Annunci
Archivio | 13:59

In manette il presunto stupratore di “Bocca di Rosa” – di Alessandro Pino

8 Ott

image

È finito in manette  nella serata del 7 ottobre il presunto stupratore di tre prostitute che frequentavano la Salaria, tra cui Susanna, la donna nota alle cronache per il suo spostarsi in bicicletta alla ricerca di clienti: si tratta di un romeno venticinquenne accusato di sequestro di persona, violenza sessuale, rapina e lesioni. I fatti erano avvenuti alla fine di settembre. Particolarmente efferato il comportamento contro Susanna:
al suo rifiuto di prestazioni non pattuite, la donna è stata percossa e costretta subire un rapporto sessuale.
Dopodichè era stata legata con i lacci delle sue stesse scarpe, rapinata di circa quattrocento euro e del telefono cellulare. Una volta allontanati l’aggressore, Susanna dopo diversi  tentativi era riuscita a liberarsi  ma inizialmente  non voleva denunciare l’accaduto, dirigendosi però in bici verso un ospedale per farsi visitare.
Arrivata all’altezza di via Libia, a causa del dolore alle costole, al volto e al dito della mano sinistra per i colpi subiti ha chiesto soccorso e si sono attivate le procedure del caso.
L’indagato vive  in una fabbrica abbandonata in località Monterotondo dove sono stati trovati i cellulari rapinati alle vittime che lo hanno riconosciuto in foto. Al momento si trova a Regina Coeli.
Alessandro Pino

(foto archivio Alessandro Pino)

Annunci