Tag Archives: Tiburtino III
Immagine

Tiburtino III: sgomberata occupazione abusiva | di Alessandro Pino

22 Lug

[ROMA] La Polizia di Roma Capitale è intervenuta il 21 luglio per sgomberare l’ex centro di accoglienza della Croce Rossa in via del Frantoio al Tiburtino III, occupata abusivamente da decine di persone.


Il luogo si trovava in condizioni igienico sanitarie disastrose: gli agenti hanno trovato topi morti, blatte, sporcizia e rifiuti vari. Sul campo sono stati impegnati agenti delle Unità SPE, GSSU, Pics e IV  Gruppo Tiburtino, coordinati dal Vice Comandante Stefano Napoli.

Le operazioni si sono concluse con il fermo di una trentina persone di nazionalità africana, denunciate per occupazione abusiva; uno di loro è stato arrestato per resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale. Dopo lo sgombero una ditta incaricata dal Municipio ha iniziato i lavori per la messa in sicurezza dell’area.

Alessandro Pino

(Foto Polizia Roma Capitale)

Immagine

Tiburtino III: nascondeva droga in casa, arrestato | di Alessandro Pino

12 Mag

[ROMA] Un quarantottenne romano con precedenti, residente al Tiburtino III, è stato arrestato dalla Polizia nel corso di un servizio di contrasto allo spaccio.

I sospetti degli investigatori del IV Distretto San Basilio, alimentati dal continuo passaggio di personaggi noti alle Forze dell’ordine sotto casa dell’interessato, li hanno spinti a procedere a una perquisizione domiciliare in cui sono stati trovati 52 grammi di hashish e 648 grammi di cocaina, parzialmente frazionata in diverse dosi e capsule. Sequestrati inoltre tre bilancini elettronici insieme a materiale per il confezionamento.
L’uomo si trova ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.
Alessandro Pino

Immagine

Tiburtino III: ucciso a coltellate dopo una lite- di Alessandro Pino

22 Giu

[ROMA] Un albanese quarantunenne è stato arrestato dai Carabinieri con l’accusa di avere ucciso a coltellate ieri sera un tunisino in largo del Badile, zona Tiburtino III. L’omicidio sarebbe avvenuto verso le ventitré al culmine di una discussione per futili motivi tra i due che si conoscevano. L’albanese sotto i fumi dell’alcool in uno scoppio di rabbia avrebbe colpito più volte con un’arma da taglio il tunisino, procurandogli gravissime ferite risultate mortali al torace e alla testa. Dopo il fatto, l’albanese si sarebbe allontanato dal posto ma dopo rapide indagini è stato fermato lungo la Tiburtina anche se al momento del fermo si era disfatto dei vestiti indossati durante l’aggressione e dell’arma utilizzata, le cui ricerche sono in corso. La maglia ancora sporca di sangue è stata invece trovata dai militari in un cassonetto dell’immondizia. Al momento l’uomo si trova a
Regina Coeli mentre il cadavere del tunisino è stato portato all’Istituto di Medicina Legale per l’autopsia.
Alessandro Pino

Immagine

Notte di tensione al Tiburtino III: centro di accoglienza assediato – di Luciana Miocchi

30 Ago

 Problemi di ordine pubblico questa notte in via del Frantoio, al Tiburtino III, quartiere del IV Municipio di Roma Capitale: sotto al centro di accoglienza per migranti, la cui presenza è da sempre contestata da una parte dei residenti, si è radunata una folla di persone, sembrerebbe a seguito della diffusione della voce del sequestro di una donna e del figlio, all’interno del centro di accoglienza dove si erano recati per lamentarsi in seguito a una lite tra gli immigrati e i ragazzi del quartiere.

A darne notizia, attraverso un comunicato, Fabrizio Montanini,  portavoce del coordinamento dei comitati e associazioni del IV Municipio, nel quale afferma che si tratta dello ” stesso centro per cui sono anni che organizziamo proteste e tavoli con le Istituzioni per chiederne la chiusura prima che scoppiasse la bolla sociale. Ma come al solito le Istituzioni preferiscono gli interessi economici legati all’accoglienza dei finti profughi rispetto alla dignità di noi cittadini” . Prosegue poi il Montanini: “solo l’intervento massiccio della Polizia con numerose camionette anti sommossa ha frenato l’esasperazione dei cittadini”.

Si preannuncia un settembre impegnativo per le Istituzioni, riguardo alle problematiche legate al l’accoglienza e alla convivenza con i romani. Dopo i fatti di piazza Indipendenza, la circolare con i protocolli da seguire per gli sgomberi delle occupazioni emanata dal Ministero dell’Interno e la linea di intenti manifestata dal Campidoglio, le tensioni sociali sono destinate ad acuirsi, sbagliare una mossa in campo di ordine pubblico potrebbe rivelarsi molto pericoloso.

Luciana Miocchi 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: