Immagine

Talenti: un arresto per le truffe dello specchietto- di Alessandro Pino

22 Gen

[ROMA] Continuano incessanti le segnalazioni di truffe stradali “dello specchietto” specialmente ai danni di donne e anziani ma questa volta al mascalzone di turno, un ventisettenne campano con numerosi precedenti di polizia anche specifici, è andata male:
il malvivente aveva messo a segno due colpi nell’arco di mezzora sulle strade del Terzo Municipio ma al secondo è finito in manette. La prima truffa è stata ai danni di un’anziana automobilista in via Nomentana. La signora ha sentito un rumore simile ad un urto, subito dopo ha visto un giovane che la inseguiva con il suo scooter e spacciandosi come appartenente alle Forze dell’Ordine ha indicato alla signora vari danni presenti sul proprio mezzo e una rigatura sulla macchina. Per questo ha preteso immediatamente del denaro, che la signora però non aveva con sé. A quel punto la vittima lo ha invitato a seguirla presso un bancomat, ma prima di consegnargli il denaro ha richiesto che le mostrasse un tesserino di riconoscimento. L’uomo allora ha estratto un fodero di passaporto con applicati dei fregi militari per simulare un tesserino e si è allontanato con i soldi. La signora a quel punto ha avuto il sospetto di essere stata raggirata e ha chiamato il 112 dando la targa dello scooter del truffatore. Gli agenti delle Volanti, arrivati a Talenti nei presso di una banca in via Ugo Ojetti, hanno intercettato lo scooter indicato dalla signora con in sella un giovane che parlava in modo aggressivo con un signore anziano, la sua seconda vittima. Quando i poliziotti si sono avvicinati per un controllo, il malvivente ha cercato di scappare ma è stato bloccato dai poliziotti e perquisito. Addosso gli è stato trovato un cellulare appena rubato all’anziano e quasi 300 euro, bottino delle due truffe. Inoltre nello scooter aveva l’attrezzatura per simulare i danni sui veicoli e spacciarsi per appartenente alle Forze dell’Ordine, comprendente una scatola di gessetti, frammenti del fanale posteriore dello scooter, un pezzo di carta vetrata e una custodia di passaporto con appiccicate delle spille militari. Il delinquente è stato arrestato e dovrà rispondere di truffa aggravata e continuata, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.
Alessandro Pino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: