Annunci

Roma Capitale: arrestato il vicepresidente del consiglio comunale, Samuele Piccolo. L’accusa è di associazione a delinquere e finanziamento illecito ai partiti

14 Lug

Agli arresti domiciliari il vicepresidente del consiglio comunale di Roma, Samuele Piccolo, con l’ accusa di associazione a delinquere e finanziamento illecito ai partiti, nell’inchiesta coordinata dai pm Paolo Ielo e Barbara Sargenti. Arrestato anche il padre e il fratello Massimiliano, quest’ultimo considerato dalla Procura il “capo” dell’associazione a delinquere. I  reati contestati quelli di associazione a delinquere, appropriazione indebita, illecito finanziamento ai partiti e frodi fiscali.Ai domiciliari sono finiti anche altri soggetti riconducibili alle 60 società cooperative che avrebbero frodato l’Iva: Franco Cannone, Silvia Fortuna, Rosario Meglio e Riccardo Sorbara. In totale sono indagate 13 persone, tra cui anche la madre di Piccolo, Elena Ciaravolo.  I pm avevano chiesto l’arresto anche di Ezio D’Angelo, assessore all’VIII municipio della Capitale ma la richiesta è stata respinta. Sette in totale i provvedimenti di custodia cautelari firmati dal gip Filippo Steidl. In base all’impianto accusatorio, attraverso una serie di società sarebbero stati creati finti crediti Iva e dirottati i fondi drenati al fisco all’attività politica del vicepresidente del consiglio comunale. Le perquisizioni effettuate nell’ufficio del presidente e l’acquisizione di carte e documenti sono partite anche sulla base di accertamenti dell’ Agenzia delle Entrate. “Ho fiducia nel lavoro della magistratura. Speriamo in un rapido chiarimento di una vicenda sicuramente molto, molto brutta”, ha detto il sindaco Alemanno. Samuele Piccolo, classe 1981, eletto nella  tornata del 2008, quella che ha portato Alemanno sindaco di Roma, fu  più votato: entrò in Campidoglio con 12 mila voti. Viene eletto dopo il pasticcio all’epoca dell’esclusione delle liste del Pdl alle ultime elezioni regionali del Lazio che non impedì alla Polverini di vincere egualmente le elezioni.
“La notizia circa l’arresto di Samuele Piccolo, primo dei consiglieri eletti nel Pdl e vicepresidente dell’assemblea capitolina, getta l’ennesima ombra inquietante sull’amministrazione Alemanno”. E’ quanto dichiarano i capigruppo del Pd e di Sel in Campidoglio, Umberto Marroni e Gemma Azuni, chiedendo che “sia fatta piena luce sulla vicenda e di verificare se siano intercorsi rapporti tra le societa’ della famiglia Piccolo e il comune di Roma”. Inoltre, “pur nella presunzione di innocenza appare opportuno che il consigliere Piccolo, in attesa dello svolgimento del procedimento della magistratura, si dimetta immediatamente almeno dalla carica di vicepresidente dell’assemblea capitolina al fine di tutelare l’istituzione”.

Concetta Di Lunardo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: