Archivio | novembre, 2021
Immagine

Apre il 2 dicembre l’ufficio postale mobile a Settebagni – di Luciana Miocchi

30 Nov

Il Comitato di Quartiere di Settebagni aveva già spedito una pec per rinnovare la richiesta di informazioni circa il destino del furgone di Poste Italiane allestito a ufficio postale mobilie, parcheggiato da alcuni giorni nel piazzale antistante Roma 111, in via Salaria ma non ancora entrato in funzione. Il Cdq ha contattato poste, la presidenza del Municipio, l’Ufficio del Sindaco e Poste. Nel pomeriggio il presidente del Municipio Paolo Marchionne, con una telefonata ha portato la notizia che tutti stavano aspettando: il due dicembre, finalmente, l’ufficio postale mobile aprirà al pubblico, ponendo cosi fine ai pellegrinaggi nelle poste dei quartieri limitrofi.

Pare che il ritardo sia da ascriversi alla mancanza dei servizi chimici. Problema risolto, non resta che fare il conto alla rovescia.

Luciana Miocchi

Immagine

Cassia Bis: inseguimento su un’auto rubata | di Alessandro Pino

30 Nov

[ROMA] La via Cassia bis è stato il teatro di un inseguimento durato alcuni chilometri tra una pattuglia dei Carabinieri e un trentunenne con precedenti.

Durante un servizio di controllo del territorio i militari della Sezione Radiomobile hanno notato l’uomo che alla guida di un’utilitaria, vedendoli ha effettuato una manovra improvvisa per evitare di essere fermato.

A quel punto é iniziato l’inseguimento, prima in auto e poi a piedi dopo che l’uomo accostatosi col veicolo al cancello di un’abitazione ha tentato di proseguire la fuga, venendo però bloccato.

Successivamente é stato accertato che l’auto su cui il fuggitivo viaggiava era rubata questo mese ed è stata quindi restituita al legittimo proprietario.

L’uomo è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per ricettazione.
Alessandro Pino

Immagine

Rapine nei negozi a Casal Bruciato: un arresto | di Alessandro Pino

30 Nov

[ROMA] É accusato di aver rapinato due esercizi commerciali nel quartiere Casal Bruciato nei primi giorni di ottobre scorso.

Per questo un trentaseienne romano già noto alle forze dell’ordine è stato
rintracciato e arrestato dai Carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Roma.

Il primo colpo è avvenuto la sera del 5 ottobre: secondo l’accusa l’uomo, indossando jeans con un buco al ginocchio, è entrato in una attività di ristorazione in via Cipriano Facchinetti col volto nascosto dalla mascherina chirurgica e armato di coltello; al bancone ha minacciato una dipendente facendosi consegnare l’incasso per poi allontanarsi a piedi.

Il pomeriggio del giorno successivo in un supermercato di via Diego Angeli  é indiziato di aver minacciato con una pistola una cassiera, costretta a consegnare l’incasso.

Le indagini dei Carabinieri della Stazione Prenestina che hanno ascoltato le vittime e acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza degli esercizi e della zona, hanno permesso di dare un volto al rapinatore. La perquisizione a casa del trentaseienne ha fatto recuperare i capi di abbigliamento e la pistola utilizzati per i colpi.

L’arrestato è stato portato in carcere, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

Immagine

Ponte Milvio: aggressione a pugni e a colpi di porta dispenser in un bar, trovato l’autore | di Alessandro Pino

29 Nov

[ROMA] É stato identificato dopo una veloce indagine della Polizia di Stato un ventenne romano che in un bar di Ponte Milvio aveva aggredito violentemente un uomo. Per questo il giovane è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria ed è stato emesso a suo carico dal Questore di Roma un provvedimento D.A.C.U.R. (divieto d’accesso alle aree urbane) che per due anni gli vieta di tornare nell’area dove è avvenuta l’aggressione, vale a dire Ponte Milvio, Tor di Quinto e parte del quartiere Flaminio.

I fatti sono accaduti poco dopo le 3 di notte dello scorso 11 settembre in un locale del lungoteve Maresciallo Diaz: per futili motivi, l’aggressore aveva preso a pugni la vittima, colpendola anche con una colonnina porta dispenser. Il ferito, trasportato con urgenza in ospedale, era stato giudicato guaribile in 10 giorni.
Alessandro Pino

Immagine

Tor Pignattara: rapine in strada con la scusa di chiedere l’ora, un arresto | di Alessandro Pino

29 Nov

[ROMA] In seguito alle indagini dei Carabinieri dalla Stazione di Roma Tor Pignattara, un ventitreenne del Mali attualmente detenuto a Firenze è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Roma per una serie di rapine aggravate.

I Carabinieri hanno raccolto prove che lo fanno ritenere gravemente indiziato di sette rapine commesse tra maggio e settembre scorsi.

Il modus operandi era quasi sempre lo stesso: alle vittime venivano strappati dalle mani il telefono o le borse con la scusa di chiedere che ore fossero. In altri casi le vittime venivano costrette a consegnare all’indagato i telefoni e i portafogli sotto la minaccia di coltelli da cucina.

In sede di esecuzione dell’ordinanza del Gip, i Carabinieri della Stazione di Roma Tor Pignattara hanno scoperto che la persona da arrestare si trovava già reclusa per altri reati presso il carcere toscano e così hanno delegato per la notifica del provvedimento cautelare i colleghi della Compagnia di Firenze Oltrarno.
Alessandro Pino

Immagine

Metro Termini: in tre rapinano una anziana e la fanno cadere a terra, arrestati | di Alessandro Pino

28 Nov

[ROMA] Due ragazze di 14 e 15 anni e un diciassettenne, tutti di origini bosniache e domiciliati nel campo nomadi di Tivoli e con precedenti, sono state arrestate dai Carabinieri del Nucleo Scalo Termini nella stazione della Metropolitana con l’accusa di rapina impropria.

Il gruppetto a bordo di un convoglio della Metro ha accerchiato una donna sessantaquattrenne che stava per scendere e le ha rubato il portafogli dalla tasca del giaccone.

La vittima si è subito accorta del furto e ha rincorso i tre riuscendo a bloccare il diciassettenne che con l’aiuto delle complici ha continuato a strattonarla facendola cadere a terra.

Nel frattempo però la scena è stata vista da un Carabiniere libero dal servizio che con il supporto di una guardia giurata in servizio è intervenuto ed è riuscito a bloccare i tre e a recuperare il portafoglio, contenente i documenti e 200 euro in contanti.

I tre arrestati sono stati portati al Centro di Prima Accoglienza per i Minori di via Virginia Agnelli.
Alessandro Pino

Immagine

Via Ventotene: vent’anni esatti dopo l’esplosione che segnó per sempre Val Melaina | di Alessandro Pino e Luciana Miocchi

27 Nov

[ROMA] Il tempo che passa trasforma la cronaca in ricordi e a volte anche in Storia: venti anni esatti sono trascorsi questo 27 novembre da quella mattina apocalittica in cui il soffio della morte e della distruzione totale spiró prepotente in una stradina del quartiere Val Melaina proprio dietro viale Jonio.

Venti anni da quel 27 novembre 2001 in cui lo scoppio dovuto a una fuga di gas devastò via Ventotene e portò via otto vite tra residenti e i Vigili del Fuoco intervenuti, la squadra 6A del distaccamento Nomentano, entrata da quel giorno nella leggenda come accade solo ai grandi che vanno via tragicamente.

Pur nella ricorrenza del doppio decennale pieno, lo svolgimento della cerimonia di commemorazione tenutasi la mattina del 27 novembre 2021 ha ricalcato quello degli anni precedenti, magari con più persone presenti.

Cittadini, autorità, la stampa, le associazioni di Protezione Civile della zona (Caer, Avs Cosmos, NSA Roma Nord), le Forze dell’ordine e naturalmente i Vigili del Fuoco con due automezzi: tutti si sono radunati davanti alla lapide in memoria delle vittime per la deposizione delle corone offerte dal Sindaco di Roma e dal Corpo dei Vigili del Fuoco.

Sono le nove e mezza, la stessa ora del disastro, quando il vocío e le chiacchere tacciono e vengono deposte le due corone all’angolo tra via Ventotene e via Scarpanto.
Nel silenzio, la voce del Padre Gaetano Saracino vibra davanti alle autorità schierate al completo, in primis il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e il Presidente del Terzo Municipio Paolo Emilio Marchionne.

Ci sono anche l’onorevole Antonello Aurigemma del Consiglio Regionale del Lazio, il consigliere capitolino Riccardo Corbucci, il presidente del Consiglio Municipale Filippo Maria Laguzzi, oltre all’allora presidente del Municipio Benvenuto Salducco, il comandante di allora del distaccamento Nomentano Luigi Liolli, il luogotenente in congedo dei Carabinieri Salvatore Veltri e all’ispettore di polizia in congedo Aldo Mugeo che quella mattina di venti anni fa furono tra i primissimi ad accorrere sul posto.

Quella di Padre Saracino é la voce che il pubblico televisivo conosce bene, quella di uno degli opinionisti più richiesti a apprezzati nelle trasmissioni che contano, nei talk show più seguiti dagli italiani. Al tempo della tragedia Padre Gaetano era il viceparroco della adiacente Chiesa del Redentore e anche lui fu uno tra i primi a arrivare sul luogo del disastro ma non ha voluto mancare oggi nella sua Val Melaina tra quella che è ancora la sua gente anche se il quartiere da allora ha mutato aspetto e non c’è più la collina di via Scarpanto, sostituita da una artificiale che racchiude la stazione Jonio della metropolitana.

Alle sue parole sono affidati il ricordo delle vittime, la preghiera per i defunti e la benedizione delle due corone e dei presenti.

Poi l’aria viene lacerata dall’urlo delle sirene dei due mezzi dei Vigili del Fuoco e sembra di rivivere le scene folli e surreali viste in televisione all’epoca. Le sirene infine ammutoliscono e viene suonato il silenzio dal trombettiere dei Vigili del Fuoco. Nel pubblico alcune persone in lacrime: chi conoscevano, delle vittime?

Forse Fabiana Perrone, Maria Grosso, Elena Proietti, Michela Camillo? Oppure la squadra 6A del distaccamento Nomentano: Fabio Di Lorenzo, Sirio Corona, Danilo Di Veglio, Alessandro Manuelli?

Dopo la deposizione, tutti si spostano nella vicinissima piazza antistante la stazione della metropolitana, dove c’è il monumento in ricordo dei caduti di quella mattina: altre due corone vengono deposte e intervengono brevemente il sindaco Gualtieri, il presidente Marchionne e Francesco Notaro, comandante provinciale dei Vigili del Fuoco. Viene infine recitata la preghiera del Vigile del Fuoco e così si conclude la cerimonia.

Forse a questo punto la nebbia del tempo che ormai ci separa da quei giorni torna ad addensarsi. Sta alle parole del Padre Gaetano Saracino, rilasciate al nostro microfono, diradarla ancora: «Proprio pensavo in questi giorni che quando una persona va via e ancora di più in una tragedia, la domanda che si fanno tutti, soprattutto chi geme di più per quella perdita è “come andremo avanti?”.

Siamo andati avanti e siamo arrivati a venti anni, segno che le persone quando ci rinascono dentro di noi non se ne vanno più e anzi più aumentano gli anni più la loro presenza cresce perché cresciamo noi e cresciamo con loro.

Quindi fare memoria non è solo un andare indietro con il ricordo ma è davvero un rivivere con loro che ci ha segnato per tutta la vita segno che queste esperienze di dolore non sono degli stigmi che restano sempre tali ma possono anche trasformarsi e qualcuno questo lo fa.

Da un punto di vista anche di convivenza sociale questa esperienza nel particolare ci ha dato la prova anche di una solidarietà che è possibile, che nel dolore non si resta da soli. Quando si fanno le promesse “non vi lasceremo soli”, ecco qui possiamo dire che dopo venti anni ma con la stessa intensità di tutti questi anni -e ancora di più quest’anno mi sto rendendo conto- questa vicinanza è stata di aiuto in tutto questo tempo a queste persone che sono i parenti delle vittime, il Corpo dei Vigili del Fuoco e la comunità di Val Melaina sconvolta da quell’evento; ecco la solidarietà, la vicinanza possono dare senso a qualcosa che non deve accadere ma che se accade può trovare una risposta nelle braccia delle persone che se le rimboccano e si sostengono».

La chiosa alla commemorazione ventennale spetta al luogotenente dei Carabinieri Salvatore Veltri: «Contrariamente a quanto ci si aspettava è stata una cerimonia come tutti gli anni, a cui da diciannove anni presenzio.

Ho gradito che sia stato fatto un invito ma sostanzialmente era una comunicazione di un evento al quale ho partecipato tutti gli anni. Ma non c’è stato nulla di diverso».

Nel pomeriggio una delegazione con il capogruppo di Fratelli d’Italia in Terzo Municipio, invece, ha deposto un omaggio floreale davanti la caserma dei Vigili del Fuoco in via Ettore Romagnoli a Talenti, dalla quale partì la 6A quella mattina senza farvi più ritorno.

Alessandro Pino e Luciana Miocchi

Immagine

Rapine seriali in zona Tiburtina Est: due in manette | di Alessandro Pino

26 Nov

[ROMA] Sono ritenuti responsabili di ben sette rapine aggravate compiute nell’area del Tiburtino Est, delle quali cinque avvenute con serialità ai danni di donne sole, trovate in strada di sera o di notte. Per questo un uomo e una donna rispettivamente di 53 e 30 anni sono stati arrestati dalla Polizia.

L’indicazione da cui sono inziate le indagini da parte della Squadra Mobile e del Commissariato Sant’Ippolito era di un uomo ed una donna, descritti rispettivamente con corporatura esile il primo e robusta la seconda, a bordo di una Mercedes Classe A grigia.

Analizzando le rapine è emersa una ritualità di azione con numerosi elementi di unione tra i vari episodi e lo stesso modus operandi.

L’attenzione degli investigatori si è concentrata su alcuni particolari dei due soggetti, descritti dalle vittime: sull’uomo sono stati notati alcuni tatuaggi sulle mani mentre la donna è stata descritta con capigliatura biondastra e sopracciglia sottili.

Partendo da tali elementi, l’attività di ricerca avviata dai due Uffici di Polizia si è concentrata nell’area di Casal Bruciato, estendendo le verifiche anche a quella del vicino Tiburtino Terzo; sono state quindi vagliate le posizioni di due soggetti che, per tratti fisici potevano corrispondere alle descrizioni degli autori: in particolare un romano classe ’70 con rilevanti precenti di polizia contro il patrimonio e la sua compagna.

Quest’ultima era stata osservata in passato dal personale della Squadra Mobile mentre viaggiava a bordo di una Mercedes classe A grigia assieme al compagno in zona Casal Bruciato.

I due, entrambi senza una stabile dimora, sono stati fermati dagli agenti del Commissariato Sant’Ippolito mentre si trovavano a bordo della loro Mercedes Classe A di colore grigio, utilizzata come rifugio e nascosta in un’area verde incolta a ridosso della Tangenziale.

A quel punto é stata ricostruita la sequenza di rapine da cui la coppia trovava il proprio sostegno economico: tra l’altro avevano colpito anche due esercizi commerciali di zona, portando via i soldi delle casse e dei clienti presenti.

Gli accertamenti svolti anche attraverso le immagini degli impianti di videosorveglianza hanno confermato i sospetti sui due individui fermati, compatibili per fisionomia e movenze ai rapinatori ricercati; è stato inoltre verificato che la  Mercedes utilizzata nel corso delle rapine aveva un fanale posteriore fulminato come quella usata dalla coppia.

Anche i tatuaggi sulle mani di lui corrispondevano con quelli del rapinatore, ed è stata eseguita una perquisizione nella macchina, risultata piena di borse e indumenti riconducibili ai due individui: tra questi sono stati sequestrati alcuni abiti e accessori utilizzati per commettere alcune rapine.

I due sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto per le sette rapine contestate, fermo che è stato convalidato
e inoltre tramite le foto segnaletiche sono stati riconosciuti da diverse vittime come gli autori dei colpi.

 Dopodiché sono stati sottoposti alla custodia in carcere, disposta dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini. Alessandro Pino

Immagine

Cinecittà: armati di coltello tentano due rapine di seguito, arrestati | di Alessandro Pino

26 Nov

[ROMA] Armati di coltello, hanno tentato due rapine in pochi minuti in zona Cinecittà. Per questo due romani di 40 e 41 anni, entrambi con precedenti, sono stati arrestati dai Carabinieri con l’accusa di rapina la scorsa notte,

I due, brandendo entrambi un coltello, sono entrati prima in una pizzeria in via Calpurnio Fiamma minacciando un dipendente per farsi consegnare l’incasso. La reazione dell’uomo, un brasiliano ventisettenne, ha però colto di sorpresa i banditi che sono scappati a mani vuote.

Subito dopo sono entrati in un minimarket in via Flavio Stilicone e dopo aver colpito alla mano con il manico del coltello il titolare hanno arraffato il denaro dalla cassa e sono scappati.

La loro fuga è però terminata sul viale Palmiro Togliatti all’angolo con la Tuscolana dove sono stati bloccati dai militari del Nucleo Radiomobile di Roma.

Nelle tasche i due avevano coltelli di 16 e 18 centimetri che sono stati sequestrati. Gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti nelle camere di sicurezza, in attesa del processo per direttissima.
Alessandro Pino

Immagine

Mostacciano: sversa quintali di calcinacci in un parco pubblico | di Alessandro Pino

26 Nov

[ROMA] Un italiano sessantenne è stato denunciato la mattina del 25 novembre dalla Polizia Locale Roma Capitale in quanto responsabile dello sversamento di quintali di calcinacci in un parco pubblico in zona Mostacciano.

L’uomo dopo essere stato sorpreso da un cittadino mentre scaricava il materiale edile da un camion si era allontanato. Grazie alla segnalazione a una pattuglia della Polizia Locale del IX Gruppo Eur sono scattati gli accertamenti per risalire al responsabile e nel corso della stessa mattina gli agenti sono riusciti a rintracciare il mezzo pesante.

Il conducente è stato denunciato per traffico illecito e abbandono di rifiuti e il camion sequestrato. A carico del responsabile anche la bonifica dell’area.
Alessandro Pino

(Foto di repertorio Comando Polizia di Roma Capitale)

Immagine

Tor Pignattara: gioco d’azzardo illegale in un bar | di Alessandro Pino

26 Nov

[ROMA] Una attività di gioco d’azzardo illegale è stata scoperta in un bar di via di Tor Pignattara dalla Polizia di Roma Capitale.

Dopo lunghe indagini, pattuglie del V Gruppo Prenestino sono intervenute nel locale trovando in due stanze sette persone di nazionalità cinese che giocavano illegalmente puntando forti somme di denaro.

É scattato il sequestro dell’esercizio oltre che delle carte da gioco, dei dadi con ideogrammi cinesi e delle banconote pari a diverse centinaia di euro, nascoste in alcuni scomparti dei quattro tavolini da gioco, anch’essi sequestrati.

La titolare del bar, una cinese quarantatreenne e i sette clienti, dopo gli accertamenti riguardo la loro posizione sul territorio nazionale, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per illeciti connessi all’esercizio abusivo di gioco d’azzardo.
Alessandro Pino

(Foto Comando Polizia di Roma Capitale)

Immagine

Dopo la firma della convenzione tra Comune e Anas, i lavori di manutenzione e messa in sicurezza di via Salaria, via Portuense e via Tuscolana partiranno lunedì 29 novembre – di Luciana Miocchi

26 Nov

Cantieri notturni e lavori in contemporanea che partiranno a distanza di sei giorni dalla firma degli accordi

Partiranno lunedì 29 novembre gli
interventi urgenti di messa in sicurezza e la manutenzione straordinaria di alcune principali arterie stradali di Roma Capitale oggetto della Convenzione tra Roma Capitale ed Anas, firmata lo scorso 23 novembre. I lavori, che si terranno nella fascia oraria notturna tra le
21.00 e le 6.00 di mattina interesseranno via Salaria dall’innesto del Grande
Raccordo Anulare fino all’aeroporto dell’Urbe; via Portuense dal
GRA in direzione fuori Roma fino all’altezza di via Arconati; via
Tuscolana dal Gra fino alla fine della competenza comunale in
corrispondenza del civico 1483 e via Casilina, dal Gra fino
all’altezza di Borghesiana.
All’opera, 8 squadre e 40 operai, affinché i lavori siano realizzati in contemporanea, divisi in tratte con cantieri notturni, in modo da non intralciare il traffico diurno.
“La collaborazione tra Roma Capitale e Anas è un’occasione
importante per avviare tempestivamente azioni urgenti di messa in
sicurezza e di manutenzione straordinaria di alcune delle
principali arterie stradali della nostra città. Un risultato
rilevante per cui ringrazio Governo e Parlamento” ha detto il
sindaco di Roma, Roberto Gualtieri.
“È un primo passo – ha aggiunto l’assessora ai Lavori Pubblici
Ornella Segnalini – del nostro impegno per migliorare la
viabilità della Capitale. Proseguiremo nella stessa direzione,
per andare sempre più verso azioni cicliche, programmate nel
tempo e attuate tenendo conto delle esigenze delle romane e dei romani”.

Per via Salaria si spera che sia giunto a fine il limite cautelativo sel 30 km all’ora.

Luciana Miocchi

Immagine

Visite guidate a Ponte Nomentano e Città Giardino: prossimi appuntamenti sabato 27 e domenica 28 novembre

25 Nov

[ROMA] Proseguono le visite guidate gratuite al Ponte Nomentano e alla Città Giardino, organizzate dall’Associazione Culturale “Il Carro de’ Comici”, con il Patrocinio del Municipio Roma III Montesacro.

Prossime date, in compagnia dell’attore e divulgatore di storia romana Gherardo Dino Ruggiero:

-sabato 27 novembre alle ore 10.00 appuntamento al ponte Nomentano, simbolo del Terzo Municipio ed unico ponte d’epoca romana (II sec. a.C.) che conserva le torri del ‘400.

-sabato 27 e domenica 28 novembre alle  15 e 30  l’appuntamento è sotto il portico di piazza Sempione per la visita a Città Giardino.

Le visite itineranti si svolgono all’aperto ed in stretta osservanza della normativa anti Covid-19.

Telefonare al 338.7965614 o scrivere a gherardodinoruggiero@gmail.com per tutte le informazioni del caso e per la prenotazione obbligatoria.

(A cura di Alessandro Pino)

Immagine

Tor Pignattara: molesta da giorni una donna, arrestato per atti persecutori | di Alessandro Pino

25 Nov

[ROMA] I Carabinieri hanno arrestato per atti persecutori a Tor Pignattara nel pomeriggio del 24 novembre un pachistano ventottenne.

L’uomo aveva ripetutamente molestato già dal primo del mese una donna italiana quarantenne anche in presenza della figlia minorenne.

Proprio ieri in via di Tor Pignattara al’altezza dell’incrocio con via Francesco Baracca l’uomo ha nuovamente infastidito la donna seguendola mentre tornava a casa.

La vittima ha chiamato i militari della locale Stazione che lo hanno bloccato e arrestato. In sede di denuncia la donna ha inoltre riferito che l’uomo aveva tenuto atteggiamenti analoghi anche nella serata precedente e durante la mattinata, compiendo atti osceni in sua presenza.

Il pachistano è stato trattenuto in camera di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida.
Alessandro Pino

Immagine

Sarà forse Alessandro Pino il prossimo James Bond?

24 Nov

[ROMA] Dato ormai per certo che l’attore britannico Daniel Craig abbia dato l’addio al ruolo di James Bond 007, si sono quindi ufficiosamente aperte le candidature per raccoglierne il testimone di agente segreto più famoso del mondo.

Prima ancora che inizino a fioccare nomi noti della celluloide tra i papabili, ne é spuntato uno che più a sorpresa non si può: é il nostro Alessandro Pino, il giornalista più balsamico che ci sia.

Il Pinetto Nazionale, combinandone una delle sue, ha appunto formalmente inviato via mail la propria candidatura alla Eon Production nel Regno Unito e alla Metro Goldwyn Mayer negli Usa, vale a dire le due Case di produzione della serie.

In attesa di eventuali risposte da Oltremanica e Oltreoceano, facendo finta di sorseggiare un vodka Martini agitato e non mescolato (essendo notoriamente astemio) Alessandro ha commentato così: «Ammesso che la mia domanda non sia finita nella casella spam dei destinatari, almeno ho garantito un paio di minuti di sghignazzi agli incaricati al ricevimento, anche se sicuramente ridevo ancor di più io mentre la battevo. Comunque età e faccia tosta corrispondono a quelle richieste, quindi un paio di requisiti almeno sono soddisfatti in partenza; e poi se 007 lo ha interpretato pure George Lazenby, perché io non potrei?».

Ma non solo: non pago della bravata, Alessandro ha mandato anche la candidatura della nostra Luciana Miocchi per il ruolo di “M”, il capo del servizio segreto, che già fu di Dame Judi Dench (oggi ottantasettenne): «Tanto piú o meno sono coetanee e già sono abituato a sentirla strepitare come titolare del blog- conclude l’aspirante agente al servizio segreto di Sua Maestà- di lì a dover subire il suo bullismo anche come boss del MI5 il passo è breve. In ogni caso, vada come vada, potete chiamarmi Zerozeropino».
Penelope Giorgiani

Immagine

“Echi Argentini” a Roma: omaggio a Luis Bacalov con la Age&Scarpelli Suite

24 Nov


[ROMA] Tornano nella Capitale gli eventi musicali che contano: lunedì 29 novembre nella prestigiosa sede della Casa Argentina (Ufficio Culturale dell’Ambasciata Argentina presso la Repubblica Italiana) in via Vittorio Veneto l’appuntamento è con “Echi Argentini”, omaggio al grande compositore Luis Bacalov.

A esibirsi sarà il Felix Ensemble (Riccardo Bonaccini, violino; Matteo Scarpelli, violoncello; Catia Capua pianoforte; Diego di Paolo, contrabbasso; Amedeo Ariano, batteria) proponendo le proprie “Age&Scarpelli Suite – Sceneggiature in musica”: si tratta di suite (insieme di brani pensati per essere suonati in sequenza) che uniscono le più belle colonne sonore dei film sceneggiati dal celebre duo Age&Scarpelli (Agenore Incrocci e Furio Scarpelli), quelle che hanno fatto la storia del cinema italiano e in particolare della cosiddetta Commedia all’Italiana.

E proprio Luis Bacalov scrisse le colonne sonore  per molte pellicole girate durante quella grande stagione, trovandosi in compagnia- per citarne alcuni- di altri mostri sacri come Nino Rota, Ennio Morricone e  Armando Trovajoli ai quali viene ora unito proprio nel progetto  Age&Scarpelli Suite.

Si tratta di una riuscita amalgama in cui una ensemble classica per eccellenza dialoga con due strumenti tipicamente jazzistici come il contrabbasso e la batteria.
É un progetto che nasce da un’idea del violoncellista Matteo Scarpelli (figlio di Furio) e della pianista Catia Capua e vede la presenza di musicisti affermati che vantano collaborazioni e partecipazioni nelle più prestigiose istituzioni e rassegne musicali e sinfoniche come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il Teatro dell’Opera di Roma, esibendosi in sale del calibro della Carnegie Hall di New York e l’Auditorium Parco della Musica di Roma e che hanno lavorato a stretto contatto con autentici padreterni della bacchetta come Leonard Bernstein, Giuseppe Sinopoli e Antonio Pappano, registrando- fra l’altro- per etichette come la Emi e la Rca.

Casa  Argentina è a Roma via Vittorio Veneto 7 (angolo piazza Barberini).
Scrivere a associazioneamade@libero.it
per informazioni.
L’inizio è previsto per le ore 19 e 30.

(A cura di Alessandro Pino)

Immagine

Al Teatro degli Audaci si ride con Lucio Caizzi in “E se poi ero Brad Pitt”

24 Nov

[ROMA] Dal 25 al 28 novembre al Teatro degli Audaci si ride con il comico televisivo Lucio Caizzi in “E se poi ero Brad Pitt”, spettacolo da lui scritto, diretto e interpretato.

L’amore è un bisogno? Una sovrastruttura? Una mercificazione? Insomma dove sta la fregatura? Cuore o cervello? É vero che in amore vince chi fugge o forse oggi vince chi non risponde ai Whatsapp? Sono interrogativi cui cercherà di dare una risposta il buon Lucio che proprio nel suo momento più bello (la partenza per una vacanza a Rio De Janeiro con la fidanzata) si troverà davanti ad un bivio e come nel film Sliding doors anche lui come Gwyneth Paltrow sceglierà di rivedere la sua vita raccontandola con l’ironia, il candore e la simpatia che da sempre il pubblico apprezza.

Orari degli spettacoli: dal giovedì al sabato alle ore 21, la domenica alle ore 18.

Il Teatro Degli Audaci si trova in via Giuseppe De Santis, 29- zona Porta di Roma.

Botteghino  per informazioni al telefono: 06 94376057 con orari
dal lunedì al sabato 10-13 / 15-20 e la
domenica dalle 15-20.

Il botteghino per informazioni in sede e ritiro biglietti è aperto dal lunedì alla domenica dalle  15 alle 20, il sabato anche la mattina dalle10 alle 13.

(A cura di Alessandro Pino)

Immagine

Terzo Municipio: scoperti due depositi con 5 tonnellate di shopper illegali | di Alessandro Pino

23 Nov

[ROMA] In seguito ad accertamenti eseguiti presso alcune attività commerciali, gli agenti del Nad (Nucleo Ambiente Decoro) della Polizia Roma Capitale sono risaliti a due depositi situati nel territorio del Terzo Municipio che senza le necessarie autorizzazioni rifornivano di shopper fuorilegge una rete di esercizi commerciali in diversi quadranti di Roma e dell’area metropolitana.

A conclusione dell’azione investigativa sono state sequestrate più di 5 tonnellate di sacchetti di plastica non a norma per un ammontare di circa 50mila euro di multe elevate alle responsabili della distribuzione degli shopper illegali, non compostabili e non biodegradabili.

Nei confronti delle titolari dei magazzini, due italiane di 60 e 35 anni, sono scattate le contestazioni anche per alcune anomalie  riscontrate nel sistema di fatturazione e pagamento dei dovuti contributi ambientali per il trattamento degli imballaggi.  Questi intervento ha permesso di eliminare dal mercato un importante quantitativo di sacchetti, con i conseguenti danni ambientali legati all’immissione di materiali inquinanti nel processo di trattamento dei rifiuti organici.

Alessandro Pino

(Foto Comando Polizia di Roma Capitale)

Immagine

San Lorenzo: estorsione e incendio contro un bar, un arresto | di Alessandro Pino

23 Nov

[ROMA] É gravemente indiziato dei reati di estorsione e incendio aggravato ai danni deI titolari di un bar nel quartiere San Lorenzo: per questo un ventenne romano già conosciuto alle forze dell’ordine é stato arrestato dai Carabinieri, finendo ai domiciliari con braccialetto elettronico
in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare.

Secondo quanto dichiarato dalle vittime, il ventenne era solito entrare nel loro bar di via dei Latini con atteggiamento da boss di quartiere, pretendendo consumazioni gratis e somme di denaro tra i 60 e i 100 euro con atteggiamenti sempre più violenti.

Per essere ancor più convincente, il giovane avrebbe più volte minacciato di dare fuoco al locale. Per timore e per quieto vivere, le vittime lo avevano assecondato fino ad agosto scorso, quando non ne hanno potuto più decidendo di non sottostare più alle sue pretese.

Ed ecco la ritorsione nella tarda serata del 28 agosto in cui é stata lanciata una bottiglia incendiaria contro la vetrina del bar. Le fiamme erano state spente da una delle vittime con l’estintore presente nel locale.

Grazi alla collaborazione delle vittime , i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma piazza Dante coordinati dalla Procura di Roma hanno acquisito un grave quadro indiziario e dunque é stata formulata la richiesta cautelare che é stata accolta.

Alessandro Pino

Immagine

Settecamini: in auto con un revolver pronto a sparare | di Alessandro Pino

23 Nov

[ROMA] Due italiani di 33 e 40 anni, già noti alle forze dell’ordine, sono stati arrestati dai Carabinieri nella periferia Est della Capitale con le accuse di porto illegale di arma e ricettazione in concorso.

La scorsa notte i militari della Stazione di Roma Settecamini hanno intimato l’alt ad un’autovettura che alla loro vista ha rallentato notevolmente la marcia.

I due uomini a bordo del veicolo sono apparsi fin da subito molto nervosi per il controllo e i Carabinieri hanno deciso quindi di approfondire l’ispezione perquisendo la macchina.

Nascosta in un sacchetto c’era un revolver carico e pronto a sparare sulla cui presenza i due non hanno fornito valide risposte, cercando anche di giustificarsi goffamente dicendo che l’avevano appena trovato.

L’arma è stata sequestrata ed inviata ai laboratori del RIS per verificare l’eventuale utilizzo in episodi criminali.

Gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti fino al processo per direttissima, al termine del quale il trentatreenne è stato portato in carcere e il quarantenne è stato messo ai domiciliari.
Alessandro Pino

(Foto Comando Provinciale Carabinieri Roma)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: