Annunci
Archivio | luglio, 2016

Davide e il suo Friggipizza di Fuorigrotta: il re del cibo di strada si trova a Napoli – di Alessandro Pino

31 Lug

Decenni prima che mangiare qualcosa passeggiando diventasse una moda dai nomi anglofoni (fast food, street food) ed era la pura necessità quotidiana delle persone semplici, lui era già uno degli interpreti più autentici della tradizione partenopea del cibo da strada e ancora oggi lo trovate nella sua botteguccia di via Leopardi nel quartiere di Fuorigrotta : le pareti di piastrelle candide, il 

image

classico bancone in acciaio con la vetrinetta che dà sul marciapiede, dietro la quale si trovano pizze fritte, arancini, supplì, frittatine di pasta, calzoni con la ricotta, paste cresciute e altre cose che a solo sentirne il profumo spazzoleresti via in men che non si dica alla faccia di qualunque dieta. Nel quartiere tutti lo conoscono con il suo nome proprio, Davide, senza fare caso a un cognome, Meer, che si direbbe nordeuropeo: «Non so se è franco olandese, olandese, tedesco -. risponde lui – so solo una cosa, sono un grande napulitano». Per i residenti è quasi una istituzione, un punto di riferimento e in tempi di social network ha assunto anche una certa notorietà grazie ai filmati e alle foto diffusi in rete che lo riprendono al lavoro: «Sono cinquantun anni che sto qua, ho iniziato da bambino venendo dal centro perchè io sono dei Quartieri Spagnoli, papà prese questa attività e chiaramente essendo il figlio più grande dovevo dare un aiuto a mia madre e mio padre». Oltre mezzo secolo di attività che «ci ha dato grandi soddisfazioni, per me è stata gratificante la stima di tante tante persone» anche se c’è un po’ di rammarico per come sono cambiate tante cose: «Con gli anni penso che non image

è cambiato solo questo quartiere ma tutto in generale il modo di essere delle persone, perchè io mi ricordo agli inizi la mattina scendevano le nonne, le mamme che mangiavano la pizza con i nipotini. Adesso questo tipo di lavoro non c’è più». E per il  futuro? «Una domanda da cento milioni di euro…voglio stare bene, finchè posso andare avanti in questo modo, poi il resto lo deciderà Quello che è più grande di noi».
Alessandro Pino

Annunci

Il sindaco di Roma Virginia Raggi a piazza Sempione – di Alessandro Pino

29 Lug

image

Sorpresa per i frequentatori della sede del Terzo Municipio la mattina del 29 luglio: il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha varcato il portone di palazzo Sabatini per unire in matrimonio una giovane coppia di romani. Prima di entrare nella sala delle cerimonie il sindaco Raggi è entrata nell’aula Consiliare per salutare la presidente del Terzo Municipio Roberta Capoccioni e i consiglieri municipali impegnati nella seduta di presentazione delle linee programmatiche della nuova giunta municipale.
Alessandro Pino

Flash: ancora fiamme nel Terzo Municipio

28 Lug

image

Incendio di vastissime proporzioni, quello che tiene col fiato sospeso centinaia di famiglie che vivono nel quadrilatero compreso tra Piazza Minucciano, Via Comano, Via Pian di Scó e Via Lina Cavalieri. Da circa un’ora diverse autobotti dei vigili del fuoco, coadiuvate da decine di mezzi della protezione civile, stanno tentando di spegnere l’incendio nel più breve tempo possibile, per evitare che le fiamme raggiungano i palazzi limitrofi al parco. Polizia di stato e vigili urbani allontanano i moltissimi curiosi che si fermano per fotografare le operazioni. Il nono incendio in una settimana, questo, nel territorio del III municipio
Fabio Greco

Ancora in piedi la base di un semaforo mai realizzato a Castel Giubileo (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

28 Lug

image

Rimangono pericolosamente in mezzo alla confluenza tra la Salaria e via Grottazzolina (zona Castel Giubileo, Terzo Municipio della Capitale) i monconi che avrebbero dovuto fare da base a un impianto semaforico mai realizzato, oggetto di una annosa polemica. Tempo addietro il Municipio aveva votato un atto che ne chiedeva la rimozione da parte degli uffici competenti, ma nulla da allora si è mosso.
Alessandro Pino

Via di Castel Giubileo: marciapiedi invasi dalle piante (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

26 Lug

image

In via di Castel Giubileo (sita nell’omonimo quartiere del Terzo Municipio della Capitale) i marciapiedi nelle vicinanze della scuola Simone Renoglio e dell’asilo Castello di Gelsomina (quest’ultimo attualmente in ristrutturazione) sono pressochè
image

impraticabili su entrambi i lati della strada a causa della vegetazione cresciuta fuori controllo su di essi.  Chi li percorre è costretto a scendere sulla carreggiata con i pericoli che ne derivano.
Alessandro Pino

Marciapiedi e strade del Terzo Municipio impraticabili per i residui di potature

24 Lug

image

Con alcuni scatti fotografici da lui pubblicati in rete tramite social network, l’ex consigliere municipale Manuel Bartolomeo ha portato all’attenzione del pubblico la situazione di diverse strade del Terzo Municipio che nelle scorse settimane sono state interessate da interventi di potatura degli alberi di alto fusto (sembrerebbe da parte dei Vigili del Fuoco per scongiurare il pericolo di crolli) e dalle quali non sono state rimosse i rami tagliati. Le foto

image

riprendono principalmente scorci di via Corrado Alvaro (tra largo Pugliese e piazza Primoli, zona Talenti) ma ce n’è anche una scattata in viale Tirreno. Tutte illustrano la medesima situazione: i rami e le fronde potati e lasciati a terra sul marciapiede e sulla sede stradale, con i nastri bianchi e rossi di segnalazione ormai caduti. Nel dibattito seguito alla pubblicazione delle foto è intervenuto anche l’assessore municipale all’Ambiente, Mimmo D’Orazio, che ha affermato di aver già sollecitato la rimozione.
Alessandro Pino

(Si ringrazia per le foto Manuel Bartolomeo)

Rifiuti ingombranti sulle strade del Terzo Municipio: il sospetto che non sia solo inciviltà – di Alessandro Pino

24 Lug

image

Su questo blog è stato documentato numerose volte l’odioso fenomeno della dispersione nelle strade del Terzo Municipio di quei rifiuti ingombranti che invece andrebbero consegnati alle Isole Ecologiche dell’Ama presenti sul territorio: si tratta dei materiali più disparati, dai materassi, a parti di autoveicoli, arredamenti più o meno completi, sanitari e calcinacci provenienti da qualche ristrutturazione, elettrodomestici guasti ma anche, purtroppo, libri quando non enciclopedie intere. Sta diventando sempre più consistente nell’opinione pubblica la sensazione che dietro non vi sia semplice inciviltà dei singoli ma l’operato sistematico di persone che si incaricano del ritiro di tali materiali (come anche i vecchi elettrodomestici al momento di sostituirli con uno nuovo) e che poi disperdono gli ingombranti in giro per il territorio anzichè portarli a discarica, risparmiando così il costo dello smaltimento a carico degli operatori professionali. Nel frattempo i cittadini diligenti, quelli che a casa propria si curano di differenziare i rifiuti staccando anche le etichette dalle bottiglie in vetro, cominciano ad averne le tasche piene sentendosi presi in giro.
Alessandro Pino

Quel che rimane dopo gli incendi nel Parco delle Sabine (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

21 Lug

image

L’immagine dà solo una vaga idea della desolazione e dello sfacelo conseguenti all’incendio divampato il pomeriggio del 20 luglio nel Parco delle Sabine (zona Porta di Roma, Terzo Municipio della Capitale). Come non bastasse, un nuovo focolaio è scoppiato il giorno seguente. Le operazioni di spegnimento avevano richiesto anche il lancio di  liquido estinguente dall’alto con un elicottero ma alla fine comunque sono andati letteralmente in fumo circa trenta ettari di macchia. Nell’aria, odore di bruciato, il vento che ogni tanto solleva piccole nuvole di cenere.
Alessandro Pino

Flash: incendio vicino le case a Porta di Roma – di Alessandro Pino

20 Lug

image

Le fiamme alimentate anche dal vento stanno divampando nel parco delle Sabine nelle adiacenze di via Mario Soldati a Porta di Roma – Terzo Municipio della Capitale – arrivando fino alle case. Persone in strada attendono i soccorsi. Arrivati poco dopo Vigili del Fuoco e Protezione Civile Fukyo.
Alessandro Pino

Una nuova estate di fuoco in Terzo Municipio – di Alessandro Pino

19 Lug

image

Come negli anni scorsi si ripropone la piaga degli incendi estivi nel territorio del Terzo Municipio. Solo negli ultimi giorni si contano già diversi interventi di spegnimento: in due occasioni le fiamme si erano sviluppate nell’area verde adiacente al viadotto dei Presidenti, in un’altra avevano circondato una abitazione in via della Bufalotta. Alle operazioni partecipano anche i volontari e i veicoli antincendio delle associazioni di Protezione Civile presenti nel Terzo Municipio – come il Nucleo Sicurezza Ambientale Roma Nord e la Avs Cosmos – in supporto dei Vigili del Fuoco.
Alessandro Pino

(Si ringrazia per la foto Gabriele Carradori)

Settimana decisiva per i rifiuti di Roma

18 Lug

Audizione in regione dell’Assessore all’ambiente, domani audizione pubblica. Giovedì scorso riunione dei residenti interessati alle esalazioni dell’impianto di via Salaria

13726676_870748813031838_8376317702358300769_nE’ iniziato alle tre e mezza di oggi il consiglio straordinario alla Regione Lazio sulla questione rifiuti. Ad esso sta partecipando una delegazione di cittadini che possono però soltanto assistere senza intervenire, mentre domani vi sarà un’audizione, sempre in regione, in cui i cittadini potranno intervenire.

Secondo quanto postato da chi è presente, l’assessore regionali dell’ambiente Buschini, nell’illustrare la sua relazione al consiglio, sull’impianto Ama Salario ha detto: «L’impianto e’ stato autorizzato il 31/3/2011 per 5 anni. La scadenza era quindi 31/3/2016. Nel frattempo l’approvazione del Dlg 46 nel 2014 ha precisato che la durata delle autorizzazioni venivano raddoppiate passando da 5 a 10 anni. L’Ama il 9/9/2015 ha chiesto indicazioni per presentare il rinnovo delle autorizzazioni e il 30/03/2016 ha presentato la fidejussione ottenendo la proroga dell’autorizzazione fino al 31/03/2021. L’ubicazione e la scelta degli impianti di trattamento dei rifiuti spetta a Comune e Ama. Se Ama non avesse chiesto come prorogare e non avesse presentato le garanzie per la fidejussione l’impianto ora NON sarebbe autorizzato. Spetta a Comune e Ama come riconvertire l’impianto».

13718689_10210046718554720_8684618055263109389_nQuindi, responsabili dei disagi che si trovano a sopportare i residenti del quadrante Nord della città di Roma, sono, ognuno per la propria competenza, l’azienda municipalizzata ambiente, il Comune di Roma e la regione Lazio per quel che riguarda il piano rifiuti, ma i primi due sono gli unici che possono decidere circa la delocalizzazione o la chiusura dell’impianto.

Giovedì sera, alla riunione spontanea a Largo Labia, dove erano presenti un numero di persone tale da riempire ogni spazio a margine del parco, durante gli interventi di Fabrizio Lai, interventista a favore di una manifestazione sotto gli uffici della regione, Daniele Poggiani del comitato spontaneo Villa Spada, esperto della parte tecnico-burocratica della vicenda e Cristiano Bonelli, consigliere della LM, erano stati esposti i risultati l’incontro tra tecnici e legali, ovvero la decisione di procedere ad una raccolta firme e a una denuncia contro Ama, tentando di protare in Procura il danno alla salute per i residenti, oltre che proseguire nel portare documentazione in Comune e in Regione, battendo anche la via politica alla risoluzione del problema. Inoltre, dato il numero elevato di residenti che hanno manifestato il desiderio di portare supporto alla delegazione che verrà ricevuta martedì, è stata presa la decisione di organizzarsi per arrivare, in maniera pacifica e assolutamente non polemica, fino alla remota sede degli uffici regionali

Nella giornata di giovedì vi era stato anche un incontro con il nuovo presidente m5s del Muncipio, Roberta Capoccioni, intervenuta anche nell’incontro serale, tornata a dichiararsi disponibile a farsi promotrice presso Regione e Comune perchè si trovi una soluzione politica ai rifiuti di Roma, invitando Arpa, asl, Regione e Comune ad un tavolo.

Luciana Miocchi

 

Galleria

Un giro a piedi al Tufello dopo la sparatoria – III Municipio di Roma Capitale

18 Lug

13775813_10210045377961206_1054747376906562877_nA qualche mese dall’agguato a colpi di arma da fuoco in cui fu ferito un ragazzo nei pressi del mercato di piazza degli Euganei, la mattina del 16 luglio sono tornate a cantare le pistole nelle strade del Tufello: a dare per primo su fb la notizia di una sparatoria, l’ex consigliere municipale Manuel Bartolomeo, presente all’alba in zona per lavoro. Arriviamo sul posto dopo un po’, quando gli equipaggi della Polizia stanno smobilitando, con i nastri tesi a delimitare la zona del fattaccio ancora al loro posto anche se i rilevamenti sono finiti da un pezzo. Gli agenti non sono autorizzati a rilasciare dichiarazioni e invitano a prendere contatti con l’Ufficio Stampa della Questura. Gli automobilisti in arrivo da via delle Isole Curzolane non sanno che fare, una volta giunti davanti al nastro che ancora chiude l’accesso alla strada teatro della sparatoria. Li osserviamo invertire la marcia senza dire una parola né fare una smorfia, quasi rassegnati. Il comunicato arriverà dopo qualche ora, quando le maggiori agenzie di stampa hanno già dato la notizia, riferendo dell’intervento di due pattuglie per la segnalazione di una lite in strada, con i poliziotti che arrivano mentre un uomo esplode due colpi di pistola in direzione di un’altra persona – riuscita a fuggire – e lo sparatore, risultato successivamente pregiudicato, che punta l’arma anche contro gli agenti per poi tentare la fuga, inutile perché viene raggiunto e disarmato di una semiautomatica con matricola abrasa che gli si era inceppata.

13709808_10210045402601822_9143079581936387365_nDecidiamo di fare un giretto per i palazzi costruiti negli anni 60 del secolo scorso, apparentemente ordinati e tutti uguali, dalle vie parallele e silenziose. O almeno così sembrano. In terra, qui e anche nei giardini di piazza degli Euganei, bottiglie, bottiglie di plastica scolorite, cartacce e foglie secche danno l’impressione di un quartiere abbandonato un po’ al suo destino. Pochi metri prima della piazza, un divano consumato dall’uso aspetta che qualcuno abbia pietà di lui e lo carichi portandolo a discarica. Due residenti ci riferiscono di aver avuto le macchine danneggiate dai colpi di pistola, raccontano di un portone sfondato a mazzate, di un suv Bmw finito di traverso sul marciapiede come se fosse stato speronato o il conducente avesse perso il controllo.. A terra, i frammenti di un finestrino a testimoniare l’accaduto. Davanti all’ingresso di uno dei cortili alcuni ragazzi si aggirano innervositi, le facce non sono esattamente di quelle con cui andresti volentieri a prendere un caffè ma non ci dicono nulla. Due chiacchere con delle anziane signore sedute su una panchina davanti al mercato di piazza degli Euganei, non prima di esserci identificati come giornalisti locali, confermano l’impressione che nella zona ultimamente tira un’aria più inquieta del solito. Conoscono perfettamente le zone dove è meglio non girare con il buio – dove se cerchi qualcosa di fuori legge la puoi trovare senza problemi – e se ne tengono alla larga, serenamente. Non hanno paura le vecchine, quando dicono che occorrerebbe solo un maggior controllo del territorio, con le macchine delle forze dell’ordine che si fanno vedere ad intervalli regolari, ché non si tratta di gente estranea ma degli stessi figli del quartiere. “E voi della stampa, scrivetelo: qui fanno tutti un po’ come je pare: pure a pulì, lascieno le macchine accese così consumano benzina e possono di d’avè fatto ‘r giro, invece stanno fori dar mezzo, le mezz’ore a fumà”.

Mentre ce ne andiamo a riprendere la macchina, lungo la via Tofano avvertiamo chiaramente la sensazione di essere osservati attentamente, da lontano, senza parole o cenni strani, solo sguardi protetti da occhiali da sole, dai ragazzi agli angoli dell’incrocio e ad alcune finestre. Uno accenna un sorriso che si riflette nello specchietto retrovisore. Non c’è bisogno di parole.

Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Settebagni: poco audace colpo dei soliti noti – Terzo Municipio della Capitale – di Alessandro Pino

18 Lug

image

Ancora preoccupazione e rabbia tra i residenti di Settebagni (Terzo Municipio della Capitale) per il proseguire di furti ed effrazioni all’interno di appartamenti e di esercizi commerciali. Ultimi a essere colpiti due chioschi ormai storici presenti sulla Salaria sul marciapiede antistante via S. Antonio di Padova – uno adibito alla vendita di piante e fiori, l’altro di ortofrutta – forzati da ignoti la notte tra il 16 e 17 luglio. La signora che gestisce il chiosco di fiori, la domenica mattina ha trovato tutto il locale a soqquadro: piante e decorazioni gettate a terra nel tentativo di trovare chissà quale incasso. A quanto pare, i malviventi sono entrati forzandola porta che dal retro dà accesso a un cortiletto di servizio confinante con un condominio a sua volta adiacente al cosiddetto “Parco dei Frutti”. Colpito, come detto, anche il chiosco di fianco alla rivendita di fiori, cui è stata forzata una serranda in metallo. Certezze sull’identità degli autori non ce ne sono ma alla signora è venuto spontaneo il collegamento con chi nottetempo consuma abitualmente bottiglie di birra e superalcolici, lasciando i vuoti sul muretto antistante il baracchino. Sui gruppi di zona dei social network  intanto i residenti si sfogano, constatando come – pur prendendo ancora le distanze da situazioni dove l’illegalità regna sovrana – non basta nemmeno la presenza nel quartiere di una Stazione Carabinieri e di una caserma della Polizia Stradale per scoraggiare teppisti, balordi e ladri.
Alessandro Pino

L’estate romana 2016 vi aspetta al “Gasometro” – di Alessandro Pino

17 Lug

image

E’ iniziata da qualche giorno e proseguirà fino al 17 settembre “Gasometro”, rassegna di cultura, intrattenimento, dibattiti, musica, cinema e arte giunta al suo quarto anno di vita che si svolge a Roma nel quartiere Ostiense, praticamente ai piedi del gazometro diventato da tempo un’icona dell’archeologia industriale e uno dei simboli dello skyline capitolino. La manifestazione si è aperta con una sfilata di moda di presentazione della collezione autunno inverno 2016 – 2017 firmata dall’atelier Pianura Studio, tenutasi sul Ponte della Scienza e presentata dalla speaker radiofonica Alessia Pellegrino. Tanti i volti noti tra il pubblico: la soubrette Stefania Orlando, l’onorevole Michaela Biancofiore, l’attrice Simona Borioni, la conduttrice Barbara Castellani, la scrittrice Iolanda Pomposelli ed è intervenuta anche l’attrice Elena Russo. Insomma, il posto per vivere alla grande questa estate romana è decisamente il “Gasometro”. L’ingresso è da via del Porto Fluviale e dal Ponte della Scienza, dalle 18:30 fino a notte fonda ed è ovviamente possibile ristorarsi presso le strutture allestite appositamente. Informazioni riguardo il calendario degli appuntamenti possono essere reperite sul sito http://www.gasometro.it e sulla omonima pagina di Facebook.
Alessandro Pino

Riparata la perdita in via delle Lucarie (Settebagni, Terzo Municipio della Capitale)

16 Lug

image

La mattina del 16 luglio è stata riparata la perdita di acqua che da qualche giorno affiorava nel tratto terminale di via delle Lucarie a Settebagni (Terzo Municipio della Capitale). Per la durata dei lavori la Polizia Locale ha deviato il traffico anche se comunque c’è stato qualche battibecco tra il personale impegnato sul lavoro e i residenti a valle della deviazione che erano usciti di casa con la macchina ignari della chiusura. L’azione dell’acqua in discesa intanto ha ulteriormente deteriorato l’asfalto sulla adiacente via dello Scalo di Settebagni.
Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Solita perdita d’acqua in via delle Lucarie a Settebagni (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

14 Lug

image

Da qualche giorno è in corso una perdita di acqua in via delle Lucarie (quartiere Settebagni, Terzo Municipio della Capitale) quasi alla confluenza con via dello Scalo di Settebagni. L’acqua affiora dall’asfalto più o meno nello stesso punto in cui più volte in passato si è verificata una perdita analoga, scorrendo poi in discesa fino alla rotonda antistante la salita della Marcigliana.
Alessandro Pino

Che succede a via S. Antonio di Padova? (Settebagni, Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

13 Lug

image

Da un paio di giorni il nuovo tratto di via S. Antonio di Padova a Settebagni (Terzo Municipio della Capitale) è sbarrato con delle transenne e i nastri della Polizia Locale. I veicoli in transito vengono deviati nel parcheggio complanare. Causa della deviazione è probabilmente un avvallamento
image

formatosi nell’asfalto vicino a un tombino, del diametro di una trentina di centimetri e profondo all’incirca cinque. Sui gruppi di zona dei social network intanto ci si interroga preoccupati sulle effettive condizioni del terreno sottostante il manto stradale.
Alessandro Pino

Giornata storica in Terzo Municipio: con la seduta inaugurale del Consiglio inizia ufficialmente l’era di Roberta Capoccioni – di Alessandro Pino

12 Lug

image

Un’aula consiliare di piazza Sempione strapiena come mai si era vista in precedenza, avvolta in una atmosfera carica di emozione come un primo giorno di scuola ha salutato una giornata, quella dell’undici luglio 2016, che si può ben dire passerà alla storia del Terzo Municipio:  si è tenuta infatti la seduta inaugurale del nuovo Consiglio Municipale. Le operazioni sono iniziate con l’elezione del presidente del Consiglio Mario Novelli, cui si affiancheranno i consiglieri Emiliano Bono (vicepresidente) e Manuel Tiranti (vicepresidente vicario). Ovviamente i riflettori erano tutti puntati sulla nuova giunta targata Cinque Stelle presieduta da Roberta Capoccioni che ha prestato giuramento e ufficialmente presentato alla cittadinanza la sua squadra di assessori:  Giovanna Tadonio (delega alla Sicurezza e al Personale), Simone Proietti   (Commercio, Attività produttive, Turismo, Trasparenza e Partecipazione), Domenico D’Orazio, da tutti conosciuto come Mimmo  (Ambiente, Rifiuti, Decoro Urbano, Urbanistica, Indirizzi gestionali Ama), Gilberto Kalenda  (Politiche Educative e Scolastiche, Sport, Cultura e Patrimonio archeologico) Giuseppe Sartiano (vicepresidente del Municipio e assessore alle Politiche Sociali, Sanitarie, Abitative, Diritti Civili, Pari opportunità).
Alessandro Pino

Caos sulla Salaria per un’auto incendiata – di Alessandro Pino

8 Lug

image

Questo otto luglio verrà ricordato come giorno di passione per gli automobilisti a Roma Nord. Dopo un ingorgo sul Raccordo nei pressi dell’uscita Bufalotta a causa di un camion ribaltato, nella tarda mattinata sulla Salaria – nel territorio del Terzo Municipio della Capitale – davanti gli uffici Api una vettura elettrica (sembra appartenente alla Polizia di Stato) ha preso fuoco finendo letteralmente in cenere. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco ma c’era ormai ben poco da fare. La presenza della carcassa e dei veicoli di soccorso ha causato una lunga coda sulla consolare.
Alessandro Pino

Miracolo a Settebagni: sfalciato il parco Nobile (Terzo Municipio della Capitale) – di Alessandro Pino

8 Lug

image

Più volte al centro di polemiche per l’incuria e il vandalismo cui era soggetto, il parco Umberto Nobile a Settebagni (Terzo Municipio della Capitale) ultimamente era diventato una savana, talmente alta era l’erba. Nella giornata del 7 luglio (cosa che a Roma ha quasi del clamoroso, essendo periodo di ferie) invece è stato finalmente sottoposto ad operazione di sfalcio, anche se non si sa ancora a chi darne merito. Si dirà forse che è ordinaria  amministrazione, ma siamo arrivati ormai al punto in cui fa notizia ciò che dovrebbe essere normale.
Alessandro Pino