Annunci
Tag Archives: pioggia

Aggiornamento viabilità a Settebagni – di Alessandro Pino

10 Set

Alle ore dodici del 10 settembre le condizioni della viabilità causa pioggia a Settebagni sono le seguenti:
asfalto saltato alla confluenza di via S. Antonio di Padova con la Salaria.

image

Svincolo per il raccordo Salario allagato e transitabile solo dai mezzi più alti da terra. Si accede al supermercato direttamente dal raccordo Salario.

image

Buona transitabilità del sottopasso di salita della Marcigliana.

Tunnel S. Antonio di Padova
transitabile.

image

Alessandro Pino

Annunci
Galleria

L’allagamento di domenica a Settebagni danneggia il supermercato di via Piombino

16 Mag

wp-1463404245496.jpegLa pioggia caduta domenica 15 maggio ha lasciato i suoi strascichi: oltre le buste di immondizia sparse sulla strada e il fango, l’acqua ha invaso alcune abitazione a filo strada e a causa della pozza creatasi in via Piombino, il supermecato MD lunedì mattina non ha potuto aprire regolarmente per riparare i danni riportati durante i minuti di pioggia battente che hanno colpito Roma Nord.

Qui sotto, alcune foto della via Salaria invasa dalla pioggia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Settebagni…qualche volta affoghi

27 Lug

situazione alle ore 22 quando l'acqua stava già cominciando a scemareDopo l’alluvione di due anni e mezzo fa non c’erano stati più problemi. I lavori di manutenzione straordinaria avevano liberato la marana che scorre sotterranea in via Sant’Antonio da Padova, rimuovendo radici e carcasse gonfiate di animali, rimasti incastrati li sotto chissà come. Furono liberate le caditoie da foglie e detriti. Nella tarda serata del 27 luglio, a seguito del nubifragio che ha colpito Roma, il tratto tra via di Sant’Antonio da Padova e l’incrocio con il raccordo Salario-Settebagni, l’entrata Sud per intenderci, è finito di nuovo sott’acqua. A passare sulla via Salaria in direzione Monterotondo si potevano vedere le macchine del parcheggio a fianco del semaforo immerse fino alle portiere, il 135 fermo appena oltre il semaforo, degli agenti sul tetto di una volante con l’acqua giro finestrini. L’altezza delle acque si è innalzata bruscamente nel giro di pochi istanti. La strada interna è stata chiusa davanti alla caserma della polizia stradale. Poco oltre, alcuni bus fermi ai margini del nuovo lago. Alcuni passanti hanno forzato un tombino a mani nude, come raccontato da un ragazzo brasiliano che abita nei paraggi, facendo in modo che l’acqua cominciasse a defluire. Il vortice formatosi aveva un qualcosa di ipnotico, ricordava da vicino quando si toglie il tappo ad una vasca. L’odore che si avvertiva nell’aria non era di fogna ma aveva qualcosa di salmastro, il ché dava la sensazione che da un momento all’altro potessero saltare fuori trote e carpe dalle aiuole. Piano piano l’acqua ha cominciato a defluire lasciando sull’asfalto breccia e detriti scesi a valle dalla parte collinare. Alle 22 gli impiegati del Triscount erano all’opera armati di scope e secchi, nel tentativo di salvare l’apertura dell’indomani. In via dello scalo di settebagni l’asfalto è saltato in più punti. Decine le macchine danneggiate. Tantissimi i residenti scesi ad osservare l’ennesimo lago artificiale formatosi nel quartiere, sempre nello stesso punto, che hanno commentato rassegnati il fatto che passata l’emergenza e i lavori straordinari che comporta, non vengono stanziati fondi per la manutenzione periodica ordinaria delle caditoie, ché basterebbe quello per non andare sottacqua con un temporale estivo.
Foto: http://www.flickr.com/photos/lucianamiocchi/sets/72157627299445580/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: