Annunci

I Blocchi precari metropolitani occupano la struttura dell’ex casa di riposo di Casal Boccone

9 Gen

Domenica 8 gennaio la struttura di via di Casal Boccone che ospitava la casa di riposo Roma2, ufficialmente chiusa e smantellata al 31 dicembre 2011 è stata occupata da un centinaio di attivisti dei Blocchi precari metropolitani con un’operazione  studiata nei minimi particolari.

Hanno coperto tutte le superfici vetrate con lamine metalliche e steso vari striscioni stampati. Sul posto sono intervenuti blindati di carabinieri e guardia di finanza. Alle 15 la situazione sembrava essere di calma apparente. I furgoni dei reparti anti sommossa dei Cc e della polizia erano schierati lungo la rotonda, poco distante quindi, in attesa di ordini ulteriori.

All’entrata solo poche macchine “ufficiali” e alcune civette. Alcuni occupanti entravano ed uscivano liberamente ma mantenevano la consegna del silenzio. Tra di loro molti immigrati.

Tra i politici locali, immediata è arrivato il commento dei consiglieri Pd Riccardo Corbucci e Fabio Dionisi, che si sono detti contrari ad ogni genere di occupazione.

Questo il testo del comunicato diffuso dai Blocchi Precari Metropolitani e pubblicato dal sito http://www.contropiano.org :

“Per 42 anni la casa di riposo Roma II di via Casal Boccone ha fornito un servizio importante per il territorio e per la città. Nel mese di dicembre la struttura che ospitava 69 anziani (16 ultranovantenni), un polo geriatrico, un centro Alzhaimer e dove prestavano servizio 60 lavoratori, ha chiuso.
Gli anziani sono stati “deportati” altrove, gli operatori ricollocati e i macchinari smantellati.
Il tutto torna nelle mani della FIMIT e di Ligresti verso nuove lottizzazioni, nuovi profitti e nuove speculazioni immobiliari. Gli interessi sono molti e le mire quelle consuete dei signori del mattone.
Il ruolo svolto dal Comune e dal Sindaco è stato a dir poco superficiale. Sia nella gestione del trasferimento degli anziani, sia nell’approfondimento di possibili soluzioni che mantenessero il bene come servizio pubblico. Si è voluto mettere l’accento sull’onerosità dell’affitto piuttosto che sulla fondamentale funzione svolta dalla struttura socio-sanitaria.
La nostra iniziativa intende riaprire la questione. Molti e molte hanno lottato per difendere lo spazio senza riuscirci. Ora dopo la riappropriazione discutiamo insieme su come strapparlo alla rendita e alla speculazione finanziaria.
La crisi che tutti noi viviamo e il debito che ci vogliono imporre è costituito anche da queste privazioni. L’idea che dismissioni, privatizzazioni, liberalizzazioni, siano la panacea per uscire dalle difficoltà finanziarie di questo paese ci sta togliendo ogni sovranità sui beni comuni. Il patrimonio pubblico e strutture come quella di Casal Boccone non possono andare perdute e vanno difese ad ogni costo.
Noi non decidiamo più su come deve essere usato il territorio e ciò che è costruito. Assistiamo ad un consumo di suolo costante e vorace, ad un saccheggio delle risorse e dell’ambiente, senza che nulla serva per affrontare l’emergenza alloggiativa o la mancanza di spazi sociali e culturali. In più subiamo una precarizzazione costante del lavoro e tra gli altri soprattutto gli operatori sociali impegnati sul territorio e in strutture come questa ne pagano le conseguenze. Le nostre esistenze divengono sempre più precarie e il nostro presente sempre più sotto ricatto. Per non parlare del futuro con redditi incerti e diritti malfermi.
La mobilitazione intende riaprire in città un conflitto per la difesa dei beni comuni, della sovranità territoriale, della democrazia e della difesa dei diritti . alla casa, al reddito, ad un welfare di cittadinanza per autoctoni e migranti. Questa è la sicurezza che dobbiamo vogliamo e non quella del controllo di polizia sul territorio, utile solo a limitare gli spazi di democrazia e la libertà di movimento.”

Per martedì 10 gennaio i Blocchi hanno annunciato un’assemblea pubblica.

Si attendono ora le reazioni del resto del mondo politico.


Luciana Miocchi (testo) – Alessandro Pino (foto)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: