Annunci

Quella mattina di terrore in una scuola al Nuovo Salario – di Alessandro Pino

15 Mar

Trentatrè anni or sono – il 13 marzo 1984 – la capitale visse una mattina di terrore e ansia per gli alunni e il personale della scuola “Ignazio Silone” al Nuovo Salario – allora ultraperiferia, oggi pieno centro abitato – presi in ostaggio da un individuo che entrò 

image

nell’istituto uccidendo con una fucilata il bidello Ernesto Chiovini e ferendone altri cinque. Alla fine il sequestratore fu catturato, in molti se ne presero il merito  ma se non ci furono ulteriori spargimenti di sangue fu soprattutto per l’eroismo dell’allora maresciallo dei Carabinieri Salvatore Veltri – oggi luogotenente in congedo – che si offrì in ostaggio disarmato. Da qualche anno la 

image

Salvatore Veltri

scuola Silone non è più attiva; si era parlato di riconvertire l’edificio a caserma dei Carabinieri ma senza esito. Al bidello Ernesto Chiovini è stato intitolato il plesso scolastico adiacente ma di quell’episodio si sta man mano perdendo la memoria nella comunità.
Alessandro Pino

Annunci

3 Risposte to “Quella mattina di terrore in una scuola al Nuovo Salario – di Alessandro Pino”

  1. Antonio Fusaro 3 aprile 2017 a 22:28 #

    Quella maledetta mattina io ero lì…abitavo proprio di fronte la scuola e io come tanti altri fummo subito allertati dagli indimenticabili custodi del parco…gran trambusto inizialmente dove non si capiva cosa stesse accadendo…poi quegli spari …e,.l’intervento delle forze dell’ordine.che decisero di evacuare.l’istituto scolastico facendo scendere parte della scolaresca con delle.scale.dalle finestre poste sul fianco dell’edificio. Proprio di fronte.a noi che attoniti e confusi assistevamo a quanto stava.accadendo. Io come.altri.ci offrimmo volontari per.aiutare in un modo o in un altro…logicamente.le forze dell’ordine impedirono qualsiasi iniziativa…non ci rendevamo conto della pericolosità di quanto stava accadendo. Avevo voglia insieme a qualcun altro di fare qualcosa, di aiutare, di collaborare per liberare quei ragazzi… poi il silenzio, ci fu come un’improvvisa pausa… come il fermo immagine in un film… e dopo.poco l’irruzione dei militari dal portone.principale. Avevano arrestato quell’uomo che accecato dalla disperazione aveva compiuto un omicidio uccidendo un altro uomo che forse di.problemi ne aveva quanto.lui se non di più…

  2. lucianamiocchi 5 aprile 2017 a 09:34 #

    grazie per la testimonianza.
    LM

    • Stefano Corazzi 9 agosto 2017 a 15:12 #

      Anche io ero li. Quella era la mia scuola.
      Eravamo in classe a fare lezione. All’improvviso ci fu un forte boato; credemmo che una lavagna fosse caduta in qualche aula vicino a noi… poi le urla.
      La maestra ci intimò di rimanere in classe e così facemo: Appoggiati tutti contro il muro.
      Ricordo ancora che le bambine piangevano mentre noi ragazzi incoscienti, ridevamo.
      Dopo un tempo che non saprei quantificare, si aprì la porta dell’aula. Le forze dell’ordine entrarono e ci dissero di seguirle rasenti il muro delle varie aule.
      Ci fecero uscire da una finestra che dava al cortile dell’allora scuola elementare (La Cocco Ortu).
      Fuori vi era un assembramento di gente: Genitori in ansia e in lacrime, forze dell’ordine e giornalilsti.
      Mia madre fece un enorme fatica a trovarmi.
      Successivamente appresi che la persona che aveva fatto irruzione, abitava in uno dei complessi dove abitavo io (Salvatore Scoca, il complesso Antares). Non so se sia vero o meno io non lo conoscevo, ma mi ha fatto molto strano sapere che una persona del genere abitasse a poche centinaia di metri da me.
      Vari giornalisti ci intervistarono ma non ricordo nulla di quel momento.
      E’ una giornata che non si può dimenticare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: