Annunci
Tag Archives: Francesca Liuzzi

Il Baratto delle Mamme l’otto maggio a piazza Sempione – di Alessandropino

5 Mag

La Festa della Mamma arriva in anticipo nel Terzo Municipio dove per lunedì 8 maggio 2017 è stato organizzato il “Baratto delle Mamme”: dalle nove e mezza di mattina fino a mezzogiorno e mezzo nell’aula consiliare di piazza Sempione sarà possibile scambiare materiale come abbigliamento e accessori per bambini da zero a tre anni, carrozzine e passeggini, seggioloni, sdraiette, biberon, sterilizzatori, tiralatte e altri strumenti per la puericultura, lettini, fasciatoi, vaschette e altri oggetti per il bagnetto, giocattoli. Per non ingombrare eccessivamente gli spazi è prevista la presentazione tramite fotografia del materiale più voluminoso. Gli oggetti proposti per il baratto dovranno essere puliti, imbustati e in buone  condizioni. Non sarà consentito lo scambio di 

image

denaro, medicinali e generi alimentari. Il materiale rimasto non scambiato andrà portato via e non sarà consentito di lasciarlo negli spazi municipali. L’iniziativa è organizzata dalla Commissione Municipale delle Elette e Pari Opportunità (presieduta dalla consigliera pentastellata  Francesca Liuzzi) ed è aperta non solo alle mamme e a chi sta per diventarlo ma anche ai papà e ai nonni residenti nel territorio di Roma Capitale.

Alessandropino

Annunci

Festa della Donna in Terzo Municipio: 8 marzo tra arte e letteratura – di Alessandro Pino

6 Mar

image

Il Terzo Municipio della Capitale celebra quest’anno la Festa della Donna all’insegna dell’arte e della scrittura con una iniziativa centrata sulla presenza della figura femminile nella arti figurative e nella letteratura. Nel pomeriggio dell’otto marzo 2017 infatti la sede municipale di piazza Sempione ospiterà dalle 17 e 30 un’esposizione di dipinti e sculture a tema degli artisti Michelangelo Tripi e Donato D’Angelo unitamente a letture di poesie e racconti che illustrano l’evoluzione della figura della donna nella letteratura. I testi saranno narrati dalle voci di Maurizio Zijno, Sebastiano Girlando, Alessandro Marini e Alessandro Frittella. Successivamente, alle 19, la scrittrice Ilaria Palumbo – intervistata da Loredana Germani – presenterà 

image

l’antologia “Il mestiere più antico del mondo?” (curata da Marilù Oliva) di cui è coautrice assieme ad altre firme illustri tra cui Dacia Maraini, Maurizio De Giovanni e Romano De Marco. Seguirà dibattitto  moderato dal critico letterario Danilo Villani. L’iniziativa, a cura della associazione culturale “Dante era un dilettante” è organizzata dalle Commissioni Municipali “Cultura” e “Elette”, presiedute rispettivamente dalle consigliere pentastellate Donatella Geretto e Francesca Liuzzi e mira a sostenere il Telefono Rosa attivo contro la violenza sulle donne.
Alessandro Pino

Parco Bolivar chiuso da un anno: cosa c’è “sotto” ? – di Alessandro Pino

19 Gen

A quasi un anno dalla chiusura – avvenuta a febbraio scorso per svolgere lavori di manutenzione in seguito al crollo di un pino sulla recinzione – rimane ancora interdetto al pubblico il parco intitolato a Simon Bolivar, sullo storico Monte Sacro, nel Terzo Municipio della Capitale. La riapertura era stata annunciata già ad aprile dall’allora presidente del Terzo Municipio, Paolo Marchionne, senza che vi fosse un seguito effettivo nemmeno con il subentro della giunta pentastellata di Roberta Capoccioni. Sulla vicenda esistono teorie contrastanti in seno alla stessa maggioranza municipale: soltanto qualche giorno fa la presidente del Municipio Roberta Capoccioni con un intervento in rete ha confermato la possibile presenza di uno stato di dissesto idrogeologico della collina. L’origine del paventato pericolo di smottamenti – con rischio anche per i mezzi impegnati nella manutenzione del verde – era stata attribuita in ipotesi a una rete di caverne usate come rifugio antiaereo, esistenti sotto la collina. La tesi del dissesto però viene confutata con forza dalla consigliera di maggioranza Francesca Burri, 

image

presidente della Commissione municipale Ambiente, che ha reperito in rete e reso nota a sua volta una perizia eseguita sull’area a dicembre con esito negativo. Sulla materia così si è espressa la presidente del Comitato Città Giardino, Simona Sortino: «Vorremmo avere dall’amministrazione un quadro chiaro che ci faccia comprendere la situazione attuale, anche dall’assessore (municipale all’Ambiente, ndr) Mimmo D’Orazio quale è la progettualità in vista della riapertura e chi intendono consultare affinché questa possa avvenire nel più breve tempo possibile». Per la prossima settimana si attende la presenza in Commissione Ambiente – dopo la seduta del 17 gennaio in cui si sono confrontati i consiglieri di maggioranza Francesca Burri, Francesca Liuzzi, Massimo Moretti, Mario Novelli e quelli di opposizione Federica Rampini, Francesca Leoncini, Vincenzo Di Giamberardino oltre a Simona Sortino e Manuel Bartolomeo presidente del CdQ Talenti – del dirigente dell’ufficio capitolino “gestione territoriale ambientale e del verde”; uno dei punti da sciogliere sarà capire quale sia l’ufficio competente ad agire nel caso particolare, per restituire all’utenza un luogo molto amato e frequentato.
Alessandro Pino

Stop in un modo o nell’altro alla mozione sul Tmb Salaria – di Alessandro Pino

6 Set

In un modo o nell’altro non avrà vita lunga la controversa mozione sull’impianto Ama di via Salaria presentata nei giorni scorsi da due consiglieri municipali del Movimento 5 Stelle, Massimo Moretti e Francesca Burri, quest’ultima presidente della Commissione Ambiente. L’atto – tra l’altro già modificato dopo le prime accese discussioni in rete – in cui si avanzava la proposta di un aumento dei turni di lavorazione nell’impianto al fine di smaltire più

image

efficacemente la spazzatura da trattare, aveva suscitato immediatamente un vespaio di polemiche da parte di numerosi cittadini afflitti da anni dalle esalazioni provenienti dallo stabilimento. Pur trattandosi come detto di una mozione – quindi un atto di indirizzo alle autorità realmente competenti, al confine con il mero auspicio – la virulenza delle discussioni innescatesi aveva spinto la presidente del Municipio a convocare un incontro, svoltosi a piazza Sempione nel tardo pomeriggio del 6 settembre, al quale ha partecipato una cinquantina di persone circa, per lo più membri dei maggiori comitati di quartiere. Presenti anche diversi politici del Terzo: oltre ai succitati Massimo Moretti e Francesca Burri, si sono visti il presidente del Consiglio municipale Mario Novelli, gli assessori municipali Simone Proietti, Giuseppe Sartiano e Mimmo D’Orazio e i consiglieri Daniela Michelangeli, Francesca Liuzzi, Simone Said, Riccardo Evangelista, Vincenzo di Giamberardino. Un incontro caotico nel quale più di una volta si è perso di vista il centro della faccenda -. la mozione appunto – ripercorrendo per l’ennesima volta le tappe attraverso le quali si è giunti fino a oggi, reso ancor più confusionario da ripetuti interventi davvero sopra le righe, ai limiti dello scontro. La presidente Capoccioni, più volte applaudita, ha tenuto a ribadire la sua posizione per una chiusura senza se e senza ma e preso atto della contrarietà della informale assemblea nei confronti della tanto discussa mozione, della cui presentazione ha affermato essere venuta a conoscenza solo a giochi fatti. A questo punto però anche per la grande confusione regnante,  le interpretazioni dei presenti si sovrappongono e in parte contrastano: secondo alcuni la presidente rivolgendosi esplicitamente ai consiglieri di maggioranza presenti ha dichiarato che l’atto sarebbe stato bocciato in Consiglio. Secondo altri si sarebbe trattato di un invito a ritirarla prima dell’approdo nell’aula consiliare rivolto a Moretti e Burri. La presidente della Commissione Ambiente però non pare propensa a ritirare l’atto da lei sottoscritto, parlando di “diktat un po’ forte” e aggiungendo: «Un lavoro che ho fatto non lo ritirerò mai nella vita ». La caotica riunione si è conclusa con un intervento dell’assessore municipale all’ambiente, Domenico D’Orazio, che ha specificato come la auspicata chiusura del Tmb non si possa arrivare dall’oggi al domani.
Alessandro Pino

Il grande cuore del Terzo Municipio in aiuto delle vittime del terremoto (ma servono più scatoloni e assorbenti) – di Alessandro Pino

25 Ago

I cittadini del Terzo Municipio stanno rispondendo in massa alla richiesta di aiuti materiali per le vittime del disastroso terremoto che ha raso al suolo Amatrice e altre cittadine

image

limitrofe. Nella sede municipale di piazza Sempione dalla mattina del 25 agosto stanno arrivano di continuo persone cariche di generi di prima necessità. Il materiale viene raccolto e smistato da volontari tra cui anche la presidente del Municipio, Roberta Capoccioni, l’assessore alla Scuola Gilberto Kalenda e le consigliere Donatella Geretto e Francesca Liuzzi. Piazza Sempione è gremita di macchine in sosta per scaricare gli aiuti, i corridoi e le stanze del Municipio brulicano incessantemente. I materiali richiesti – esclusivamente nuovi e confezionati – sono: vestiario (incluse coperte e biancheria), generi alimentari (non deperibili a lunga scadenza come pasta, riso, omogeneizzati, cibo per animali, scatolame) e prodotti per la cura della persona come la carta igienica e soprattutto – così viene 

image

riferito – assorbenti intimi. Servono inoltre tanti scatoloni per imballare il tutto. La sede del Municipio rimarrà aperta fino alle 18 del 25 agosto e si prevede la raccolta anche per il 26 sempre con orario dalle 10 alle 18.

AGGIORNAMENTO:
la raccolta ha avuto un tale successo da dover essere sospesa per la enorme quantità di materiale portato dai cittadini quindi la presidente Capoccioni ha comunicato che il 26 agosto in Municipio NON sarà effettuata.

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: