Archivio | 12:12
Immagine

Civitavecchia: vuole saltare la fila in ospedale e insulta sanitari, guardia giurata e poliziotti- di Alessandro Pino

5 Ago

[CIVITAVECCHIA- Rm] Si è presentata presso il consultorio dell’ospedale San Paolo di Civitavecchia, pretendendo che le venisse effettuato un test clinico senza attendere il proprio turno. Quando il medico le ha risposto di mettersi in attesa, la donna ha dato in escandescenze, insultando lei, il personale presente e la guardia giurata in servizio di vigilanza. Per questo una cinquantenne di Civitavecchia con numerosi precedenti di polizia è stata denunciata per oltraggio, resistenza e minacce a Pubblico Ufficiale dal personale del Posto di Polizia del nosocomio, contattato dai sanitari a causa del suo comportamento aggressivo. Sul posto erano arrivati i poliziotti del commissariato di Civitavecchia, dal quale il Posto di Polizia ospedaliero dipende, che avevano cercato di calmare la donna, assicurandola del fatto che appena sarebbe stata visitata. Lei però ha continuato a insultare tutti dichiarando di non voler più effettuare la visita. Alla fine è stata allontanata e denunciata.

Alessandro Pino

Immagine

Centro storico: nomadi bloccate mentre forzano un appartamento- di Alessandro Pino

5 Ago

[ROMA] Due nomadi, di 22 e 19 anni, entrambe già note alle forze dell’ordine, sono state denunciate dai Carabinieri ieri pomeriggio nel centro storico della Capitale con l’accusa di tentato furto aggravato in concorso. I militari le avevano notate aggirarsi con atteggiamento sospetto e le hanno seguite per un breve tratto fino a quando le hanno sorprese mentre cercavano di forzare la serratura del portone di un’abitazione in via della Fontanella di Borghese. A quel punto le due zingare sono state bloccate e identificate e il contenuto dei loro zaini è stato sequestrato: dentro c’erano una lastra artefatta per far scattare le serrature, due cacciaviti, una chiave inglese e un paio forbici.
Portate in caserma, sono state denunciate a piede libero. Durante gli accertamenti è emerso però che la diciannovennenne era colpita da un’ordinanza di sostituzione di misura cautelare della permanenza in casa con quella del collocamento in comunità ed è stata portata presso una comunità a Cisterna di Latina.
Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: