Tag Archives: volontariato
Immagine

I volontari della Fukyo: contro il Coronavirus dal Terzo Municipio per voi- di Alessandro Pino

20 Mar

[ROMA] Una delle realtà locali più attive nel supporto logistico e sociale alla lotta contro il Coronavirus si sta dimostrando l’associazione FUKYO Onlus appartenente al Coordinamento Organizzazioni Volontariato regionale, con sede in via della Bufalotta, tra le zone di Cinquina e della Marcigliana. Al momento la Fukyo è stata attivata dalla regione Lazio per il montaggio delle tende pre triage presso tutti gli ospedali di Roma, il recupero di tamponi sterili a Milano, il servizio di monitoraggio con apparecchi Termoscan agli arrivi dell’aeroporto di Fiumicino. Inoltre i volontari della Fukyo in collaborazione con l’unità di crisi locale coprono le necessita dei soggetti fragili del Terzo municipio, ritirando le derrate alimentari al Banco Alimentare Europeo di Fiano Romano.
Nei prossimi giorni poi è previsto su attivazione del Comune di Roma l’impegno nella distribuzione di medicinali e cibo se richiesto. <Anche noi siamo costretti a lavorare in modo diverso – afferma la volontaria della Fukyo Deborah Evangelisti, la maestra nota per aver salvato la vita anni or sono a una bambina rimasta vittima di soffocamento – evitando squadre di più persone e sempre con dispositivi di protezione individuale che scarseggiano, quindi dobbiamo farne un uso ottimale>.

Alessandro Pino

Serpentara: torna a nuova vita il Parco delle Magnolie ?L’assessore capitolino all’Ambiente Marco Visconti ha visitato l’area verde che il locale Comitato di Quartiere ha chiesto in affidamento – di Alessandro Pino

28 Nov

Il Parco delle Magnolie, area verde che si trova in via Nicola Maldacea alla Serpentara, sembra  tornato a nuova vita dopo che a lungo si era trovato in condizioni di abbandono:  frequentato da sbandati che ne avevano fatto luogo di bivacco, invaso da cumuli di rifiuti sparsi in mezzo all’erba alta, recentemente è stato oggetto di ripetuti interventi di riqualificazione ad opera di volontari del Comitato di Quartiere Serpentara presieduto da Mimmo D’Orazio.

 Certo, rimangono inquietanti segni di degrado, come un tavolo da ping pong in cemento armato letteralmente fracassato a martellate, ma rispetto a prima è tutta un’altra cosa. Ovviamente iniziative come questa di sensibilizzazione nei confronti della cittadinanza e degli amministratori servono a poco se finalizzate a sé stesse: facile prevedere che in mancanza di una costante manutenzione e sorveglianza il parco tornerebbe presto nelle condizioni precedenti. Al Comitato Serpentara ne sono ben consapevoli e per questo è stato presentata ufficialmente nei giorni scorsi al Comune di Roma e al Quarto Municipio la richiesta di affidamento in gestione del parco allo stesso comitato, in collaborazione con altre realtà associative locali. Il progetto “Orti Urbani” – questo il nome che gli era stato dato originariamente – sebbene allo stato embrionale, prevede oltre alla manutenzione del giardino esistente la creazione di un orto botanico, uno tradizionale e la costruzione di una serra. Lo scopo ovviamente non sarebbe una effimera produzione agricola ma un’attività educativa (rivolta specialmente a scolaresche e disabili).

Se il piano andasse in porto, i residenti del quartiere recupererebbero un elemento importante  di qualità della vita, facendosi parte attiva nella sua salvaguardia accrescendo al contempo il proprio senso di appartenenza a una comunità. Dell’iniziativa è stato interessato anche l’assessore capitolino all’Ambiente Marco Visconti, che su invito della consigliera comunale Gemma Azuni ha visitato il parco lo scorso 21 novembre assieme a una rappresentanza del Comitato Serpentara. L’assessore ha espresso il proprio apprezzamento per l’idea, proponendo anche di  modificarne il nome in “Orto Didattico”: «È un’iniziativa importante perché se i vari comitati ci aiutano a mantenere il verde o a far comprendere alle persone che abitano nei vari quartieri che avere un polmone verde così è una cosa importante e quindi va anche mantenuta e non utilizzata come discarica, credo sia la via che un’Amministrazione deve perseguire. Per cui massima disponibilità concreta verso questo tipo di Comitati fattivi».

A chi esprimeva il dubbio che in tal modo il Comune deleghi ai cittadini la cura del verde pubblico, Visconti ha replicato: «È esattamente il contrario, perché non credo che i cittadini facciano lavori di ordinaria o straordinaria manutenzione. Più che altro fanno opera di sensibilizzazione verso coloro che magari non hanno il loro stesso senso civico». Non solo i cittadini, verrebbe da dire: sarà stato un caso, ma proprio in occasione del sopralluogo dell’assessore è arrivata a bordo di due furgoni una squadra della cooperativa che attualmente ha in gestione i lavori di manutenzione del Parco delle Magnolie. Muniti tra l’altro di rasaerba a motore e tute protettive integrali, sono stati impegnati sul posto per tutta la mattina.

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: