Immagine

Follia al Tiburtino III: i poliziotti intervengono per un figlio violento chiamati dalla madre, aggrediti da una cinquantina di persone | di Alessandro Pino

17 Mag

[ROMA] Pomeriggio di follia al Tiburtino III dove in seguito alla richiesta di intervento di una madre causata dal figlio in escandescenze, i poliziotti intervenuti se la sono vista veramente brutta sia per aggressività del soggetto e della sua ragazza che per l’ostilità di numerosi astanti, al punto che è stato necessario l’arrivo di oltre quindici equipaggi per riuscire a venire a capo della situazione. Alla fine due persone sono state arrestate e una è stata denunciata.

I FATTI: tutto è cominciato con una chiamata al 112 nel pomeriggio del 16 maggio da parte di una donna che riferiva di avere avuto una lite animata con il figlio, in stato di ubriachezza e furioso e che poi era uscito di casa. Arrivati in via Debussy, gli agenti del IV Distretto San Basilio e del commissariato Sant’Ippolito lo hanno trovato sotto il palazzo: il diciannovenne romano ha iniziato subito a minacciarli di morte e insultarli pesantemente, aggiungendo offese sessiste contro una poliziotta presente. La madre che aveva richiesto l’intervento è uscita per scusarsi del comportamento del figlio ma è stata anch’essa insultata e minacciata.

Poco dopo sono arrivati i sanitari chiamati dagli operanti e si è deciso di sedare lo scalmanato che comunque aveva offeso e minacciato anche loro: a quel punto si è divincolato fuggendo verso la sua abitazione, seguito dai poliziotti.

Entrati in casa, è cominciato il finimondo: ne è nata una feroce e prolungata colluttazione in cui sono state danneggiati i mobili e le suppellettili, alla quale ha partecipato anche la fidanzata del giovane, una diciottenne che per dargli manforte ha tentato di strangolare uno dei poliziotti cercando di pugnalarne un altro alla schiena con un paio di forbici. Il figlio ormai incontenibile dal canto suo ha cercato di colpire uno degli agenti con un coccio di vaso cercando anche di sfilare l’arma di servizio dalla fondina di un altro. Come non bastasse, fuori dall’appartamento si era radunata una cinquantina di persone apertamente ostili contro i poliziotti e che hanno iniziato a scagliarsi contro di loro: i poliziotti hanno dovuto chiedere l’intervento di altri quindici equipaggi per riuscire a disperdere la folla: numerosi dei presenti però li hanno seguiti all’ospedale Sandro Pertini dove il giovane violento era stato portato per essere ricoverato e piantonato.

Alla fine il bilancio è stato di due arrestati (il ragazzo con la fidanzata) e di un denunciato, un diciannovenne che aveva preso a calci e pugni uno dei poliziotti. Diversi giorni di prognosi per gli agenti intervenuti.

Alessandro Pino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: