Tag Archives: Direzione Distrettuale Antimafia
Immagine

Spaccio fuori il cimitero Flaminio: 17 arresti | di Alessandro Pino

8 Giu

[ROMA] Un’operazione congiunta di Polizia e Carabinieri è avvenuta nelle prime ore dell’8 giugno per dare esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di ventidue indagati
ritenuti responsabili dello spaccio di cocaina nei pressi dell’ingresso del Cimitero Flaminio.

L’indagine denominata Cleopatra sotto la direzione e il coordinamento della Procura di Roma- Direzione Distrettuale Antimafia- ha riguardato un’organizzazione costituita in particolare da egiziani ma tra gli indagati figurano anche tre appartenenti alle Forze dell’ordine (due carabinieri oggi stesso sono stati sospesi precauzionalmente dal servizio dall’Arma) che avrebbero fornito informazioni riservate per assicurare la prosecuzione dello spaccio ed eludere indagini o interventi.

L’organizzazione operava in particolare nel settore dello spaccio di cocaina nei pressi dell’ingresso del Cimitero Flaminio, utilizzando come base logistica un banco di fiori, con punte di quattrocento spacci al giorno per un guadagno giornaliero di circa ventimila euro.

I clienti si avvicinavano a soggetti che apparentemente si occupavano della vendita dei fiori, pagavano il dovuto e ricevevano la quantità di droga richiesta. I pusher prelevavano la droga dai vasi di fiori, dall’aiuola adiacente al banco di vendita o dalla boscaglia antistante, adiacente la Flaminia.

In orario serale e notturno i consumatori venivano accompagnati alla rotatoria della vicina stazione Montebello della ferrovia Roma Nord dove c’erano ad attenderli altri spacciatori, nascosti dietro una rete metallica e la vegetazione.

In seguito l’attività di spaccio anche a causa degli interventi delle Forze di Polizia era stata modificata, utilizzando sempre il banco come base logistica, ma spostando la vendita ai clienti sulla Flaminia e sul controviale oltre che presso un esercizio commerciale.

Dei ventidue indagati, undici sono stati colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere, sei agli arresti domiciliari e cinque sono sottoposti al divieto di dimora nel Comune di Roma con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata all’illecito traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, rivelazione e utilizzazione di segreti di ufficio, accesso abusivo a sistema informatico o telematico, detenzione e porto illegale in pubblico di armi e di munizionamento, furto aggravato.
Alessandro Pino

Immagine

Narcotraffico milionario dal Tufello su tutta Roma: venti arresti- di Alessandro Pino

5 Nov

[ROMA] Nelle prime ore del 4 novembre sono stati eseguiti dalla Guardia di Finanza venti arresti con cui è stato smantellato un sodalizio criminale attivo nel traffico di stupefacenti. L’organizzazione originata nel quartiere del Tufello riforniva di droga altri sodalizi attivi nel narcotraffico all’ingrosso sulla piazza romana, litorale incluso. Le indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma hanno mostrato l’elevato livello tecnologico a disposizione del gruppo, attrezzato con utenze telefoniche riservate e munite di sistemi di criptaggio delle comunicazioni per cercare di eludere le attività di prevenzione e repressione delle Forze dell’Ordine. Anche la distribuzione della cocaina avveniva in modo da eludere interventi repressivi: i compratori venivano invitati a parcheggiare la macchina nei pressi di un luogo convenuto, affinché i complici addetti alla logistica muniti delle chiavi del mezzo lo caricassero con la partita di droga pattuita senza che i corrieri della droga (i più esposti alle indagini) fossero direttamente coinvolti nello scambio.
Questo però non è bastato a sfuggire al monitoraggio da parte dei militari della Guardia di Finanza che hanno ricostruito la compravendita, avvenuta in pochi mesi, di circa centoventi chili di cocaina per un valore stimato al dettaglio di oltre cinque milioni di euro.
Alessandro Pino

(Immagine Comando Provinciale Guardia di Finanza Roma)

Immagine

Spaccio a San Basilio: trentotto arresti- di Alessandro Pino

10 Giu

[ROMA] Dall’alba di stamattina i Carabinieri stanno dando esecuzione a un’ordinanza che dispone trentanove misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia verso personaggi ritenuti responsabili di traffico di droga a San Basilio. Trentuno persone sono finite in carcere, sette ai domiciliari e una ha avuto obbligo di firma. La gang aveva fissato il fulcro dell’attività nella zona rurale comunemente chiamata “gli orti” in modo che fosse più facile nascondersi e fuggire in caso di intervento delle forze dell’ordine oltre ad avere una piazza di spaccio attiva giorno e notte. Le indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia Montesacro hanno evidenziato i ruoli all’interno
dell’organizzazione, come i contabili addetti alla verifica degli incassi giornalieri, le vedette con il compito di indirizzare i drogati e allertare sulla presenza delle forze dell’ordine, gli spacciatori al dettaglio, oltre a persone incaricate della preparazione dei pasti per i pusher e all’acquisto di legna da ardere per mantenere accesi i bracieri dove distruggere la droga in caso di controlli.

Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: