In aumento i casi di “truffa dello specchietto” anche nel Terzo Municipio

15 Mag

È un reato diffuso ormai in tutte le aree urbane e del quale tramite gruppi Facebook di zona è stato segnalato negli ultimi giorni un numero crescente di episodi anche tra i quartieri di Talenti e della Bufalotta, nel Terzo Municipio della Capitale: si tratta della cosiddetta “truffa dello specchietto” con la quale un ignaro automobilista viene avvicinato da un altro conducente (il delinquente) e da questi accusato di aver provocato un danno alla propria vettura, in realtà preesistente (di solito appunto si tratta di uno specchietto retrovisore rotto). Non di rado il truffatore prima di avvicinarsi lancia un oggetto – come una pallina di plastilina, in grado di lasciare un segno simile a una strisciata – verso la carrozzeria della macchina della vittima, in modo da far credere che ci sia stato un

image

contatto tra i veicoli. Ovviamente il truffatore è interessato a ottenere un rimborso immediato in contanti giocando sul timore delle vittime di vedere aumentare pesantemente il premio della assicurazione Rc auto a causa del “malus”: proprio a questo punto si perfeziona il reato, con la consegna del denaro  in cambio della promessa di non inviare la comunicazione del sinistro all’assicurazione di quella che in realtà è la vittima. Solitamente il truffatore si accontenta per questo anche di una cifra piuttosto bassa ma ci sono stati casi di vittime costrette con le minacce a prelevare presso un bancomat. Non c’è un identikit preciso degli autori della truffa: sono stati segnalati individui dall’accento napoletano come romano o anche stranieri. Come si può intuire, per una normativa troppo morbida verso reati odiosi, questi personaggi anche se individuati e fermati dalle Forze dell’Ordine tornano all’opera quasi immediatamente. Il consiglio che viene dato è di negare con fermezza qualsiasi pagamento in contanti (ai truffatori non interessa compilare la constatazione amichevole) e al minimo dubbio di trovarsi davanti a dei criminali chiamare immediatamente il numero unico di soccorso 112. Per le signore sole  o gli anziani – spesso scelti come preda potenzialmente più “facile” –  aggiungiamo noi, meglio non scendere proprio dalla macchina.
Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Una Risposta a “In aumento i casi di “truffa dello specchietto” anche nel Terzo Municipio”

  1. stefano 15 maggio 2016 a 12:05 #

    scendere con la mazza da baseball e spaccargliela sui denti….non vedo l’ora che mi capiti a tiro uno de sti figli di troia bastarda

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: