Annunci
Archivio | luglio, 2018
Immagine

Via Monte Cervialto: due ladri di appartamenti in manette – di Alessandro Pino

31 Lug

Roma – È andata male a due ladri di appartamenti che la notte del 30 luglio stavano svaligiando una abitazione di via Monte Cervialto: i due, stranieri con diversi precedenti di polizia, sono finiti in manette dopo che alcuni cittadini responsabili hanno chiamato la Polizia. Sul posto sono intervenuti equipaggi dei commissariati Fidene e Vescovio che li hanno intercettati e arrestati.

Alessandro Pino

.

Annunci
Immagine

Talenti: danneggia un bar e prende a calci, pugni e morsi i Carabinieri – di Alessandro Pino

29 Lug

Un ventiduenne romano senza occupazione e già noto alle forze dell’ordine è stato arrestato ieri notte a Talenti dai Carabinieri. I militari erano intervenuti in un bar di largo Sergio Pugliese dove il giovane aveva danneggiato gli arredi. Alla vista dei Carabinieri il giovane li ha presi a calci e pugni, insultandoli e mordendo a una coscia anche uno di loro. Bloccato, dopo i controlli tossicologici del caso è stato trattenuto in attesa del rito direttissimo con le accuse di danneggiamento, resistenza, violenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale e lesioni personali.

Alessandro Pino

Immagine

Tor Lupara: litiga alla Posta e prende a pugni i Carabinieri – di Alessandro Pino

27 Lug

Un quarantenne è stato arrestato a Tor Lupara dai Carabinieri per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e per porto abusivo d’armi: l’uomo dopo aver avuto un violento litigio con una dipendente del locale ufficio postale, ha aggredito i militari intervenuti colpendone uno al volto con un pugno. Dopo essere stato perquisito inoltre, è stato trovato in possesso di tre coltelli, di cui uno lungo circa 20 centimetri. Il violento veniva accompagnato presso la sua abitazione agli arresti domiciliari.

Alessandro Pino

Immagine

Striscioni, blocchi navali e autosospensioni – di Luciana Miocchi

27 Lug

37758477_10217774249496360_9047621940742717440_oCome reazione al manifesto esposto sul terrazzo del Municipio da parte della presidenza, quello de “porti aperti” qualche giorno dopo è comparso – e subito sparito – uno striscione firmato FdI, indicato da Manuel Bartolomeo, primo dei non eletti proprio per FdI, come realizzato dagli attivisti e non dai politici, ” a differenza del manifesto pro immigrazione” anche se poi non è stato mai chiarito chi lo avesse finanche srotolato fuori dalla finestra della sede di piazza Sempione.  Ciò ha instillato il dubbio che effettivamente chiunque possa passare, senza controlli,  portandosi dietro un qualcosa che comunque non è invisibile.

Nessuna reazione – o quasi – da parte nè della Giunta nè della maggioranza municipale, mentre Emiliano Bono, ex consigliere di Fdi e membro dell’assemblea romana e nazionale di Fratelli d’Italia ha pubblicato su fb un comunicato con il quale si auto sospende da Fdi, con decorrenza immediata. Scrive Bono “Nel 2013 quanto ho aderito alla formazione di questo partito seppur solo come Consigliere Municipale avevo ben altre idee assieme alla mia cara amica Lina Tancioni, la quale oggi mi guarda dal cielo e alla quale penso ogni volta devo prendere una decisione perchè per me io e Lina siamo ancora in gruppo assieme anche sei lei è altrove…!!.
Ho sempre messo gli interessi comuni al di sopra di quelli miei personali, ho lavorato assiduamente per i cittadini senza fare distinzione o chiedere per chi votassero, perchè quando sei eletto dal popolo, tu li rappresenti tutti indistintamente. Oggi non mi sento di far parte di qualcosa che tappezza il municipio con striscioni che trovo assurdi e senza senso rispetto alle reali necessità e problematiche che affliggono i cittadini del nostro municipio. E No ….., nel 2013 avevo altre idee che non erano quelle legate a uno striscione. OGGI FRATELLI D’ITALIA IN III MUNICIPIO NON RAPPRESENTA IN ALCUN MODO O MANIERA LE IDEE, I PROGETTI E I FINI DEL SOTTOSCRITTO. Il Municipio è un luogo dove arrivano persone con problemi seri, che vanno dal sociale con problematiche legate al disagio, alle scuole, alla disabilità sino a tutta un’altra serie di situazioni che ritengo inutile raccontare in questa sede, ma onestamente i problemi sono altri rispetto a ” Un Blocco Navale o altro”.Non permetto a nessuno che parli e scriva e faccia azioni anche a nome del sottoscritto senza nemmeno aver concertato determinate azioni. Non lo permetto a un eletto, tantomeno a un attivista (direi forse meglio usare il termine Militante) di poter intraprendere iniziative ne concertate ne condivise. Per tutte le ragioni sopra esposte il sottoscritto Emiliano Bono, ex consigliere e presidente di commissione, si autosospende da qualsiasi ruolo legato alla formazione politica di FDI, municipale, romana, regionale e Nazionale. Continuerò comunque nel mio piccolo a lavorare per poter migliorare qualcosina in questo territorio, le poltrone le lascio agli altri, a noi non serve una poltrona per fare qualcosa di buono per il III Municipio. In tutto questo voglio ringraziare una persona solo una, Francesco Filinial quale devo tutta la mia crescita politica e umana. Il quale più di un occasione si è dimostrato molto più che solo un amico.” Successivamente lo stesso Bono ha chiarito che non  ha cambiato assolutamente schieramento politico, cambiando nessun partito.

Francesco Filini, dirigente romano di Fdi ha così commentato la questione: “L’iniziativa dello striscione è stata condivisa, personalmente la trovo una provocazione appropriata ad un insano utilizzo delle istituzioni come ha fatto Caudo, lo striscione è stato subito rimosso (a conferma del fatto che si trattava di una provocazione). Ora aspettiamo che Caudo rimuova il suo. Mi dispiace leggere dissensi su facebook e non nei luoghi deputati alla discussione e al confronto interno, se sarà possibile cercheremo di capire con lui (Bono, ndr)  nelle appropriate sedi quali sono le problematiche”.

Luciana Miocchi

Immagine

Rapinavano, insultavano e malmenavano i ragazzini del Trieste e Salario: arrestati – di Alessandro Pino

27 Lug

Roma – Erano diventati il terrore delle comitive di ragazzi nei quartieri Trieste e Salario al punto che quando li vedevano arrivare cambiavano strada: si tratta di un marocchino e di un cubano, arrestati dai Carabinieri della Stazione Roma Salaria perché ritenuti colpevoli di numerosi episodi di rapina, lesioni personali aggravate e violenza privata ai danni di minorenni. I fatti sono avvenuti quasi tutti vicino le scuole o nei luoghi abituali di aggregazione dei giovani tra ottobre dello scorso anno e giugno 2018: i due stranieri sono ritenuti colpevoli di almeno tre rapine ai danni di quattro minorenni e di un ulteriore evento nel corso del quale la vittima ha riportato lesioni personali per i ripetuti pugni avuti in faccia. I due delinquenti non solo derubavano gli oggetti di valore o il denaro contante delle vittime ma le insultavano davanti le loro comitive. In un caso, una delle vittime ha cercato di resistere non consegnando il denaro che gli era stato dato dai genitori ed è stato preso a schiaffi più volte da entrambi gli arrestati. In un altro caso invece la vittima è stata presa a pugni al volto più volte, prima in strada poi in un bar dove aveva cercato riparo, con una tale violenza da subìre una infrazione composta delle ossa nasali, dopodichè rapinata.

Alessandro Pino

(Nella foto del Comando Provinciale Carabinieri Roma uno degli arrestati)

Immagine

Appello al Presidente Caudo per la nomina della presidenza della commissione Servizi sociali sottoscritto già da più di 120 persone – di Luciana Miocchi

27 Lug

Sta prendendo forma una petizione, che conta già più di centoventi sottoscrizioni, con la richiesta al Presidente del III Municipio, Giovanni Caudo, affinchè affidi la presidenza della Commissione servizi sociali, una delle più delicate e incisive della consiliatura, a Maria Teresa Ellul, che ha già ricoperto la carica in una passata consiliatura. Persona di grande esperienza nel campo del sociale, è stata anche coordinatrice dei centri anziani del terzo Municipio. L’appello nasce per l’appunto da un gruppo di persone che hanno conosciuto Teresa Ellul in questi anni nel suo lavoro, esponenti di comitati di quartiere, terzo settore e centri anziani. Fra i firmatari Paola Ilari, Maria Teresa Maccarrone e Sabrina Cavalcanti dei democratici del III municipio.

Di seguito, testo e elenco dei primi sottoscrittori, necessariamente provvisorio, in quanto la raccolta delle sottoscrizioni è ancora aperta:

“Appello per la designazione di Maria Teresa Ellul a Presidente della commissione servizi sociali

Sottoscriviamo questo appello per chiedere al Presidente del III municipio Giovanni Caudo, all’assessore ai servizi sociali Maria Romano e alla maggioranza di centro sinistra, di individuare nella figura di Maria Teresa Ellul la Presidente della Commissione Servizi Sociali del III municipio. Dinnanzi ad una situazione difficile nella gestione di una materia così complessa e importante per la qualità della vita dei cittadini, siamo convinti sia necessaria l’esperienza, l’abnegazione e la preparazione di Maria Teresa, che da sempre si è occupata dei servizi sociali, ricoprendo questo ruolo già in passato ed essendo stata anche recentemente coordinatrice dei centri anziani del III municipio. In un’amministrazione fortemente rinnovata, crediamo sia di fondamentale importanza puntare anche sull’esperienza e la capacità di chi può contribuire al miglioramento dei servizi del nostro municipio.

Alessandrini Egle, Anaclerio Simonetta, Argenio Giampaolo, Bagnarelli Luisa, Barbizzi Marco, Basile Giacomo, Bassi Roberto, Belelli Elvira, Biancastri Bianca, Bissiri Piergiorgio, Bonizio Franco, Bonizio Tonino, Bordin Germana, Boscherini Claudio, Bravin Sergio, Brighi Cecilia, Calistri Massimo, Callegarini Gabriella, Camagni Carla, Canino Margherita, Cantarini Giampiero, Capello Graziella, Capraro Maria Grazia, Cardarelli Cinzia, Carnevale Gabriella, Castracane Massimo, Catalano Anna, Catino Antonio, Cavalcanti Gaetano, Cavalcanti Rosario Maria, Cavalcanti Sabrina, Cavalletti Gino, Cazzaniga Pinuccia, Cecoli Piera, Cerqua Maria Luisa, Coccarelli Daniele, Coccarelli Simone, Colapinto Stefano, Coppola Cristina, Coppolecchia Claudia, Cristaldi Gianpiero, Cucchi Maria Teresa, Cuzzani Massimo, Cuzzani Noemi, D’Aleo Luciana, D’Antonio Silvio, Dal Basso Monica, D’Arcangeli Patrizia, De Rosa Silvia, De Sanctis Elena, De Stefano Ester, Di Basilio Dario, Di Giacomo Donato, Di Giacomo Salvatore, Di Loreto Santina, Di Madia Calogero, Di Pietro Paolo, Di Rienzo Claudia, Di Stefano Silvia, Doneddu Angelo, Esposito Dario, Esposito Patrizia, Falsone Gemma, Fasoli Teresa, Fava Marina, Federico Caterina, Florenzano Francesco, Fornasari Claudio, Fratini Enrico, Fucà Benedetto, Furiani Annalisa, Furiani Felice, Furiani Stefano, Gagliardi Luciano, Goretti Anna, Grandoni Enrico, Granito Giorgio, Iavarone Vincenzo, Ilari Paola, Landi Maria Giovanna, Lauria Giuseppe, Lazzaroni Fabio, Logiacco Massimo, Lombardi Felice, Lonza Adriano, Lualdi Giuliana, Maccaroni Marzia, Maccarrone Francesco, Maccarrone Maria Teresa, Macchia Luisella, Maccioni Antonino, Malerba Carolina, Manacorda Valentina, Manai Francesco, Marazzoli Milena, Marcopoli Alfonso, Marcopoli Valerio, Marini Marco, Marzolini Marina, Mavaracchio Annarosa, Menabene Giulio, Merli Alessandra, Merli Anna Maria, Merli Caterina, Monaco Luca, Monteforte Daniela, Montisci Gianni, Morosi Lorenzo, Pagliaro Flora, Pagliaro Vincenzina, Paliotto Mario, Panecaldo Fabrizio, Paoletti Roberto, Parissi Alberta, Patrizi Carla, Pazzi Enrico, Penna Maria, Pezzotti Franco, Pierannunzio Daniela, Punzo Anna, Ravecca Mirella, Ruggiero Antonino, Ruggiero Rocco, Sabbatini Claudio, Salducco Benvenuto, Salerno Rosa, Scarano Dora, Selan Laura, Spizzichino Lorenzo, Staropoli Barbara, Talu Alma, Tenore Antonio, Teodonio Marcello, Tonanzi Laura, Trementini Claudia, Trifoni Imperatori Marta, Trivellato Bruno, Valcerca Ivan, Varone Oreste, Verardi Giovanni, Verdesi Maria, Vergato Francesco, Vignaroli Domenica, Zampetti Maurizio, Zanetti Barbara, Zannetti Claudio.

Immagine

La giunta Caudo lancia il progetto “Settebagni: una comunità, un quartiere” – di Alessandro Pino

26 Lug

Tra i primi concreti impegni operativi della giunta di Giovanni Caudo, il nuovo presidente ha annunciato l’avviamento del progetto per la centralità locale di Settebagni, quartiere nella estrema periferia nord est del Terzo Municipio e della Capitale. L’iniziativa legata alla delibera proposta dall’assessore municipale all’urbanistica Stefano Sampaolo è stata battezzata “Settebagni: una comunità, un quartiere” e prevede un percorso partecipato di progettazione condivisa con gli abitanti. Obiettivo dichiarato – così si legge sulla pagina ufficiale Facebook del presidente Caudo – è “ricucire le diverse parti del tessuto edilizio di realizzare servizi, sportivi, aree verdi, parcheggi, aree dedicate per la raccolta dei rifiuti, rifacimento di tutta la Salaria antica”. A questo proposito ci permettiamo con modestia un appunto di toponomastica: a Settebagni non esiste una via chiamata “Salaria antica” (e nemmeno una “Salaria Vecchia” come è accaduto di leggere altrove) così come non esiste in zona una via “Salaria Nuova”, essendo il tratto di strada che passa dentro il quartiere semplicemente la via Salaria. Il grande stradone a due carreggiate e quattro corsie che passa esternamente al quartiere, infatti, si chiama “Raccordo Salario Settebagni”.
Alessandro Pino

Immagine

Settebagni: la teppaglia torna all’attacco – di Alessandro Pino

25 Lug

Ennesimo fatto di teppismo nell’area verde di Settebagni conosciuta come “Parco dei Frutti” : scritte e scarabocchi a dir poco incommentabili sono stati tracciati con la vernice da ignoti personaggi che su un blog di informazione non è consono definire con i termini che meriterebbero.

Alessandro Pino

(foto Antonio Colletta)

Immagine

A piazza Sempione sui migranti è guerra di manifesti – di Alessandro Pino

24 Lug

Dopo alcuni giorni dall’affissione sulla facciata di palazzo Sabbatini a piazza Sempione – sede del Terzo Municipio – del controverso striscione “pro immigrazione” per l’apertura dei porti, ecco che da una finestra del medesimo edificio è spuntato un altro lenzuolo, riportante un messaggio diametralmente opposto: “Blocco navale subito FdI” si legge sulla tela.

Alessandro Pino

Immagine

Alessandro Pino a Radio Radio parla di impianto Ama, sicurezza e manutenzione del territorio in Terzo Municipio

24 Lug

I temi caldi dei quartieri del Terzo Municipio arrivano in radio: il nostro Alessandro Pino interverrà infatti quale giornalista locale nella trasmissione “By Night Roma – il programma della notte” in onda su Radio Radio sulla frequenza 104.5 la notte fra martedì, 24 e mercoledì 25 luglio. Alessandro parlerà principalmente di impianto Ama, sicurezza e manutenzione del territorio.

Penelope Giorgiani

Immagine

Tor Lupara: trovato con un revolver rubato – di Alessandro Pino

23 Lug

Tor Lupara di Fonte Nuova (Roma) – un trentasettenne italiano già noto alle Forze dell’Ordine è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Mentana con l’accusa di detenzione e porto illegale di arma comune da sparo. I militari, a seguito di una segnalazione per schiamazzi giunta al 112, sono intervenuti in via dei Platani trovando l’uomo in evidente stato di alterazione da alcolici mentre nascondeva un’arma sotto la maglietta. L’uomo è stato bloccato e disarmato: dagli accertamenti è risultato che il revolver con due colpi inseriti nel tamburo, era stato rubato da un’abitazione di Mentana lo scorso settembre. L’arma è stata sequestrata e sarà inviata al Ris di Roma per gli accertamenti balistici, allo scopo di verificare l’eventuale utilizzo in episodi delittuosi.
L’uomo è stato portato a Rebibbia in attesa di giudizio.

Alessandro Pino

Immagine

Stazione Tiburtina: spacciatrice nigeriana in manette – di Alessandro Pino

22 Lug

ROMA – Una nigeriana quarantasettenne con precedenti specifici è stata arrestata dai Carabinieri ieri pomeriggio nei pressi della stazione Tiburtina con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La donna era stata vista aggirarsi con fare sospetto dalla pattuglia di Carabinieri in borghese che dopo averla seguita nei vari spostamenti la hanno bloccata vicino l’ingresso principale della Stazione. Durante la perquisizione è stata trovata in possesso di oltre un etto di “Shaboo” , contenuto in involucri di cellophane. La droga è stata sequestrata mentre la donna è stata portata in caserma e trattenuta a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito direttissimo.

Alessandro Pino

Immagine

La Shinken Shobu Kai Maximo Roma trionfa ai primi campionati italiani di Ju Jitsu FJJI – di Andrea Lepone

21 Lug

La squadra Shinken Shobu Kai Maximo Roma si è posizionata al primo posto assoluto nella classifica dedicata alle società durante l’edizione inaugurale del Campionato Italiano di Ju Jitsu della neonata federazione FJJI, svoltosi a Cattolica nei giorni 14 e 15 luglio. Ben 17 medaglie conquistate da 15 atleti, i quali hanno preso parte ad una competizione molto dura e selettiva, valevole per l’ingresso nel Team Italia che rappresenterà i colori azzurri ai prossimi Campionati Europei, che si terranno a Bologna nel mese di ottobre, e ai Campionati del Mondo di novembre in Svezia. Sono già 5 gli atleti della squadra romana convocati per i suddetti tornei, mentre altri 5 si giocheranno la qualificazione durante il combat camp organizzato per il primo weekend di settembre presso il Centro Sportivo Maximo di Roma, che si conferma ancora una volta polo nazionale della formazione e dei raduni del Team Italia. Inoltre, la Shinken Shobu Kai Maximo Roma sarà la prima squadra a custodire, per un anno sportivo, la preziosa cintura della FJJI, simbolo e testimone che racchiude tutti quei principi etici e morali propri delle arti marziali e dello sport in generale, quali amicizia, collaborazione, rispetto e onestà.
Andrea Lepone

Immagine

Gang di giovanissimi terrorizzava i quartieri Africano, Vescovio e Coppedè – di Alessandro Pino

18 Lug

Sgominata dalla Polizia una gang di dieci giovani criminali sia maggiorenni che minorenni, divenuta negli ultimi mesi il terrore degli adolescenti nei quartieri Vescovio, Africano e Coppedè, dove aggredivano e rapinavano le loro vittime, talmente intimorite da evitare di indossare abiti di pregio o addirittura di uscire di casa per non incontrarli: i giovani rapinatori infatti li depredavano di paghette settimanali, capi di vestiario firmati e oggetti di valore, esibendo poi il bottino come trofeo sui social network. La banda aveva acquisito una fama sinistra tra i coetanei proprio tramite social, usandoli per lanciare il messaggio che nessuno poteva invadere il loro territorio e anche per spaventare le stesse vittime che ormai nemmeno reagivano a violenze e vessazioni, sperando solo di limitare i danni subìti. Le rapine non erano nemmeno un mezzo di sostentamento ma venivano commesse per puro gusto criminale, creandosi così la fama di duri del quartiere. Sui social network si atteggiavano a boss malavitosi ispirandosi a serie televisive come “Gomorra”. Dei dieci membri del clan, uno è finito in carcere, tre ai domiciliari e sei hanno ricevuto l’avviso di conclusione indagini.

Alessandro Pino

Immagine

Spaccio a Talenti, Tufello, Nuovo Salario e San Basilio: dodici arresti – di Alessandro Pino

18 Lug

(Roma) Dodici persone appartenenti a un sodalizio dedito allo spaccio di droga nei quartieri di Talenti, Tufello, Nuovo Salario e San Basilio sono finite in manette nelle prime ore di questa mattina. A eseguire l’ ordinanza di applicazione di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia sono stati i Carabinieri della Compagnia Roma Montesacro, coadiuvati da unità cinofile dell’Arma e dai militari dei Comandi Provinciali di Roma, Latina, Nuoro, Vercelli e Treviso. Le indagini svoltesi due anni fa traggono origine da un’operazione antidroga eseguita nei pressi di un bar a Talenti. Per spacciare la droga oltre ai tradizionali metodi di cessione diretta dal pusher all’acquirente venivano usati anche metodi “originali”: In alcuni casi lo spacciatore veniva contattato telefonicamente dall’acquirente per ordinare la droga e la successiva consegna avveniva mediante involucri magnetizzati che venivano applicati su contenitori della nettezza urbana e successivamente prelevati dall’acquirente su indicazione del pusher, previo pagamento del corrispettivo in denaro su carte di credito prepagate.

Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Pusher in manette al Tufello – di Alessandro Pino

17 Lug

Arrestato ieri dalla Polizia al Tufello un ventiduenne romano con l’accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Il pusher attendeva i tossici suoi clienti su un muretto della piazza principale. Proprio lì i poliziotti del commissariato Fidene Serpentara durante un appostamento lo hanno visto gettare quattro dosi di cocaina, raccolte dai suoi clienti che lo hanno pagato. Il giovane ha capito che la Polizia era in zona grazie anche alle vedette e ha provato ad allontanarsi ma è stato fermato in un cortile e perquisito, venendo trovato in possesso di ventuno dosi di cocaina e denaro contante. Portato in ufficio, al termine degli accertamenti è stato arrestato.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Città Giardino: bicicletta gettata a mollo nella fontana – di Alessandro Pino

15 Lug

La fontana che vedete nella foto – pubblicata in rete da Simona Sortino, consigliera Pd in Terzo Municipio – è quella del parco intitolato a Caio Sicinio Belluto, nelle adiacenze di piazza Sempione, nel cuore di Monte Sacro e della Città Giardino: qualcuno vi ha gettato dentro una bicicletta di quelle del servizio a nolo (bike sharing) , come già accaduto giorni fa a pochi metri di distanza, con un altro velocipede lanciato nell’Aniene e a diversi altri trovati nel Tevere. L’amara considerazione è che a poco servono gli sforzi dei volontari che periodicamente si prendono cura delle aree verdi pubbliche – come il giardino in questione – se poi arriva la furia demente e sguaiata della teppaglia impunita a rovinare tutto.

Alessandro Pino

(foto Simona Sortino)

Immagine

Autostazione Tiburtina: pusher con la droga nelle mutande – di Alessandro Pino

15 Lug

Roma – Un ghanese cinquantenne è stato arrestato dai Carabinieri con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti durante controlli eseguiti nell’area dell’Autostazione Tibus, di fronte alla stazione ferroviaria Tiburtina. Una pattuglia di Carabinieri in borghese aveva notato l’uomo mentre si aggirava nel piazzale antistante l’Autostazione con fare sospetto, decidendo di controllarlo. Il nervosismo mostrato dal sospetto durante il controllo ha spinto i militari a perquisirlo, facendo trovare nascosti nelle mutande due involucri di cellophane, uno contenente 210 grammi di shaboo in cristalli e un altro 70 grammi di eroina. La droga è stata sequestrata mentre lo spacciatore è stato portato in caserma, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

Alessandro Pino

(foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Confermata la nuova Isola Ecologica Ama a Cinquina – di Alessandro Pino

15 Lug

La nuova isola ecologica Ama nel Terzo Municipio per il conferimento dei rifiuti ingombranti e speciali sorgerà a Cinquina, in via di Tor San Giovanni. Avevamo anticipato la notizia già a febbraio dello scorso anno ( https://lucianamiocchi.com/2017/02/11/la-terza-isola-ecologica-del-terzo-municipio-sorgera-a-cinquina-di-alessandro-pino/ ) mentre la conferma è arrivata poche ore fa in rete dall’assessore capitolino all’Ambiente, Pinuccia Montanari.

Alessandro Pino

Immagine

Striscione in favore della riapertura dei porti sulla sede municipale di Montesacro – di Luciana Miocchi

14 Lug

Il Presidente del III Municipio aveva manifestato l’intenzione di farlo a margine della conferenza stampa per la presentazione della giunta municipale e a distanza di tre giorni l’ha fatto. Un semplice striscione senza simboli è apparso questo pomeriggio sul muro di una delle terrazze della sede istituzionale di Piazza Sempione, con la scritta “porti aperti diamo asilo”. Numerose le reazioni avverse sui profili e sui gruppi di destra riconducibili all’ambito municipale. Particolarmente critico Manuel Bartolomeo, Fdi, rimasto fuori dal consiglio municipale per via del ricalcolo dei decimali e autore della foto postata sui social e che viene utilizzata anche in questo blog a titolo di documento. Per Francesco Maria Bova, consigliere della Lega e candidato presidente della coalizione, vi è il dubbio se simile atto sia legale. Donatella Di Giacinti, ex consigliera m5s e una dei quattro dissidenti della ex maggioranza, ha così postato su fb “Mi piace eseere coerente con me stessa… Vorrei vederci anche striscioni x il femminicidio… E x le morti sui posti di lavoro…tanto per dire”.

Con una nota congiunta, Bartolomeo e Francesco Filini, dirigente romano di Fdi, chiedono che la polizia locale rimuova lo striscione , ritenuto “abusivo” e “pro immigrati”. Scrivono i due, tra le altre cose:” Da Caudo un’operazione becera di strumentalizzazione della sede istituzionale, che invece di attivarsi per sfasciare l’erba alta e tappare le buche come primo atto compie un’azione illegale”. In realtá, lo stesso Caudo, aveva riferito, durante la presentazione di aver giá impegnato delle somme a disposizione della presidenza, appena insediato, per far sì che potessero essere eseguiti dei lavori di pulizia ( https://lucianamiocchi.com/2018/07/12/presentata-ufficialmente-alla-stampa-la-giunta-del-iii-municipio-di-luciana-miocchi/ ).

Al momento, nessun commento appare sui social da parte della maggioranza municipale.

Luciana Miocchi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: