Tag Archives: Pier Paolo Pasolini
Immagine

Casal de’ Pazzi: a Villa Farinacci presentato il programma per il centenario di Pasolini in IV Municipio

14 Mag

[ROMA] Le celebrazioni per il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini entrano nel vivo e una parte di rilievo in esse verrà recitata dal territorio del Quarto Municipio della Capitale.

Un ruolo questo che non deve sorprendere: é qui, nella zona di Ponte Mammolo che Pasolini visse i primi anni della sua permanenza a Roma- poi, raggiunta la notorietà e il successo, si trasferì all’Eur non lontano dal laghetto – ed è qui dove sorgevano borgate fangose di baracche che sono ambientati alcuni suoi libri e pellicole.

Il vasto programma delle iniziative, che proseguiranno fino a dicembre e di cui daremo man mano notizia su questo sito, è stato presentato nella cornice di Villa Farinacci, un gioiello architettonico in zona Casal de’ Pazzi, nascosto tra il viale Kant e la Nomentana: alla conferenza stampa hanno preso parte il presidente del Quarto Municipio Massimiliano Umberti, l’assessore municipale alla Cultura Maurizio Rossi e la giornalista Barbara Molinario, organizzatrice della manifestazione e fondatrice di DBG Management & Consulting.

Successivamente é intervenuto il professor Vittorio Maria De Bonis, storico della letteratura e critico d’arte, che ha brevemente analizzato la figura di Pasolini indagatore di quegli intrighi italiani che già metà anni Settanta stavano avviluppando il nostro Paese e i cui effetti in pratica si sentono ancora oggi.
(A cura di Alessandro Pino)

Galleria

“Il caso Pasolini”: dopo 40 anni al Museo Criminologico di Roma i reperti dell’omicidio – di Alessandro Pino

3 Nov

Sono trascorsi ormai quarant’anni dal feroce omicidio di Pier Paolo Pasolini – delitto sul quale ancora oggi permangono delle ombre – e per la prima volta sono stati esposti dal primo al tre novembre nel DSC_0179Museo Criminologico di Roma alcuni oggetti (nel gergo tecnico vengono definiti “reperti”) legati alla brutale aggressione: si tratta di effetti personali di Pasolini (indumenti, documenti) che il discusso intellettuale aveva indosso con sé al momento della morte o che sono stati ritrovati nella sua Alfa Romeo Gt 2000 Veloce (auto con la quale probabilmente fu travolto quando era riverso a terra). Materiale apparso tante volte sulla carta stampata o in televisione ma che fa indubbiamente un certo effetto vedere da vicino: gli stivaletti, i jeans e la camicia patchwork ancora con i segni del fango dell’Idroscalo di Ostia DSC_0177(luogo dell’uccisione), i documenti dell’Alfa, una bustina di profilattici 777 e una confezione di Saridon, alcune fototessere, assegni della Cassa di Risparmio di Roma, il tesserino di giornalista pubblicista e naturalmente i famosi occhiali scuri Oliver Goldsmith, divenuti quasi un’icona nell’immaginario collettivo. Esposta anche la tavoletta di legno spezzata che fu forse usata per colpirlo. In una vetrina a parte, gli indumenti di Pino Pelosi che fu condannato per l’omicidio.

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: