Tag Archives: Il Messaggero
Immagine

Cinquina: scende dal taxi e spara colpi di pistola in aria | di Alessandro Pino

2 Feb

[ROMA] Follia pura e terrore dilagante a Cinquina nel pomeriggio del primo febbraio: a quanto riportato dal Messaggero, un tassista é sceso dalla sua auto di servizio in via Domenico Cavalca e ha sparato alcuni colpi di pistola in aria, puntandola anche verso un balcone dove giocava una bambina ma fortunatamente l’arma si è inceppata. Sul posto è intervenuta la Polizia, allertata da numerose chiamate al 112. Gli agenti sono riusciti a bloccare l’esagitato e a togliergli l’arma, una calibro 9 regolarmente denunciata ma solo per la detenzione domestica e l’uso al poligono. Nel taxi e nella sua abitazione sarebbero stati trovati degli psicofarmaci. L’uomo ha anche avuto necessità di essere portato in codice rosso al Sant’Andrea.
Alessandro Pino

Immagine

Un arresto per gli scippi a raffica tra Monte Sacro e Conca d’Oro | di Alessandro Pino

20 Gen

[ROMA] Sembrerebbe avere finalmente una identità lo scippatore seriale che nella prima metà di gennaio ha imperversato tra Monte Sacro e Conca d’Oro, colpendo almeno venti volte: si tratterebbe di un trentenne bosniaco, tossicodipendente, fermato dai Carabinieri la scorsa domenica. Ne dà notizia oggi Il Messaggero. Il malvivente, che era uscito dal carcere a fine dicembre, alloggiava in un camper parcheggiato in zona Vigne Nuove e per i colpi ha usato degli scooter rubati praticamente a ripetizione. Il fermo al momento è scattato per il reato di ricettazione, dopo il ritrovamento nel camper di oggetti sottratti alle vittime.

Alessandro Pino

Immagine

Monte Sacro: paura per le aggressioni di un branco di giovinastri – di Alessandro Pino

16 Nov

[ROMA] C’è una gang di giovinastri che sta seminando il terrore da giorni a Monte Sacro, rapinando con violenza i coetanei o anche persone più grandi: minacce, spintoni, schiaffi, anche coltellate per sottrarre oggetti anche di poco conto. Tra le feroci aggressioni compiute nelle ultime settimane, tre sono state ricostruite dal Messaggero: le abbiamo segnate con una X sulla mappa. L’ultimo episodio è avvenuto la sera del 14 novembre in via Nomentana nei pressi di piazza Sempione: un diciannovenne è stato accerchiato dal branco, composto da sette individui (alcuni forse minorenni) che gli hanno prima sottratto il berretto che indossava e poi ferito con diverse coltellate alle mani con cui cercava di parare i colpi. Lo hanno lasciato sanguinante per strada dove è stato soccorso dai sanitari. In precedenza due ragazzi erano stati rapinati di cellulare e portafogli in via Val d’Aosta sotto la minaccia di un coltello. Prima ancora a via Scarpanto- nei pressi della fermata metro Jonio- un ragazzo è stato preso a sberle e rapinato del telefono. Fino a ora non si è riusciti a fermare la banda di delinquenti e i residenti hanno paura.

Alessandro Pino

Immagine

Paura furti a Colle Salario: attenzione alla “M” |di Alessandro Pino

12 Set

[ROMA] M come minaccia, M come Mistero. La lettera M sta facendo paura ai residenti di Colle Salario. L’allarme è stato lanciato da un articolo del Messaggero: una serie di furti in appartamento è stata messa a segno nelle scorse settimane nella zona di Colle Salario, particolarmente nella zona cosiddetta delle Torri di via Camerata Picena, le alte palazzine che caratterizzano lo skyline di Roma Nord. I sospetti si sono appuntati su una banda di ladri presumibilmente dell’Est europeo: delle donne sarebbero state viste aggirarsi nelle vicinanze con il probabile ruolo di vedette. In corrispondenza delle loro apparizioni nel quartiere sarebbero stati tracciati appunto dei segni a forma “M” sui citofoni delle abitazioni individuate dai delinquenti come bersaglio da razziare dopo avere studiato le abitudini e gli orari dei residenti. Particolarmente nel mirino gli appartamenti ai piani bassi, più facilmente raggiungibili. Intanto a quanto si è letto nel quartiere ci si starebbe organizzando per sorvegliare le case.
Alessandro Pino

Ladri suonano alla porta fingendo controlli post terremoto: occhio! – di Alessandro Pino

31 Ott

Personaggi che bussano alla porta di casa spacciandosi per tecnici e ingegneri del Comune impegnati in controlli dopo il terremoto ma una volta entrati in casa rubano denaro e oggetti di valore:  a prima vista sembrerebbe una delle

image

tante bufale che girano in rete e poi di bocca in bocca, se non fosse che la notizia è apparsa su testate di diffusione nazionale, sulla scorta di un allarme lanciato dalla Federconsumatori. I malviventi agirebbero in particolar modo nelle regioni del Centro, inclusa la Capitale, prendendo di mira specialmente le persone anziane, ritenute più apprensive e suggestionabili. Secondo il quotidiano “Il Messaggero”, a Roma sarebbero stati segnalati al Nuovo Salario, al Casilino e al Tiburtino. Realtà o leggenda metropolitana che sia, è consigliabile non fidarsi assolutamente di sconosciuti che si presentino nella modalità sopra descritte anche se mostrano tesserini di riconoscimento e contattare subito le Forze dell’Ordine.
Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: