Archivio | 14:41
Immagine

Tuscolano: prende a pugni la madre anziana che non vuole dargli i soldi | di Alessandro Pino

12 Mag

[ROMA] Ha aggredito la madre settantacinquenne che si rifiutava di dargli dei soldi, colpendola con diversi pugni al braccio. Per questo un romano quarantottenne già noto alle Forze dell’ordine è stato arrestato dai Carabinieri con le accuse di maltrattamenti in famiglia ed estorsione ai danni dell’anziana madre con cui viveva al Tuscolano.

I militari della stazione Roma Cinecittà sono intervenuti nel pomeriggio dell’11 maggio nella loro abitazione di via Calpurnio Fiamma, bloccando il figlio violento. La madre ha rifiutato l’intervento medico, riferendo ai Carabinieri che non aveva mai avuto il coraggio di denunciare gli episodi di violenza protrattisi ormai da tempo. L’arrestato è stato portato in carcere a Rieti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Casal Bertone: ragazza aggredita e rapinata del cellulare | di Alessandro Pino

12 Mag

[ROMA] Un tunisino trentunenne con precedenti e in Italia senza fissa dimora è stato arrestato dai Carabinieri a Casal Bertone per il reato di rapina aggravata nella tarda mattinata del’11 maggio.

L’uomo ha aggredito una ragazza che passeggiava in via Ettore Fieramosca, rapinandole il telefono cellulare. La vittima ha cercato di opporsi all’aggressione ma nella colluttazione è finita a terra mentre il rapinatore fuggiva.

La ragazza è stata soccorsa da una pattuglia di Carabinieri che ha raccolto la descrizione dell’uomo iniziandone le ricerche in zona, rintracciando in un capannone ferroviario abbandonato. Nello zaino il tunisino aveva la maglietta indossata durante la rapina mentre è stato accertato che aveva venduto il telefono subito dopo la rapina.

Alessandro Pino

Immagine

Prenestino: brasiliano minaccia i conoscenti per avere soldi | di Alessandro Pino

12 Mag

[ROMA] Nottata movimentata al Prenestino dove un trans brasiliano ventinovenne senza fissa dimora è stato arrestato dalla Polizia per tentata estorsione e resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Gli agenti delle Volanti erano intervenuti in una abitazione al primo piano di un palazzo di via Prenestina dopo la segnalazione di un un ladro armato di coltello. Sul posto i poliziotti hanno trovato davanti la porta dell’appartamento il transessuale in evidente stato di alterazione psico-fisica che urlava parole incomprensibili tenendo tra le mani due cocci di bottiglia.

L’atteggiamento minaccioso e i suoi tentativi di auto lesionarsi hanno costretto i poliziotti a usare lo spray al peperoncino in dotazione. Nonostante questo l’uomo si è scagliato violentemente contro la porta dell’appartamento dove abitano due brasiliani suoi conoscenti ed è riuscito ad entrare, venendo però bloccato subito dopo e fatto salire sulla Volante.

Anche negli uffici di polizia sono proseguiti gli atti di autolesionismo che hanno reso necessaria l’intervento dei sanitari e il trasporto in ospedale dove è stato sedato. Prontamente bloccato dagli agenti, è stato assicurato all’interno dell’auto di servizio e, all’arrivo negli uffici di Polizia le condotte autolesioniste del 29enne hanno determinato la richiesta di intervento di personale medico con conseguente trasporto in ospedale, dove è stato definitivamente sedato e bloccato.

I due brasiliani presenti in casa dell’abitazione hanno s denuncia: uno di essi ha dichiarato di aver notato in precedenza anche un’effrazione della porta d’ingresso dell’abitazione con l’ammanco di quaranta euro e di aver ricevuto al telefono minacce di morte poco prima che l’uomo si presentasse alla porta d’ingresso.

Alessandro Pino

Immagine

Tiburtino III: nascondeva droga in casa, arrestato | di Alessandro Pino

12 Mag

[ROMA] Un quarantottenne romano con precedenti, residente al Tiburtino III, è stato arrestato dalla Polizia nel corso di un servizio di contrasto allo spaccio.

I sospetti degli investigatori del IV Distretto San Basilio, alimentati dal continuo passaggio di personaggi noti alle Forze dell’ordine sotto casa dell’interessato, li hanno spinti a procedere a una perquisizione domiciliare in cui sono stati trovati 52 grammi di hashish e 648 grammi di cocaina, parzialmente frazionata in diverse dosi e capsule. Sequestrati inoltre tre bilancini elettronici insieme a materiale per il confezionamento.
L’uomo si trova ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.
Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: