Archivio | 17:44
Immagine

Centocelle: dopo la rapina scappa con la cassa sottobraccio ma sbatte contro uno scaffale   |  di Alessandro Pino

17 Mag

[ROMA] Una romana cinquantaquattrenne con vari precedenti è stata arrestata dalla Polizia con l’accusa di aver rapinato assieme a un complice un minimarket in via dei Frassini a Centocelle.

Il titolare del negozio ha riferito agli agenti delle Volanti di essere stato minacciato da un uomo e una donna armati di coltello e pistola, entrati poco prima della chiusura.   I due volevano l’incasso e al rifiuto del commerciante, questi è stato colpito ripetutamente alla testa e a una mano durante la colluttazione.


A quel punto il rapinatore è fuggito mentre la donna ha cercato anch’essa di scappare tenendo la cassa sottobraccio ma ha sbattuto contro uno scaffale finendo a terra. All’arrivo dei poliziotti li ha aggrediti verbalmente lamentandosi di forti dolori alle spalle. Vicino a lei c’erano le armi con cui era stato minacciato il commerciante: una replica di una Beretta 92 senza il tappo rosso regolamentare e un coltello con apertura a farfalla.
Proseguono le indagini per l’individuare il complice.

Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

Immagine

Casal Bertone: droga nascosta in un ascensore | di Alessandro Pino

17 Mag

[ROMA] Una ventunenne e un diciannovenne romani sono stati denunciati dai Carabinieri in zona Casal Bertone per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti in concorso: la notte del 17 maggio i militari li hanno notati all’angolo tra via Asinari di San Marzano e via Baldassarre Orero mentre cedevano a due clienti una bustina contenente alcune dosi di hashish e li hanno bloccati. Perquisiti, lei è stata trovata in possesso di altre dosi della stessa droga mentre lui aveva denaro contante, ritenuto provento dello spaccio.

I Carabinieri hanno perquisito anche le abitazioni dei due, trovando a casa del ragazzo materiale per confezionare le dosi mentre in un nascondiglio nella cabina dell’ascensore del palazzo sono stati trovati altri due grammi di hashish. Dal momento però che si tratta di uno spazio comune non si é potuti attribuibirli al ragazzo per cui si è proceduto al sequestro a carico di ignoti. Droga e denaro sono stati sequestrati mentre i giovani sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria.
Alessandro Pino

Immagine

Prati: rissa tra sudamericani davanti un bar | di Alessandro Pino

17 Mag

[ROMA] Tre sudamericani sono stati arrestati dalla Polizia a Prati per rissa nel tardo pomeriggio del 16 maggio. Gli agenti sono intervenuti davanti a un bar di viale Giulio Cesare dove un gruppetto di dieci persone- tutte dai tratti somatici del Sud America- se le stava dando di santa ragione. Alcuni dei corrissanti sono riusciti a fuggire ma ne sono stati bloccati tre: un ecuadoregno e due peruviani, tutti ventitreenni, che presentavano evidenti ematomi.

Alessandro Pino

Immagine

Follia al Tiburtino III: i poliziotti intervengono per un figlio violento chiamati dalla madre, aggrediti da una cinquantina di persone | di Alessandro Pino

17 Mag

[ROMA] Pomeriggio di follia al Tiburtino III dove in seguito alla richiesta di intervento di una madre causata dal figlio in escandescenze, i poliziotti intervenuti se la sono vista veramente brutta sia per aggressività del soggetto e della sua ragazza che per l’ostilità di numerosi astanti, al punto che è stato necessario l’arrivo di oltre quindici equipaggi per riuscire a venire a capo della situazione. Alla fine due persone sono state arrestate e una è stata denunciata.

I FATTI: tutto è cominciato con una chiamata al 112 nel pomeriggio del 16 maggio da parte di una donna che riferiva di avere avuto una lite animata con il figlio, in stato di ubriachezza e furioso e che poi era uscito di casa. Arrivati in via Debussy, gli agenti del IV Distretto San Basilio e del commissariato Sant’Ippolito lo hanno trovato sotto il palazzo: il diciannovenne romano ha iniziato subito a minacciarli di morte e insultarli pesantemente, aggiungendo offese sessiste contro una poliziotta presente. La madre che aveva richiesto l’intervento è uscita per scusarsi del comportamento del figlio ma è stata anch’essa insultata e minacciata.

Poco dopo sono arrivati i sanitari chiamati dagli operanti e si è deciso di sedare lo scalmanato che comunque aveva offeso e minacciato anche loro: a quel punto si è divincolato fuggendo verso la sua abitazione, seguito dai poliziotti.

Entrati in casa, è cominciato il finimondo: ne è nata una feroce e prolungata colluttazione in cui sono state danneggiati i mobili e le suppellettili, alla quale ha partecipato anche la fidanzata del giovane, una diciottenne che per dargli manforte ha tentato di strangolare uno dei poliziotti cercando di pugnalarne un altro alla schiena con un paio di forbici. Il figlio ormai incontenibile dal canto suo ha cercato di colpire uno degli agenti con un coccio di vaso cercando anche di sfilare l’arma di servizio dalla fondina di un altro. Come non bastasse, fuori dall’appartamento si era radunata una cinquantina di persone apertamente ostili contro i poliziotti e che hanno iniziato a scagliarsi contro di loro: i poliziotti hanno dovuto chiedere l’intervento di altri quindici equipaggi per riuscire a disperdere la folla: numerosi dei presenti però li hanno seguiti all’ospedale Sandro Pertini dove il giovane violento era stato portato per essere ricoverato e piantonato.

Alla fine il bilancio è stato di due arrestati (il ragazzo con la fidanzata) e di un denunciato, un diciannovenne che aveva preso a calci e pugni uno dei poliziotti. Diversi giorni di prognosi per gli agenti intervenuti.

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: