Archivio | 23:34
Immagine

Serpentara: nascondeva panetti di cocaina in un tubo di scolo | di Alessandro Pino

8 Feb

[ROMA] Un albanese quarantottenne è stato arrestato nel pomeriggio del 7 febbraio in zona Serpentara dalla Polizia per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. I poliziotti lo avevano notato mentre prelevava della droga nascosta all’interno di alcuni tubi di scarico dell’acqua in una intercapedine in piazza Marianna Benti Bulgarelli. A quel punto sono iniziati degli appostamenti e quando si è ripresentato per prendere un involucro da un vano nel muro è stato bloccato. In tasca aveva oltre venti grammi di cocaina mentre nell’intercapedine ce n’erano oltre due etti. In casa invece aveva sostanza da taglio e due presse idrauliche usate probabilmente per comprimere la cocaina in panetti di forma cilindrica.
Alessandro Pino


.

(Foto Questura di Roma)

Immagine

Riallestimento di Piazza Sempione: la posizione ufficiale della Lega. Interviene il coordinatore Municipale Cristiano Bonelli – di Luciana Miocchi

8 Feb

Se non altro, il progetto di risistemazione di piazza Sempione presentato dal Presidente del Municipio Giovanni Caudo alla sua Giunta e tacciato di non essere stato partecipato – a tal proposito sono partite diverse raccolte di firme da parte di cittadini e CdQ, sia su web che tradizionali – ha avuto il potere di riaccendere un dibattito in uno dei momento pre elettorali – forse si vota a giugno o forse si rimanderà, dipende dal Covid – più sonnolenti di sempre . Se per la maggioranza ha significato mostrare a tutti quale sono le linee gerarchiche, in opposizione la vicenda ha messo in evidenza che il primo partito di minoranza spesso procede più per iniziative dei singoli che per gioco coordinato di squadra, complice una certa inesperienza, anche nei rapporti con l’informazione locale. Cristiano Bonelli, ex presidente del Municipio per il Pdl – area AN e attualmente coordinatore della Lega a Montesacro, risponde ad alcune domande in proposito al Caso Sempione e dintorni.

Quale è la posizione ufficiale della Lega su piazza Sempione? Siete favorevoli al progetto presentato dalla Giunta Caudo?

Diciamo che è analoga a quella di tutti i partiti presenti in consiglio municipale, anche se alcuni non possono dirlo, cioè assolutamente contrari . Il metodo utilizzato, quello di tenere tutto nascosto per accorciare i tempi e poter dire ormai è cosa fatta  è inaccettabile ma è contrario anche sulla sostanza, il Caudo Augusto imperatore che vuole, prima di uscire di scena in III, lasciare un suo ricordo non può essere accettato, ho visto il progetto ma in realtà si tratta di mattonelle e panchine costose (730 mila euro) che  occuperanno gran parte della Piazza e non basta lo slogan “luogo di aggregazione” per convincerci.  Voglio ricordare che in 5 anni al governo del municipio il centrodestra di luoghi aggregativi ne ha realizzati a decine, spendendo meno. Abbiamo lanciato come Lega una petizione per chiedere la sospensione delle procedure,  la visione completa del progetto con tutti i suoi dettagli per consentire la dovuta informazione ai cittadini e poi la dovuta partecipazione, abbiamo fatto chiedere la convocazione della Commissione trasparenza capitolina e siamo in attesa della presentazione di una interrogazione alla Camera.

Ritiene importante il coinvolgimento dei residenti o la partecipazione complica i lavori di chi amministra? Come ex presidente del Municipio questa è una materia che conosce molto bene.

Lo ritengo un dovere! Durante la mia presidenza attivavamo la partecipazione anche per tagliare un ciuffo d’erba, era un punto fermo, senza il consenso dei cittadini, pur avendo un mandato, non puoi permetterti di cambiare volto ad una piazza storica, il simbolo di un intero Municipio. Il mandato politico passa, i cittadini rimangono. Ma vuole avere una notizia poi sulla viabilità? bene la polizia Locale ed il Dipartimento competente hanno espresso parere contrario.

É contento dell’attività della Lega in Consiglio Municipale?

Diciamo che non ho la delega a dare giudizi. Le posso candidamente dire che da alcuni ai quali ho dato la mia fiducia mi sarei aspettato un maggiore impegno ed una maggiore collaborazione con chi ha più esperienza. E non parlo di bravura ma solo di esperienza, sia chiaro.  Ho sempre creduto nella meritocrazia e chi ha lavorato sarà premiato dal partito e dai cittadini. Mi faccia dire anche che con una maggioranza e una Giunta del genere, che racconta storie fantastiche e a volte anche coinvolgenti ma poi nei fatti è davvero pochino, non ti puoi aspettare di avere consiglieri entusiasti.

Luciana Miocchi

Il progetto di piazza Sempione del presidente Caudo e la posizione del Pd locale – di Luciana Miocchi

8 Feb

Non si può dire che la progettazione della nuova Piazza Sempione non abbia smosso le acque ferme della politica locale. Se ad agitarle sono le forze di minoranza è più che normale, sarebbe strano il contrario. Mentre una richiesta di partecipazione da parte del Pd, che detiene la maggioranza relativa del governo di Montesacro non può che essere letta come un messaggio contraddittorio. L’astensione dal voto sulla mozione presentata dai consiglieri Petrella e Evangelisti, rispettivamente Fdi e FI, con cui si chiedeva di dar seguito ad un iter partecipativo è un’azione che genera delle domande. Domande poste a Filippo Maria Laguzzi, segretario del PD del III Municipio e consigliere dello stesso, nonchè presidente della Commissione Commercio.

Perché il pd si è astenuto sulla mozione presentata da fdi. Perché l’ha presentata l’opposizione? Non è lo stesso modus operandi dei grillini e delle giunte che li hanno preceduti?
Bisogna ricostruire cosa è avvenuto per poter spiegare la nostra decisione. La scelta del Presidente del municipio di lanciare la notizia su Repubblica, magari per vedere l’effetto che produceva, non appartiene alla nostra cultura politica. Partiamo quindi da un assunto vero e certo: è stato commesso un errore grave nel metodo e che ha generato incomprensioni con i cittadini. Il Pd municipale ha subito cercato di correggere il tiro aprendo una discussione pubblica sul progetto su Zoom insieme all’assessore Francesco Pieroni e ai consiglieri municipali. Abbiamo voluto dare una risposta immediata alle giuste critiche dei cittadini che si lamentavano dell’assenza di un percorso partecipativo. In quell’assemblea abbiamo tracciato e condiviso il percorso con i cittadini presenti, che fin dal giorno seguente ha previsto una prima convocazione congiunta delle due commissioni consiliari più strettamente competenti, ovvero Urbanistica e LL.PP. Inoltre, per completare il quadro di partenza del processo partecipativo, abbiamo voluto raccogliere tutte le indicazioni emerse dall’assemblea pubblica e dalla prima convocazione congiunta delle commissioni consiliari per poter redigere una mozione di maggioranza che mi vede tra i firmatari, che descrive e rafforza anche nel merito il processo partecipato che abbiamo voluto iniziare. Anche questo passaggio è stato concordato all’interno dell’assemblea che abbiamo indetto, siamo stati solo coerenti. Le opposizioni ovviamente fanno il loro lavoro, ma spetta alla maggioranza, dopo aver ascoltato i cittadini, indicare le modifiche al progetto.


Il Pd municipale si sente figliastro rispetto alle liste civiche di Caudo?
La paternità o la maternità, anche in ambito politico, non sono e non devono essere frutto di processi estemporanei. Noi abbiamo una storia politica importante sul territorio municipale che va rispettata per quello che abbiamo saputo esprimere e che esprimeremo nel tempo, non solo nei contenuti, ma anche nei termini di consenso ricevuto. Sono piuttosto preoccupato invece per quegli esponenti politici municipali, figli di sintesi politiche astratte e costruite in laboratorio, che assistono in modo silente alla conduzione del governo del territorio al di là dell’incarico che rivestono. Bisognerebbe chiedere loro se conoscono i propri “genitori” politici e soprattutto se rispondono in qualche modo anche alla volontà dei cittadini.

Siete il partito di maggioranza relativa e avete un solo assessore e poi diciamolo, non è che per l’opinione pubblica avete fatto una gran bella figura a non sapere cosa stava facendo la giunta in merito alla piazza su cui si affaccia il municipio. Manco foste all’opposizione.
Nella domanda che mi pone, c’è già una parte della risposta. Come PD, nonostante il risultato elettorale e il numero di consiglieri municipali eletti in consiglio, abbiamo un solo assessore all’interno della giunta municipale. Sono l’unico esponente del PD, anche molto prima di rivestire il ruolo di segretario municipale, che ha chiaramente espresso al Presidente Caudo tutte le mie perplessità per l’evidente squilibrio presente all’interno della giunta municipale. Uno squilibrio che non rispetta il risultato elettorale, che non tiene conto della rappresentativa nel territorio e che col tempo è diventato persino ridicolo, visto che ci sono assessori che rappresentano forze politiche che non si sono presentate alle elezioni e che usano impropriamente il consenso ottenuto da cittadini che hanno scelto il Partito Democratico. Questo distacco con il territorio si vede chiaramente in molti dibattiti surreali sui social. Per questa ragione, come segretario democratico, in autunno avevo già chiesto al Presidente un cambio di marcia nell’interesse del territorio che governiamo.
All’assemblea su Zoom l’assessore Pieroni si è assunto una parte della responsabilità sulla mancata condivisione del progetto di Piazza Sempione.
Credo sia davvero ingeneroso gettare la croce addosso all’unico assessore che abbiamo noi in giunta e che peraltro sta facendo benissimo. Di 14 progetti di riqualificazione del territorio stanziati nel corso del 2020, il nostro assessore Pieroni ne ha seguiti 12, gli altri 2 sono stati ad appannaggio dell’assessore Sampaolo – Piazza Conca D’oro – e Caudo – Piazza Sempione. Sono i due dove i cittadini ci stanno chiedendo delle modifiche e noi siamo convinti che vadano ascoltati.
Luciana Miocchi

Immagine

Gang di predatori alla stazione Termini: due nordafricani in manette | di Alessandro Pino

8 Feb

[ROMA] Una banda di predoni metropolitani, verosimilmente nordafricani, che aggredivano e rapinavano viaggiatori e passanti nei sottopassi della stazione Termini è stata decapitata dai Carabinieri. I militari della Compagnia Roma Centro hanno infatti fermato un egiziano ventenne e un tunisino ventitreenne, entrambi con precedenti e senza fissa dimora, membri “operativi” della gang di predatori. La scia di colpi messi a segno nella zona della stazione Termini si è infatti interrotta bruscamente con il loro arresto. Una svolta nelle indagini è arrivata dopo una rapina ai danni di un giovane di Anzio a fine gennaio: il ragazzo fu bloccato dai criminali armati di bottiglie di birra e preso a pugni, dopodiché rapinato del cellulare e di una catenina che aveva al collo. La descrizione dei malviventi e l’esame delle immagini della videosorveglianza hanno permesso di stringere il cerchio sul tunisino e sull’egiziano, ritenuti esecutori della aggressione e della rapina.
Sono in corso altri accertamenti sia per verificare l’eventuale coinvolgimento dei due nordafricani in analoghe rapine sia per identificare i loro complici.
Alessandro Pino

Immagine

Via Ludovisi: spacca il finestrino di un’auto | di Alessandro Pino

8 Feb

[ROMA] Ha spaccato con un martelletto il finestrino di una macchina parcheggiata in via Ludovisi mettendosi a rovistare all’interno. E’ accaduto nella tarda serata del 7 febbraio. Per questo un marocchino quarantenne senza fissa dimora è stato arrestato dalla Polizia. Quando gli agenti del commissariato Castro Pretorio lo hanno perquisito, gli hanno trovato addosso il frangivetro usato per rompere il finestrino.
Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: