Tag Archives: Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni
Immagine

Un emporio solidale a Colle Salario per le famiglie del Terzo Municipio- di Alessandro Pino

9 Set

[ROMA] È stato appena inaugurato nei locali messi a disposizione dal Centro Sociale Anziani San Giusto- zona Colle Salario- un emporio solidale per aiutare le famiglie in difficoltà del Terzo Municipio. L’emporio è gestito dalla Croce Rossa Italiana dei Municipi Secondo e Terzo in collaborazione con la Cooperativa Sociale Ambiente e Lavoro Onlus. Tra i prodotti disponibili anche quelli per l’infanzia e di cartoleria. Al taglio del nastro il presidente del Terzo Municipio, Giovanni Caudo, assieme all’Anziano Alessandro Dini Ciacci, massima autorità in Italia della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (quella del grandioso complesso in via Di Settebagni), i cui membri hanno dato un cospicuo supporto economico per realizzare l’iniziativa. <Siamo felici di aver potuto contribuire all’apertura dell’Emporio solidale del Municipio III- ha dichiarato l’Anziano Dini Ciacci- Questa iniziativa è degna di lode e del supporto di tutti. Ciò che più mi colpisce è il grande sforzo fatto dal Presidente Caudo e dal suo staff, con il coinvolgimento in prima linea della Croce Rossa, di salvaguardare la dignità delle persone che si trovano nel bisogno. Vedo un bellissimo collegamento tra il digiuno mensile che i membri de La Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni fanno una volta al mese, donando almeno il corrispettivo dei due pasti che saltano, e la possibilità per quel sacrificio di trasformarsi immediatamente in cibo per chi è in difficoltà. Siamo grati della collaborazione con il Municipio III del Presidente Caudo. L’occasione dell’apertura dell’Emporio solidale è stata anche l’occasione per discutere di una ulteriore collaborazione a supporto dell’iniziativa>.

Alessandro Pino

Immagine

Piazza Conca d’Oro ripulita dai ragazzi della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni- di Alessandro Pino

13 Giu

[ROMA] Piazza Conca d’Oro è stata ripulita da trentacinque volontari della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni in una operazione straordinaria di riqualificazione svoltasi la mattina del 13 giugno. Ne ha dato notizia via social il presidente del Terzo Municipio, Giovanni Caudo. I giovani volontari, tra cui quattro provenienti dagli Stati Uniti, hanno rimosso dalle aiole sporcizia e bottiglie di vetro lasciate dai tanti, troppi barbari che infestano la piazza.

Alessandro Pino

Immagine

Centinaia di famiglie in difficoltà del Terzo Municipio aiutate dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni- di Alessandro Pino

6 Giu

[ROMA] Anche se le misure più restrittive adottate contro la diffusione dei contagio da Coronavirus sono state allentate, rimangono pesanti gli effetti dell’emergenza sociale causata dal prolungato blocco imposto dal Governo alle attività economiche e alla vita quotidiana. Innumerevoli famiglie – a centinaia nel solo territorio del Terzo Municipio- si trovano in difficoltà anche solo per sopperire alla spesa quotidiana, complici i ritardi che si sono registrati nei sostegni istituzionali al reddito e alla sussistenza. Tra le benemerite iniziative per un immediato aiuto alimentare in loro favore va doverosamente citata quella della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni: sí, quella che il grande pubblico conosce come “mormone” e il cui Tempio sorge in via Di Settebagni, tra le zone della Bufalotta e Porta di Roma. I membri della Chiesa hanno infatti elargito una consistente donazione alla Croce Rossa per l’acquisto e la distribuzione di prodotti di prima necessità presso esercizi presenti sul territorio municipale. Lo ha annunciato via social il presidente del Municipio, Giovanni Caudo ringraziando pubblicamente l’Anziano Alessandro Dini Ciacci- la più importante autorità della Chiesa per l’Italia- e la comunità che rappresenta. <Siamo felici di poter fare qualcosa per alleviare le sofferenze di chi è nel bisogno. È uno dei modi in cui ci sforziamo di seguire le orme del Salvatore> ha dichiarato per noi l’Anziano Dini Ciacci, specificando però che non è abitudine della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni informare la stampa delle opere di soccorso da essa messe in atto, limitandosi a darne notizia ai membri. Il presidente Caudo ha aggiunto inoltre che grazie a una ulteriore donazione della stessa Chiesa dovrebbe essere possibile l’apertura in breve tempo di un piccolo emporio solidale per aiutare chi si trova in condizione di difficoltà economiche più persistenti e radicate.
Alessandro Pino

Immagine

Le mamme del terremoto di Norcia premiate dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni – di Alessandro Pino

8 Dic

[ROMA] Si è svolta lo scorso 7 dicembre nel complesso del Tempio della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (conosciuta anche come Mormone) in via Di Settebagni la premiazione di dieci mamme provenienti da Norcia, cittadina duramente colpita dagli eventi sismici che devastarono numerose località del Centro Italia (radendo pressoché al suolo Amatrice, come è noto) tra l’estate del 2016 e i primi mesi del 2017. Il Riconoscimento per i Valori della Famiglia viene conferito annualmente a chi si è contraddistinto per aver difeso l’istituzione della famiglia. Le mamme sono state dunque premiate perché, pur in quei momenti difficili, hanno deciso di investire nel futuro dando alla luce un figlio. Alla cerimonia erano presenti il presidente del Terzo Municipio, Giovanni Caudo, il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno e l’onorevole Maria Teresa Bellucci, mentre a fare gli onori di casa c’erano l’Anziano Alessandro Dini Ciacci, responsabile della Chiesa per l’Italia, con la moglie Sara. «Oggi abbiamo celebrato la gioia dei valori familiari – ha commentato Dini Ciacci – siamo fermamente convinti che la famiglia, così come ordinata da Dio, sia la fonte delle gioie più grandi della vita e che sia degna di ogni sforzo e di ogni attenzione».
Alessandro Pino

Immagine

In visita al Tempio Mormone con la pistola nascosta nella borsa: denunciata – di Alessandro Pino

11 Feb

[Roma] Una donna di cinquantotto anni è stata denunciata per possesso abusivo di arma, dopo essere stata trovata con una Beretta calibro 22 nascosta nella borsa all’ingresso del Tempio della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni in via di Settebagni, da poco inaugurato. La pistola si trovava in una custodia per occhiali ed è stata notata dalla vigilanza durante i controlli all’ingresso del complesso religioso che la donna voleva visitare. È intervenuta una pattuglia del commissariato Fidene Serpentara alla quale la signora ha dichiarato di aver portato con sé l’arma, appartenente al marito, per paura di essere rapinata nel corso del viaggio. Proseguono le verifiche volte a riscontrare la veridicità delle dichiarazioni fatte dalla donna.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Il Tempio mormone in via Di Settebagni apre ai cittadini – di Alessandro Pino

15 Gen

[Roma] È finalmente completato e a brevissimo sarà visitabile dalla cittadinanza il complesso del Tempio della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni in via di Settebagni. Per l’occasione lo scorso 14 gennaio si è svolta una visita alla quale hanno partecipato rappresentanti della stampa locale e nazionale – inclusa una troupe del Tg 5 con l’inviata Francesca Cantini – e delle istituzioni, accolti dalle massime autorità mondiali (identificati con il titolo di “Anziani”) della comunità religiosa, forse più conosciuta al grande pubblico con nome di mormone. Durante i saluti iniziali ha preso la parola il presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito – che ha portato il saluto del sindaco Virginia Raggi – secondo cui il Tempio «migliora e abbellisce il nostro Municipio con strutture che saranno aperte anche alla cittadinanza» mentre l’Anziano Massimo De Feo ha ricordato che «il Tempio della Chiesa di Gesù Cristo non poteva mancare nella Roma cristiana di Pietro e Paolo». Anche il presidente del Terzo Municipio, Giovanni Caudo, ha poi espresso apprezzamento per quanto realizzato. Erano presenti anche per la Chiesa mormone gli anziani David Bednar, Roland Rasband, Alessandro Dini Ciacci e il direttore nazionale delle relazioni pubbliche Raimondo Castellani. I partecipanti sono stati condotti dall’Anziano Dini Ciacci e dalla moglie Sara in un giro del Tempio vero e proprio, attorno al quale si distende il complesso – tra i più grandi del mondo – che comprende una cappella per le funzioni ordinarie, una foresteria con ottanta alloggi per i fedeli che giungeranno da fuori Roma, un centro multifunzionale con la statua del Cristo scolpita da Bertel Thorvaldsen che servirà anche a una iniziativa di ricerca genealogica aperta a tutti, al momento in fase di realizzazione, mentre esternamente al centro vi è un’area giochi che verrà donata alla città. Notevole l’attenzione riservata al verde, con la presenza di alcuni degli ulivi autoctoni dei luoghi – spostati in un vivaio durante i lavori – altri di circa sei secoli di età fatti giungere appositamente e numerose piante di alto fusto, il tutto disseminato su una distesa di marmi di Tivoli solcati da fontane e giochi d’acqua dal gusto un po’ hollywoodiano. Il Tempio, realizzato in circa otto anni dalla CG Edilcoop e al quale hanno lavorato complessivamente migliaia di persone con i materiali forniti da aziende di tutto il mondo, si discosta alquanto nella disposizione interna dall’immagine classica di un edificio religioso, non essendoci grandi volumi vuoti come in una cattedrale o una moschea, bensì una serie di ampi saloni, arredati con un gusto a metà strada tra l’Art Deco e lo Stile Impero e che può ricordare gli interni di prima classe di un transatlantico di inizio Novecento: marmi di Carrara come se piovesse, bronzo a profusione anche per i maniglioni antipanico, insistiti richiami al disegno michelangiolesco del pavimento di piazza Del Campidoglio, centinaia di punti luce in vetro di Murano e lampadari in cristallo assemblati sul posto dai fedeli, rivestimenti di pregio per le sedute mentre all’esterno domina il granito sardo in cui si inseriscono le vetrate decorate fatte giungere dagli Stati Uniti, il tutto pagato con le offerte degli appartenenti alla Chiesa di tutto il mondo. Come spiega l’architetto Maria Camilla Rubei, presidente della CG Edilcoop, l’impegno è stato «soddisfare un cliente esigente e mettere insieme diverse culture». A farle eco il direttore tecnico della CG Edilcoop, Dionisio Graziosi: «L’impostazione è diversa da quella degli edifici di culto che conosciamo, è stata una sorpresa anche per noi, una sfida tecnica e morale da cui usciamo tutti cresciuti e fortificati». Sì, perché è bene ricordare che durante i lavori è stata posta grande attenzione alla sicurezza superando anche gli standard richiesti dalla legge e non si è registrato nessun incidente grave. Degli interni del Tempio non è stato permesso di scattare fotografie: per vederli, anche chi non appartiene alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni può approfittare fino al 16 febbraio, data successivamente alla quale solo i fedeli saranno ammessi all’interno, mentre sarà sempre possibile frequentare il resto del grandioso complesso.
Alessandro Pino

Immagine

Quasi completato il Tempio Mormone di Roma: ecco come visitarlo – di Alessandro Pino

10 Mag

Roma – Si avviano al completamento i lavori di costruzione del Tempio della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni in via di Settebagni e per questo la dirigenza mormone ha annunciato le date dei giorni di apertura al pubblico e della dedicazione del Tempio di Roma:
sarà aperto al pubblico per visite guidate gratuite da lunedì 28 gennaio 2019 a sabato 16 febbraio 2019, eccetto le domeniche. A partire da qualche settimana prima dei giorni di apertura del tempio per le visite gratuite, il pubblico potrà prenotare la propria visita sul sito visitatempio.it. Il Tempio sarà dedicato ufficialmente domenica 10 marzo 2019 e fino a domenica 17 marzo 2019. La costruzione dell’edificio di tre piani e grande quasi 4.000 metri quadrati è iniziata il 23 ottobre 2010 quando l’allora presidente della Chiesa, Thomas S. Monson, insieme ad altri dirigenti della Chiesa e civici, ha partecipato alla tradizionale cerimonia del primo colpo di piccone. Il Tempio di Roma fa parte di un centro culturale e religioso di 60.000 metri quadrati che comprende una casa di riunione polifunzionale, un centro visitatori, un centro di storia familiare e alloggi per i visitatori. L’esterno del tempio è rifinito con granito e vetrate artistiche. Le finiture interne sono realizzate con materiali pregiati come il marmo, intarsi in legno e pitture decorative. Il tempio servirà gli oltre 23.000 membri della Chiesa che vivono in Italia e quelli di altri paesi limitrofi. In questo momento nel mondo ci sono 159 templi in funzione, di cui 12 in Europa.
Alessandro Pino

Donati in beneficenza i container del Tempio Mormone in via Di Settebagni – di Alessandro Pino

22 Lug

I lavori di costruzione del Tempio – in via di Settebagni tra le zone della Bufalotta e Porta di Roma – della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (nota ai più come Mormone) proseguono spediti verso il completamento del vasto complesso: dopo la recente collocazione su una guglia della statua raffigurante “l’angelo Moroni” anche l’edificio della foresteria è stato terminato e adibito  

image

momentaneamente a ufficio per il personale impiegato nel cantiere.
I numerosi container fino ad ora adibiti a quello scopo e ancora in ottime condizioni sono stati donati dalla Chiesa Mormone a tre beneficiari selezionati : la Croce Rossa – Comitato Area Metropolitana di Roma Capitale, il Terzo Municipio di Roma (che ne userà uno per coordinare sul campo la gestione dell’emergenza rifiuti) e la Città di Borbona nel reatino (tra quelle colpite dal devastante terremoto della scorsa estate). L’anziano Alessandro Dini Ciacci, una delle massime autorità della Chiesa Mormone, ha definito la rimozione dei container come “un’altra pietra miliare nel progresso della costruzione del Tempio di Roma”  sottolineando come la loro donazione per un nuovo utilizzo sia in linea con lo spirito di servizio verso la comunità da parte della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni e dei suoi membri.
Alessandro Pino

Un angelo dorato in cima al primo Tempio Mormone in Italia – di Alessandro Pino

26 Mar

Per chi passa lungo via di Settebagni tra le zone della Bufalotta e di Porta di Roma – nel Terzo Municipio della Capitale – è impossibile non notare una grande costruzione in granito, sormontata da due alte guglie: si tratta del Tempio della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni – più

image

comunemente nota come “Mormone” – la cui costruzione, iniziata nel 2010, si avvia al completamento. Una importante tappa dei lavori è stata toccata la mattina dello scorso 25 marzo con la deposizione su una delle guglie della statua raffigurante l’ “Angelo Moroni”, antico profeta presente nel Libro di Mormon (il testo di Scritture cui i membri della Chiesa Mormone fanno riferimento assieme 

image

alla Bibbia). La statua è alta quattro metri e realizzata in vetroresina placcata d’oro: alla sobria ma sentita cerimonia – ripresa anche da una troupe di Rai Uno con l’inviata Metis Di Meo – hanno assistito le massime autorità in Italia della Chiesa Mormone con in testa l’Anziano Settanta (il numero indica un titolo religioso di altissimo rango nella comunità) Alessandro Dini Ciacci. Suggestivi i momenti in cui la statua si innalzava verso il cielo a oltre cinquanta metri di altezza mentre un drone munito di telecamera le volava attorno, culminati nell’applauso dei presenti all’atto dell’installazione

image

definitiva. Il Tempio è il primo in Italia della Chiesa Mormone e fa parte di quello che una volta completato sarà il centro religioso più grande in Europa di tale comunità di credenti, realizzato interamente con le offerte provenienti dai circa quindici milioni di membri presenti nel mondo. «Non vediamo l’ora di aprire gratuitamente al pubblico questi giardini, il centro visitatori che ospiterà le statue del Cristo e degli Apostoli di Bertel Thorvaldsen e il centro di storia familiare che 

image

permetterà a chiunque lo desideri di cercare i propri antenati grazie alla raccolta di dati genealogici più grande del mondo – ha commentato l’Anziano Dini Ciacci – ci auguriamo che tutti vorranno venire a visitare questo complesso quando ne sarà ultimata la costruzione».
Alessandro Pino

image

image

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: