Annunci
Archivio | 17:52
Immagine

Il Terzo Municipio torna al voto il 10 giugno – di Alessandro Pino

5 Giu

Cittadini del Terzo Municipio della Capitale, tenete a portata di mano la tessera elettorale, perché il prossimo 10 giugno sarete di nuovo chiamati ai seggi: si voterà infatti per eleggere un nuovo Consiglio Municipale e il Presidente del Municipio, dopo l’interruzione avvenuta a febbraio del mandato della pentastellata Roberta Capoccioni per la sfiducia votatale contro dal Consiglio Municipale (con conseguente scioglimento del medesimo), il cui assetto era cambiato con la fuoriuscita di quattro consiglieri grillini dal gruppo M5S e il loro passaggio all’opposizione, divenuta così nuova maggioranza. Fino al rinnovo del presidente e del Consiglio e alla proclamazione dei nuovi eletti, ad assumere le funzioni di presidente del Municipio è il sindaco di Roma Virginia Raggi mentre quelle del Consiglio e della Giunta municipali sono esercitate dalla Giunta capitolina. Tre sono i candidati che realisticamente se la giocheranno allo spoglio, vale a dire quelli espressi dagli schieramenti principali attualmente presenti nel Paese: il Movimento Cinque Stelle ripresenta la ex presidente Capoccioni, confermando quindi la fiducia sul suo operato e affermando così una linea di continuità; il centrosinistra punta sull’urbanista Giovanni Caudo – già assessore nella giunta capitolina di Ignazio Marino – scelto dopo aver sconfitto alle primarie municipali la candidata proposta dal Partito Democratico. I partiti del centrodestra (Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia) hanno invece trovato la convergenza su una personalità proveniente non dalla politica ma dalla società civile nel senso più esteso possibile e legata alla vita del territorio: si tratta di Francesco Maria Bova, Vice Questore Primo Dirigente (ora a riposo) per anni alla guida del Commissariato Fidene Serpentara della Polizia di Stato. Assieme a loro, corrono per la poltrona di presidente altri tre candidati che si possono considerare outsider: Francesco Amato di Casapound, Davide Angelilli di Potere Al Popolo e Francesco Garroni de Il Popolo della Famiglia. I sei candidati hanno incontrato il pubblico in una tribuna politica organizzata dal giornale La Voce del Municipio, tenutasi lo scorso 31 maggio. Quale di loro verrà scelto dagli elettori, si troverà sul tavolo i temi – nei limiti delle competenze istituzionali – che tengono banco da anni sulla scena di Monte Sacro: manutenzione del territorio (con le strade a dir poco disastrate, il decoro urbano che deve fare i conti con una raccolta rifiuti spesso oggetto di critiche più che motivate e un verde pubblico che ha visto ripetuti crolli di alberi cui sono seguiti abbattimenti ritenuti da molti indiscriminati), sicurezza sempre più a rischio con furti, truffe, accampamenti abusivi e teppismo dilaganti, prostituzione fuori controllo e la perdurante presenza in via Salaria dell’impianto di trattamento rifiuti dell’Ama, contestatissimo dai residenti dei quartieri adiacenti a causa dei miasmi che da esso si diffondono. Ricordiamo che i seggi saranno aperti dalle 7 alle 23 mentre l’eventuale ballottaggio si terrà il 24 giugno.
Alessandro Pino

Annunci
Immagine

Tentano di scippare una donna a Castro Pretorio: gambiani in manette – di Alessandro Pino

5 Giu


Roma – due immigrati del Gambia di 19 e 22 anni, entrambi nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro, subito dopo aver tentato di scippare la borsa di una turista cilena ventottenne a via Vicenza, nella zona di Castro Pretorio. I due delinquenti hanno avvicinato la ragazza che stava camminando, strattonandola violentemente per impossessarsi della sua borsa. Un conoscente della vittima è giunto in suo soccorso ingaggiando con i due africani una violenta colluttazione. La scena è stata notata da una pattuglia di Carabinieri della Compagnia Roma Centro che dopo aver ricostruito l’esatta dinamica degli eventi ha arrestato i gambiani con le accuse di rapina aggravata e lesioni personali in concorso. A seguito del rito direttissimo, l’Autorità Giudiziaria ha emesso nei confronti degli arrestati un’ordinanza di custodia cautelare che stanno scontando a Regina Coeli.

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: