Annunci

Stupro a Villa Borghese: l’autore sarebbe il romeno già in carcere per la violenza a “Bocca di Rosa” – di Alessandro Pino

21 Ott

image

Risolto il caso dello stupro di una donna tedesca, senza fissa dimora, avvenuto a Villa Borghese lo scorso 18 settembre ma l’imputato si trova già in carcere: è il romeno già arrestato con l’accusa aver sequestrato, violentato, malmenato e rapinato nei giorni successivi tre prostitute sulla Salaria (tra cui Susanna, la donna divenuta nota come “Bocca di Rosa” per il suo spostarsi in bicicletta alla ricerca di clienti). Le indagini si sono svolte anche con l’ausilio della Scientifica, estraendo il dna dell’aggressore dai lacci con i quali era stata legata la clochard.
Proprio l’analogia tra i diversi episodi, con le vittime legate per mezzo dei loro stessi indumenti e picchiate al viso, ha fatto ritenere agli inquirenti di avere a che fare con un criminale seriale.
Il romeno aveva ammesso la sua responsabilità solo per le aggressioni alle prostitute sulla Salaria, negando quella per lo stupro di Villa Borghese. Gli accertamenti per prelevare il Dna tramite tampone buccale però lo hanno incastrato unitamente ad altri riscontri investigativi. Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale ha dunque emesso nei confronti del romeno una nuova ordinanza di custodia in carcere anche per il delitto di Villa Borghese.
Alessandro Pino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: