Annunci

Castel Giubileo vuole la svolta a sinistra verso Settebagni

23 Set

Lunedì sera è stata la prima volta. Per attirare l’attenzione delle istituzioni, più di un centinaio di residenti hanno rallentato il traffico sulla via salaria, al semaforo sull’incrocio su via Grottazzolina.  Insieme, pacificamente, persone anche molto distanti dal punto di vista politico e che non molto spesso trovano  occasioni per andare d’accordo.  Sulle strisce pedonali infatti, erano presenti esponenti politici dell’uno e dell’altro schieramento, abitanti da sempre nel quartiere. Indizio che la questione è particolarmente sentita. Si tratta dell’iniziativa dei dipartimenti dei lavori pubblici, il cui assessore è Fabrizio Ghera  e mobilità di Roma Capitale, assessore Antonello Aurigemma,  che modifica la viabilità interna al quartiere stretto tra il Gra, la salaria e il Tevere, cambiando radicalmente il modo di raggiungere Settebagni ed i servizi più vicini, come l’ufficio postale, la caserma dei carabinieri, della polizia stradale, i supermercati e le banche. Con l’istallazione di un nuovo semaforo, costo stimato 100.000 euro, che consente la svolta dalla via salaria in via Grottazzolina provenendo da Roma, viene esclusa la possibilità della svolta da via Grottazzolina in direzione Settebagni come attualmente è. I lavori iniziati in questi giorni corrispondono ad una precisa richiesta, legittimamente inoltrata ben quattro anni fa, caldeggiata dalla proprietà di un albergo e da alcuni residenti. Gli odierni dissenzienti non sono d’accordo con la decisione adottata perché ritengono di dover fare un giro troppo lungo rispetto a prima e lamentano di non essere stati coinvolti nella scelta delle possibili soluzioni né dei progetti alternativi. Sul posto, per tre sere, volanti di carabinieri, polizia e vigili urbani nonchè il presidente del Municipio Cristiano Bonelli,  che, intervenuto per ascoltare le richieste dei cittadini ha preso l’impegno di ottenere il temporaneo blocco dei lavori,  almeno fino  quando non avesse ottenuto delle risposte dagli assessorati competenti. Mercoledì 21, durante il terzo giorno di appuntamenti al semaforo,  il segretario del Sindaco, delegato da Alemanno ha dato disposizione alle ditte appaltatrici di sospendere i lavori ed ha comunicato l’invito alle parti a presentarsi il 23 mattina, venerdì, in Campidoglio, per partecipare ad un tavolo di discussione per cercare una soluzione soddisfacente dei vari interessi. Poco prima dell’appuntamento però, questo è stato rinviato a martedì 27 ma il pullman che era stato organizzato per arrivare in Comune è partito ugualmente, con l’obiettivo di protestare nella piazza progettata da Michelangelo.

La situazione comincia a diventare bollente. Prima dell’intervento del delegato del Sindaco, una trentina di persone a favore del nuovo assetto si erano radunate nei pressi dell’edicola ma, essendo il quartiere nato da iniziativa spontanea, è un pò difficile passare inosservati, come un nuovo pesce in un acquario. Tutti conoscono tutti ed immediatamente è partito il tam tam perchè pare che della trentina solo un paio fossero del posto, gli altri sono stati indicati dai residenti come intervenuti da fuori ed alle prime discussioni si sono defilati. L’assessore ai lavori pubblici del XIX Municipio (Aurelio, Trionfale, Prima Valle), Ferdinando Di Giamberardino è intervenuto perchè “richiesto dai residenti” ma è andato via poco dopo, perchè è stato contestato dai molti che gli hanno fatto notare che, al contrario di lui,  il Presidente Bonelli, Pdl, Riccardo Corbucci, vice presidente del consiglio municipale, Pd, nonchè i residenti Marco Baldinelli, attivista Pdl e Silvia di Stefano, presidente del circolo Pd del quartiere, erano presenti dal primo giorno e lo sono stati sempre. Ed ancora,  il mini Sindaco di Monte Sacro si rammarica che una decisione di così grande impatto per la vita del quartiere non sia stata presa in maniera partecipata. A dire la verità, una riunione ci fu, qualche tempo fa. Venne interrotta bruscamente dalle proteste, quando alcuni residenti intervenuti all’assemblea si convinsero di stare assistendo ad una illustrazione dei lavori che sarebbero stati eseguiti anzichè ad una consultazione nella quale scegliere tra le diverse ipotesi.

L’unica certezza è che al momento, per un semplice problema di miglioramento della viabilità, stanno scendendo in campo un bel pò di pezzi da novanta.

Luciana Miocchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: