Annunci

Comitato acqua: dov’è la vittoria referendaria? Assemblea, in quarto municipio, per proporre una campagna di “obbedienza civile” – di Alba Vastano

27 Dic

Il comitato “Acqua bene comune” del quarto municipio, il 19 dicembre, presso la sede del Ccp(centro cultura popolare) ha indetto un’assemblea informativa sugli esiti referendari e sui risvolti della vittoria del giugno scorso. I “SÌ” hanno abrogato la legge Ronchi e di conseguenza hanno cancellato la norma che consentiva ai gestori di caricare sulle bollette dell’acqua anche la componente della “remunerazione del capitale investito”, ovvero il profitto del gestore. La campagna di obbedienza civile(ironicamente così definita) ) che sta prendendo il via, promossa dal comitato nazionale per l’acqua pubblica ha come finalità l’applicazione dei due quesiti referendari che, al momento, è disattesa. Nel corso dell’assemblea i relatori Marco Bersani ( rappresentante del Comitato acqua pubblica) e Danilo Corradi , autore del libro “Capitalismo tossico”, hanno illustrato ai presenti la situazione politica attuale, in riferimento al debito pubblico analizzandone la questione e informato su come condurre la campagna di obbedienza civile, perché questa volta non si tratta di disobbedire ad una legge, ma di obbedire alle leggi in vigore, così come modificate dagli esiti referendari.«I poteri forti, non potendo contare sul consenso dei cittadini, contano semplicemente sull’imposizione-dichiara Marco Bersani-Ci stanno comunicando che dobbiamo rassegnarci ad operare in una direzione obbligata verso la privatizzazione. In questo senso la partita dell’acqua diventa decisiva, perché se noi accettiamo questa imposizione, nonostante la vittoria referendaria, abbiamo perso definitivamente». Per informare i residenti del quarto municipio sulle modalità per il riconoscimento dei propri diritti, in base agli esiti referendari, il Comitato del territorio aprirà uno sportello, presso la sede del Ccp(Via Capraia-Tufello), a cui si potranno rivolgere tutti i residenti che intendano avere maggiori delucidazioni sulla corretta applicazione delle nuove tariffe delle bollette dell’acqua.
«Abbiamo costituito il Comitato dell’acqua pubblica tre anni fa e condotto una campagna referendaria che ha avuto ottimi risultati in quarto municipio. Ora siamo in un’altra fase che ci chiama a mettere in pratica la vittoria e lo facciamo aderendo alla campagna di obbedienza civile. La nostra finalità è quella di ottenere una riduzione della bolletta dell’acqua che al momento nessuno sta applicando. A gennaio apriremo uno sportello informativo con l’obiettivo di comunicare ai cittadini che la Corte costituzionale il 21 luglio scorso ha reso norma la vittoria referendaria e, pertanto, dobbiamo chiedere che venga applicata .Vogliamo obbedire alla legge che recita che la bolletta dell’acqua va ridotta» riferisce Roberto Rossetti, uno dei promotori del Comitato acqua pubblica del municipio.
Alba Vastano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: