Archivio | 21:43
Immagine

Finalmente Virginia Raggi ha scritto la lettera di richiesta per la revoca dell’aia al Tmb Salaria

12 Giu

Ne ha dato notizia pochi minuti fa l’Ansa, pubblicando stralci della lettera che Virginia Raggi, Sindaca di Roma ha inviato al governatore della regione Lazio Nicola Zingaretti. “È indispensabile un intervento di messa in sicurezza e bonifica dell’area che non è compatibile con futuri utilizzi produttivi”, riferendosi al famigerato impianto di via Salaria, reso inutilizzabile da un incendio nell’inverno scorso. “Ciò.premesso stante la chiara volontà politica di superare definitivamente la riapertura degli impianti produttivi in quel sito ed essendo mia ferma intenzione di rispondere alle istanze dei cittadini del Municipio 3 che chiedono con forza che l’areanon venga più destinata a scopi industriali”, aggiunge Raggi,”chiedo di verificare con le competenti strutture regionali la sussistenza delle condizioni di revoca definitiva dell’autorizzazione integrata ambientale concessa che ad oggi risulta ancora in fase di riesame e di supportare le nostre richieste di definitiva bonifica dell’area”, conclude.

Il presidente del III Municipio Giovanni Caudo ha immediatamente postato sul suo profilo pubblico la notizia attesa da mesi, ringraziando al contempo la Sindaca e tutti coloro che hanno portato avanti la lotta nel corso di otto lunghi anni.

Si attende ora la necessaria risposta della regione Lazio, anche se sembra essere solo una questione di pura formalità.

(Foto di repertorio: numero di ottobre 2018 de La voce del Municipio, prima pagina sulla grande mobilitazione di piazza contro le attività del Tmb salaria)

Luciana Miocchi

Immagine

Prati Fiscali: molestatore violento arrestato – di Alessandro Pino

12 Giu

[Roma] Uno stalker romeno cinquantenne con precedenti è stato arrestato ieri sera in via Val di Non – tra i Prati Fiscali e Conca d’Oro – dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma con l’accusa di atti persecutori nei confronti di una connazionale di un anno più grande, della quale si era invaghito. Negli ultimi mesi la donna aveva dovuto subire episodi di violenza e di minacce di morte, denunciati lo scorso 9 giugno. Anche ieri, in tarda serata, il molestatore si è presentato alla porta di casa della vittima e ha iniziato a colpirla violentemente per farsi aprire, minacciandola ancora di morte. Allertati sia dalla vittima che da alcuni abitanti di zona, i Carabinieri sono intervenuti trovando l’uomo che, ancora in stato di forte agitazione, prendeva a calci la porta d’ingresso. A quel punto l’energumeno ha tentato la fuga ma è stato bloccato dopo un breve inseguimento a piedi ed è stato poi portato in carcere a Regina Coeli.

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: