Archivio | 14:20
Immagine

Quadraro: in fiamme un negozio | di Alessandro Pino

4 Set

[ROMA] Incendio in un negozio al Quadraro nella mattinata del 4 settembre.
I Vigili del Fuoco sono intervenuti in via dei Levii dove un locale commerciale al piano terra di un palazzo è stato gravemente danneggiato dalle fiamme.

Non sono rimaste coinvolte persone ma a scopo precauzionale sono state interdette le camere dell’appartamento soprastante il negozio bruciato. Sul posto anche la Polizia e i sanitari.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Vigili del Fuoco Roma)

Immagine

Tufello: scoperto arsenale in casa con armi e materiale esplodente | di Alessandro Pino

4 Set

[ROMA] Un vero arsenale è stato scoperto dalla Polizia al Tufello in casa di un cinquantunenne con disturbi psichiatrici e precedenti per armi e munizioni.

Il materiale trovato in casa era costituito da una pistola calibro 7,65 con la matricola abrasa e circa duemila cartucce, una paletta contraffatta con la scritta Polizia di Stato, una baionetta da punta e taglio mentre in un locale di pertinenza nello stesso palazzo c’erano nove pistole lanciarazzi modificate e quindi idonee all’esplosione di colpi di arma da fuoco; 182 pistole lanciarazzi; circa 40 kg. di materiale pirotecnico e alcune bombe carta, alcune armi bianche e un piede di porco.

In seguito a una indagine, gli investigatori del III Distretto Fidene Serpentara sono andati a casa dell’uomo e dopo essersi fatti aprire la porta con uno stratagemma, gli hanno chiesto se avesse pistole o fucili, certi delle informazioni raccolte.

La risposta è stata negativa e a quel punto è scattata la perquisizione: nascosti nel vano delle tapparelle c’erano la pistola e le cartucce oltre alla paletta contraffatta e la baionetta.

Dentro alcune buste nel locale c’era tutto il resto. Il materiale esplosivo è stato repertato dalla polizia Scientifica e poi preso in carico dagli Artificieri.

L’uomo è stato arrestato e portato in carcere: dovrà rispondere di detenzione abusiva di armi comuni da sparo e di materiale esplodente, oltre che di detenzione di segni distintivi in uso ai corpi di Polizia.

Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: