Tag Archives: IV Distretto San Basilio
Immagine

Viale Togliatti: preso mentre ruba nel deposito delle Poste | di Alessandro Pino

13 Set

[ROMA] È entrato nel deposito di un ufficio postale in viale Palmiro Togliatti, mettendosi a rovistare tra i pacchi. Per questo un tunisino quarantunenne è stato arrestato dalla Polizia.

Il nordafricano era riuscito a introdursi rompendo il vetro della porta di ingresso, arraffando poi un paio di occhiali e oggetti di bigiotteria: dodici anelli, due spille, cinque collane e una serie di orecchini, mettendo il tutto in un borsello.

Sul posto sono intervenuti a
agenti del IV Distretto San Basilio e delle Volanti che lo hanno preso in flagranza: per lui l’accusa è di tentato furto aggravato.
Alessandro Pino

Immagine

Metro Ponte Mammolo: pestato a sangue a calci e pugni | di Alessandro Pino

9 Set

[ROMA] Un afghano trentaseienne è stato pestato a sangue a calci e pugni da due persone alla stazione Ponte Mammolo della linea B della metropolitana. È accaduto nel pomeriggio del 7 settembre: gli agenti del IV Distretto San Basilio e delle Volanti erano intervenuti per la segnalazione di una lite animata.

In un locale all’ingresso della stazione hanno trovato la vittima riversa a terra appena dopo essere stata malmenata; fra l’altro durante il pestaggio era anche stata insultata con ingiurie razziste.

Il malcapitato è stato portato in ospedale in codice giallo mentre poco dopo è stato bloccato uno degli aggressori, un quarantaduenne romano: sulle mani e sulla maglietta aveva ancora tracce di sangue.

L’uomo ha rivendicato la responsabilità dell’aggressione, ribadendo la sua posizione nei confronti dell’afghano continuando a insultarlo e facendo notare ai poliziotti la croce celtica tatuata su una mano, a sottolineare la sua fede politica.
Proseguono le ricerche dell’altro autore del pestaggio.
Alessandro Pino

(Immagine Questura di Roma)

Immagine

Borghesiana: insulta e minaccia di morte la madre anche davanti ai poliziotti | di Alessandro Pino

12 Ago

[ROMA] Ha minacciato e insultato la madre anche davanti ai poliziotti intervenuti, dopo averla aggtedita. Per questo, al termine di un pomeriggio di follia, un ventottenne romano è stato arrestato dalla Polizia in zona Borghesiana con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.


È accaduto l’11 agosto: quando gli agenti del IV Distretto San Basilio e delle Volanti sono intervenuti hanno trovato la vittima affacciata in lacrime e mentre parlavano con lei il figlio è uscito dal portone del palazzo in escandescenze, urlando insulti e minacce. A quel punto è stato ammanettato con non poca fatica. Due vicini di casa hanno poi riferito di aver sottratto la madre dall’aggressione del figlio: la vittima ha infatti confermato ai poliziotti che il giovane l’aveva tirata dalla testa facendogliela sbattere ripetutamente sul muro prendendola poi a pugni e minacciandola di morte con un coltello, dicendole che doveva dargli del denaro prima di andare in vacanza.

Tali le condizioni della povera donna, in stato di shock e con la testa che presentava un evidente gonfiore, che si è reso necessario il trasporto in ospedale. Nel frattempo il figlio continuava a gridare minacce e offese ed è stato portato negli uffici del VI Distretto Casilino. Anche lì ha dato in escandescenze prendendo a testate il vetro blindato della camera dei fermati e cercando di provocarsi il vomito. Portato in ospedale, è stato poi disposta dal magistrato di turno la custodia in carcere.

Alessandro Pino

Immagine

Due Leoni-Fontana Candida: case evacuate per un incendio | di Alessandro Pino

4 Ago

[ROMA] Un incendio sviluppatosi nella zona di Due Leoni/Fontana Candida nel pomeriggio del 4 agosto ha assunto proporzioni tali da evacuare le abitazioni adiacenti alla fiamme. Erano circa le 16 quando in seguito a una segnalazione telefonica di un rogo in via
Ponte della Catena, una Volante della Polizia giunta sul posto ha dato l’allarme chiedendo l’intervento dei Vigili del Fuoco.

A causa del forte vento e della vegetazione facilmente infiammabile, gli agenti delle Volanti e del IV Distretto San Basilio hanno fatto evacuare le abitazioni di via Renoir mentre l’equipaggio di una Volante si è adoperato per mettere in salvo alcune persone tra cui una donna disabile e una bambina di due anni mentre intervenivano i Vigili del Fuoco con le associazioni di Protezione Civile per lo spegnimento delle fiamme.

Alessandro Pino

Immagine

Incendi nella zona Est della Capitale: una domenica infernale | di Alessandro Pino

26 Lug

[ROMA] É stato un infernale pomeriggio di fuoco nella zona Est della Capitale quello del 25 luglio, con roghi che si sono sviluppati nei quartieri di Tor Sapienza e San Basilio, sviluppando colonne di fumo visibili a grande distanza.

Il disastro è iniziato poco dopo le sedici con un grande incendio boschivo tra via Salviati, il viale Togliatti e il tratto urbano della A24. Mentre i Vigili del Fuoco e le associazioni di Protezione Civile cercavano di spegnere il gigantesco rogo, sono intervenuti poliziotti del IV Distretto San Basilio hanno chiuso al traffico il tronchetto autostradale a tutela degli automobilisti ed evacuato gli occupanti di accampamenti abusivi di baracche presenti nell’area interessata.

La situazione era talmente grave che è stato necessario chiedere il supporto di altri equipaggi, arrivati dai commissariati Sant’Ippolito e San Lorenzo e dal III Distretto Fidene Serpentara. Il fumo nel frattempo aveva raggiunto un ristorante con giardino sulla Collatina Vecchia, cominciando a intossicare cinquanta persone rimaste chiuse dentro e anche due cavalli presenti in una stalla: tutti sono stati messi in salvo, anche gli equini imbizzarriti, con l’aiuto dello stalliere.

Ad aggravare la situazione, la presenza di un’autodemolizioni, raggiunta dal fronte di fuoco: a quel punto la zona è diventata un inferno di fiamme alte quaranta metri e fumo in cui si susseguivano le esplosioni di pneumatici, serbatoi e vetri delle automobili presenti.

Tale la coltre di fumo che il cielo si è oscurato e alcuni dei poliziotti hanno accusato malori da inalazione, venendo poi refertati con alcuni giorni di prognosi.

Non era finita qui: sulla via del ritorno ai rispettivi uffici, i poliziotti si sono resi conto che un altro incendio si era sviluppato in zona San Basilio arrivando nelle adiacenze delle abitazioni e delle auto parcheggiate: gli agenti sono intervenuti aprendo dei varchi per permettere l’accesso dei mezzi di soccorso.

Alessandro Pino

Immagine

Casal de’Pazzi: aspirante suicida si butta dal quinto piano ma viene preso al volo dai poliziotti    |    di Alessandro Pino

14 Mar

[ROMA] Gridando «Voglio morire, la mia vita è uno schifo, me vojo butta’» si è lasciato cadere nel vuoto dal quinto piano di un palazzo in zona Casal de’ Pazzi. Fortunatamente l’aspirante suicida, un trentanovenne romano è stato afferrato al volo da due poliziotti accorsi sul posto e che hanno rischiato loro stessi di finire trascinati di sotto e sfracellarsi al suolo.

È accaduto all’alba del 14 marzo quando agli equipaggi di due autoradio del IV Distretto San Basilio e del V Distretto Prenestino è giunta la segnalazione di una persona in bilico al quinto piano in via Pio Briziarelli.
Sul posto hanno trovato la madre del soggetto in lacrime che gli indicava il figlio sporgente nel vuoto, su una tettoia senza protezioni per giunta resa scivolosa dall’umidità e dal muschio.
Per guadagnare tempo due poliziotti hanno raggiunto il terrazzo condominiale cercando di aprire un dialogo con l’uomo distraendolo mentre altri due poliziotti tentavano di avvicinarsi a lui senza farsi notare.


L’uomo però si è accorto ugualmente della loro presenza e gridando si è lasciato cadere nel vuoto: a quel punto i due poliziotti si sono lanciati per afferrarlo dalle gambe e rischiando di finire loro stessi giù di sotto anche perché l’uomo, di corporatura corpulenta, scalciava gridando di lasciarlo. Poteva finire male per tutti ma nel frattempo sono arrivati gli altri due agenti che a loro volta hanno agguantato al volo i colleghi mettendo in sicurezza l’uomo lontano dal baratro mentre arrivavano anche i Vigili del Fuoco e un’ambulanza. Alla fine l’aspirante suicida è stato portato in ospedale.
Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: