Archivio | 18:54
Immagine

Conca d’Oro: non ce l’ha fatta il piccolo colpito da un proiettile- di Alessandro Pino

13 Ago

[ROMA] Purtroppo non ce l’ha fatta il bambino rimasto gravemente ferito questa mattina da un colpo di pistola in un condominio di via Val Sillaro, zona Conca d’Oro: si è appreso questa sera che per il piccolo ricoverato al Policlinico Umberto I- sette anni non ancora compiuti- è stata dichiarata la morte cerebrale. A quanto si è letto, sembrerebbe che il colpo che ha causato il mortale ferimento sia partito per errore da una pistola semiautomatica Glock calibro 9 regolarmente detenuta dal nonno del bambino.

Alessandro Pino

(Foto repertorio)

Immagine

Tragedia a Conca d’Oro: bambino ferito da un colpo di pistola- di Alessandro Pino

13 Ago

[ROMA] Tragedia in un condominio di via Val Sillaro- zona Conca d’Oro- dove nella mattinata del 13 agosto un bambino è rimasto gravemente ferito alla testa da un colpo di arma da fuoco. A quanto sembra il colpo sarebbe stato esploso per errore mentre il nonno del bambino riponeva l’arma. Il piccolo, sette anni ancora da compiere, è ricoverato al policlinico in gravi condizioni.

Alessandro Pino

Immagine

Piazza Bologna e Annibaliano: dava appuntamento ad aspiranti attrici per abusarne in finti provini- di Alessandro Pino

13 Ago

[ROMA] Si spacciava per regista cinematografico organizzando dei finti provini per un fantomatico film dal titolo “Miele Amaro” nei quali abusava di giovani aspiranti attrici alle quali dava appuntamento presso le fermate metro di piazza Bologna e piazza Annibaliano. Per questo un uomo di circa quarant’anni è stato arrestato dai Carabinieri poiché ritenuto responsabile di violenza sessuale contro otto ragazze. Le indagini si sono svolte tra febbraio e luglio di quest’anno dopo le denunce di alcune giovani donne. Le aspiranti attrici venivano invitate a un primo incontro organizzato presso uffici affittati appositamente per carpire la loro fiducia nella possibilità di recitare nella pellicola. In seguito veniva organizzato un secondo incontro, senza però indicare un indirizzo preciso ma dando loro appuntamento nei pressi di fermate della metropolitana, nella maggior parte dei casi piazza Annibaliano e piazza Bologna. Da lí le ragazze venivano accompagnate in appartamenti dove l’indagato ne abusava, chiedendo loro di provare con lui la parte e approfittando in tal modo per compiere atti di violenza sessuale: secondo l’accusa per raggiungere lo scopo faceva loro credere che il compimento degli atti sessuali da lui richiesti fosse la dimostrazione delle loro capacità artistiche e che un rifiuto sarebbe stato indicativo della inidoneità alla recitazione.
Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: