Archivio | 12:57
Immagine

Casal Bruciato: studente fuorisede arrestato per droga – di Alessandro Pino

22 Set

[ROMA] Uno studente ventitreenne fuorisede salernitano è stato arrestato dalla Squadra Mobile nella zona di Casal Bruciato dopo essere stato trovato in possesso di quasi un chilo di hashish e due etti di marijuana. Il giovane aveva provato a convincere gli agenti che lo stupefacente in suo possesso era del tipo light, senza principio attivo drogante, mostrando alcune confezioni a conferma delle proprie dichiarazioni. Il materiale però una volta analizzato è risultato con un valore drogante superiore ai limiti consentiti. Al giovane campano si è arrivati attraverso la segnalazione di un altro ragazzo a cui aveva venduto qualche giorno prima un etto di marijuana e che era stato denunciato dopo esserne stato trovato in possesso.
Alessandro Pino
.

Immagine

Zagarolo: vendita di false polizze Rc auto, divieto di dimora per una donna – di Alessandro Pino

22 Set

[ZAGAROLO – RM] È accusata di aver aver venduto false polizze assicurative per veicoli usando un bar a Zagarolo come ufficio in cui stipulare i contratti e intascare i pagamenti rilasciando documenti di assicurazione rivelatisi falsi. Per questo il Gip del Tribunale di Tivoli ha disposto il divieto di dimora nel Comune di Zagarolo per una quarantaduenne romana, già in passato coinvolta in analoga indagine che portò al sequestro di oltre trecento polizze assicurative false. Solo nell’ultimo anno contro di lei sono state sporte sette denunce per aver truffato ignari clienti a cui avrebbe venduto false assicurazioni di veicoli. Le sue vittime, tutti cittadini dei comuni limitrofi, in molti casi hanno subíto il sequestro della loro auto o moto perché, in occasione di normali controlli stradali da parte delle forze dell’ordine, i loro contratti di assicurazione erano risultati falsi. Le denunce raccolte dai Carabinieri hanno fatto scattare le indagini che hanno portato a raccogliere consistenti prove a carico della donna. I Carabinieri della Stazione di Colonna hanno accertato che durante il lockdown la donna aveva anche incrementato la sua attività illecita grazie alla chiusura delle società assicurative e riuscendo a convincere le vittime ad affidarsi a lei, promettendo anche sconti e prezzi vantaggiosi.  È inoltre accusata di aver finto di pagare le sanzioni amministrative in cui incorrevano i suoi clienti, fornendo poi loro false ricevute di pagamento dei bollettini.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: