Annunci
Archivio | marzo, 2018
Immagine

Teppisti a Monte Sacro: vandalizzata la scalinata di via Cilento – di Alessandro Pino

31 Mar

Teppaglia in azione nel cuore di Monte Sacro la scorsa notte: ignoti hanno distrutto la colonnina in muratura che stava in cima alla scalinata di via Cilento, lasciandone i frantumi sui gradini. La foto dello scempio è stata pubblicata in rete dal presidente del CdQ Talenti, Manuel Bartolomeo. Alcune settimane fa un analogo episodio si era verificato sulla scalinata di via Titano, adiacente la sede del Terzo Municipio di piazza Sempione

Alessandro Pino

Annunci
Immagine

Via Crucis con Passione Vivente a Settebagni – di Alessandro Pino

31 Mar

La sera del 30 marzo si è svolta a Settebagni la tradizionale Via Crucis del Venerdí Santo per le strade del piccolo quartiere nel Terzo Municipio della Capitale, quest’anno arricchita nella forma di Passione Vivente con alcuni residenti in costume a interpretare i personaggi del Vangelo. L’appuntamento è stato prova del fervore religioso degli abitanti del quartiere, accorsi numerosi grandi e piccoli a dispetto del maltempo. Il corteo guidato dal parroco don Ruben è partito dai giardinetti di via Sant’Antonio di Padova proseguendo lungo la Salaria inscenando le varie stazioni della Via Crucis.

Alessandro Pino

Immagine

Elezioni in III Municipio: i primi a intervenire LeU. Messaggio al Pd – di Luciana Miocchi

30 Mar

DAVID TOZZO.jpg

Quella parte della sinistra che alle ultime elezioni municipali era rimasta fuori dal parlamentino di Piazza Sempione attendeva con impazienza l’annuncio della fissazione della prossima tornata elettorale. Il prossimo dieci giugno, in fin dei conti, hanno solo da guadagnare, dal risultato delle urne. Dice David Tozzo, segretario municipale di Possibile “Come Possibile, e come Liberi e Uguali, saremo senz’altro in campo per riportare la sinistra – che manca da ormai due anni – in municipio. Il tentativo deve essere e sarà quello di allargare il campo alle forze della ‘sinistra diffusa’ e del civismo attivo, non chiudendo le porte pregiudizialmente a nessuno, ma per quanto concerne il campo del centrosinistra senz’altro chiedendo grandi discontinuità in primis programmatiche e di politiche che hanno diviso, invelenito il nostro campo largo, con esiti disastrosi per tutti. Il nostro municipio dei quasi 800 comuni al voto, se fosse tale, rappresenterebbe il terzo comune più grande dell’intero Paese: evitando con umiltà di fare proclama reboante, certamente sussiste l’auspicio di farlo divenire un cantiere di rigenerazione di sinistre unite e progressismi antipopulisti per ridurre le disuguaglianze che percorrono e feriscono il Paese, nostro territorio compreso”.

Come vi proporrete in terzo municipio,  o è troppo presto per svelare candidature e strategie? Ancora non è deciso se con lista di sinistra (come 2016) o coalizione più ampia con il PD. Di certo, se il candidato fosse del PD  fosse renziano, sarebbe molto difficile fare alleanza. In discussione anche le primarie.
Luciana Miocchi

Immagine

Il Ministero dell’Interno ha fissato le date per il voto: anche il III Municipio di Roma andrà al voto il 10 giugno – di Luciana Miocchi

30 Mar

marco_minniti.jpgLa notizia risale a poco più di un’ora fa, il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ha fissato, con proprio decreto, la data per lo svolgimento delle elezioni dei Sindaci, dei Consigli comunali e di quelli circoscrizionali nelle regioni a statuto ordinario per domenica 10 giugno 2018. L’eventuale turno di ballottaggio si svolgerà due domeniche dopo, il 24 giugno.

Roma è direttamente coinvolta, essendoci due Municipi, l’VIII e il III, che torneranno nuovamente alle urne, dopo due anni dalle elezioni del 2016. Nel primo caso, a seguito delle dimissioni del presidente Paolo Pace, a marzo dello scorso anno, nel secondo, in conseguenza della sfiducia alla presidente Roberta Capoccioni, durante un consiglio in cui l’opposizione, divenuta ormai maggioranza, lo scorso febbraio spedì tutti a casa con 13 voti a favore, contro i 12 dei grillini.

Ora è caccia al candidato e alle possibili combinazioni di alleanza, nessuno può permettersi di perdere questa occasione, che suona come un giudizio di metà mandato anche per l’operato della Giunta Capitolina: le opposizioni accarezzano il sogno di conquistare i due Municipi, dando così scacco alla Sindaco Raggi, che a sua volta non può concedere un arretramento di tale portata.

Luciana Miocchi

Immagine

Un grande uovo e un grande cuore per i piccoli malati – di Alessandro Pino

29 Mar

Un uovo di cioccolato grande quanto una persona è il simbolo della più recente iniziativa di raccolta fondi della associazione “Infinito amore da Emanuele Ciccozzi”, onlus intitolata al giovanissimo residente del quartiere Talenti scomparso qualche anno fa per una malattia ematologica. La raccolta si è tenuta presso la scuola elementare “Caterina Usai” di via Alberto Savinio, la stessa frequentata fino all’ ultimo dal piccolo Emanuele, cui è anche intitolata l’ aula teatro dell’istituto. Le donazioni ottenute dalla vendita di uova pasquali (dalle dimensioni convenzionali) e dalla riffa avente in palio appunto il maxiuovo servono per finanziare progetti di sostegno rivolti a chi deve affrontare il doloroso cammino di sofferenza legato alla malattia di un bambino (non esclusivamente terminale) per il recupero di un minimo di “normalità” nella vita quotidiana, come ad esempio una borsa di studio in Psicologia a favore dell’ equipe di assistenza domiciliare per bambini terminali e la presenza costante in reparto di una psicologa a supporto dello staff medico dell’ Ospedale Bambino Gesù. «Ci impegniamo e ci crediamo – spiega Claudia Colloca, mamma di Emanuele e presidente della associazione – siamo sempre alla ricerca di persone che abbiano voglia di credere con noi in questa visione e che si vogliano impegnare sia negli eventi che nel volontariato». Tutte le informazioni sulle attività si possono avere tramite il sito internet http://www.infinitoamore.org e la pagina ufficiale Facebook “Associazione Infinito Amore da Emanuele Ciccozzi Onlus”.

Alessandro Pino

Immagine

Preso mentre rubava parti di scooter a via Nomentana Nuova – di Alessandro Pino

29 Mar

È stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Libia un trentaseienne romano che la scorsa notte in via Nomentana Nuova aveva sottratto da uno scooter parcheggiato in strada gli specchietti retrovisori, le frecce e anche la targa

È stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Libia un trentaseienne romano che la scorsa notte in via Nomentana Nuova aveva sottratto da uno scooter parcheggiato in strada gli specchietti retrovisori, le frecce e anche la targa. Lo scooter appartiene a una società di motonoleggio. Il malvivente, con precedenti specifici, ha dichiarato ai Carabinieri che gli servivano dei ricambi. I militari perquisendo la sua macchina hanno scoperto e sequestrato numerosi attrezzi da scasso. L’ uomo è ai domiciliari in attesa dell’udienza di convalida, nel corso della quale dovrà rispondere di tentato furto aggravato e possesso di chiavi alterate e / o grimaldelli.

Alessandro Pino

Immagine

Tor Lupara: presi mentre rubavano una macchina a via Gioberti – di Alessandro Pino

27 Mar

Un ventiduenne è stato arrestato e tre minorenni sono stati denunciati a piede libero dai Carabinieri a Tor Lupara per concorso in tentato furto di autovettura. I quattro ladruncoli sono stati sorpresi a via Gioberti mentre cercavano di forzare con un cacciavite il blocchetto di accensione di una microcar parcheggiata in strada. Il ventiduenne è stato messo ai domiciliari mentre i tre complici minorenni sono stati affidati ai genitori.

Alessandro Pino

Immagine

Via dei Durantini: venticinque anni di carcere per la zingara presa a rubare – di Alessandro Pino

27 Mar

Leggendo le cronache che riportano gli arresti di ladri di appartamenti, il commento più comune solitamente è “tanto domani saranno giá fuori”. Stavolta peró difficilmente andrá così a una zingara romena trentacinquenne proveniente dal campo di via Lombroso, fermata dai Carabinieri in via dei Durantini al Tiburtino mentre cercava di scassinare due appartamenti assieme a un connazionale minorenne addirittura mentre erano presenti i legittimi abitanti. La proprietaria di una delle case ha chiamato il 112 e i Carabinieri hanno preso i due ladri. Dalle impronte digitali della donna si è risaliti a due altre identitá dichiarate in passato, entrambe gravate da provvedimenti. A carico del primo nome è risultato un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso a dicembre dello scorso anno dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Roma che l’ha condannata ad espiare la pena di venticinque anni, undici mesi e nove giorni di reclusione per numerosi reati contro il patrimonio commessi tra il 2001 e il 2017 in tutta Italia e in particolare a Roma. Per le seconde generalità è emerso un ordine di custodia cautelare in carcere datato 9 gennaio 2018 originato da continue violazioni degli arresti domiciliari cui era sottoposta a seguito di una precedente condanna per furto. La zingara è stata rinchiusa nel carcere di Rebibbia mentre il suo complice minorenne, dopo che una visita antropologica ha stabilito che era comunque maggiore di quattordici anni, è stato arrestato portato nel Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli.
Alessandro Pino

Immagine

Cavi elettrici tranciati durante il taglio di un albero. Diverse abitazioni al buio

26 Mar

I lavori di potatura e disboscamento sul terreno sopra il capolinea degli autobus di via Salaria, a Settebagni, erano cominciato questa mattina, ad opera presumibilmente di una ditta incaricata dalle Fs, proprietaria di almeno una parte dell’area, condizionale d’obbligo in quanto il mezzo non riportava insegne.

Tutto regolare fin verso le quattordici, quando due cavi della media tensione sono rimasti troncati per errore, lasciando senza energie elettrica le utenze che ne erano alimentate. Poco dopo gli operai della ditta che stavano eseguendo i lavori, si sono allontanati.

Acea è stata avvertita tramite il servizio segnalazione guasti

Silvio D’Antonio

Immagine

Ricostruita la casamatta delle condutture a Settebagni – di Alessandro Pino

24 Mar

È stata finalmente ricostruita la casamatta in cemento a protezione di alcune grandi tubature lungo la Salaria interna a Settebagni, nei pressi dell’ incrocio con la salita della Marcigliana. Al momento di pubblicare questo articolo il cemento della copertura è ancora fresco. Il manufatto precedente era andato distrutto alcune settimane fa dopo l’ urto da parte di un mezzo pesante. Grazie dunque al locale Comitato di Quartiere che si è attivato segnalando la situazione agli uffici competenti. Meno grazie, invece, all’ ignoto lurido incivile che ieri, mancando ancora la copertura della casamatta, ne ha approfittato scaricandoci dentro i cinescopi di due vecchi monitor che adesso sono adagiati di fianco la vicina campana per la raccolta vetri.

Alessandro Pino

Immagine

Quella maledetta sindrome dello zozzone – di Luciana Miocchi

23 Mar

Dopo mesi di segnalazioni, telefonate, solleciti, compresa una caduta documentata, finalmente i lavori per la ricostruzione del manufatto (così viene nominato nel carteggio di risposta tra le istituzioni e il Cdq) che protegge una tubatura nei pressi della farmacia di Settebagni sono iniziati. Al momento di togliere le assi servite per gettare il cemento armato, la sgradevole sorpresa. Qualcuno, approfittando della barriera creata dagli assi, dai paletti e dai nastri di segnalazione, ha gettato all’interno monito e vecchi tubo catodici. Tanto, prima o poi, qualcuno interverrà a raccogliere quello che questi zozzoni da strapazzo hanno buttato. Si rammenta a tutti gli interessati, con una coscienza civile, che il punto di raccolta degli ingombranti più vicino a Settebagni, gestito da Ama, si trova in via della Bufalotta, accessibile tutto i giorni lavorativi ed è completamente gratuito.

(si ringrazia per la foto Antonio Colletta)

Luciana Miocchi

Immagine

Val Melaina: macellaio in arresto per droga – di Alessandro Pino

23 Mar

Il titolare di una macelleria in zona Val Melaina, un quarantanovenne romano, è stato arrestato dalla Polizia di Stato nel corso di servizi di contrasto allo spaccio di stupefacenti. Quando i poliziotti dopo alcune indagini si sono presentati nella macelleria, l’ uomo cercando di alleggerire la sua posizione, ha consegnato egli stesso pochi grammi di cocaina presi da un cassetto sotto il bancone della carne, ma non ha convinto gli investigatori che hanno comunque perquisito i locali. Tra i motori delle celle frigorifere hanno infatti trovato più di quattrocento dosi di cocaina. Sequestrati anche oltre tremila euro che il macellaio teneva fuori cassa. Inoltre perquisendo l’abitazione del macellaio sono stati trovati cinquanta grammi di hashish nascosti in bagno. L’uomo finito agli arresti domiciliari.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

Viale Somalia: trovato con arnesi per scassinare i negozi – di Alessandro Pino

23 Mar

Denunciato dai poliziotti del Commissariato Vescovio un cinquantaseienne romano – noto per la sua abilitá nel forzare le vetrine dei negozi – trovato a viale Somalia con numerose chiavi e uno zaino contenente arnesi da scasso. L’ intervento dei poliziotti era stato richiesto dai commessi di un negozio allarmatisi dopo che avevano riconosciuto l’ uomo, noto come “il re delle vetrine”. I commessi si erano avvicinati temendo stesse per compiere l’ ennesimo furto e a quel punto il malvivente ha cercato di allontanarsi, venendo peró da loro ostacolato nel tentativo di rallentarne l’ uscita dal negozio nell’ attesa della Polizia, giunta poco dopo. Gli agenti, visto il nervosismo dell’ uomo, lo hanno perquisito controllando anche la sua macchina, dove c’ era l’ attrezzatura necessaria per aprire le serrature. È stato portato in commissariato e denunciato.

Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

Immagine

San Basilio: smantellata piazza di spaccio – di Alessandro Pino

23 Mar


Una piazza di spaccio è stata smantellata e due persone – una donna di trentasette anni e un ventitreeenne – sono state arrestate mentre un diciassettenne è stato denunciato a piede libero dai Carabinieri nel quartiere di San Basilio. I tre erano già conosciuti dalle forze dell’ordine per i loro trascorsi negli ambienti della droga. Lo spaccio avveniva in un vicoletto di via San Benedetto del Tronto a opera dei due maschi, tra loro cugini, mentre la donna sostava nei pressi di un vicino bar tabacchi con il compito di indirizzare da loro i compratori e avvisare dell’ eventuale presenza di “guardie”. I militari peró sono arrivati in borghese beccando in flagranza il ventitreenne mentre cedeva dosi di cocaina a un acquirente che è stato identificato e segnalato alla Prefettura, mentre il cugino complice incassava i soldi. Successivamente, i Carabinieri sono riusciti a bloccare anche la donna che aveva cercato di fuggire. Nella perquisizione sono state trovate oltre duecento dosi di cocaina e altre decine di marijuana e hashish e un migliaio di euro in contanti, provento dello spaccio.

Alessandro Pino

(foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Monterotondo: ladri di appartamento presi in via Turati – di Alessandro Pino

20 Mar

Due romeni giá noti alle Forze dell’ Ordine sono stati arrestati nella notte in via Turati a Monterotondo dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia, con l’accusa di tentato furto in abitazione.
I militari si sono insospettiti per l’ andatura spedita in un orario insolito di uno dei malviventi incrociato in via Turati e lo hanno fermato delle verifiche sul suo conto.
Durante il controllo, un altro sospetto è stato visto scavalcare il muro di cinta di una vicina abitazione ed è stato bloccato anche lui. A quel punto si sono sentite le voci di alcuni residenti del posto ed è stato accertato che i due fermati avevano cercato di entrare in una vicina abitazione dopo avere scassinato una delle finestre.
I due ladri di appartamento romeni sono stati arrestati e trattenuti in caserma a disposizione dell’ Autoritá Giudiziaria di Tivoli.
Alessandro Pino

Immagine

Droga al parco Kennedy al Tufello: due arresti – di Alessandro Pino

19 Mar

Due persone (un diciannovenne incensurato e un trentaquattrenne con precedenti) sono state arrestate al Tufello dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro con le accuse di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I due erano stati visti nel nel parco “Kennedy” – tra via Monte Crocco e via Monte Petrella- mentre stavano scavando il terreno per recuperare da una buca alcuni involucri in plastica contenente venti grammi di cocaina. Per questo sono finiti ai domiciliari mentre la droga è stata interamente sequestrata.

Alessandro Pino

(foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

“Riforestazione urbana, alberi per il futuro” ma sembrano stuzzicadenti – di Alessandro Pino

19 Mar

Preannunciata da un intervento in rete di Daniele Diaco – presidente della Commissione capitolina Ambiente – e seguìta da quelli della ormai ex presidente del Municipio Roberta Capoccioni e dell’ assessore capitolino all’ Ambiente Pinuccia Montanari, si è svolta in due fasi (domenica 11 febbraio e sabato 17 marzo) un’ iniziativa del Comune di Roma denominata “#Alberi per il futuro – operazione di riforestazione urbana” con cui sono state messe a dimora nuove piante in alcune zone della cittá incluso il Terzo Municipio, asseritamente anche per sopperire ai numerosi abbattimenti di alberi ritenuti pericolosi: le aree interessate nel Terzo sono il parco Marzano (in via Talli tra la Serpentara e il Nuovo Salario), viale Gino Cervi alle Vigne Nuove e via Pirandello a Talenti. Visionando le immagini dell’ opera di piantagione pubblicate in rete più di qualcuno è rimasto perplesso, al punto da ipotizzare dove possa collocarsi temporalmente il “futuro” citato: ammesso che non soccombano alla calura estiva ci vorranno almeno quindici o venti anni per far diventare effettivamente degli alberi quelli che in tutta evidenza sembrano degli stuzzicadenti alti qualche decina di centimetri e il cui aspetto a dir poco esile suscita ilarità se accostato – come si è fatto – al termine “riforestazione”. Ben che vada, si potrà sdraiare sotto la loro ombra chi oggi viaggia in passeggino.
Alessandro Pino

Immagine

Istruttore di tennis sbrocca e prende a sberle i figli a viale Somalia: in manette – di Alessandro Pino

18 Mar

È finito a Regina Coeli un trentanovenne istruttore di tennis, che in una traversa di viale Somalia ha a strattonato e colpito con schiaffi al volto i propri figli di 10 e 12 anni sotto la cui abitazione si era appostato per incontrarli al rientro da scuola. L’ uomo infatti vive altrove, essendo separato dalla madre dei bambini e avendo subìto la perdita della responsabilitá genitoriale e l’ allontanamento dall’ abitazione a causa di precedenti episodi di maltrattamenti. I due figli hanno cercato di divincolarsi urlando e a quel punto l’ uomo ha perso il controllo. La scena ha spinto alcuni passanti a chiamare il “112” per chiedere l’intervento delle forze dell’ordine. È giunta una pattuglia di Carabinieri della Stazione Roma viale Libia che dopo un controllo ha portato l’ uomo in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa dell’udienza di convalida in cui dovrà rispondere del reato di maltrattamenti in famiglia.

Alessandro Pino

Immagine

Le foto della manifestazione del 17 marzo contro il Tmb Ama – di Alessandro Pino

17 Mar

Si è svolta il pomeriggio del 17 marzo la nuova ennesima manifestazione di protesta contro la presenza dell’ impianto di trattamento rifiuti dell’ Ama in via Salaria. Organizzato dal Comitato di Quartiere Fidene, il corteo è partito da piazza dei Vocazionisti per arrivare in via Cortona a Villa Spada, vale a dire le zone adiacenti il contestatissimo stabilimento.

Alessandro Pino

(foto Fabrizio Bevilacqua)

Immagine

Tenta di rapinare una ragazza e prende a testate, calci e sputi i poliziotti: senegalese arrestato a via Cavour – di Alessandro Pino

16 Mar

Un ventisettenne senegalese senza fissa dimora e con precedenti di polizia è stato arrestato ieri mattina da agenti delle Volanti e dei Commissariati Esquilino e Viminale con le accuse di tentata rapina, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato di beni dello Stato ed è stato inoltre denunciato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. I fatti sono iniziati verso le cinque del mattino del 15 marzo quando gli equipaggi hanno ricevuto la segnalazione di un tentativo di rapinare il cellulare a una ragazza, avvenuto nei pressi della fermata Colosseo della metro B. Le immediate ricerche del soggetto corrispondente alla descrizione hanno avuto esito positivo nei pressi della vicina via Cavour. Il senegalese a quel punto ha cercato di divincolarsi spintonando gli agenti e al momento di venire ammanettato ha colpito il parafango di una delle auto della Polizia ammaccandolo vistosamente. Una volta portato in Commissariato il senegalese ha continuato a dare in escandescenze tentando di colpire i poliziotti con testate, calci e sputi. Intanto dalla perquisizione saltavano fuori anche involucri di droga che teneva nascosti nelle scarpe mentre dagli accertamenti è risultato che solo pochi giorni prima era stato scarcerato ed aveva a suo carico precedenti per stupefacenti, ricettazione, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Non contento, il fermato ha cercato di ferirsi provando a colpire con la testa le pareti e il pavimento dell’ ufficio ed è stato necessario chiamare il 118 per curarlo. Il senegalese è stato processato per direttissima alla fine di una vicenda che è solo una delle innumerevoli testimonianze di una città in cui quotidianamente gli operanti delle Forze dell’ Ordine si trovano a fronteggiare violenti predatori abituali, personaggi senza alcun freno viste anche le normative evidentemente troppo morbide nei loro confronti.
Alessandro Pino

(foto Questura di Roma)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: