Annunci
Archivio | gennaio, 2019
Immagine

Via Salaria ridotta ad una sola carreggiata per l’esecuzione di lavori urgenti fino al sette febbraio – di Luciana Miocchi

29 Gen

La via Salaria all’altezza del Gra a Castel Giubileo, fino all’incirca all’aeroporto dell’urbe, sará interessata da lavori di manutenzione, per un tempo stimato e richiesto fino al sette febbraio. Ció comporterà il restringimento della carreggiata ad una sola corsia di marcia. Un bel guaio per chi si trovi a percorrerla nelle ore di punta, sia che si serva di mezzi privati o del trasporto pubblico. La buona notizia è che finalmente il Tar si è espresso sulla gara di appalto che fu bandita all’epoca di Marino per il rifacimento di via salaria e poi impugnata subito dopo l’assegnazione, sbloccando lavori per circa quattro milioni di euro. Quasi in contemporanea, poi, un tratto di via Flaminia all’altezza di saxa rubra è oggetto di un restringimento di una trentina di metri, che si ripercuote fin sull’uscita corrispondente del gra. La mobilità di Roma Nord si appresta a vivere giorni complicati.

Luciana Miocchi

Annunci
Immagine

Raccolta differenziata a Settebagni: Ama verso l’abolizione del porta a porta?

29 Gen

Ama starebbe per gettare la spugna e dichiarare chiusa l’esperienza della raccolta differenziata porta a porta nel quartiere di Settebagni a causa della difficoltà nel ritiro, specialmente nelle vie più strette. Non che le utenze sulla via Salaria non abbiano visto la raccolta ferma per giorni e giorni, senza nemmeno la motivazione della mancanza di mezzi adeguati, con la formazione di cumuli di sacchetti che venivano spesso poi raccolti tutto insieme, senza rispetto dell’impegno profuso a separare in casa i rifiuti e con buona pace del raggiungimento delle percentuali prefissate di differenziata.

Dal III Municipio, nei mesi passati, era partita la richiesta ad Ama di prendere un’iniziativa atta a risolvere i problemi del quartiere, con la parte collinare scenario di di degrado, con appese di buste non ritirate alle ringhiere dei giardini e con la parte in pianura altrettanto vittima della mancata raccolta, come testimoniato dal ricorso pendente in Tribunale, promosso da una parte dei residenti attraverso una class action e dalla app Junker, che attraverso la geolocalizzazione ha reso possibile la certificazione effettiva dei disservizi. La risposta di Ama, che dovrebbe divenire operativa nei prossimi giorni, salvo imprevisti o ripensamenti dell’ultima ora, sarebbe quella di tornare ai cassonetti stradali, di cui peró al momento la municipalizzata non avrebbe disponibilità, avendone per altro giá ordinati in buona quantità e in prossima consegna, gestibili con una sola tipologia di mezzi. I cassonetti che dovrebbero finire in strada non sembrerebbero previsti di nessun sistema per la rilevazione puntuale del rifiuto inserito.

Luciana Miocchi

Immagine

Talenti: predatori di Smart in azione – di Alessandro Pino

26 Gen

[Roma] Predatori di strada scatenati nel quartiere Talenti: oltre ai numerosi furti in appartamento segnalati dai cittadini e che stanno angosciando la popolazione, hanno ripreso l’attività i ladri di ruote. Solo nelle ultime ventiquattro ore, in via Gaspara Stampa e via Domenico Carbone Grio due Smart quattroporte (soltanto una coincidenza?) sono finite adagiate a terra.

Alessandro Pino

Immagine

Via Salaria a Settebagni: tipo mulattiera – di Alessandro Pino

26 Gen

[Roma] La foto si commenta da sola e non é che un esempio delle condizioni in cui si trova la via Salaria che passa internamente al quartiere di Settebagni, nel Terzo Municipio. Anche i muli e le capre di montagna troverebbero difficoltà a percorrere un tracciato in questo stato, figurarsi i veicoli.

Alessandro Pino

Immagine

Nudo per fare il bagno nella Fontana di Trevi – di Alessandro Pino

23 Gen

[Roma] Un trentottenne etiope è stato fermato stamattina da agenti della Polizia Locale Roma Capitale dopo che si era spogliato con l’intento di entrare nella Fontana di Trevi. L’uomo, una volta bloccato, ha spiegato che intendeva compiere un rito battesimale all’interno del monumento, da lui considerato una fonte sacra.

Alessandro Pino

Immagine

Tufello: un altro arresto per spaccio – di Alessandro Pino

19 Gen

[Roma] Un trentaseienne romano è stato arrestato ieri pomeriggio al Tufello dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Montesacro per avere avviato un’attività di spaccio in via Monte Crocco, dopo il blitz di polizia del novembre dello scorso anno. I militari hanno sorpreso l’uomo, disoccupato già noto alle forze dell’ordine, in possesso di 130 grammi di cocaina e 10 grammi di hashish suddivisi in dosi, oltre a 200 euro ritenuti provento dell’attività illecita. Dopo l’arresto, l’uomo è stato messo ai domiciliari, in attesa di essere accompagnato in mattinata a pizzale Clodio per essere sottoposto al rito direttissimo.

Alessandro Pino

Immagine

L’opposizione municipale deposita la mozione di sfiducia per l’assessore Raimo – di Luciana Miocchi

18 Gen

La già annunciata mozione di sfiducia nei confronti dell’assessore alla cultura del III Municipio è stata protocollata il 17 gennaio, sottoscritta da tutti i consiglieri di opposione.

Il documento, depositato nei giorni successivi le esternazioni sull’estradizione di Cesare Battisti, già terrorista dei Pac, latitante da quasi quarant’anni dopo una rocambolesca evasione dal carcere, riporta tra le motivazioni anche altri episodi giudicati dai firmatari non consoni ad un’assessore.  Fabrizio Bevilacqua, consigliere della Lega, così si è espresso: “ritengo che ognuno sia libero di esprimere i propri pensieri e di comportarsi come gli pare ma quando si riveste una carica pubblica, politica, ci sono dei comportamenti che non sono opportuni e il rispetto delle istituzioni comporta che ci si regoli di conseguenza”. Anche alcuni consiglieri di maggioranza, secondo quanto riportato dal Messaggero in cronaca romana, si erano dissociati dalle esternazioni di Raimo, mentre il presidente del Municipio, Giovanni Caudo, aveva preferito non rilasciare nessun commento in merito ad una questione nata e cresciuta sui social.

Calendarizzata per il consiglio municipale di giovedi 25 gennaio, difficilmente potrà avere un seguito, dati i numeri della maggioranza in consiglio.

Luciana Miocchi

Immagine

Settebagni: sentirsi presi per i…fondelli -di Alessandro Pino

18 Gen

[Roma] In un quartiere come Settebagni, dove le condizioni delle strade – Salaria in primis – sono a dir poco indecenti non essendoci un solo metro quadro privo di crepe e buche, il buon senso suggerirebbe di eseguire eventuali interventi di manutenzione lasciando per ultima la verniciatura delle strisce segnaletiche. Invece nei giorni scorsi proprio queste sono state dipinte sopra il fondo stradale disastrato, nella zona tra il capolinea Atac e l’incrocio con il Raccordo Salario; l’operazione suona come una presa per i fondelli, per non dire altro.

Alessandro Pino

Immagine

Il Tempio mormone in via Di Settebagni apre ai cittadini – di Alessandro Pino

15 Gen

[Roma] È finalmente completato e a brevissimo sarà visitabile dalla cittadinanza il complesso del Tempio della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni in via di Settebagni. Per l’occasione lo scorso 14 gennaio si è svolta una visita alla quale hanno partecipato rappresentanti della stampa locale e nazionale – inclusa una troupe del Tg 5 con l’inviata Francesca Cantini – e delle istituzioni, accolti dalle massime autorità mondiali (identificati con il titolo di “Anziani”) della comunità religiosa, forse più conosciuta al grande pubblico con nome di mormone. Durante i saluti iniziali ha preso la parola il presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito – che ha portato il saluto del sindaco Virginia Raggi – secondo cui il Tempio «migliora e abbellisce il nostro Municipio con strutture che saranno aperte anche alla cittadinanza» mentre l’Anziano Massimo De Feo ha ricordato che «il Tempio della Chiesa di Gesù Cristo non poteva mancare nella Roma cristiana di Pietro e Paolo». Anche il presidente del Terzo Municipio, Giovanni Caudo, ha poi espresso apprezzamento per quanto realizzato. Erano presenti anche per la Chiesa mormone gli anziani David Bednar, Roland Rasband, Alessandro Dini Ciacci e il direttore nazionale delle relazioni pubbliche Raimondo Castellani. I partecipanti sono stati condotti dall’Anziano Dini Ciacci e dalla moglie Sara in un giro del Tempio vero e proprio, attorno al quale si distende il complesso – tra i più grandi del mondo – che comprende una cappella per le funzioni ordinarie, una foresteria con ottanta alloggi per i fedeli che giungeranno da fuori Roma, un centro multifunzionale con la statua del Cristo scolpita da Bertel Thorvaldsen che servirà anche a una iniziativa di ricerca genealogica aperta a tutti, al momento in fase di realizzazione, mentre esternamente al centro vi è un’area giochi che verrà donata alla città. Notevole l’attenzione riservata al verde, con la presenza di alcuni degli ulivi autoctoni dei luoghi – spostati in un vivaio durante i lavori – altri di circa sei secoli di età fatti giungere appositamente e numerose piante di alto fusto, il tutto disseminato su una distesa di marmi di Tivoli solcati da fontane e giochi d’acqua dal gusto un po’ hollywoodiano. Il Tempio, realizzato in circa otto anni dalla CG Edilcoop e al quale hanno lavorato complessivamente migliaia di persone con i materiali forniti da aziende di tutto il mondo, si discosta alquanto nella disposizione interna dall’immagine classica di un edificio religioso, non essendoci grandi volumi vuoti come in una cattedrale o una moschea, bensì una serie di ampi saloni, arredati con un gusto a metà strada tra l’Art Deco e lo Stile Impero e che può ricordare gli interni di prima classe di un transatlantico di inizio Novecento: marmi di Carrara come se piovesse, bronzo a profusione anche per i maniglioni antipanico, insistiti richiami al disegno michelangiolesco del pavimento di piazza Del Campidoglio, centinaia di punti luce in vetro di Murano e lampadari in cristallo assemblati sul posto dai fedeli, rivestimenti di pregio per le sedute mentre all’esterno domina il granito sardo in cui si inseriscono le vetrate decorate fatte giungere dagli Stati Uniti, il tutto pagato con le offerte degli appartenenti alla Chiesa di tutto il mondo. Come spiega l’architetto Maria Camilla Rubei, presidente della CG Edilcoop, l’impegno è stato «soddisfare un cliente esigente e mettere insieme diverse culture». A farle eco il direttore tecnico della CG Edilcoop, Dionisio Graziosi: «L’impostazione è diversa da quella degli edifici di culto che conosciamo, è stata una sorpresa anche per noi, una sfida tecnica e morale da cui usciamo tutti cresciuti e fortificati». Sì, perché è bene ricordare che durante i lavori è stata posta grande attenzione alla sicurezza superando anche gli standard richiesti dalla legge e non si è registrato nessun incidente grave. Degli interni del Tempio non è stato permesso di scattare fotografie: per vederli, anche chi non appartiene alla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni può approfittare fino al 16 febbraio, data successivamente alla quale solo i fedeli saranno ammessi all’interno, mentre sarà sempre possibile frequentare il resto del grandioso complesso.
Alessandro Pino

Immagine

Tufello: i volontari di Retake ripuliscono piazza Degli Euganei – di Alessandro Pino

12 Gen

[Roma] Continuano gli interventi di ripristino del decoro nei quartieri del Terzo Municipio da parte dei volontari della associazione Retake Roma. La mattina del 12 gennaio è stato il turno di piazza Degli Euganei, nel cuore del Tufello. Gli attivisti hanno raccolto mozziconi di sigarette e altri rifiuti dalle aiole, spazzato foglie e rimosso gli onnipresenti adesivi pubblicitari abusivi. Molti cittadini si sono fermati a chiedere incuriositi, qualcuno si è unito alle operazioni anche se non è mancato chi ha indirizzato i propri mugugni ai volontari, considerati “rei” di svolgere un’opera che andrebbe compiuta da chi viene pagato tramite le tasse. <La nostra è una reazione positiva alla rassegnazione – dichiara una volontaria – provare a stimolare il senso civico dei cittadini>.

Alessandro Pino

Immagine

Tufello: perseguitava i gestori di un bar, arrestato – di Alessandro Pino

11 Gen

[Roma] È finito in manette un quarantaduenne romano che per mesi aveva perseguitato con rapine, minacce e aggressioni i gestori di un bar al Tufello. Già nel giugno scorso il malvivente dopo essere entrato nel bar aveva preso a schiaffi il proprietario pretendendo da lui dieci euro necessari per comprare tre bombolette di vernice spray. Dopo averle acquistate era anche tornato nel locale sferrandogli un pugno in faccia. Senza farsi scrupoli aveva aggredito e minacciato in diversi episodi non solo il gestore del bar e la madre ma anche il padre cardiopatico, provocandone il ricovero in ospedale. Un’altra aggressione era avvenuta per la richiesta di soldi per comprare le sigarette: qui la vittima aveva riportato la frattura di alcune costole. Le vittime hanno subìto tutto questo per mesi, intimidite probabilmente dalle continue minacce del criminale: <…sai chi sono me dovete portà rispetto….> o anche <…non sapete chi sono io dovete sparire dal Tufello>. Alla fine però hanno chiesto aiuto agli agenti della Polizia di Stato del commissariato Fidene che hanno immediatamente avviato una intensa attività investigativa. L’emissione della ordinanza di custodia cautelare in carcere da parte del Giudice delle Indagini Preliminari, grazie alle risultanze investigative e alla richiesta fatta dal Pubblico Ministero, ha permesso infine agli investigatori di notificare il provvedimento a carico del 42enne romano che è finito in carcere con l’accusa di rapina aggravata, lesioni personali e minacce.

Alessandro Pino

(Immagine: Questura di Roma)

Immagine

Tufello: due arresti per droga – di Alessandro Pino

4 Gen

[Roma] Due ragazzi poco più che ventenni sono stati arrestati al Tufello dalla Polizia dopo un controllo antidroga. I due erano stati fermati in via Monte Resegone venendo trovati con alcune dosi di hashish e duemilacinquecento euro in contanti. Un successivo controllo effettuato nell’appartamento usato da uno dei due ha fatto trovare diciassette panetti di hashish del peso di 100 grammi ciascuno, due contenitori in plastica contenenti altri tre grammi della stessa sostanza stupefacente e un bilancino di precisione. I due sono stati arrestati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Testaccio: nuova aggressione per rapina dopo la discoteca – di Alessandro Pino

1 Gen

[Roma] Un diciottenne libico senza fissa dimora con precedenti è stato arrestato dai Carabinieri la notte di Capodanno per il reato di rapina in concorso. I militari sono intervenuti in via di Monte Testaccio – dove già qualche notte fa era stato malmenato e rapinato un ragazzo – nei pressi dell’uscita di una discoteca dopo aver notato un gruppo di ragazzi che accerchiava e prendeva spintoni un avventore che si era incamminato verso la sua auto. Uno dei delinquenti è stato bloccato mentre afferrava per il collo la vittima, uno studente 20enne, impossessandosi del suo portafoglio con all’interno denaro contante e passandolo ad uno dei suoi tre complici, riusciti a dileguarsi. L’arrestato è stato accompagnato in caserma, dove sarà trattenuto in attesa del rito direttissimo. Le indagini dei Carabinieri proseguono al fine di rintracciare gli altri componenti della banda.

Alessandro Pino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: