Tag Archives: Questura di Roma
Immagine

Tiburtina: chiuso il locale dove era stato colpito con un pugno un cliente, poi deceduto

9 Ott

[ROMA] Il Questore di Roma ha disposto la cessazione immediata dell’attività di un locale sulla Tiburtina dove lo scorso primo ottobre un avventore del locale aveva perso la vita a seguito di un pugno sferrato dal figlio del proprietario, dopo che (a quanto è apparso sulla stampa) il cliente in stato di ubriachezza aveva molestato altri avventori.

La notifica del provvedimento, emesso dopo un’approfondita istruttoria della Divisione Amministrativa della Questura, è stata eseguita dagli agenti del commissariato San Lorenzo. Il proprietario dell’attività era già stato sanzionato per aver somministrato alimenti e bevande in assenza di licenza dalla Polizia di Stato e da Polizia Roma Capitale. 

(A cura di Alessandro Pino)

Immagine

Viale Tirreno: la Questura chiude 15 giorni un bar, ecco perché

9 Ott

[ROMA] É stato disposto dalla Questura uno stop di quindici giorni a un bar in viale Tirreno, dove alcuni giorni fa in una zona circostante allo stesso un ventisettenne romano a torso nudo ha aggredito un ragazzo peruviano rompendogli le ossa del naso.

Prima di questo episodio, al titolare dell’esercizio commerciale erano già state contestate diverse sanzioni per il mancato funzionamento degli apparecchi di intrattenimento e svago con vincita in denaro, per la violazione delle misure anti Covid e diverse violazioni accertate dalla Guardia di Finanza, come la mancata revisione periodica del misuratore fiscale.

Sono stati gli agenti del III Distretto Fidene Serpentara a mettere i sigilli al locale, dopo la chiusura dell’istruttoria della Divisione Amministrativa e Sociale della Questura di Roma.
(A cura di Alessandro Pino)

(Foto Questura di Roma)

Immagine

Centocelle: chiusa sala giochi usata come base di spaccio | di Alessandro Pino

17 Apr

[ROMA] Una sala giochi a Centocelle usata come base di spaccio è stata chiusa per trenta giorni dalla Polizia.

Già a febbraio a fare insospettire gli agenti VI Distretto Casilino era stato l’andirivieni di clienti ed era scattato un controllo: nelle tasche del titolare furono trovate sedici dosi di cocaina. In quell’occasione furono arrestati per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti il gestore e titolare della licenza del locale, tra loro imparentati in quanto padre e figlio.


In un successivo controllo effettuato a marzo furono trovate ventisette dosi di cocaina e oltre 1600 euro: per questo fu nuovamente arrestato il padre.  
E’ stata quindi avviata un’istruttoria dalla Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Roma che ha portato al provvedimento di chiusura.

Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

Immagine

Campo rom di via Salviati: minaccia di morte i poliziotti intervenuti per una lite | di Alessandro Pino

18 Mar

[ROMA] Ha minacciato di morte i poliziotti intervenuti dopo una segnalazione per lite nel campo rom di via Salviati, spintonandoli e danneggiando la macchina di servizio. Per questo un serbo cinquantaduenne senza fissa dimora con precedenti penali è stato arrestato dalla Polizia per violenza, minacce aggravate e resistenza a pubblico ufficiale nonché denunciato per violazione di domicilio.

È accaduto nel pomeriggio del 17 marzo. Quando i poliziotti del commissariato San Basilio sono arrivati sul posto, l’uomo ha dato in escandescenze spintonando uno di loro, minacciando di ammazzarli e brandendo contro di loro un coltello che aveva in tasca. Gli agenti sono riusciti a bloccarlo con l’aiuto di un altro equipaggio arrivato nel frattempo, ma anche una volta caricato sull’auto di servizio l’uomo non si è placato, sputando e scalciando, mentre una volta in Questura ha continuato a minacciare di morte i poliziotti.
Alessandro Pino

Immagine

Operazione straordinaria antidegrado a Conca d’Oro, Ponte Salario e mercato Val Melaina- di Alessandro Pino

6 Nov

[ROMA] A seguito di segnalazioni dei Comitati di quartiere, esposti e servizi giornalistici oltre che dalle analisi dell’Osservatorio alla Sicurezza del Terzo Municipio, nella mattinata del 6 novembre è stato predisposto con ordinanza del Questore e sotto l’egida della Prefettura un servizio straordinario interforze tra Polizia di Stato e Polizia Locale di Roma Capitale per restituire decoro e tranquillità in alcune aree del territorio municipale, in particolare le adiacenze della Stazione Conca d’Oro e del Parco delle Valli, arginando degrado e abusivismo commerciale. Sotto la lente di ingrandimento, la presenza dei rom accampati nei manufatti del sistema di areazione della stazione metropolitana, da cui sono state rimosse masserizie, ciarpame e materiale da cucina arrivando a quattro metri cubi di ingombro grazie alla collaborazione tra il III Distretto Fidene Serpentara, Ama e Atac. In questo modo è stata ripristinata la sicurezza dei condotti di ventilazione. Contemporaneamente si sono svolti controlli nelle adiacenze del mercato di via Giovanni Conti dove sono stati portati in discarica settanta chili di vestiti sequestrati. Interessata dai controlli anche la zona di Ponte Salario. D’intesa con l’Ufficio Immigrazione, sono stati avviati accertamenti per verificare la posizione degli stranieri sul Territorio Nazionale, per una eventuale collocazione in strutture di accoglienza.

Alessandro Pino

(Foto Questura di Roma)

Immagine

Rapine in casa a Roma compiute da finti poliziotti: in caso di sospetto la Questura raccomanda di chiamare il 112- di Alessandro Pino

15 Ago

[ROMA] La Questura di Roma ha ritenuto opportuno mettere in guardia la cittadinanza da un fenomeno criminoso manifestatosi di recentemente nel territorio della Capitale: furti e rapine in abitazione attuati da personaggi che fingendosi poliziotti (indossando casacche con la scritta “Polizia”, placche identificative tipiche del personale in borghese e a volte uniformi delle Forze dell’Ordine) e con la scusa di svolgere verifiche sugli allacci di corrente o svolgere controlli di polizia giudiziaria alla ricerca di droga hanno svaligiato gli alloggi portando via beni preziosi di ogni tipo. Alcuni dei soggetti in questione sono stati descritti di carnagione olivastra e corporatura media, attivi in gruppo di quattro, col volto nascosto dalle mascherina attualmente di uso comune: i rapinatori hanno approfittato dell’assenza dei proprietari delle abitazioni in vacanza per disorientare colf e domestici rimasti a guardare le case. La Questura raccomanda di chiamare il 112 nel caso suonino alla porta individui sospetti anche se con indosso uniformi delle Forze dell’Ordine per verificare se effettivamente si tratti di operatori di Polizia. Si suggerisce anche di dire chiaramente ai soggetti in questione che si aprirà la porta solo dopo aver contattato il 112 per la verifica, questo per farli desistere e allontanare nel caso siano appunto dei malintenzionati.
Alessandro Pino

Immagine

Coronavirus: diffonde in Rete falsa circolare della Polizia, denunciata guardia giurata- di Alessandro Pino

25 Apr

[ROMA] È stato individuato dalla Polizia l’autore di una falsa circolare recante l’intestazione “Questura di Roma-DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE” con lo stemma della Repubblica Italiana apparso nelle scorse ore in Rete e diventato virale tra migliaia di utenti dei social. Il testo del falso documento riportava il divieto di alcune attività balneari (come la navigazione ai piccoli natanti e la pesca di ogni tipo) fino al prossimo 11 giugno per il rischio di contagio da Coronavirus. Questo aveva fatto sì che i commenti allarmati di utenti in preda all’agitazione avessero intasato i social network e le caselle di posta elettronica certificata della Questura di Roma, delle Capitanerie di Porto e della Guardia di Finanza. Attraverso verifiche incrociate si è risaliti in poche ore all’autore della bufala: si tratta di una guardia giurata appassionato di pesca sportiva e dipendente di un istituto di vigilanza privata della Capitale che aveva modificato una circolare vista sul luogo di lavoro, diffondendola poi sui propri canali social. La guardia giurata oltre ad essere stata denunciata ai sensi dell’art 656 del Codice Penale per la pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose atte a turbare l’ordine pubblico, mediante l’utilizzo di piattaforme informatiche, dovrà rispondere anche dell’abuso commesso e si vedrà probabilmente sospesi i titoli che gli consentono di lavorare.
Alessandro Pino

Immagine

Vigne Nuove: presa a calci e pugni dal compagno- di Alessandro Pino

20 Apr

[ROMA] Triste storia di maltrattamenti in famiglia in zona Vigne Nuove, dove una donna è stata presa a calci e pugni in un appartamento di via Giulio Pasquati dal convivente che aveva bevuto. I fatti risalgono allo scorso 15 aprile: dopo la segnalazione di una lite arrivata alla sala operativa della Questura, gli agenti del Reparto Volanti hanno trovato la giovane in lacrime sdraiata in terra sul pavimento della cucina mentre il compagno continuava ad inveire contro la donna minacciandola di morte.
Secondo l’uomo, la lite era iniziata dopo che avevano bevuto insieme degli alcolici e dalle parole erano passati ai fatti. Le urla avevano attirato l’attenzione dei
vicini di casa che hanno confermato di aver visto l’uomo trascinare la giovane colpendola con calci e pugni.
La vittima ha dichiarato ai poliziotti di essere stata giâ vittima di simili episodi da parte del compagno ma di non averlo mai denunciato per paura di ritorsioni. Questa volta però è finito a Regina Coeli.
Alessandro Pino

Immagine

Attenzione ai falsi volantini del Ministero dell’Interno- di Alessandro Pino

26 Mar

[ROMA] Alcuni volantini, stampati su carta apparentemente intestata “Ministero dell’Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza” con lo stemma della Repubblica Italiana sono stati trovati ieri da alcuni cittadini che li hanno consegnati al commissariato Appio Nuovo.
La Questura precisa che
quanto riportato su detti volantini è da ritenersi falso e ingannevole per la pubblica fede e non deve essere preso in considerazione da chi li dovesse ritrovare, soprattutto laddove “vengono invitati eventuali non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni ospitanti per rientrare nel proprio domicilio di residenza”
In allegato la foto del volantino fornita dall’ufficio stampa della Questura di Roma.
Alessandro Pino

Immagine

Quartiere Trieste: prezzo del gel disinfettante aumentato del 500 %, farmacista denunciato- di Alessandro Pino

18 Mar

[ROMA] Gel disinfettante per le mani venduto a un prezzo aumentato del 500 per cento, per giunta dopo averne fatto scorte in misura abnorme per rendere difficoltoso trovarlo altrove proprio ora che è richiestissimo a causa della emergenza Coronavirus. È quello che accadeva in una nota farmacia del quartiere Trieste dove il singolo flacone acquistato a circa 2 euro veniva rivenduto a 9 euro e 99 centesimi (dieci euro praticamente). Per questo il titolare della farmacia è stato denunciato per il reato di “manovre speculative su merci”. Il controllo effettuato dalla Polizia si è reso necessario anche per le numerose segnalazioni giunte alla Questura che denunciavano un ingiustificato incremento dei prezzi proprio di tali prodotti. Parte dei flaconi di gel erano esposti nelle vetrine sulla strada mentre il resto era accatastato nel magazzino Proprio la grande quantità dei prodotti trovati ha evidenziato la condotta dolosa da parte del gestore della grande e storica farmacia che ne aveva fatto incetta al fine di renderne difficoltoso il reperimento sul mercato. Tutto il materiale è stato sequestrato a disposizione dell’ Autorità Giudiziaria a cui è stato anche richiesto di destinarlo alla Protezione Civile o ad altra organizzazione governativa o azienda ospedaliera che dovesse averne bisogno.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Sacco Pastore: tenta di rapinare un poliziotto, in manette- di Alessandro Pino

19 Nov

[ROMA] Tentativo di rapina in strada ieri pomeriggio all’incrocio tra via Val di Nievole e via Val Trompia, zona Sacco Pastore a Monte Sacro. Un ventisettenne romano con numerosi precedenti ha avvicinato un passante che si trovava in compagnia di un’amica, pretendendo del denaro e al suo rifiuto ha cominciato a strattonarlo minacciandolo di morte. Ma al delinquente è andata male, perché il bersaglio che aveva abbordato era un poliziotto che si è qualificato mostrandogli tesserino di servizio e placca identificativa. Nonostante questo il rapinatore non ha desistito, minacciandolo pesantemente: <Non me ne frega, tiro fuori la pistola, te sparo dietro la testa>. A quel punto l’agente ha chiesto aiuto alla sala operativa della Questura di Roma che ha inviato due pattuglie. Il malvivente è stato così arrestato per la tentata rapina che aveva tentato anche se privo della pistola che minacciava di utilizzare.
Alessandro Pino

Immagine

Talenti: preso con la droga nelle mutande e nell’airbag – di Alessandro Pino

2 Set

[Roma] Un trentacinquenne romano è stato arrestato dalla Polizia a Talenti per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo era stato visto dagli agenti mentre accostava a bordo strada con la macchina per smerciare droga a un cliente. I poliziotti sono intervenuti recuperando la droga e perquisendo lo spacciatore, trovandogli dosi di cocaina nascoste nelle mutande. È stata perquisita anche l’autovettura che è risultata avere uno scomparto nascosto nel vano airbag passeggero dove c’erano oltre duecento involucri di droga e appunti relativi alla vendita. Lo scomparto fantasma era accessibile con un un sistema segreto ottenuto con una ingegnosa modifica mostrata nell’immagine fornita dalla Questura di Roma.
Alessandro Pino

Immagine

Tenta di rapinare una gelateria usando un lecca lecca: arrestato – di Alessandro Pino

30 Mag

[Roma] Un trentaduenne straniero è stato arrestato dalla Polizia dopo aver cercato di rapinare una gelateria in largo Somalia usando un lecca lecca modificato. Il delinquente era entrato nel locale mentre la commessa era occupata a preparare i gelati. Avvicinatosi alla cassa ha iniziato a pigiare i tasti nella speranza di riuscire a far aprire il cassetto con i soldi. Quando la commessa è tornata vedendolo armeggiare, ha iniziato ad urlare dicendo al malvivente di allontanarsi ma l’uomo, per niente intimorito, ha estratto un Chupa Chups dalla tasca e glielo ha puntato contro, minacciando di farle del male: sul manico del lecca lecca c’era un grosso ago metallico. Il rapinatore si è accorto di aver bloccato il registratore di cassa a causa dell’errata digitazione dei tasti e ha desistito dal portare a termine la rapina, scappando a piedi. La commessa a quel punto ha chiamato il 112 e la sala operativa della Questura ha inviato sul posto le pattuglie dei commissariati Villa Glori e Vescovio che, giunti nei pressi del luogo dove era accaduto il fatto, hanno notato un uomo in fuga, somigliante alla persona descritta dalla vittima: bloccato, è stato identificato e condotto presso gli uffici del commissariato Vescovio dove sono risultati precedenti a carico, dopodiché e è stato arrestato e accompagnato in carcere: dovrà rispondere del reato di tentata rapina.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Migranti della Diciotti a Rocca di Papa: la Questura precisa – di Alessandro Pino

29 Ago

A proposito dell’arrivo a Rocca di Papa degli immigrati sbarcati dalla nave Diciotti la Questura di Roma smentisce integralmente quanto riportato da alcuni organi di informazione che hanno fatto riferimento a “cortei contrapposti”, ad “altissima tensione” e addirittura a “guerra civile”. Nel sottolineare che l’arrivo degli immigrati è avvenuto in condizioni di totale sicurezza, va precisato che non si è registrata alcuna “tensione” né si sono manifestati segnali di “cortei contrapposti” o di “guerra civile” poiché la presenza delle Forze di Polizia, adeguatamente predisposte per la circostanza e con la consueta professionalità del Dirigente del servizio, ha garantito come sempre che il diritto di manifestare “pro” o “contro” l’arrivo degli immigrati fosse pienamente esercitato, sebbene non formalmente preavvisato, il che, ovviamente, sarà debitamente segnalato alla competente Autorità Giudiziaria. La Questura, infine, stigmatizza il ricorso ad espressioni allarmistiche, fuorvianti e, dunque, idonee ad alimentare inutile confusione e pericolose tensioni.

(a cura di Alessandro Pino – foto di repertorio)

Immagine

Tenta di rapinare una ragazza e prende a testate, calci e sputi i poliziotti: senegalese arrestato a via Cavour – di Alessandro Pino

16 Mar

Un ventisettenne senegalese senza fissa dimora e con precedenti di polizia è stato arrestato ieri mattina da agenti delle Volanti e dei Commissariati Esquilino e Viminale con le accuse di tentata rapina, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato di beni dello Stato ed è stato inoltre denunciato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. I fatti sono iniziati verso le cinque del mattino del 15 marzo quando gli equipaggi hanno ricevuto la segnalazione di un tentativo di rapinare il cellulare a una ragazza, avvenuto nei pressi della fermata Colosseo della metro B. Le immediate ricerche del soggetto corrispondente alla descrizione hanno avuto esito positivo nei pressi della vicina via Cavour. Il senegalese a quel punto ha cercato di divincolarsi spintonando gli agenti e al momento di venire ammanettato ha colpito il parafango di una delle auto della Polizia ammaccandolo vistosamente. Una volta portato in Commissariato il senegalese ha continuato a dare in escandescenze tentando di colpire i poliziotti con testate, calci e sputi. Intanto dalla perquisizione saltavano fuori anche involucri di droga che teneva nascosti nelle scarpe mentre dagli accertamenti è risultato che solo pochi giorni prima era stato scarcerato ed aveva a suo carico precedenti per stupefacenti, ricettazione, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Non contento, il fermato ha cercato di ferirsi provando a colpire con la testa le pareti e il pavimento dell’ ufficio ed è stato necessario chiamare il 118 per curarlo. Il senegalese è stato processato per direttissima alla fine di una vicenda che è solo una delle innumerevoli testimonianze di una città in cui quotidianamente gli operanti delle Forze dell’ Ordine si trovano a fronteggiare violenti predatori abituali, personaggi senza alcun freno viste anche le normative evidentemente troppo morbide nei loro confronti.
Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Talenti: minaccia con le forbici le farmaciste per rapinarle – di Alessandro Pino

3 Ago

È entrato nella farmacia di via Nomentana 939 – ai bordi del quartiere Talenti – armato di forbici minacciando il personale per farsi consegnare l’incasso: 《Vi sfregio, vi infilzo la pancia, vi ammazzo》queste le frasi pronunciate.

image

Le due giovani farmaciste pur impaurite sono riuscite ad attivare il sistema di allarme collegato direttamente con la sala operativa della Questura di Roma.  Sono arrivate rapidamente le pattuglie della Polizia di Stato delle Volanti e del commissariato Fidene Serpentara in che hanno bloccato le uscite della farmacia.
A quel punto il rapinatore, romano quarantatreenne, ha gettato a terra le forbici e si è lasciato arrestare.
Alessandro Pino 

Bufalotta: per rapinare una vecchietta la scaraventa a terra rompendole una spalla – di Alessandro Pino

8 Nov

Un energumeno di oltre un metro e novanta  che per depredare della borsa una vecchietta di settantacinque anni non ha esitato a colpirla scaraventandola a terra procurandole una frattura a una spalla: è accaduto la sera del 7 novembre in via Franco Sacchetti (tra Talenti e la Bufalotta, Terzo Municipio della Capitale). Alcuni testimoni – tra cui un commerciante membro del Comitato di Quartiere Talenti, presieduto da Manuel Bartolomeo – però hanno inseguito il

image

rapinatore che si era poi dato alla fuga e hanno telefonato nel frattempo al 112 (Numero Unico Emergenze). Sul posto sono arrivate alcune Volanti della Polizia di Stato che hanno fermato il fuggitivo portandolo poi negli uffici del Commissariato Fidene Serpentara dove sono risultati a suo carico precedenti di polizia. L’uomo, un campano ventinovenne, è stato quindi arrestato per rapina aggravata e condotto in carcere. Alla povera vecchietta, accompagnata in ospedale, è stata appunto riscontrata una frattura alla spalla con prognosi di un mese circa.
Alessandro Pino

(foto: Questura di Roma)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: