Archivio | 10:26
Immagine

Parioli: donna minaccia di gettarsi dal cornicione- di Alessandro Pino

22 Ott

[ROMA] Paura ieri pomeriggio ai Parioli per una donna che aveva minacciato di gettarsi nel vuoto dal cornicione di un palazzo in via Vincenzo Bellini. La poveretta era disperata per il licenziamento appena comunicatole e chiedeva una revoca del provvedimento da parte dei datori di lavoro per desistere dall’idea. Questi ultimi però si erano detti disposti solo a riesaminare il licenziamento e la situazione si è bloccata. A quel punto prima che accadesse l’irreparabile un Vigile del Fuoco assieme a tre poliziotti e Giuseppe Rubino, dirigente del Commissariato Salario Parioli, hanno afferrato di peso la donna sollevandola oltre il parapetto e mettendola al sicuro. La donna, dopo esser stata visitata dal personale sanitario, è stata accompagnata in Commissariato dove è stata rassicurata dalla sua datrice di lavoro che le ha concesso alcuni giorni di ferie.

Alessandro Pino

Immagine

Guardone tecnologico spiava sotto le gonne con una microcamera- di Alessandro Pino

22 Ott

[ROMA] Un siciliano quarantunenne è stato denunciato dagli agenti del Commissariato Fidene Serpentara per aver spiato sotto le gonne con una telecamera nascosta le frequentatrici di un noto centro commerciale della zona: il guardone tecnologico era stato notato dalla vigilanza perché si era ripetutamente avvicinato a donne che indossavano gonne o vestitini, cercando di mettere goffamente un suo piede tra le loro gambe. La vigilanza ha notato il riflesso della lente di una microcamera in corrispondenza di un foro della scarpa dell’uomo e una volta intuìto che in tal modo
riprendeva l’intimo delle donne, lo ha fermato. All’arrivo dei poliziotti l’uomo è stato denunciato per il reato di molestie e disturbo delle persone. La microcamera con due batterie e cinque telecomandi per l’attivazione delle registrazioni sono stati sequestrati. Le immagini recuperate, custodite presso il Commissariato, saranno messe a disposizione della autorità giudiziaria anche se non si è e riusciti a individuare le vittime del guardone siculo.
Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: