Annunci

II Municipio – e il consigliere si rivolse alla Procura della Repubblica per ottenere un guard rail indispensabile

20 Gen

Era l’alba del 25 ottobre  quando un’auto, dopo aver sfondato una semplice ringhiera a lato della marciapiede che costeggia quel tratto di via Olimpica, fece un salto nel vuoto di una decina di metri, atterrando in un prato lungo la via di Tor di Quinto.

Sul posto intervenirono gli agenti di Roma Capitale e i vigili del fuoco. Fatale la mancanza di guard rail, che inizia solo pochi metri più in là, direzione salaria. Sembra che siano anni che la municipale segnala la cosa, senza mai ottenere la messa in sicurezza del tratto.

La questione è stata presa a cuore dal consigliere de La destra del II municipio Massimo Inches, ex funzionario di polizia locale in pensione, che agli inizi dell’anno, passati più di due mesi dall’incidente mortale, ha provveduto ad inviare una diffida al segretario direttore generale di Roma Capitale ed al direttore del VII Dipartimento perché provvedessero a far eseguire i lavori di adeguamento.

Il sedici gennaio, con un comunicato, il battagliero Inches ha poi dato la notizia di aver richiesto al Procuratore della Repubblica di aprire un’indagine penale per accertare se vi sono responsabilità personali su quella morte, perchè «per un episodio analogo la Corte D’Appello di Messina ha condannato nel 2011 i dirigenti del Consorzio Autostrade Siciliane a un anno e sei mesi per omicidio colposo plurimo», e ancora «un segnale forte e chiaro che la Sicurezza noi la pretendiamo nei fatti e non deve servire solo come slogan elettorale stampato sui manifesti».

Luciana Miocchi

Annunci

Una Risposta to “II Municipio – e il consigliere si rivolse alla Procura della Repubblica per ottenere un guard rail indispensabile”

  1. PAOLA 21 gennaio 2012 a 08:47 #

    Cosa si può rispondere di fronte ad una morte avvenuta a causa di un esistente guard rail? Strade prive di segnaletica, o comunque poco chiare, buche assurde sulle strade, insomma è vero che molte sciagure avvengono per colpa nostra, alta velocità ecc ecc, ma è pur vero che le nostre strade non sono sicure, i lavori di manutenzione sono inesistenti e quando si effettuano, non sono affidate a ditte serie, o meglio, le gare di appalti che si innescano, fanno si che i prezzi che si concordano sono troppo bassi, quindi chi prende l’appalto, lavora male… Nella nostra Italia si vive solo di apparenza e di furberie, risultato, è inutile commuoversi o gridare, “allarme”, solo quando c’è un morto di mezzo che poi, “allarme” apparente, tanto tutto resta come prima! Ma quanto vale la nostra vita?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: