Annunci
Tag Archives: Parco delle Sabine
Immagine

Da Jonio a Porta di Roma con il “people mover”? – di Alessandro Pino

9 Giu

Nemmeno il tempo di placare le polemiche – spesso pretestuose, va detto – sui lunghi lavori di realizzazione della metropolitana B1 aperta da pochissimi anni ed ecco che il dibattito torna a infiammarsi sulle ipotesi di un suo prolungamento dall’attuale capolinea di Jonio in direzione Porta di Roma oppure, come è stato proposto negli ultimi giorni, di realizzarlo in alternativa con un differente mezzo comunque utilizzante una sede propria: il “people mover”. Si tratterebbe, a quanto pare, di una sorta di piccola ferrovia sul tipo di quelle utilizzate internamente in certi aeroporti come Fiumicino, anche se alcune descrizioni fornite ricorderebbero più una specie di funicolare – vedasi quelle di Napoli, di Orvieto o di Capri – ma a pendenza ridotta. Le caratteristiche dell’impianto avrebbero dovuto essere illustrare in un incontro tenutosi il 6 giugno a piazza Sempione dall’assessore capitolino ai Trasporti Linda Meleo, poi impossibilitata e sostituita nel compito da altri esponenti locali del Movimento Cinque Stelle: il percorso inizierebbe all’interno della stazione Jonio proseguendo poi in superficie verso via Giovanni Conti e via delle Vigne Nuove fino a Porta di Roma e al parco delle Sabine. La capacità di trasporto prevista sarebbe di cinquemila persone all’ora, per un tempo di realizzazione di due anni al costo di centodieci milioni di euro.
Alessandro Pino

Annunci

Viale Carmelo Bene: altre razzie di auto – di Alessandro Pino

21 Nov

image

Sembra diventata l’ultima moda in fatto di reati commessi sul territorio del Terzo Municipio: le vetture lasciate in sosta all’aperto, specialmente se di modello recente e di gamma medio – alta, vengono spolpate di ruote, fanali, paraurti anteriore completo di mascherina, volante multifunzione con airbag. Le foto a corredo dell’articolo sono state scattate in viale Carmelo Bene (zona Porta di Roma – parco delle Sabine) ma le segnalazioni si susseguono in rete. Facile immaginare che dietro a tutto questo possano esserci le commissioni da parte di autoriparatori disonesti.
《La mancanza dell’illuminazione pubblica sicuramente facilita i ladri che, inosservati, entrano anche negli appartamenti – ha dichiarato al riguardo Manuel Bartolomeo, predidente del Comitato di Quartiere Talenti – è ora che qualcuno intervenga in modo pratico e risolutivo, senza giri di parole, senza perder tempo》.
Alessandro Pino

Quel che rimane dopo gli incendi nel Parco delle Sabine (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

21 Lug

image

L’immagine dà solo una vaga idea della desolazione e dello sfacelo conseguenti all’incendio divampato il pomeriggio del 20 luglio nel Parco delle Sabine (zona Porta di Roma, Terzo Municipio della Capitale). Come non bastasse, un nuovo focolaio è scoppiato il giorno seguente. Le operazioni di spegnimento avevano richiesto anche il lancio di  liquido estinguente dall’alto con un elicottero ma alla fine comunque sono andati letteralmente in fumo circa trenta ettari di macchia. Nell’aria, odore di bruciato, il vento che ogni tanto solleva piccole nuvole di cenere.
Alessandro Pino

Largo Labia nell’abbandono: il Comitato di quartiere Serpentara dice NO (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

7 Mar

Quando ai primi dello scorso luglio fu inaugurato l’ingresso del Parco delle Sabine a largo Fausta Labia – Terzo Municipio di

image

Roma Capitale – il presidente del Comitato di Quartiere Serpentara, Mimmo D’Orazio, espresse il suo scetticismo sul rapido decadimento cui sarebbe andata incontro l’area. In effetti già un mese dopo, come documentato all’epoca da lucianamiocchi.com, i fatti gli davano ragione: i teppisti avevano avuto mano libera nello scarabocchiare le panchine e vandalizzare l’area con i 

image

cosiddetti giochi sensoriali, degli zampilli d’acqua che avrebbero dovuto rallegrare il piazzale non v’era traccia, i rifiuti erano sparsi in mezzo alla vegetazione cresciuta senza controllo. Questo anche grazie all’assenza di controllo sociale che avrebbe dovuto svolgere la presenza di un punto ristoro nell’edificio servizi, la cui assegnazione in gestione è rimasta in sospeso per i noti fatti di Mafia Capitale. Anche per dare un segnale di riappropriazione del territorio da parte  di una cittadinanza attiva, un gruppo di membri del Comitato Serpentara – con in testa proprio D’Orazio – ha svolto una pulizia straordinaria del luogo nella mattinata di domenica 6 marzo, riempiendo diversi sacchi di spazzatura e

image

piantando anche due “tronchetti della felicità”. Certo, i cittadini da soli non hanno i mezzi per sostituirsi alle amministrazioni competenti ma intanto il segnale è stato dato, anche se lo stato del piazzale rimane a dir poco pietoso: le panchine restano imbrattate di scarabocchi, l’erba è sempre alta e anche il controverso portale di ingresso “a foglia sospesa” ora è recintato da reti arancioni, a formare l’ennesimo quadro che rappresenta  una città in decomposizione non solo morale. Da

image

notare che nella medesima area era stata annunciata una analoga iniziativa per due giorni precedenti da parte di un altro comitato, quello per il Parco delle Sabine, come ha evidenziato lo stesso D’Orazio pubblicando in rete il relativo manifestino affisso sull’edificio servizi ed esprimendo dubbi sulla riuscita, a fronte della quantità di rifiuti raccolta la domenica.
Alessandro Pino

Desolazione al Parco delle Sabine (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

3 Mar

image

Nella foto vedete quanto rimane di una struttura da gioco per bambini situata nell’area nota come “Parco delle  Sabine” nelle adiacenze di largo Fausta Labia (Terzo Municipio della Capitale): i soliti teppisti l’hanno completamente distrutta, coprendo quel che rimane di scarabocchi e rendendola inutilizzabile. Del resto comunque, nessuno
image

porterebbe a giocare i bambini in un luogo simile nelle condizioni di desolazione in cui si trova, tra la vegetazione che cresce incontrollata, sporcizia e gli accampamenti di sbandati che si trovano nei pressi del vicino viadotto dei Presidenti.
Alessandro Pino

Galleria

Terzo Municipio di Roma Capitale: a largo Labia inaugurato l’ingresso del Parco delle Sabine – di Alessandro Pino

1 Lug

Presenti il vicesindaco di Roma Luigi Nieri e il presidente del Terzo Municipio Paolo Marchionne

DSC_1214

Le fontane a pavimento dietro il vicesindaco Nieri e il presidente del Municipio Marchionne

È stato inaugurato lo scorso 20 giugno a largo Fausta Labia il primo degli ingressi al Parco delle Sabine, area verde posta tra Porta di Roma e la Serpentara, alla presenza del vicesindaco Luigi Nieri – in rappresentanza del sindaco di Roma Ignazio Marino, assente per motivi di salute – e del presidente del Terzo Municipio Paolo Emilio Marchionne. Adiacente al capolinea filoviario, l’entrata consiste in un piazzale allestito con panchine in pietra bianca e giochi d’acqua che zampillano dal pavimento, uno spazio con alcuni giochi per i più piccoli e una costruzione in vetro e rivestimenti in marmo destinata ai bagni pubblici e a punto di ristoro per la cui gestione si deve provvedere all’assegnazione.  Poco più dietro, il controverso e avveniristico portale a traliccio in metallo bianco con tettoia “a foglia sospesa” che aveva suscitato vivaci DSC_1211 discussioni in rete. Ideato dall’architetto Maurizio Bellomia, autore anche del progetto complessivo, nelle parole dell’autore «vuole richiamare gli ingressi dei grandi parchi storici». Il vicesindaco Nieri e il presidente Marchionne hanno compiuto un breve giro all’interno dell’area verde assieme a diversi amministratori municipali, cittadini, forze dell’ordine ed esponenti della stampa locale. Certo che – specialmente pensando a quanto accaduto il giorno prima a pochi metri di distanza sotto il viadotto dei Presidenti, dove un clochard è morto carbonizzato nella DSC_1201tenda in cui era accampato come molti altri, viene da chiedersi in che condizioni possa trovarsi il luogo tra sei mesi a confronto di quelle, immacolate, dell’inaugurazione: anche le pareti di marmo bianco del punto ristoro sembrano costituire un invito a nozze per gli onnipresenti imbrattatori muniti di vernice spray e pennarelli.

L'architetto Maurizio Bellomia con il portale da lui ideato

L’architetto Maurizio Bellomia con il portale da lui ideato

Sembrano fiduciosi al riguardo sia Nieri che Marchionne: «Io penso che noi dobbiamo abituare tutti al bello soprattutto in questa parte della città, molto dipende dall’amministrazione, molto dipende dai cittadini però soprattutto da come vengono gestite queste aree» ha dichiarato il vicesindaco, mentre il presidente del Municipio rassicura sulla situazione perché «c’è un sistema di telecamere già installato che verrà poi collegato con la stazione dei Carabinieri di Fidene e con il comando della Polizia Locale a Serpentara e poi soprattutto sarà prevista l’apertura e la chiusura nelle ore notturne una volta completata la recinzione». Meno ottimista il presidente del Comitato di Quartiere Serpentara, Mimmo D’Orazio: «Tra sei mesi diciamo che siamo ottimisti, ho fatto una scommessa con un amico, quindici giorni, ma non per un discorso di sfascismo o di pessimismo, purtroppo la colpa è anche dei cittadini…io mi auguro con tutto il cuore che rimanga così come l’abbiamo vista oggi, ho dei forti dubbi, speriamo per il bene della collettività»

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: