Archivio | 10:40
Immagine

Esquilino: donna violentata e rapinata, un arresto – di Alessandro Pino

22 Dic

[ROMA] Un ventinovenne africano è stato arrestato dalla Polizia con l’accusa di avere rapinato e violentato una donna che tornava a casa. I fatti erano accaduti la sera dello scorso 16 dicembre in via Guicciardini all’angolo con via Carlo Botta, nei pressi di piazza Vittorio Emanuele II. La vittima, una quarantaseienne romana, era stata fatta cadere a terra dall’africano, venendo minacciata di essere violentata e uccisa se non avesse consegnato i soldi. Dopo la violenza subíta, la donna aveva chiesto aiuto in una pizzeria nei pressi, venendo poi portata in ospedale. Gli investigatori hanno esaminato i filmati delle telecamere in zona, individuando il criminale.
Alessandro Pino

(immagine Questura di Roma)

Immagine

Tomba di Nerone: in fiamme un appartamento – di Alessandro Pino

22 Dic

[ROMA] Incendio in un appartamento poco prima delle tre di notte del 22 dicembre in via Federico Mastrigli, zona Tomba di Nerone. Per cause imprecisate le fiamme si sono sviluppate in una abitazione al seminterrato. Sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco con un’autoscala e un autobotte.
Alessandro Pino

(foto repertorio)

Immagine

Distribuiti panettoni e coperte dell’iniziativa “una coperta per Natale” – di Luciana Miocchi

22 Dic

Nella notte tra il 21 e il 22 dicembre la terza edizione dell’iniziativa “una coperta per Natale” – nata da un’idea di Manuel Bartolomeo, già consigliere del III Municipio – è giunta a termine, consegnando, tramite i volontari della “Protezione Civile Soccorso Roma” e di altri cittadini coinvolti nell’organizzazione, coperte e panettoni raccolti presso il punto di incontro, quest’anno fissato presso l’attività di ristorazione “Semplice” di via A. Bettini a Monte Sacro, agli homeless incontrati a Borgo Pio, alla Stazione Ostiense, a Termini, a piazza San Giovanni e a San Pietro. Quest’anno le cose sono state complicate anche dalle restrizioni imposte dal Covid ma nonostante ciò, adottando tutte le misure idonee di protezione e di distanziamento, l’operazione è giunta a compimento in grande serenità. Le coperte raccolte, moltissime nuove, sono state sanificate e quelle che non potevano essere distribuite alle persone per i più disparati motivi, sono state destinate al rifugio “Code Felici” di via di Settebagni, a cui verranno consegnate nei prossimi giorni. Dice Bartolomeo «ci tengo a fare un ringraziamento speciale a chi ha contribuito fattivamente alla realizzazione di questa tre giorni di solidarietà».

LM

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: