Annunci
Archivio | settembre, 2018
Immagine

Roghi tossici lungo l’Aniene tra Salaria e Olimpica: due arresti – di Alessandro Pino

30 Set

[Roma] Due nomadi romeni senza fissa dimora e con precedenti sono stati arrestati dai Carabinieri sulle sponde dell’Aniene tra la Salaria e via Del Foro Italico per incendio di rifiuti pericolosi. I militari notando una densa colonna di fumo che si alzava hanno individuato un incendio in un accampamento di fortuna nascosto tra la fitta vegetazione lungo le sponde del fiume. Sul posto hanno trovato i due romeni che cercavano di spegnere un incendio di rifiuti. Controllando la zona ci si è trovati davanti ad una vera e propria discarica abusiva ed è stato accertato che i due stavano bruciando materiale plastico e ferroso. Trovati anche dieci chili di rame, ricavati dalla combustione di cavi elettrici. I due zingari sono stati ammanettati e portati in caserma in attesa del rito direttissimo. La zona è stata messa in sicurezza dai Carabinieri.

Alessandro Pino

(foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Annunci
Immagine

Il 30 settembre tutti con Zampettiamo a pulire la valletta di via Mari – di Alessandro Pino

29 Set

[Roma] Domenica 30 settembre torna l’appuntamento con le pulizie straordinarie dell’area verde nota come “valletta di via Mari”, zona Ateneo Salesiano, Terzo Municipio della Capitale. L’intervento è organizzato dalla associazione Zampettiamo nell’ambito dell’iniziativa “Puliamo il mondo” di Legambiente e ha il patrocinio del Comune di Roma. L’inizio delle attività è previsto per le dieci di mattina e si andrà avanti fino alle tredici.

Alessandro Pino

Immagine

Iscritto a ruolo il ricorso contro i disservizi di Ama. Settebagni chiede il rimborso per i disservizi patiti

27 Set

42631198_268364260469968_8508683001989693440_n

Iscritto a ruolo generale il ricorso in Commissione Tributaria.

Prevenuta una possibile eccezione formale.

Ora spetterà al Giudice decidere se è giusto o no pagare per la raccolta dei rifiuti quando la spazzatura rimane per strada.

Il precedente potrebbe risultare dirompente per Ama e per il Comune di Roma

Finalmente il gran giorno è arrivato. L’allungarsi dei tempi tecnici per il deposito del ricorso per la TA.RI dei cittadini di Settebagni aveva cominciato a scatenare sui gruppi social locali qualche post risentito, senza sapere che quando si ha a che fare con la pubblica amministrazione è meglio utilizzare un po’ di prudenza in più che in meno e che questo principio ha portato ad uno slittamento nell’iscrizione alla Commissione Tributaria di circa quattro mesi. L’associazione Don Chisciotte ha reso pubblico il numero di ruolo generale ricevuto dal protocollo: 13592/2018. 

Con un comunicato, Don Chisciotte spiega la questione in questi termini: “Il problema è nato dalla mancanza di un elemento formale che – tuttavia – avrebbe potuto causare l’inammissibilità della domanda. In breve, il processo tributario può essere regolarmente incardinato nei confronti di determinate tipologie di atti specifici come sanzioni, cartelle di pagamento o dinieghi di rimborso, nel nostro caso non presenti. Si sarebbe potuto insistere nell’azione. Del resto quale efficacia ha un sistema che attribuisce ai cittadini un diritto senza prevedere in concreto la possibilità di esercitarlo se non a seguito di sanzioni? Abbiamo tuttavia preferito adottare un approccio più prudente. Prima di iniziare l’azione abbiamo presentato un’istanza di rimborso al Comune di Roma in nome e per conto dei ricorrenti richiedendo la riduzione del tributo. Il Comune (come prevedibile) non ha risposto entro i 90 giorni di tempo rigettando tacitamente la richiesta.  Ciò ci ha consentito di introdurre il ricorso contro il diniego di rimborso che rappresenta una delle ipotesi espressamente consentite dalla legge per adire il Giudice Tributario. In altri termini, siamo stati costretti ad un passaggio in più per evitare problemi di natura formale che, nel nostro paese, spesso possono rivelarsi insormontabili. ”

Infatti, circa quattro mesi fa, quando il ricorso era ad un passo dall’iscrizione e l’annuncio dell’imminente deposito era già stato dato, un funzionario adombrò il dubbio sulla necessità o meno del passo stragiudiziale e nel dubbio, si è preferito procurarsi quest’ulteriore elemento.

42568156_700898350268348_7236225376349847552_nDice Noemi De Santis, segretaria e addetta alla comunicazione: “siamo molto contenti di essere arrivati a questo punto, ringraziamo il consiglio che ci è stato dato di esperire prima tutte le vie bonarie di conciliazione, richiedendo direttamente ai referenti la transazione, cui non è giunto segno di risposta. Ora la parola passa al giudice. L’associazione attende trepidante perché se otterremo un giudizio positivo, questo costituirà un precedente molto importante di democrazia attiva verso il miglioramento della governance della nostra città”.

Luciana Miocchi

 

Immagine

Piazza Bologna: tenta di rapinare tabaccaio – di Alessandro Pino

26 Set

[Roma] Un venticinquenne afgano, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato ieri dai Carabinieri del Radiomobile con l’accusa di tentata rapina aggravata. Il malvivente nel tardo pomeriggio è entrato in una tabaccheria di piazza Bologna e, dopo aver sferrato un violento calcio al bancone, ha minacciato con un coltello il titolare per farsi consegnare l’incasso giornaliero. La resistenza della vittima ha fatto desistere il rapinatore che è fuggito a piedi, venendo però rintracciato dai militari poco dopo in piazzale delle Province con in tasca il coltello. L’arrestato è stato portato in caserma in attesa del rito direttissimo.

Alessandro Pino

(foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Fermato per droga a Talenti – di Alessandro Pino

24 Set

[Roma] Un ventiquattrenne napoletano, fermato per un controllo a via Ugo Ojetti – quartiere Talenti – da agenti delle Volanti, è stato arrestato. Il giovane, a carico del quale sono risultati precedenti di polizia, era stato trovato in possesso di alcuni grammi di hashish. Durante una successiva ispezione nella sua abitazione a Fonte Nuova sono stati trovati altri novanta grammi di droga.

Alessandro Pino

Immagine

Retata del Commissariato Fidene e Gruppo Nomentano contro le occupazioni abusive – di Alessandro Pino

17 Set

“Anaconda” è il nome in codice di una operazione investigativa che ha portato a sei arresti – tra cui dipendenti Ater e del Comune di Roma – eseguiti da personale del commissariato Fidene Serpentara e del III Gruppo Nomentano della Polizia Locale Roma Capitale contro la corruzione nelle assegnazioni degli alloggi e dei locali commerciali dell’ ATER. Agli arrestati vengono contestati – tra gli altri – i reati di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio, accesso abusivo a sistema informatico e telematico, falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. Le indagini partite tre anni fa hanno evidenziato un sistema corruttivo posto in essere da dipendenti dell’ A.T.E.R. di Roma e del Comune di di Roma, unitamente ad altri soggetti tra cui pregiudicati, finalizzato a creare un canale parallelo ed illegale per l ‘assegnazione di alloggi ERP di proprietà dell’ATER in violazione degli ordinari bandi di assegnazione e con la produzione di documentazione falsa per dare una parvenza di legittimità a quelle che di fatto erano vere e proprie occupazioni abusive. In tal senso i controlli sulle utenze degli indagati hanno evidenziato inequivocabilmente due figure, dipendenti pubblici dell’A.T.E.R di Roma, dediti a compiere atti contrari al loro ufficio: previo compenso in danaro producevano e protocollavano nulla osta falsi su carta intestata A.T.E.R al fine di consentire l’allaccio delle utenze domestiche e l’ottenimento della residenza. Il compenso era variato: 1500 /2000 euro per gli indirizzi degli alloggi da occupare e 1000 euro per i nulla osta falsi dell’ATER .

Alessandro Pino

(immagini degli arresti: Questura di Roma)

Immagine

Quando il viadotto Malpasso cadde come il Morandi: una tragedia di Roma Nord – di Alessandro Pino

16 Set

La tragedia del ponte Morandi a Genova ha destato nella memoria dei residenti di Roma Nord il ricordo di un altro disastro accaduto a un viadotto autostradale che sembrava sepolto dall’oblio del tempo e invece grazie anche a un post su Facebook è tornato di colpo ben vivo nei ricordi di chi c’era o ne aveva sentito parlare in famiglia: il crollo del viadotto Malpasso, accaduto una mattina di fine settembre del 1961 sull’autostrada Roma Firenze allora in costruzione nel territorio che oggi fa parte del Terzo Municipio della Capitale lungo l’attuale Diramazione Roma Nord. Una delle travi prefabbricate precipitò all’improvviso travolgendo alcuni operai: morirono in sei e altri rimasero gravemente feriti. Sulla data esatta un libro cita il 25, un lunedì, ma chi quel giorno era presente ricorda altrimenti: «Era domenica e ci dissero di andare a lavorare – ricorda il signor Fernando, uno dei superstiti, ora ottantacinquenne – erano le undici, tutto a un tratto siamo andati giù». Un volo di trenta metri a cui sopravvisse miracolosamente ma con uno squarcio nel torace provocato da un tubo conficcatosi in esso; Fernando rimase in coma tre mesi ricevendo l’estrema unzione, poi si riprese pur lasciando sul tavolo operatorio tre metri di intestino ed è oggi uno dei residenti storici di Settebagni. In una trattoria della borgata andavano a mangiare gli operai dopo il lavoro: «Li conoscevo tutti quelli che sono morti – scrive Rosanna che allora era una ragazzina e aiutava la mamma a condurla – li stavamo aspettando per il pranzo e ci è arrivata la notizia. È stato un grande dolore. La moglie di una vittima, un signore toscano, dopo un po’ di tempo volle conoscerci e ringraziarci perché il marito le aveva parlato bene di noi». Beffardo il destino di uno dei superstiti che quel giorno si salvò rimanendo aggrappato ma morì qualche tempo dopo in un altro incidente sul lavoro, cadendo in un pozzo: l’appuntamento con la morte era stato solo rinviato.
Alessandro Pino

Immagine

Pescheria Settemari: a Settebagni è di casa la freschezza – di Alessandro Pino

14 Set

Parlando di Settebagni e delle prospettive future del quartiere, spesso gli abitanti lamentano la scarsità di attività commerciali che non siano supermercati per le necessità quotidiane, il che vuol dire essere costretti a spostamenti in macchina verso altre zone. Incontrerà dunque il favore del pubblico, la recentissima apertura della “Pescheria Settemari” in via Salaria 1460 a opera di quattro giovani imprenditori e residenti: Martina, Laura, Massimiliano e Massimo, non solo soci in affari ma compagni anche nella vita. È Laura a spiegare quale è stata l’idea da cui è nata la loro iniziativa: «La pescheria a Settebagni e nelle zone limitrofe mancava. È qui che viviamo, ci teniamo molto e abbiamo pensato ci fosse bisogno di modernizzarlo con delle nuove attività come chiedono le persone del posto. C’era la voglia di accontentare il quartiere, di migliorarlo, apportando qualcosa di buono». La carta vincente della Pescheria Settemari la illustra Martina: «Il cliente trova da noi una qualità superiore a quella dei supermercati e il sorriso accogliente dei ragazzi che lavorano qui con noi, perché quando si compra ci deve essere anche l’allegria». Alla base di questa nuova attività c’è dunque entusiasmo, freschezza di idee oltre che dei prodotti offerti, ma anche una solida preparazione: «Prima di cominciare abbiamo studiato la materia svolgendo delle ricerche e abbiamo chiesto la consulenza di persone nell’ambiente – spiegano le ragazze – individuando così dove andare a rifornirci scegliendo il pesce migliore per dare una qualità e freschezza superiori». Per il futuro, poi, c’è dell’altro che bolle in pentola (letteralmente…): «Il nostro progetto è anche quello di vendere il pesce già cucinato preparando dei fritti, per dare una novità e un servizio in più. E’ un’idea su cui stiamo lavorando». Le offerte della Pescheria Settemari si possono seguire anche sulla sua pagina Facebook e per ogni informazione si può telefonare allo 06 88562424.
Alessandro Pino

Immagine

Trastevere: scippa la pizza e prende a calci i Carabinieri – di Alessandro Pino

12 Set

[Roma] Un marocchino quarantanovenne senza fissa dimora e con numerosi precedenti alle spalle è stato arrestato dai Carabinieri con le accuse di furto aggravato, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. L’uomo, in evidente stato di alterazione psicofisica, si è avvicinato ad uno dei tavoli esterni di un ristorante a piazza Trilussa e ha sfilato rapidamente dal piatto di un cliente la pizza che il cameriere gli aveva appena servito. Ne è nato un putiferio, con il titolare del ristorante che ha chiamato il “112”: ma alla vista dei Carabinieri, il marocchino si è rifiutato di fornire le proprie insultandoli e tentando di colpirli con calci e pugni nel tentativo di sottrarsi all’identificazione. Alla fine è stato immobilizzato e portato in caserma, dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito direttissimo.

Alessandro Pino

(foto di repertorio)

Immagine

Talenti: rapinato del cellulare a calci e pugni – di Alessandro Pino

11 Set

[Roma] Violenta aggressione a scopo di rapina la sera del 10 settembre in via Ugo Ojetti. Vittima un italiano trentaduenne, aggredito a calci e pugni da due stranieri in un parcheggio per sottrargli il cellulare. I due malviventi sono stati individuati e bloccati poco dopo da equipaggi delle Volanti e del Commissariato Fidene Serpentara. La vittima, accompagnata in ospedale, ha riportato lesioni guaribili in otto giorni.

Alessandro Pino

Immagine

Il futuro di Settebagni si inizia a progettare mercoledi 12 settembre con l’avvio dei tavoli sulla Centralità Settebagni – di Luciana Miocchi

10 Set
Mercoledì 12 settembre alle ore 18.30,   presso la sede del Comitato di Quartiere di Settebagni, in via Salaria 1403 (campo Angelucci) si terrà una riunione per l’avvio del percorso partecipativo riguardante la centralità locale di Settebagni, attraverso la costituzione di tavoli di lavoro a cui ci si potrà iscrivere sia durante l’incontro sia nei giorni successivi.
Annunciata la partecipazione, tra gli altri, dell’Assessore all’Urbanistica e Vicepresidente del III Municipio, architetto  Stefano Sampaolo, di funzionari dell’ufficio Tecnico Municipale, dell’Ufficio Urbanistica PAU del comune di Roma e di Risorse per Roma inviati dall’assessore capitolino Luigi Montuori.
Il CdQ raccomanda la massima partecipazione di tutti quanti siano interessati, vista l’importanza per la vita futura del quartiere.

Si legge infatti sul sito del Comitato: ” La centralità ha come obiettivo di designare un assetto urbanistico organico ed integrato di Settebagni, attraverso la sistemazione degli spazi pubblici, delle attrezzature di interesse pubblico esistenti e di progetto con adeguati livelli qualitativi che considerino l’integrazione di tutti gli aspetti (utilizzazione degli spazi pubblici, spazi per la raccolta rifiuti, arredo urbano, tessuti con attrezzature  pubbliche o di uso pubblico da riqualificare, aree di per servizi pubblici da di livello urbano, aree per l’infrastruttura per la mobilità, ecc) e favoriscano la riconnessione tra le due parti del quartiere, mitigando la frattura costituita dalla linea ferroviaria (rientra in questo anche il progetto mai realizzato dell’allargamento del ponte di via Sant’Antonio di Padova, il rifacimento delle strade, dissesto idrogeologico, obblighi delle convenzioni urbanistiche, piste ciclabili, PAP, ecc).

Vi sarà anche una parte dedicata al potenziamento a al consolidamento delle attività commerciali esistenti sul territorio e di quelle future che sceglieranno Settebagni per essere avviate. Tutte le informazioni al seguente link (http://comitatosettebagni.blogspot.com/2018/07/processo-partecipativo-centralita.html

 

Luciana Miocchi
Immagine

Il marciapiede liberato – di Luciana Miocchi

10 Set

Stavolta una segnalazione in positivo. Stamattina operai della municipalizzata erano al lavoro sul marciapiede che va dall’ingresso del parco Nobile al capolinea del 135 e del 039, a Settebagni.

Dall’arrivo della primavera, con la sua rinascita floreale, il marciapiede di via salaria lato via Piombino era divenuto impraticabile. Le foto scattate appena venerdì 7 settembre, come ultima testimonianza sconsolata, parlavano chiaro: talmente erano cresciuti, piante, erbacce e rovi, che nemmeno camminando sul ciglio di marmo si riusciva a non scendere sulla sede stradale.

Si spera ora, che a seguito dell’annuncio di ripristino della programmazione della manutenzione delle zone, fatta dal Presidente del Municipio, Giovanni Caudo durante l’intervento al tavolo sul Tmb e i rifiuti del 6 u.s., non si dovranno più attendere mesi per liberare un marciapiede dal normale straripamento della natura.

(si ringrazia Raffaella Rullo per le immagini)

Luciana Miocchi

Immagine

Porta di Roma: per rubare un mp3 colpisce il vigilante – di Alessandro Pino

8 Set

La Polizia ha arrestato ieri mattina per rapina impropria presso la Galleria Commerciale Porta di Roma un ventiquattrenne con precedenti specifici. Il delinquente era stato sorpreso da un addetto alla vigilanza di uno dei negozi mentre cercava di rubare un lettore mp3. A quel punto per fuggire ha colpito l’operatore della security ma gli è andata male: sul posto era presente una pattuglia del Commissariato Fidene Serpentara che lo ha ammanettato.

Alessandro Pino

Immagine

Talenti: spacciatore in manette – di Alessandro Pino

8 Set

(Roma) Uno spacciatore romano ventiquattrenne è stato arrestato dalla Polizia a via Ugo Ojetti, nel quartiere Talenti. Gli investigatori del Commissariato Fidene – Serpentara durante un servizio antidroga lo avevano visto seduto in un’ auto parcheggiata con lo sportello aperto; sospettando che fosse un pusher in attesa di clienti si sono appostati. Per l’appunto poco dopo è arrivato un cliente e sono intervenuti all’avvenuto scambio di droga e denaro. Nascosti nel tetto della macchina dello spacciatore c’erano altre dosi di cocaina e sono stati trovati oltre 1.600 euro, ritenuti probabile provento dell’attività illecita.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Questo week end si firma pro Salvini anche al Mercatino Conca d’Oro – di Alessandro Pino

7 Set

Anche in Terzo Municipio come nel resto della Capitale è stata organizzata per sabato 8 e domenica 9 settembre una raccolta di firme per esprimere solidarietà al Ministro dell’Interno e Vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini, finito indagato in seguito alla vicenda della nave Diciotti. <Trovo assurdo che un ministro della Repubblica nell’esercizio delle sue funzioni venga indagato per aver difeso gli italiani – dichiara al riguardo Fabrizio Bevilacqua, consigliere municipale a Monte Sacro del gruppo Lega Salvini Lazio – quel ministro non va indagato, ma elogiato e sostenuto, come faremo insieme a tanti altri cittadini nei punti di raccolta firme>. Proprio Bevilacqua insieme ai suoi colleghi consiglieri del gruppo Lega Salvini Lazio (Mario Astolfi, Pino Salvati e Francesco Maria Bova) ha organizzato uno dei punti di raccolta firme in Terzo Municipio, per la precisione quello situato presso lo stand 16 A del Mercatino Conca d’Oro. <Possono dire e fare ciò che vogliono, ma un popolo non si ferma – aggiunge Mario Astolfi – nonostante tutti coloro che vedono il vice premier come il male assoluto, noi la risposta la cerchiamo e la troviamo tra la gente comune>. Il Mercatino Conca d’Oro si trova in via Conca d’Oro 143 e sarà possibile firmare dalle 10 alle 19.

Alessandro Pino

Immagine

Piazza Fiume: parcheggiatore abusivo in manette – di Alessandro Pino

6 Set

[Roma] Un trentunenne somalo gravato da numerosi precedenti e irregolare sul territorio nazionale, è stato arrestato a piazza Fiume nella tarda serata di ieri dai Carabinieri della Stazione Roma Parioli con l’accusa di tentata estorsione. L’uomo, svolgendo l’attività di parcheggiatore abusivo ha avvicinato una ragazza romana che aveva appena posteggiato il veicolo pretendendo “un’offerta”. Al rifiuto della ragazza l’energumeno è andato su tutte le furie e dopo aver aggredito verbalmente la giovane, le ha intimato di consegnargli subito dei soldi altrimenti le avrebbe graffiato la macchina. La povera ragazza ha ceduto al ricatto ma subito dopo si recata dai Carabinieri per denunciare l’accaduto. I militari, dopo aver raccolto tutte le informazioni sul parcheggiatore abusivo, hanno inviato una pattuglia a piazza Fiume che ha individuato l’uomo corrispondente all’identikit fornito dalla vittima, bloccandolo. Lo straniero è stato ammanettato e portato in caserma, dove è stato trattenuto in attesa del rito direttissimo.

Alessandro Pino

(foto repertorio)

Immagine

Piazza Gimma: inseguito rapinatore travestito da postino – di Alessandro Pino

6 Set

[Roma] È terminato in piazza Gimma nel quartiere Africano l’inseguimento di un rapinatore trentaduenne

romano con vari precedenti, arrestato ieri mattina dagli agenti della Polizia di Stato in flagranza di reato per una rapina a mano armata consumata pochi minuti prima all’interno di una farmacia nel quartiere Tiburtino. Gli agenti delle Volanti in servizio nella zona erano intervenuti su segnalazione della locale Sala Operativa in una farmacia nei pressi di via Monti Tiburtini, per una rapina attuata da un giovane travestito da postino che ha minacciato le dipendenti con una pistola e arraffato circa 400 euro, fuggendo poi a bordo di uno scooter delle Poste Italiane. Le farmaciste durante la rapina sono riuscite ad attivare l’allarme collegato con la Sala Operativa e in tal modo i poliziotti hanno potuto intercettare il mezzo bloccandolo a piazza Gimma dopo un inseguimento durante il quale il rapinatore ha urtato alcuni mezzi in sosta e per due volte la volante della Polizia. Caduto a terra, il rapinatore è stato immobilizzato nonostante la resistenza opposta. La perquisizione personale ha fatto trovare la refurtiva e l’arma usata per la rapina, una scacciacani senza tappo rosso. L’uomo è stato portato negli uffici del commissariato Vescovio e da accertamenti è risultato autore di una rapina simile avvenuta martedì scorso a Talenti con le stesse modalità e travestimento. Il ciclomotore delle Poste Italiane è risultato rubato ai danni di un portalettere durante la sua attività lavorativa. Il criminale è stato portato in carcere per i reati di rapina aggravata dall’uso

delle armi.

Alessandro Pino

(immagine Questura di Roma)

Immagine

Ritirata in Campidoglio la delibera 75/2018. Il rischio pedaggio sull’anello ferroviario è stato rinviato a fine Settembre – di Luciana Miocchi

5 Set

40797667_10155701573811272_6171851056411049984_nDopo che la discussione era saltata per mancanza di numero legale nella seduta di ieri, 4 settembre, oggi la contestatissima delibera 75/2018,  contenente la previsione di una “congestion charge” – per dirla all’inglese – o “ecopass” che dir si voglia, ovvero la tassa d’ingresso per le auto private che entrano o escono dall’anello ferroviario, circa 30 km quadrati all’interno della città di Roma e l’intento di rendere il Gra a pagamento è stata ritirata. I prodromi erano inequivocabili, con tutta una serie di “malumori” manifestati dai consiglieri comunali della maggioranza e la ondata di insulti e proteste montata su Twitter e Facebook.

Giuliano Pacetti, capogruppo M5S in Campidoglio, attraverso il comunicato riportato dalla Askanews così dà conto dell’accaduto: “Annuncio il ritiro della delibera e ci proponiamo di ripresentarla a metà di settembre. Mi sento,
contestualmente, di smentire quanto scritto oggi dai giornali: il gruppo è compatto e la materia in discussione è contenuta nelle specifiche delle Linee programmatiche della Giunta quindi ampiamente condivise”. Nella Capigruppo di ieri, ha aggiunto
Pacetti “le altre forze politiche ci hanno teso la mano annunciando la loro volontà di partecipare a una stesura condivisa delle sue previsioni e noi in maniera democratica
vogliamo rispondere a questa volontà in modo positivo”.

Antongiulio Pelonzi, capogruppo Pd, è stato laconico nel riferire a LaPresse: “Il Movimento 5 Stelle ha deciso di ritirare la delibera su Ecopass”.

Nel suo intervento in aula, la consigliera Ilaria Piccolo, Pd, ha risposto alla notizia del ritiro così: “Mi sento presa per i fondelli , perché noi chiediamo una condivisione delle decisioni sulla mobilità da un anno e mezzo. Oggi siamo in Aula per un pugno di mozioni e due debiti fuori bilancio, con uno spreco di energie e risorse che si poteva evitare partendo da quel Pgtu che la precedente amministrazione ha approvato e di cui l’ecopass era solo un aspetto marginale”.

“Se a metà settembre ripresenterete l’ecopass noi continueremo a opporci nettamente e più che potremo perché lo riteniamo insensato allo stato attuale del trasporto pubblico a Roma – ha spiegato intervenendo in Aula il capogruppo di Fdi Andrea De Priamo -. Non ci può essere partecipazione su misure come quella di cui salutiamo positivamente il ritiro”, ha concluso.

Dopo l’approvazione delle due delibere contenenti il riconoscimento di due debiti fuori bilancio del Comune di Roma la seduta è stata tolta.

Luciana Miocchi

Immagine

Collatino: rapina disabile in sedia a rotelle e prende a calci la Volante – di Alessandro Pino

5 Set

Un libico cinquantenne è stato arrestato dalla Polizia per aver rapinato e minacciato un disabile al Collatino. La vittima prendeva un po’ d’aria sulla sua sedia a rotelle nel cortile di uno stabile quando l’aggressore tenendogli ferme le mani e minacciandolo gli ha aperto il marsupio portandogli via il telefono e settanta euro. Sulle tracce del rapinatore si sono messi agenti della Polizia di Stato del commissariato San Basilio e del Reparto Volanti: il libico è stato individuato all’interno di un vicino parco pubblico e bloccato, ma una volta fatto salire sulla macchina di servizio ha iniziato a sbattere la testa violentemente contro il finestrino, autolesionandosi e danneggiando il veicolo con calci. Medicato al pronto soccorso, è stato arrestato per rapina aggravata e denunciato per minacce gravi, resistenza e danneggiamento ai beni dello Stato .

Alessandro Pino

(foto repertorio)

Immagine

Tufello: pusher nascondeva la droga in un albero – di Alessandro Pino

5 Set

Un ventiduenne romano con precedenti di polizia è stato arrestato in via Monte Crocco al Tufello da agenti del Commissariato Fidene Serpentara nel pomeriggio del 3 settembre. Durante un appostamento, il giovane è stato visto mentre prelevava dai pressi di un albero un involucro contenente droga per consegnarlo a un cliente. Dalla perquisizione sono saltati centodieci euro in contanti mentre altra cocaina era nascosta sulla corteccia dell’albero.

Alessandro Pino

(foto repertorio)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: