatella Geretto e Giordana Petrella.
Alessandro Pino

image

Fontanella chiusa a Settebagni: che aspettiamo a riaprirla? – di Alessandro Pino

20 Dic

image

È dall’estate scorsa che la fontanella alla confluenza di via Sant’ Antonio di Padova sulla Salaria a Settebagni è in secca. La chiusura del rubinetto fu disposta – si disse – per l’emergenza idrica estiva (reale o presunta che fosse) ma da allora così è rimasta, nonostante abbia ripreso a piovere da un pezzo e sia ormai inverno.
La domanda che poniamo a chi di dovere è dunque: la riapriamo o  si preferisce lasciarla così fino all’estate prossima, in modo da avvantaggiarsi con il lavoro?
Alessandro Pino

San Basilio: droga e munizioni trovate da Polizia e Carabinieri – di Alessandro Pino

19 Dic

image

Massiccia offensiva di Carabinieri e Polizia contro la criminalità nel quartiere di San Basilio (Quarto Municipio della Capitale): passati al setaccio piazze, androni, ingressi, tetti e cantine da oltre cento operatori delle forze dell’ordine.
Effettuate venti perquisizioni domiciari oltre a ispezioni nei luoghi  più utilizzati per attività illecite.
Sequestrati  oltre due chili di droga tra hashish, cocaina e marijuana; trovati  quasi trecento proiettili nascosti in uno stabile di via Corinaldo, una canna per pistola con silenziatore e un apparecchio jammer disturbatore di frequenze; arrestato uno spacciatore.
Con l’aiuto di cani antidroga e dei Vigili del Fuoco sono stati individuati e abbattuti porte di ferro e grate che sbarravano  ingressi e garage usati per lo spaccio;  dall’alto  un elicottero della Polizia di Stato seguiva le operazioni e in quattro posti di controllo realizzati ciascuno con due pattuglie miste di Carabinieri e Polizia sono state vagliate  oltre cento persone e settanta autoveicoli.
Alessandro Pino

Sant’ Ivo: il Sanremo degli avvocati al Teatro Ambra Jovinelli – di Alessandro Pino

19 Dic

image

Sanremo è ancora lontano, X Factor è già finito  ma in compenso il 20 dicembre al Teatro Ambra Jovinelli di Roma si svolgerà il Festival di Sant’ Ivo,  kermesse canora riservata agli avvocati e intitolata al patrono
di chi esercita la professione forense, giunta alla sua terza edizione.
Le selezioni si erano svolte a ottobre nella Sala Commissioni della Cassazione e avevano visto la partecipazione di quaranta aspiranti, tra avvocati, cantanti e autori. I dodici finalisti sono stati scelti per capacità musicali, vocali e per presenza scenica. Nei due mesi successivi si sono preparati sotto la guida di Stefano della Rovere e Pietro Messina. Il vincitore del Festival riceverà una toga bianca (da poeta classico anzichè nera da avvocato) realizzata dalla Manifattura Scalella. Al primo, al secondo e al terzo classificato sarà anche consegnata una targa d’argento così come al vincitore del premio della critica, assegnato dalla Giuria di Qualità i cui membri sono: il consigliere del Cnf Donatella Cerè, la criminologa Roberta Bruzzone, il Giudice di Pace di Roma Antonietta Trovato, l’Avvocato Daniele Bocciolini e il presidente dell’Associazione Difensori d’Ufficio Lucia Morante (sorella dell’attrice Laura), il Presidente del Tribunale Paola Roja, il magistrato e autore di libri comici di successo Giacomo Ebner, l’ avvocato Serena Gasperini (noto volto della tv).
Il ricavato dello spettacolo sarà integralmente devoluto in beneficenza: si era pensato dapprima di destinarlo all’ avvocato Andrea Provini, colpito da un male incurabile. L’avvocato purtroppo è mancato e quindi si è deciso di devolvere l’incasso in favore della figlia, come borsa di studio che le permetta di completare gli studi universitari.
La manifestazione è organizzata dalla Onlus del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma e vedrà in scena i due Consiglieri delegati del Progetto Cultura e Spettacolo, gli avvocati Angelica Addessi e Aldo Minghelli, che insieme ad Elena Petrone è anche autore dei testi. Si esibiranno altri due Consiglieri in carica, gli avvocati Maria Agnino, come attrice e Alessandra Gabbani come volto di Miss Sant’Ivo International. La regia sarà di Daniela Coppola. Presenteranno Angelica Addessi con l’avvocato Alessandro Coccoli. I concorrenti della gara canora saranno: Andrea Manasse (vincitore della scorsa edizione), Mariana Valente, Elisa Lucarelli, Vincenzo Biascioli, Gabriele Guaitoli, Serena De Giglio (Premio Critica 2016), Valentina Ambrosio, Francesco Bolognesi, Rita De Rossi, Dario Andrea Chiricozzi, Antonia Supino e Claudia Angelini.
L’inizio è previsto per le ore 21.
Alessandro Pino

Trionfo di pubblico per “My Frida”, cortometraggio del regista Valerio Vanzani – di Alessandro Pino

18 Dic

image

Serata dedicata alle proiezioni di “corti” lo scorso 12 dicembre al cinema Azzurro Scipioni di Roma: tra questi ha destato sensazione “My Frida”, diretto dal diciassettenne regista Valerio Vanzani con il montaggio di Carlo Piersanti e Silvio Leonardo Muccino, figlio d’arte del notissimo Gabriele. Co-prodotto da Light Focus Cinema e Alveare Cinema, è un cortometraggio in inglese liberamente ispirato alla travagliata vita della celebre pittrice disabile   messicana Frida Kahlo, raccontata mettendone a fuoco gli aspetti più intimi dei quali lo spettatore viene fatto immedesimare e reso quasi protagonista assieme agli attori Anna Guerra e Gabriele Mango (nel ruolo del marito, il
image

pittore Diego Rivera). La proiezione è stata un successo sancito dagli applausi scroscianti e dalle ovazioni del pubblico intervenuto alla serata presentata dalla scrittrice Iolanda Pomposelli che assieme alla giornalista Roberta Nardi cura l’ufficio stampa per la Empty Communication: in platea si sono visti tra gli altri la presentatrice Angela Achilli, il compositore Marco Werba, l’attore Thomas Otto Zinzi, le attrici Alessandra Carrillo e Giulia Salerno e la direttrice di “Radio Voz Latina” Susanna Mamani. Emozionato e commosso il giovanissimo regista Valerio Vanzani che salutando gli ospiti ha dichiarato: «Non ho parole per ringraziare tutte le persone che hanno creduto in me e tutti coloro che mi hanno seguito da quando avevo dieci anni. Voglio crescere e migliorare image

sempre più, per me stesso, per la mia famiglia e per quelle persone che ogni giorno sono al mio fianco sostenendomi in questo duro e meraviglioso percorso che ho sentito mio fin da bambino. Io non conosco il mio destino, so solo che amo il cinema!». Dopo la trionfale prima, My Frida verrà proiettato prima della visione dei film nelle principali sale cinematografiche della Capitale e del Lazio.
Alessandro Pino

(foto e i filmati della serata sono a cura del film maker Luigi Nappa di Empty Communication)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: