Annunci
Galleria

Shifting_Mutevole al Teatro Tordinona

19 Dic

shifting_mutevoleShifting Mutevole, musiche moderne di F. Paniccia, suonato da Francesco Paniccia alle tastiere e sintetizzatore e Daniele Martongelli alla batteria elettronica è andato in scena il 5 dicembre al Teatro Tor Di Nona. La piccola sala ben dispone ad un ascolto concentrato, con una buona acustica nonostante al di la del muro scorra il traffico del lungotevere. Quasi un mondo irreale, ideale per lasciare la mente libera di catturare qualunque sfumatura.

Il concerto si apre con suoni dalle suggestioni pinkfloydiane: misteriose, oniricamente elettroniche. Le luci di scena, verde acido e rosso fuoco, sottolineano un ritmo martellante che si placa in una composizione più tranquilla e armonica.

I vari scenari dello spettacolo si susseguono ognuno con una caratteristica ben riconoscibile: luci e armonie mai scontati, colpi di batteria come i battiti cardiaci di una vita che corre sull’autostrada di un tempo impossibile da fermare. Atmosfere di foresta pluviale tropicale, con un’umidità metafisica che sembra di poter respirare. Blu e rossi in atmosfere metropolitane. E ancora, battiti notturni quieti e pacificati. Per chiudere così come è iniziato, nella chiusura di un cerchio perfetto che potrebbe essere una giornata o anche una vita.

A conclusione della performance, il Maestro Paniccia ha speso alcune parole per presentare la sua composizione, anche se si capisce subito che lui è molto più a suo agio con le mani su una tastiera, più che intorno a un microfono. Si scopre così che si tratta di un “progetto di concerto” con varie declinazioni: quella andata in scena al Teatro Tor di Nona è la versione solo musicale, mentre al Teatro Greco, qualche settimana fa il pubblico ha potuto assistere a una rappresentazione completa, con la partecipazione de La Piroetta Dance School, la compagnia Aleph e le coreografie di Paola Scoppettuolo,  quest’ultima ha ricevuto in questi giorni il premio Aurell Millos come migliore coreografa di danza contemporanea, indetto dal Giornale della Danza (http://giornaledelladanza.com/home/2016/11/danza-sotto-le-stelle-di-natale-2016-decretati-i-premiati-aurel-milloss-xvi-edizione/ )

shifting_mutevole3

Quella che segue è una breve intervista al talentuoso ma schivo compositore dal cappello perennemente calcato in testa mentre suona – che rimanda al pubblico una scheggia di mistero e quel po’ di aria tenebrosa che non guasta mai

 Quanto ci è voluto per comporre tutti i pezzi dello spettacolo?

I brani del concerto Shifting_Mutevole sono stati composti in un arco temporale di circa due anni (2015/2016), più volte rielaborati ed ampliati, e risentono molto del lavoro e della ricerca che ho svolto nell’ambito della danza contemporanea e del teatro danza (con la compagnia Aleph di Paola Scoppettuolo); soprattutto per quel che concerne l’utilizzo dell’elettronica e della parte ritmica e percussiva. Cosa che ho cercato di fare anche nella colonna sonora di Soliloquio2023.

Come si è evoluta la sua carriera artistica?

Nasco come pianista classico e ho composto, per anni, molti brani, anche moderni, totalmente legati all’uso pianoforte, alle mie abilità e i miei gusti pianistici, stando sempre molto attento alle dinamiche del suono e alla purezza delle forme. Ho iniziato a “sporcarmi”, lavorando sulle contaminazioni da ciò che è altro da me, negli ultimi anni ed è stato un punto di svolta. Questo mi ha portato ad aprirmi alle situazioni acustiche più disparate: le voci, i rumori, l’elettronica, l’utilizzo di altri mezzi espressivi dai sintetizzatori agli strumenti etnici, all’uso in chiave musicale di oggetti del quotidiano, giungendo alla fusione di mondi all’apparenza antitetici ma in fondo totalmente complementari.

Qualche parola su Shifting?

Tengo molto a questo concerto in duo con Daniele Martongelli, un percussionista bravissimo, un musicista vero perché ritrae molto bene quello che è accaduto. Io e Daniele veniamo da mondi totalmente opposti, con esperienze ed ascolti alle spalle differenti. Lui ha una estrazione pop/rock ed elettronica, io, invece, vengo da Bach, Rachmaninov e Chopin. Il mio minimalismo contemporaneo, che ha echi comunque classico/romantici, in unione al suo utilizzo rock, selvaggio e viscerale delle percussioni  offre uno spaccato molto autentico e vero dei nostri rispettivi linguaggi, diventando a sua volta un linguaggio nuovo. Il finale è’ un cerchio che si chiude … dopo la mutazione, l’ordine, il caos, le emozioni, la vita e tutto ciò che la musica sola può dare, si ritorna alla vita o alla morte, all’inizio … forse un finale o forse un inizio nuovo. Sarà stato un sogno? La vera vita?

Questo slideshow richiede JavaScript.

(Si ringrazia Silvio D’Antonio per alcune delle foto)

Luciana Miocchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: